Gruppo solidarieta': Marche nuovo difensore civico

Rassegna Stampa e News su Scuola e Sindacato

Gruppo solidarieta': Marche nuovo difensore civico

Messaggiodi edscuola » 7 agosto 2010, 19:57

La regione Marche ha nominato il nuovo difensore civico ma nessuno deve saperlo.
34 organizzazioni del terzo settore chiedono per quale motivo l’attuale difensore civico non è stato riconfermato



Lo scorso giugno, 34 organizzazioni del terzo settore - comprendenti 11 federazioni regionali – avevano firmato una lettera appello (www.grusol.it/vocesociale/07-06-10.PDF) ai membri del Consiglio regionale, per la nomina del nuovo difensore civico regionale (ora anche garante per l’infanzia e detenuti), nella quale chiedevano di operare una scelta avente come criterio fondamentale, competenza e legame con la società civile. Le associazioni concludevano la lettera manifestando l’apprezzamento per il lavoro svolto dall’attuale Difensore Civico – Avv. Samuele Animali – chiedendo ai Consiglieri “di effettuare una scelta nel segno della continuità, così da consolidare le novità riscontrate e di non cedere alla possibile tentazione di operare la nomina secondo logiche spartitorie tutte interne ai partiti”.

Le cose invece sono andate diversamente: scaduto il tempo della nomina con votazione del Consiglio regionale, spettava al presidente del Consiglio – Vittoriano Solazzi - entro il 2 agosto provvederne direttamente. Così venerdì scorso con un decreto del Presidente cui non è stata data alcuna pubblicità è stato nominato il nuovo responsabile dell’Autorità di garanzia nella figura di Italo Tanoni.

Le organizzazioni esprimono assoluta delusione per la scelta del presidente Solazzi nel merito e nel metodo. Nel merito perché Animali in questi anni ha lavorato con grande impegno nel ruolo assegnatogli, è stato un importante punto di riferimento per le organizzazioni della società civile che hanno trovato nell’Ufficio del Difensore civico un importantissimo punto di riferimento. Tale impegno è stato premiato a livello nazionale tanto che la nostra Regione, è capofila del coordinamento nazionale ed il riferimento italiano per tutte le istituzioni internazionali che si occupano di difesa civica (dall'ONU al Consiglio d'Europa). Nel metodo, perché trasparenza impone di dare la massima pubblicità alle scelte dell’amministrazione, tanto più che la scelta è stata effettuata lo stesso giorno in cui si svolgeva il Consiglio regionale e nemmeno gli stessi consiglieri hanno ricevuto la comunicazione.

Le 34 organizzazioni chiedono dunque con urgenza al presidente del Consiglio di sapere per quale motivo Animali non è stato più ritenuto idoneo a ricoprire l’incarico, chiedono anche che della questione se ne occupi la prossima seduta del Consiglio regionale.

4 agosto 2010
edscuola
Site Admin
 
Messaggi: 19823
Iscritto il: 3 ottobre 2007, 11:30

Torna a Educazione&Scuola© - Rassegna Sindacale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron