Archivi categoria: Governo e Parlamento

Inizio XVIII Legislatura

CALENDARIO CONSULTAZIONI
PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI INCARICATO PROF. GIUSEPPE CONTE
SALA DEI BUSTI – PALAZZO MONTECITORIO
GIOVEDI’ 24 MAGGIO 2018

Ore 12
Componente del Gruppo Misto Camera
“Europa-Centro Democratico”
Componente del Gruppo Misto Senato
“Più Europa con Emma Bonino”
Ore 12.20
Componente del Gruppo Misto Camera
“Civica Popolare –AP-PSI-Area Civica”
Ore 12.40
La componente del Gruppo Misto Camera “Minoranze Linguistiche” ha optato per la consultazione congiunta con il Gruppo per le Autonomie del Senato
Ore 13
Componente del Gruppo Misto Camera
“Noi con l’Italia – USEI”
Ore 13.20
Componente del Gruppo Misto Camera
“MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero
Componente del Gruppo Misto Senato
“PSI-MAIE”
Ore 13.40
Gruppo Misto del Senato della Repubblica
Ore 15
Gruppo “Per le Autonomie (SVP-PATT,UV)” del Senato della Repubblica
Componente del Gruppo Misto Camera
“Minoranze Linguistiche”
Ore 15.40
Gruppo “Liberi e Uguali” della Camera dei deputati
Senatori Gruppo Misto Senato “Liberi e Uguali”
Ore 16.20
Gruppi “Fratelli d’Italia” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
Ore 17
Gruppi “Partito Democratico” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
Ore 17.40
Gruppi “Forza Italia-Berlusconi Presidente” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
Ore 18.20
Gruppi “Lega – Salvini Premier” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
Ore 19
Gruppi “Movimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati


Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto nel pomeriggio del 23 maggio al Palazzo del Quirinale il professor Giuseppe Conte, al quale ha conferito l’incarico di formare il governo. Il professor Conte si è riservato di accettare.


Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, riceve il 22 maggio, al Quirinale, alle ore 11.00 il Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, e alle ore 12.00 il Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati.


Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, riprende il 21 maggio le consultazioni con il seguente calendario:
– 17.30 Sen. Danilo TONINELLI e On. Dott.ssa Giulia GRILLO, rispettivamente Presidente del Gruppo Parlamentare “MoVimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, accompagnati dall’On. Luigi DI MAIO, Capo della forza politica “MoVimento 5 Stelle”.
– 18.00 Sen. Gian Marco CENTINAIO e On. Dott. Giancarlo GIORGETTI, rispettivamente Presidente del Gruppo Parlamentare “Lega – Salvini Premier” del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, accompagnati dal Sen. Matteo SALVINI, Segretario Federale del partito “Lega – Salvini Premier”.


Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, riprende il 14 maggio le consultazioni con il seguente calendario:

  • ore 16.30 Sen. Danilo TONINELLI e On. Dott.ssa Giulia GRILLO, rispettivamente Presidente del Gruppo Parlamentare “MoVimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, accompagnati dall’On. Luigi DI MAIO, Capo della forza politica “MoVimento 5 Stelle”.
  • ore 18.00 Sen. Gian Marco CENTINAIO e On. Dott. Giancarlo GIORGETTI, rispettivamente Presidente del Gruppo Parlamentare “Lega – Salvini Premier” del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, accompagnati dal Sen. Matteo SALVINI, Segretario Federale del partito “Lega – Salvini Premier”.

Il 9 maggio il MoVimento 5 Stelle e la Lega hanno informato la Presidenza della Repubblica che è in corso un confronto per pervenire ad un possibile accordo di governo e che per sviluppare questo confronto hanno bisogno di 24 ore.


Dichiarazione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al termine delle consultazioni del 7 maggio 2018 per la formazione del nuovo governo

(Palazzo del Quirinale, 07.05.18) Nel corso delle settimane scorse ho svolto – anche con la collaborazione dei Presidenti delle Camere, che ringrazio molto – una verifica concreta, attenta e puntuale di tutte le possibili soluzioni in un Parlamento contrassegnato, com’è noto, da tre schieramenti principali, nessuno dei quali dispone della maggioranza. Condizione questa che richiede, necessariamente, che due di essi trovino un’intesa per governare.

Non è riuscito il tentativo di dar vita a una maggioranza tra il Centrodestra e il Movimento Cinque Stelle. Non ha avuto esito la proposta del Movimento Cinque Stelle di formare una maggioranza con la sola Lega. Si è rivelata impraticabile una maggioranza tra il Movimento Cinque Stelle e il Partito Democratico.

È stata sempre affermata, da entrambe le parti, l’impossibilità di un’intesa tra il Centrodestra e il Partito Democratico. Tutte queste indisponibilità mi sono state confermate questa mattina.

Nel corso dei colloqui di oggi ho chiesto alle varie forze politiche, particolarmente a quelle più consistenti, se fossero emerse nuove possibilità d’intesa, registrando che non ve ne sono.

Com’è evidente, non vi è alcuna possibilità di formare un governo sorretto da una maggioranza nata da un accordo politico.

Sin dall’inizio delle consultazioni ho escluso che si potesse dar vita a un governo politico di minoranza.

Vi era stata, questa mattina, una richiesta in tal senso che sembra sia già venuta meno.

Un governo di minoranza condurrebbe alle elezioni e ritengo, in queste condizioni, che sia più rispettoso della logica democratica che a portare alle elezioni sia un governo non di parte.

In ogni caso, il governo presieduto dall’onorevole Gentiloni – che ringrazio per il lavoro che ha svolto e sta ulteriormente svolgendo in questa situazione anomala, con le forti limitazioni di un governo dimissionario – ha esaurito la sua funzione e non può ulteriormente essere prorogato in quanto espresso, nel Parlamento precedente, da una maggioranza parlamentare che non c’è più.

Quali che siano le decisioni che assumeranno i partiti è, quindi, doveroso dar vita a un nuovo governo.

Non si può attendere oltre.

Continuo ad auspicare, naturalmente, un governo con pienezza di funzioni che possa amministrare il nostro Paese senza i limiti operativi di un governo dimissionario; che metta in condizione il Parlamento di svolgere appieno la sua attività; che abbia titolo pieno per rappresentare l’Italia nelle imminenti e importanti scadenze nella Unione Europea, dove in giugno si assumeranno decisioni che riguardano gli immigrati, il bilancio dei prossimi sette anni, la moneta comune.

Dai partiti, fino a pochi giorni fa, è venuta più volte la richiesta di tempo per raggiungere intese. Può essere utile che si prendano ancora del tempo per approfondire il confronto fra di essi e per far maturare, se possibile, un’intesa politica per formare una maggioranza di governo.

Ma nel frattempo, in mancanza di accordi, consentano, attraverso il voto di fiducia, che nasca un governo neutrale, di servizio.

Un governo neutrale rispetto alle forze politiche.

Laddove si formasse nei prossimi mesi una maggioranza parlamentare, questo governo si dimetterebbe, con immediatezza, per lasciare campo libero a un governo politico.

Laddove, invece, tra i partiti, in Parlamento, non si raggiungesse alcuna intesa, quel governo, neutrale, dovrebbe concludere la sua attività a fine dicembre, approvata la manovra finanziaria per andare subito dopo a nuove elezioni.

Un governo di garanzia. Appunto per questo chiederò ai suoi componenti l’impegno a non candidarsi alle elezioni.

L’ipotesi alternativa è quella di indire nuove elezioni subito, appena possibile, gestite dal nuovo governo.

Non vi sono i tempi per un voto entro giugno. Sarebbe possibile svolgerle in piena estate, ma, sinora, si è sempre evitato di farlo perché questo renderebbe difficile l’esercizio del voto agli elettori. Si potrebbe, quindi, fissarle per l’inizio di autunno.

Rispetto a quest’ultima ipotesi, a me compete far presente alcune preoccupazioni. Che non vi sia, dopo il voto, il tempo per elaborare e approvare la manovra finanziaria e il bilancio dello Stato per il prossimo anno. Con il conseguente, inevitabile, aumento dell’Iva e con gli effetti recessivi che l’aumento di questa tassa provocherebbe. Va considerato anche il rischio ulteriore di esporre la nostra situazione economica a manovre e a offensive della speculazione finanziaria sui mercati internazionali.

Vi è inoltre il timore che, a legge elettorale invariata, in Parlamento si riproduca la stessa condizione attuale, o non dissimile da questa, con tre schieramenti, nessuno dei quali con la necessaria maggioranza.

Schieramenti resi probabilmente meno disponibili alla collaborazione da una campagna elettorale verosimilmente aspra e polemica.

Va tenuto anche in debito conto il bisogno di tempi minimi per assicurare la possibilità di partecipazione alla competizione elettorale.

Mi auguro che dalle varie forze politiche giunga una risposta positiva, nel senso dell’assunzione di responsabilità nell’interesse dell’Italia, tutelando, in questo modo, il voto espresso dai cittadini il 4 marzo.

Laddove questo non avvenisse, il nuovo governo, politicamente neutrale, resterebbe, come ho detto, in carica per le elezioni, da svolgere o in piena estate, ovvero in autunno, con i rischi che ho ricordato prima.

Sarebbe la prima volta nella storia della Repubblica che una legislatura si conclude senza neppure essere avviata. La prima volta che il voto popolare non viene utilizzato e non produce alcun effetto.

Scelgano i partiti, con il loro libero comportamento, nella sede propria, il Parlamento, tra queste soluzioni alternative: dare pienezza di funzioni a un governo che stia in carica finché, fra di loro, non si raggiunga un’intesa per una maggioranza politica e, comunque, non oltre la fine dell’anno. Oppure nuove elezioni subito, nel mese di luglio, ovvero in autunno.

Grazie. Buon lavoro.


Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, riprende lunedì 7 maggio le consultazioni per la formazione del nuovo Governo.

Di seguito il calendario:
10.00 “Movimento 5 Stelle”.
11.00 “Fratelli d’Italia”.
“Forza Italia – Berlusconi Presidente”.
“Lega – Salvini Premier”.
12.00 “Partito Democratico”.
16.00 “Liberi e Uguali”.
16.20 Gruppo Parlamentare per le Autonomie (SVP-PATT,UV) del Senato della Repubblica, Partito SVP (Südtiroler Volkspartei) e (UV – Union Valdôtain).
16.40 Gruppo Misto del Senato della Repubblica.
17.00 Gruppo Misto della Camera dei Deputati.
17.30 On. Dott. Roberto FICO,
Presidente della Camera dei Deputati.
18.00 Sen. Avv. Maria Elisabetta ALBERTI CASELLATI,
Presidente del Senato della Repubblica.


Dichiarazione del Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico al termine del colloquio con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

(Palazzo del Quirinale 26/04/2018 ore 17:10) Buon pomeriggio a tutti. Il mandato esplorativo che mi ha affidato il Presidente della Repubblica ha avuto un esito positivo. Si conclude qui, oggi, con esito positivo; ovvero il dialogo tra il Movimento Cinque stelle e il Partito Democratico è un dialogo avviato.

In questi giorni ci sarà anche dialogo all’interno del Partito Democratico, quindi in seno alle forze politiche, aspettando anche la direzione del Partito Democratico che si terrà la settimana prossima.

Il concetto fondamentale è che c’è un dialogo avviato.

Io credo che sia importante, ragionevole e responsabile rimanere sui temi, rimanere sui programmi, che sono il centro vero del cambiamento del Paese e degli interessi di tutti i cittadini italiani.


Proseguono il 26 aprile gi i incontri con le forze politiche del Presidente della Camera dei deputati in seguito al mandato esplorativo conferito dal Capo dello Stato:

– ore 11.00 delegazione del Pd

– ore 13.00 delegazione del M5s


Si svolgono il 24 aprile gli incontri del Presidente della Camera dei deputati in seguito al mandato esplorativo conferito dal Capo dello Stato:

– ore 14.30 delegazione del Pd

– ore 18.00 delegazione del M5s


Il 23 aprile il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Palazzo del Quirinale il Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, e gli ha affidato il compito di verificare la possibilità di un’intesa di maggioranza parlamentare tra il Movimento Cinque Stelle ed il Partito Democratico per costituire il Governo. Il Presidente della Repubblica ha chiesto al Presidente della Camera di riferire entro il 26 aprile.


Il 20 aprile il Presidente della Repubblica riceve alle ore 12.00 al Palazzo del Quirinale la Presidente del Senato.


La Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, ha fissato per il 19 aprile il secondo giro di incontri con i partiti, come da mandato esplorativo conferitole dal Capo dello Stato, che si terranno oggi con il seguente calendario:
Ore 14.30, Coalizione di centrodestra.
Ore 17.30, Movimento 5 Stelle.
Gli incontri saranno a Palazzo Giustiniani, dove verrà allestita la Sala stampa a partire dalle ore 13.30.

La Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, inizia nel pomeriggio del 18 aprile a Palazzo Giustiniani gli incontri con i partiti, come da mandato esplorativo conferitole dal Capo dello Stato.
Di seguito il calendario:
ore 16.30, Movimento Cinque Stelle
ore 17.30, Lega
ore 18.30, Forza Italia
ore 19.30, Fratelli d’Italia


Il 18 aprile il Presidente della Repubblica ha affidato alla Presidente del Senato, che rirerirà entro il 20 aprile,  il compito di verificare l’esistenza di una maggioranza parlamentare

(Roma, 18 aprile 2018) Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Palazzo del Quirinale la Presidente del Senato della Repubblica Maria Elisabetta Alberti Casellati, e le ha affidato il compito di verificare l’esistenza di una maggioranza parlamentare tra i partiti della coalizione di Centrodestra e il Movimento Cinque Stelle e di un’indicazione condivisa per il conferimento dell’incarico di Presidente del Consiglio per costituire il Governo. Il Presidente della Repubblica ha chiesto alla Presidente del Senato di riferire entro la giornata di venerdì.


Dichiarazione del Presidente Mattarella al termine delle consultazioni del 12 e 13 aprile

(Roma, 13 aprile 2018) «Buongiorno. Dall’andamento delle consultazioni di questi giorni emerge con evidenza che il confronto tra i partiti politici per dar vita in Parlamento a una maggioranza che sostenga un governo non ha fatto progressi.

Ho fatto presente alle varie forze politiche la necessità per il nostro Paese di avere un governo nella pienezza delle sue funzioni.

Le attese dei nostri concittadini, i contrasti nel commercio internazionale, le scadenze importanti e imminenti nell’Unione Europea, l’acuirsi delle tensioni internazionali in aree non lontano dall’Italia richiedono con urgenza che si sviluppi e si concluda positivamente un confronto tra i partiti, per raggiungere l’obiettivo di avere un governo nella pienezza delle sue funzioni.

Attenderò alcuni giorni, trascorsi i quali valuterò in che modo procedere per uscire dallo stallo che si registra.

Buon lavoro».


Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, riprende il 12 aprile le consultazioni per la formazione del nuovo Governo.

Qui di seguito il calendario:

Giovedì 12 aprile 2018

ORE 10.00 Gruppo “Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)” del Senato della Repubblica

ORE 10.30 Gruppo Misto del Senato della Repubblica

ORE 11.00 Gruppo Misto della Camera dei deputati

ORE 11.30 Gruppo “Liberi e Uguali” della Camera dei deputati

ORE 16.30 Gruppi “Partito Democratico” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

ORE 17.30 Gruppi “Lega-Salvini Premier”, “Forza Italia-Berlusconi Presidente” e “Fratelli d’Italia”, del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

ORE 18.30 Gruppi “MoVimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

Venerdì 13 aprile 2018

ORE 10.30 Presidente Emerito della Repubblica: Sen. Dott. Giorgio Napolitano

ORE 11.15 Presidente della Camera dei Deputati: On. Roberto Fico

ORE 12.00 Presidente del Senato della Repubblica: Sen. Maria Elisabetta Alberti Casellati


Dichiarazione del Presidente Mattarella al termine delle consultazioni del 4 e 5 aprile

(Roma, 5 aprile 2018)«Desidero ringraziarvi per il lavoro che avete svolto e che state svolgendo per informare i nostri concittadini dell’andamento delle consultazioni.

Le consultazioni, come è noto, hanno lo scopo di individuare, di fare emergere, in base agli articoli 92 e 94 della nostra Costituzione, una composizione di un governo che abbia il sostegno della maggioranza del Parlamento.

Le elezioni che abbiamo celebrato un mese fa hanno visto un ampio aumento di consenso per due partiti – uno dei quali alleato con altri – ma non hanno assegnato a nessuna parte politica la maggioranza dei seggi in Parlamento, né alla Camera né al Senato, dove sono presenti tre schieramenti politici.

Nessun partito, né schieramento politico dispone, quindi, da solo, dei voti necessari per formare un governo e sostenerlo. È indispensabile, quindi – in base alle regole della nostra democrazia – che vi siano delle intese tra più parti politiche per formare una coalizione che possa avere la maggioranza in Parlamento e quindi far nascere e sostenere un governo.

Nelle consultazioni di questi due giorni non è ancora emersa questa condizione.

Farò trascorrere qualche giorno di riflessione, anche sulla base della esigenza di maggior tempo che mi è stata prospettata durante i colloqui da molte parti politiche.

Sarà utile a me per analizzare e riflettere su ogni aspetto delle considerazioni che i vari partiti mi hanno prospettato.

Sarà utile anche a loro per valutare, responsabilmente, la situazione, le convergenze programmatiche e le possibili soluzioni per dar vita a un governo.

Nella corso della prossima settimana avvierò, quindi, un nuovo ciclo di consultazioni per ascoltare le opinioni dei partiti e verificare se è maturata qualche possibilità che oggi non si registra.

Buon lavoro».


Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, inizia il 4 aprile le consultazioni per la formazione del nuovo Governo.

Qui di seguito il calendario:

Mercoledì 4 aprile 2018

  • 10,30 Presidente del Senato della Repubblica, Sen. Maria Elisabetta Alberti Casellati
  • 11,30 Presidente della Camera dei deputati, On. Roberto Fico
  • 12,30 Presidente emerito, senatore di diritto e a vita, Giorgio Napolitano
  • 16,00 Gruppo “Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)” del Senato della Repubblica
  • 16,45 Gruppo Misto del Senato della Repubblica
  • 17,30 Gruppo Misto della Camera dei deputati
  • 18,30 Gruppi “Fratelli d’Italia” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

Giovedì 5 aprile 2018

  • 10,00 Gruppi “Partito Democratico” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
  • 11,00 Gruppi “Forza Italia – Berlusconi Presidente” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
  • 12,00 Gruppi “Lega – Salvini Premier” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
  • 16,30 Gruppi “MoVimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

Il Senato e la Camera eleggono, rispettivamente il 28 ed il 29 marzo, Vicepresidenti, Questori e Segretari.


Il 24 marzo 2018 il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto, al Palazzo del Quirinale, il Presidente del Consiglio dei Ministri on. Paolo Gentiloni, il quale, in seguito all’insediamento del nuovo Parlamento, ha rassegnato le dimissioni del Governo da lui presieduto.
Il Presidente della Repubblica ha invitato il Presidente del Consiglio dei Ministri a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti.


Il 24 marzo 2018 le Camere hanno eletto i rispettivi Presidenti: Maria Elisabetta Alberti per il Senato della Repubblica e Roberto Fico per la Camera dei deputati.


Il 23 marzo 2018, rispettivamente alle ore 10,30 ed 11,00, sono convocati in 1ª seduta pubblica il Senato della Repubblica e la Camera dei deputati, per la costituzione dell’Ufficio di Presidenza provvisorio e  della Giunta provvisoria, la proclamazione dei subentranti e l’elezione dei Presidenti delle due Camere.