Via la chiamata diretta, e «nuovo» reclutamento che leghi i prof al territorio

da Il Sole 24 Ore

Via la chiamata diretta, e «nuovo» reclutamento che leghi i prof al territorio

di Claudio Tucci

Via la chiamata diretta. Revisione del sistema di reclutamento per superare il precariato e legare, di più e meglio, i docenti al territorio, con l’obiettivo, in questo caso, di evitare la girandola dei trasferimenti, ogni anno, che penalizzano gli studenti (ma anche gli stessi insegnanti, costretti per la cattedra a vivere “con una valigia” in mano).

Le proposte
La bozza di contratto di governo messa nero su bianco da M5S-Lega dedica un capitolo intero alla scuola. E leggendo con attenzione non mancano le dichiarazioni di intenti (per ora, però, con toni più da campagna elettorale che da vera e propria compagine di governo). Nel documento, si richiama la necessità valorizzare la formazione dei professori (ma non si spiega come); e, sull’alternanza scuola-lavoro, si apre una riflessione sull’opportunità di migliorare i corsi “on the job”, rendendoli davvero di qualità. La chiamata diretta, uno dei capisaldi della legge 107, viene definita un strumento «tanto inutile, quanto dannoso». Si apre quindi la via a un suo superamento.

Un passaggio, a parte, viene riservato anche sul raccordo con il mondo del lavoro: qui, si ribadisce la linea di far decollare la formazione superiore di tipo professionale, visti, probabilmente, gli esiti positivi in termini di inserimento occupazione dei giovani.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.