Scrutini scuole superiori: cresce il numero di studenti ammessi alle classi successive

da Tuttoscuola

Scrutini scuole superiori: cresce il numero di studenti ammessi alle classi successive 

di Cristina Zanazzo

Il 70,8% degli studenti hanno conseguito l’ammissione alla classe successiva, il dato emerge dal Focus “Esiti degli scrutini del secondo ciclo di istruzione” per l’anno scolastico 2016/2017 delle scuole secondarie di secondo grado statali e paritarie dal primo al quarto anno di corso pubblicato dal Miur. Gli studenti non ammessi sono stati il 7,5% mentre quelli che hanno riportato la sospensione del giudizio in una o più discipline sono il 21,7%. Questi ultimi, a seguito della successiva verifica a settembre, hanno ottenuto la promozione alla classe successiva per il 93,6%. Il trend degli ammessi è in aumento, infatti, nell’anno scolastico precedente il tasso era del 69,9%.

Il primo anno di corso si conferma essere il più selettivo, con una percentuale di ammissione dell’86,6%; all’aumentare dell’anno di corso la quota dei promossi diviene gradualmente più alta, arrivando a circa 95 ammessi su 100 al termine del quarto anno.

L’analisi differenzia il tasso di ammissione nei diversi percorsi scolastici, i licei registrano un 94,7%, troviamo poi gli indirizzi tecnici con l’88,6% di ammessi e gli indirizzi professionali con l’86,2%, per quanto riguardo questi ultimi emerge un calo di bocciati rispetto all’anno precedente (85,7%).

Il 2,2% non sono stati scrutinati per le numerose assenze registrate, dato sostanzialmente invariato.

Ci sono differenze per quanto riguarda la distribuzione territoriale, primi nella classifica gli ammessi al Sud (96%), chiude il Nord-Ovest (94,7%).

La disciplina più difficile è la matematica le insufficienze riscontrate in questa materia risultano più elevate (16,2%) rispetto a quelle in italiano (7%) e nelle lingue straniere (11%). Il primo anno di studio è quello che presenta sempre maggiori complessità, le insufficienze sono meno rilevanti nei successivi anni di corso.

Anche nell’a.s. 2016/2017 le ragazze conseguono risultati migliori rispetto ai colleghi maschi, in ogni percorso di studio, sia in italiano sia in matematica confermando una tendenza già riscontrata negli anni scolastici precedenti.

Tutti i dati sono disponibili nel Focus (https://bit.ly/2tQAKCh)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.