BORSE DI STUDIO PER VIVERE E STUDIARE ALL’ESTERO

In totale sono disponibili oltre 1.500 le borse di studio e 2.200 posti

BORSE DI STUDIO PER VIVERE E STUDIARE ALL’ESTERO CON INTERCULTURA

ARRIVANO ANCHE LE BORSE DI AZIENDE, FONDAZIONI E IL PROGRAMMA ITACA DI INPS

Scadenza delle iscrizioni per iscriversi al concorso di Intercultura: 10 novembre

 

Milano, 5 ottobre 2018_ Le possibilità di partecipare con una borsa di studio a un programma di Intercultura aumentano di giorno in giorno. Oltre al bando con centinaia di borse di studio offerte direttamente dall’Associazione, uscito ai primi di settembre, sono già molto numerose le borse di studio offerte da sponsor esterni.

E’ notizia di ieri, 4 ottobre, l’uscita del bando di concorso del programma ITACA 2019 di INPS per l’anno scolastico 2019/2020. Si tratta di 1.500 borse di studio per la partecipazione a programmi scolastici all’estero annuali, semestrali e trimestrali riservate a figli dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione. I programmi di Intercultura sono conformi ai requisiti del bando del programma ITACA di INPS e negli ultimi anni circa 450 vincitori di queste borse di studio hanno potuto finanziare in questo modo la partecipazione ai programmi di Intercultura.

Intercultura garantisce tutti i servizi previsti dal bando (che non è in esclusiva per Intercultura) e offre in aggiunta il percorso di formazione prima, durante e dopo il soggiorno all’estero, l’assistenza prima, durante e dopo il soggiorno all’estero e la certificazione delle competenze acquisite dagli studenti nell’intero percorso (per info www.intercultura.it/itaca).

Ma per chi è interessato a partecipare a un programma all’estero con Intercultura, le novità non sono finite.

Nelle ultime settimane l’offerta di Intercultura si è arricchita di altre 200 borse di studio offerte da Aziende, Fondazioni, Istituti di Credito, Enti Pubblici e privati cittadini, da: Aeroporto G. Marconi di Bologna S.p.A. e Airport Angels, Ali Group, APINDUSTRIA Brescia – Gruppo Donne, ARCA Fondi S.p.A., Società di Gestione del Risparmio, Aretè & Cocchi Technology, Assindustria Venetocentro, B&C Insurance, Banca dell’Elba, Banco di Credito P. Azzoaglio, Barilla, BNL e BPI Gruppo BNP Paribas, Borsa di studio Famiglia Spagni e in memoria: di Agnese Brachetti, Beatrice Alfieri, Francesca e Marina Fasser, Maria Rita Romagnoli, di Jože Lavrenčič e Olga Premrl Cantine Ferrari – F.lli Lunelli S.p.A.,Centro di Terapia Cognitiva S.r.l., Chiesi Farmaceutici, Città di Alghero, Compagnia di San Paolo, Comuni di Almese, Cavarzere, Lecce, Confartigianato Imprese Bergamo, Consiglio regionale della Valle d’Aosta, DGMenergy Srl, Edison, Federmanager Bologna-Ravenna, in memoria di Francesco Longo, Fondazione Cariparma, Fondazione Cariverona, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Fondazione Cassa di Risparmio, di Padova e Rovigo, Fondazione Cassa di Risparmio Trento e Rovereto, Fondazione CRC, Fondazione CRT, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Fondazione di Sardegna, Fondazione Guelpa, Fondazione Lorenzo Bergamini, Fondazione Manodori, Fondazione Paolo Mosna Onlus, Fondazione Tercas di Teramo, Fondazione U. Bonino e M.S. Pulejo, Giunti Psychometrics, Gruppo HERA, I.L.S.O. s.r. l.,di Michele e Vincenzo Sarullo, Impresa Pizzarotti & C. S.p.A., Itema S.p.A., Mazzucconi, NLB Srl, Officina Bocedi Srl, Pirelli, Sindirettivo-CIDA, Società di Mutuo Soccorso Isaia Levi, Thales Alenia Space Italia Spa, UBI Banca, Unindustria Como.

LA SCADENZA PER LE ISCRIZIONI E’ IL 10 NOVEMBRE 2018

L’elenco di tutte le borse di studio a disposizione è in continuo aggiornamento sul sito www.intercultura.it Le iscrizioni online al concorso di Intercultura sono aperte fino al 10 novembre 2018: i posti disponibili sono più di 2.200 e complessivamente lo scorso anno il 76% dei partecipanti è riuscito ad aggiudicarsi una borsa di studio totale o parziale. Il bando è rivolto a tutti gli studenti delle scuole superiori nati tra il 1 luglio 2001 e il 31 agosto 2004.

Il RICONOSCIMENTO DEL PERIODO TRASCORSO ALL’ESTERO E L’ALTERNANZA SCUOLA E LAVORO: per gli studenti che frequentano all’estero l’intero anno scolastico, la normativa scolastica italiana riconosce la possibilità di accedere alla classe successiva senza ripetere l’anno. Il Ministero dell’Istruzione ha chiarito (nota 843/2013) che le esperienze di studio all’estero sono “parte integrante dei percorsi di formazione e di istruzione” e che sono “valide per la riammissione nell’istituto di provenienza”. (www.intercultura.it/normativa).

Inoltre, le esperienze di studio all’estero sono equiparate ai progetti di Alternanza Scuola Lavoro: per riconoscerle contano le competenze acquisite e il parere del Consiglio di Classe. Il 28 marzo 2017 il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha pubblicato la Nota MIUR prot. 3355 ​​con alcuni importanti chiarimenti sull’Alternanza Scuola Lavoro. In particolare, al punto 7 il MIUR si esprime sull’Alternanza Scuola Lavoro per “gli studenti che partecipano a esperienze di studio o formazione all’estero”. (http://www.intercultura.it/studenti/faq/).

La novità che va ad aggiungersi quest’anno alla proposta di Intercultura è che, al fine di fornire alla scuola gli elementi per valutare l’intero percorso seguito dallo studente, l’associazione fornirà al termine di ogni fase del programma la certificazione delle competenze acquisite (https://www.intercultura.it/studenti/fasi-del-programma/) calcolate in: 30 ore per aver partecipato alle selezioni; 40 ore per la formazione prepartenza che i volontari forniscono a tutti i vincitori del concorso di Intercultura; fino a 80 ore per il soggiorno all’estero e fino a 15 ore per la formazione al rientro.

L’Associazione Intercultura Onlus (www.intercultura.it) L’Associazione Intercultura (fondata nel 1955) è un ente morale riconosciuto con DPR n. 578/85, posto sotto la tutela del Ministero degli Affari Esteri. Ha status di ONLUS, Organizzazione non lucrativa di utilità sociale, ed è iscritta al registro delle associazioni di volontariato del Lazio: è infatti gestita e amministrata da migliaia di volontari, che hanno scelto di operare nel settore educativo e scolastico, per sensibilizzarlo alla dimensione internazionale. E’ presente in 157 città italiane ed in 65 Paesi di tutti i continenti, attraverso la sua affiliazione all’AFS Intercultural Programs e all’EFIL. Ha statuto consultivo all’UNESCO e al Consiglio d’Europa e collabora ad alcuni progetti dell’Unione Europea. Ha rapporti con i nostri Ministeri degli Affari Esteri dell’ dell’Istruzione, Università e Ricerca. A Intercultura sono stati assegnati il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio e il Premio della Solidarietà della Fondazione Italiana per il Volontariato per l’attività in favore della pace e della conoscenza fra i popoli. L’Associazione promuove e finanzia programmi scolastici internazionali: ogni anno più di 2.200 studenti delle scuole superiori italiane trascorrono un periodo di studio all’estero e vengono accolti nel nostro Paese quasi 1.000 ragazzi da tutto il mondo che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole. Inoltre Intercultura organizza seminari, conferenze, corsi di formazione e di aggiornamento per Presidi, insegnanti, volontari della propria e di altre associazioni, sugli scambi culturali. Tutto questo per favorire l’incontro e il dialogo tra persone di tradizioni culturali diverse ed aiutarle a comprendersi e a collaborare in modo costruttivo.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.