D. Winslow, Palm Desert

print

Don Winslow, non solo paura…

di Antonio Stanca

   A sessantasei anni Don Winslow è considerato uno dei maggiori scrittori americani di romanzi di genere poliziesco. E’ nato a New York nel 1953, vive a San Diego, California, e in molte direzioni, regia teatrale e televisiva, attore e guida di safari, investigatore privato e consulente legale, si è applicato prima di dedicarsi soltanto alla scrittura. Aveva scritto pure in precedenza, il suo esordio in narrativa era avvenuto mentre era impegnato altrove ma aveva poi finito col dedicarsi completamente ad essa. Sarà autore di romanzi singoli e soprattutto di serie di opere incentrate intorno ad un personaggio principale e generalmente ambientate in California. La prima di queste serie avrebbe avuto inizio nel 1991 col romanzo London Underground al quale sarebbero seguiti China Girl, Nevada Connection, Lady Las Vegas ed infine Palm Desert del 1996, che l’anno scorso è stato ristampato dalla Einaudi di Torino con la traduzione di Alfredo Colitto.

   Questa serie s’intitola Le indagini di Neal Carey che ne è il personaggio centrale, il protagonista. E’ lui l’investigatore privato incaricato di tanti compiti, di svolgere indagini ma anche, come in Palm Desert, di riportare a casa il vecchio, ottantaseienne, Natty Silver che se n’è andato da Palm Desert, California, si è rifugiato a Las Vegas, Nevada, e si pensa perché attirato dalla città, dai locali pubblici, dai teatri dove per tanti anni ha lavorato nello spettacolo come comico, barzellettiere. Era diventato noto, le sue qualità erano state apprezzate da un vasto pubblico. Lo si era visto dal vivo o in televisione, al cinema e, data la natura popolare del suo repertorio, ovunque era giunta la sua fama. Non è questa, però, la causa della sua fuga. Neal Carey, il protagonista investigatore, scoprirà che era fuggito da Palm Desert perché aveva avuto paura di essere stato visto dai banditi che avevano incendiato la loro casa accanto alla sua facendo credere in un incidente per ricavare grosse somme di denaro dall’assicurazione. Aveva pensato che nell’indagine che ne sarebbe seguita la sua testimonianza avrebbe dovuto rivelare la natura dolosa dell’incendio, avrebbe fatto fallire i piani dei banditi e lo avrebbe esposto al pericolo della loro vendetta. Pertanto quelle che nelle previsioni sarebbero dovute essere le poche ore del viaggio da Las Vegas a Palm Desert si trasformeranno, per Neal e Natty, in una serie interminabile di avventure delle quali entreranno a far parte le loro compagne, più giovane quella di Neal, più vecchia quella di Natty, i precedenti banditi e tanti altri personaggi che nell’affare dell’incendio e dell’assicurazione erano implicati. I due correranno tanti pericoli, vivranno situazioni molto rischiose in luoghi sconosciuti ma alla fine giungeranno, rientreranno nella loro città, nelle loro case e premiati si vedranno tutti, anche le loro compagne, degli sforzi compiuti. Sarà un percorso lungo quello del romanzo durante il quale si avrà modo di scoprire tanta di quell’America che, pur pensando di conoscere, non si finisce mai d’imparare, che, pur credendo libera da ogni peccato, non si finisce mai di sapere quanto di oscuro, di torbido in essa si cela.

   Un aspetto umano, sociale assume pure il romanzo del Winslow che, inoltre, è attraversato da una vena comica, da un umorismo a volte evidente, a volte sotteso. Fa parte dello stile dello scrittore. Non rinuncia mai, Winslow, a cogliere di una situazione pur drammatica quanto di essa può far ridere.

  E’ la nota distintiva della sua scrittura, quella che lo fa leggere da milioni di lettori, lo fa tradurre, traspone in film tanti suoi libri.

  Non disconosce Winslow che nella vita ci si può trovare esposti a pericoli, a minacce, a paure ma non smette di credere che il riso possa essere un modo per salvarsi.

  Uno strano genere di romanzo poliziesco risulta il suo dal momento che insieme al tragico contiene il comico, insieme al pianto il riso. Nuovo ha voluto essere lo scrittore e c’è riuscito!