I docenti non sono tenuti alla somministrazione di farmaci salva vita durante le ore di lezione

da Tecnica della Scuola

I docenti non sono tenuti alla somministrazione di farmaci salva vita durante le ore di lezione
di L.F.
Potrebbe capitare ad esempio che l’allievo soggetto a crisi epilettiche oppure a crisi ipoglicemiche o iperglicemiche, bisognoso in particolari farmaci, secondo accurati protocolli medici, abbia bisogno di un pronto intervento con somministrazione del farmaco che lo aiuti a superare la crisi. Come si dovrebbe comportare il docente in certi casi?
Il docente è tenuto alla somministrazione del farmaco, se lo studente è colpito, per esempio, da un attacco epilettico durante l’ora di lezione? Per rispondere a queste domande, basta ricordare la nota n. 2312 congiunta Miur e Ministero della salute del 25 novembre 2005 che ha predisposto l’allegato Atto di Raccomandazioni contenente le linee guida per la definizione di interventi finalizzati all’assistenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico. In queste linee guida c’è scritto: la somministrazione di farmaci in orario scolastico deve essere formalmente richiesta dai genitori degli alunni o dagli esercitanti la potestà genitoriale, a fronte della presentazione di una certificazione medica attestante lo stato di malattia dell’alunno con la prescrizione specifica dei farmaci da assumere (conservazione, modalità e tempi di somministrazione, posologia). I dirigenti scolastici, a seguito della richiesta scritta di somministrazione di farmaci:

– effettuano una verifica delle strutture scolastiche, mediante l’individuazione del luogo fisico idoneo per la conservazione e la somministrazione dei farmaci;
– concedono, ove richiesta, l’autorizzazione all’accesso ai locali scolastici durante l’orario scolastico ai genitori degli alunni, o a loro delegati, per la somministrazione dei farmaci;
– verificano la disponibilità degli operatori scolastici in servizio a garantire la continuità della somministrazione dei farmaci, ove non già autorizzata ai genitori, esercitanti la potestà genitoriale o loro delegati.

Gli operatori scolastici possono essere individuati tra il personale docente ed Ata che abbia seguito i corsi di pronto soccorso ai sensi del decreto legislativo n. 626/94. Potranno, altresì, essere promossi, nell’ambito della programmazione delle attività di formazione degli Uffici scolastici regionali, specifici moduli formativi per il personale docente ed Ata, anche in collaborazione con le AUSL e gli assessorati per la salute e per i servizi sociali e le associazioni. Qualora nell’edificio scolastico non siano presenti locali idonei, non vi sia alcuna disponibilità alla somministrazione da parte del personale o non vi siano i requisiti professionali necessari a garantire l’assistenza sanitaria, i dirigenti scolastici possono procedere, nell’ambito delle prerogative scaturenti dalla normativa vigente in tema di autonomia scolastica, all’individuazione di altri soggetti istituzionali del territorio con i quali stipulare accordi e convenzioni. Nel caso in cui non sia attuabile tale soluzione, i dirigenti scolastici possono provvedere all’attivazione di collaborazioni, formalizzate in apposite convenzioni, con i competenti assessorati per la salute e per i servizi sociali, al fine di prevedere interventi coordinati, anche attraverso il ricorso ad enti ed associazioni di volontariato (es.: Croce Rossa Italiana, Unità Mobili di Strada). In difetto delle condizioni sopradescritte, il dirigente scolastico è tenuto a darne comunicazione formale e motivata ai genitori o agli esercitanti la potestà genitoriale e al sindaco del comune di residenza dell’alunno per cui è stata avanzata la relativa richiesta. Se il docente non ha seguito, come previsto dalla legge 626/94 i corsi di pronto soccorso, è consigliabile, in casi di emergenza d’intervento, che si limiti a chiamare il 118 e allarmare il personale idoneo alla somministrazione del farmaco salva vita.

Un commento su “I docenti non sono tenuti alla somministrazione di farmaci salva vita durante le ore di lezione”

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.