28 febbraio Servizi per la Scuola in CdM

Il consiglio dei ministri, nel corso della seduta del 28 febbraio, ha approvato un decreto legge contenente disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche.

Viene prorogata di un mese, dal 28 febbraio al 31 marzo 2014, la corresponsione degli emolumenti al personale delle organizzazioni che gestiscono contratti di servizi di pulizia ed altri servizi ausiliari stipulati dalle scuole per sopperire alla mancanza di personale.
E’ stato inoltre prorogato il termine per i bandi di gara riguardante la manutenzione straordinaria e ordinaria degli edifici scolastici.

Di seguito i comunicati del MIUR:

Pulizie nelle scuole, un tavolo per uscire dall’emergenza

Il Consiglio dei Ministri ha stabilito la proroga di un mese, dal 28 febbraio al 31 marzo 2014, dei contratti stipulati dalle scuole per i servizi di pulizia effettuati da personale esterno. Una misura “necessaria”, ha spiegato il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefania Giannini, per “uscire dall’emergenza” e “dare una risposta a 24.000 lavoratori che erano in attesa. Questa è una situazione molto antica – ha aggiunto – che si è trascinata negli anni. Nell’arco di pochi giorni abbiamo individuato una soluzione per tamponare l’emergenza e trovato i fondi”. Ora, però, ha avvertito il Ministro, bisogna “cambiare metodo e affrontare il problema una volta per tutte”. Per questo martedì, ha annunciato, si aprirà un tavolo interministeriale Scuola-Lavoro con il ministro del Lavoro Giuliano Poletti: “Avvieremo una progettazione rapidissima per fare un piano biennale di ricollocazione e riqualificazione di questi lavoratori”. Nel frattempo il Miur ha inviato alle scuole che utilizzano questo tipo di personale una circolare che spiega le modalità di proroga dei contratti.

Edilizia scolastica, proroga di due mesi del piano da 150 milioni per la manutenzione straordinaria e la messa in sicurezza

Gli enti locali avranno altri due mesi di tempo per assegnare gli appalti del piano edilizia scolastica da 150 milioni stanziati attraverso il decreto “Fare”. Lo ha deciso oggi il Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini. Lo scorso novembre il Miur ha dichiarato finanziabili 692 interventi in base graduatorie fornite dalle Regioni. Il termine per l’affidamento dei lavori scadeva il 28 febbraio 2014. Il Ministero ha monitorato e sollecitato costantemente. Ma alla data di ieri, 27 febbraio 2014, risultavano affidati soltanto 207 interventi per un totale di  35,7 milioni di euro. Quindi meno del 30% degli interventi possibili, e meno di un quarto delle risorse a disposizione. Per evitare di vanificare il lavoro fatto negli scorsi mesi è stata disposta la proroga.

In allegato la mappa dei lavori assegnati.
Infogramma_19
Infogramma_14_02

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.