Un pedagogista e un educatore in ogni scuola

Un pedagogista e un educatore in ogni scuola
Il Ministro conosce la legge?

di Enrico Maranzana

 

L’agenzia Adnkronos riferisce che il ministro Giannini, commentando gli esiti della consultazione on line, ha detto: “La proposta in cima alla ”classifica” attualmente riguarda la possibilità di inserire un pedagogista e un educatore in ogni scuola[i]. Specialisti che assistano studenti e famiglie nelle situazioni difficili. Un supporto anche per i prof, per sostenerli ad affrontare al meglio le problematiche più complesse che incontrano ogni giorno”.

Abissale la distanza tra il modello di scuola sotteso all’asserzione e la struttura decisionale dell’istituzione scolastica.

Sorprendente la disattenzione al significato delle parole.

Uno sfregio alla dignità del lavoro del docente.

 

L’educazione è il fine ultimo del sistema scolastico.

L’educazione è la responsabilità primaria di chi opera nella scuola, il carattere fondante la professionalità docente.

L’educazione è un processo articolato che la legge scandisce:

  • Il Consiglio di Circolo/di Istituto delibera “i criteri generali della programmazione educativa”;
  • Il Collegio dei docenti “Cura la programmazione dell’azione educativa”;
  • Il Consiglio di classe realizza il “coordinamento didattico e i rapporti interdisciplinari” per uniformare gli insegnamenti e orientarli verso i traguardi indicati dal Collegio.

Il comportamento di un ministro, di fronte alla richiesta formulata da alcuni docenti di delegare a terzi l’oggetto del mandato ricevuto, non avrebbe dovuto essere quello della condivisione ma del richiamo al rispetto delle regole.

 

[i] Un pedagogista e un educatore in ogni scuola   – Samuele Amendola 26-09-2014   19.54

Presenza all’interno di ogni scuola di ogni ordine e grado di un Pedagogista ed un Educatore che costituiscano l’Unità di Educativa Scolastica che ricoprano le Funzioni Strumentali attualmente svolte dai docenti svolgendo anche un ruolo di coordinamento e di supporto ai docenti, di consulenza pedagogica alle famiglie e di sostegno agli studenti. Le funzioni strumentali verrebbero stabilizzate ed esperite così da esperti in scienze dell’educazione e della formazione, assunti con concorso su base comunale così da garantire anche una conoscenza del territorio per favorire il lavoro di rete

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.