V. Leone e T. Tarantino, Gli Specchi del Tempo

“Gli Specchi del Tempo”, volume di fotografie di Bella di Vito Leone e Tonino Tarantino

di Mario Coviello

specchiLunedì 29 dicembre 2014, alle 17,30, nella bibliomediateca Annibale Malanga dell’Istituto Comprensivo di Bella, Vito Leone e Tonino Tarantino hanno presentato il loro volume di fotografie “ Gli specchi del tempo”, pubblicato dal Centro di documentazione dell’Associazione “ Filemone”.

In una biblioteca accogliente un breve filmato sulla storia civile e politica di Bella ha introdotto la presentazione. Dopo i saluti del sindaco Michele Celentano, Floriana Bertelli, giornalista di Rai tre, Alessandro Angiolillo e Veronica Turriello, hanno presentato l’opera. Il coordinatore dell’evento Mario Coviello ha infine conversato con i due autori che hanno presentato la loro fatica e risposto alle domande del pubblico.

Raccontare un secolo attraverso le fotografie non è un’impresa facile. Raccontare il secolo di un paese della Basilicata è ancora più difficile perché per molti e per molto tempo il fotografo e la macchina fotografica erano un lusso che pochi si potevano permettere.

Ma Tonino Tarantino, che da anni racconta con i volumi di “Bella News” la storia di Bella, e Vito Leone, fotografo, video maker, autore di saggi sul cinema non si sono persi d’animo e hanno incessantemente raccolto e catalogato foto provenienti dagli album di famiglia, da cassetti abbandonati , dagli archivi, tessere di partito e sindacali, manifesti. Hanno trasposto dai filmati di Tv Bella, televisione locale che ha trasmesso negli anni 80 e 90, quotidiani, riviste, libri fotografie che raccontano il passato di un piccolo paese interno della Basilicata dagli inizi del secolo scorso ai nostri giorni. 480 pagine con circa cinquemila foto in bianco e nero e a colori con un indice dei nomi utilissimo per orientarsi nella marea di informazioni.

Nella presentazione del libro i due autori scrivono “ Un popolo che vuole sottrarsi all’omologazione dilagante ha l’estrema necessità di ricercare il suo passato. “

La ricerca certosina dei due autori ha seguito i canoni classici : Dio, Famiglia Scuola e Patria. E ciascuno di essi ha trasfuso nel volume le sue passioni vere. Tonino la scuola, la famiglia,Vito la politica, i partiti, i sindacati, le lotte sociali.

La religione cattolica tesse nelle pagina una trama sottile con le interminabili processioni, via crucis,presepi viventi processioni, prime comunioni, matrimoni.

La famiglia con i figli in posa per le ricorrenze importanti: battesimi,cresime,matrimoni e durante lo svago e il divertimento: la passeggiata in Piazza Plebiscito, il gioco delle bocce, l’elezione delle miss ferragosto bellese,le scampagnate al bosco e al mare.

Tonino Tarantino è un’insegnante e si respira nelle pagine il suo amore per la scuola che si narra con i piccoli dell’asilo delle suore di Maria Ausiliatrice, le classi di scuola elementare e medie e quelle dell’INIASA, il centro professionale che ha formato generazioni di artigiani e tecnici. E l’amore per la cultura co con le Mostre del Libro, i laboratori didattici e di cinema, le manifestazioni in piazza organizzate dalla scuola

Tonino Tarantino e Vito Leone con le loro foto raccontano la storia di un piccolo paese che subisce due guerre, il fascismo, la prigionia dei soldati, l’emigrazione, il terremoto del 1910 e quello del 1980. Descrivono le lotte politiche del primo e secondo dopoguerra,le difficili ricostruzioni, le amministrazioni comunali che si sono succedute, i partiti, le liste, i bilanci comunali.

C’è molto spazio per lo sport, il calcio soprattutto, ma anche le bocce, la pallavolo e il divertimento con la musica, i balli, i complessi rock dei primi anni sessanta.

La fotografia restituisce e rende immortali gesti, timori,sorrisi,abbracci,gioie, dolori, partenze e ritorni.

Racconta il tempo che scorre e ciascuno dei bellesi, sfogliando le pagine de “ Gli specchi del tempo”, andrà alla ricerca del proprio passato, forse si riconoscerà e farà un bilancio dei suoi sogni, attese, speranze.

“Gli specchi del tempo” ci comunicano con le loro fotografie sensazioni ed emozioni, fermano attimi irripetibili, tentando illusoriamente di fermare il tempo. Siamo consapevoli che fotografare non significa riprodurre la realtà, ma interpretarla attraverso l’ esperienza, la visione del mondo, la fantasia e la sensibilità di chi scatta. E’ proprio vero “una foto vale più di 1000 parole” e nella società liquida e dell’immagine che ci travolge con la sovrabbondanza delle sollecitazioni “ Gli specchi del tempo” ci aiutano a fermarci per riflettere e ricordare.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.