Dopo 17 anni torna a riunirsi l’Osservatorio per l’edilizia scolastica

print

da Il Sole 24 Ore

Dopo 17 anni torna a riunirsi l’Osservatorio per l’edilizia scolastica

di Eugenio Bruno

Riapre i battenti dopo 17 anni l’Osservatorio per l’edilizia scolastica. La riunione di insediamento dell’organismo che si era riunito l’ultima volta nel 1998 è prevista per oggi alle 15 al ministero dell’Istruzione. A presiederlo sarà il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone. Ai lavori parteciperanno anche i rappresentanti dei ministeri dell’Economia, delle Infrastrutture e dei Beni culturali e del Turismo.Oltre a quelli di Anci, Upi e coordinamento delle Regioni. L’Osservatorio dovrà svolgere attività di supporto nella programmazione e attuazione degli interventi di edilizia scolastica, al fine di armonizzare l’elaborazione del piano nazionale e dei piani regionali.

Gli interventi programmati
Per Faraone l’appuntamento di oggi è «un segnale chiaro di quanto il tema della sicurezza delle scuole stia davvero a cuore a questo Governo». A supporto della sua tesi il sottosegretario ha poi sciorinato una serie di numeri sugli interventi già in cantiere: «Nel corso di quest’anno verranno aperti circa 1.600 cantieri per la messa in sicurezza di plessi scolastici e che rientrano nel capitolo di interventi #scuolesicure. Altrettanti – ha aggiunto – saranno i cantieri di #scuolenuove. Si stimano poi quasi 600 interventi di efficientamento energetico e almeno 100 nuove scuole da realizzare con fondi Inail. Per quanto riguarda il filone #scuolebelle – ha concluso Faraone – entro la primavera del 2016, si interverrà per la manutenzione e l’abbellimento di circa 15mila istituti».