Ordinanza Ministeriale 20 luglio 2015, n. 15

Ordinanza Ministeriale 20 luglio 2015, n. 15

Prot. n. 502

Calendario delle festività e degli esami per l’anno 2015/2016

 

Il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca

VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 (Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado), e, in particolare gli artt. 74, comma 2, e 184, commi 2 e 3, recanti disposizioni in materia di esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado e del primo ciclo di istruzione;

VISTO il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59), e in particolare l’art. 138, comma 1, lettera d), che delega alle Regioni la determinazione del calendario scolastico;

VISTO il decreto legislativo 30 giugno 1999, n. 233 (Riforma degli organi collegiali territoriali della scuola, a norma dell’articolo 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59) e, in particolare, l’art. 1, comma 2, che istituisce il Consiglio superiore della pubblica istruzione;

VISTO il decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59 (Definizione delle norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione, a norma dell’articolo 1 della legge 28 marzo 2003, n. 53), e, in particolare, l’art. 11, comma 4 ter, recante disposizioni sulla prova scritta, a carattere nazionale, volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti;

VISTO il decreto legge 13 agosto 2011, n.138 (Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo), convertito con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011, n.148, e, in particolare, l’art.1, comma 24, contenente disposizioni sulle celebrazioni nazionali e le festività, riguardanti anche la determinazione annuale delle date delle festività dei Santi Patroni;

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 29 ottobre 2012, n.263 (Regolamento recante norme generali per la ridefinizione dell’assetto organizzativo didattico dei Centri d’istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, a norma dell’articolo 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n.112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n.133);

VISTA l’ordinanza ministeriale 6 agosto 2014, n. 43 (Calendario delle festività e degli esami per l’anno 2014/2015);

VISTO il decreto interministeriale 12 marzo 2015 (Linee guida per il passaggio al nuovo ordinamento a sostegno dell’autonomia organizzativa e didattica dei Centri provinciali per l’istruzione degli adulti) registrato dalla Corte dei Conti al n. 1833 del 5 maggio 2015;

RITENUTO che, ferma restando la delega alle regioni sopra richiamata, è propria del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca la competenza relativa:
Il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca
– alla determinazione, per l’intero territorio nazionale, della data della prova scritta, a carattere nazionale, dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione;
– alla determinazione, per l’intero territorio nazionale, della data di inizio (prima prova) dell’esame di Stato conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore;
– alla determinazione del calendario delle festività a rilevanza nazionale;

CONSIDERATO che le disposizioni sulle celebrazioni e le festività di cui al citato art.1, comma 24, del decreto legge n.138 del 2011, convertito con modificazioni dalla legge n.148 del 2011, sono attuate con apposito decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri;

ATTESO che il DPCM di cui trattasi non è stato ancora emanato;

RITENUTO pertanto che, fino all’emanazione del predetto DPCM, sono confermate le date delle festività dei Santi Patroni determinate secondo la normativa precedente all’articolo 1, comma 24, del decreto legge n. 138 del 2011, convertito con modificazioni dalla legge n.148 del 2011;

TENUTO CONTO che, allo stato attuale, il Consiglio nazionale della pubblica istruzione non può rendere il prescritto parere, in quanto il regime di proroga, ai sensi dell’art.14 del decreto legge 29 dicembre 2011, n. 216 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative), convertito con modificazioni dalla legge 24 febbraio 2012, n.14, è cessato alla data del 31 dicembre 2012;

CONSIDERATO che il provvedimento costitutivo del Consiglio superiore della pubblica istruzione di cui al decreto legislativo n. 233 del 1999 è in corso di perfezionamento;

ATTESA l’esigenza di procedere agli adempimenti sopra menzionati per l’anno scolastico 2015/2016;

O R D I N A

Art.1
La prova scritta a carattere nazionale nell’ambito dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione si svolge, per l’anno scolastico 2015/2016, per l’intero territorio nazionale e in sessione ordinaria il giorno 17 giugno 2016 con inizio alle ore 8:30; in prima e seconda sessione suppletiva può essere espletata il giorno 22 giugno 2016 e il giorno 2 settembre 2016, con inizio alle ore 8:30.

Art.2
L’esame di Stato conclusivo del primo periodo didattico dei percorsi di primo livello per gli studenti iscritti e frequentanti i Centri provinciali per l’istruzione degli adulti si effettua, in via ordinaria, entro il termine dell’anno scolastico, secondo il calendario stabilito dal dirigente scolastico, sentito il collegio dei docenti, con esonero, per l’anno scolastico 2015/2016, dallo svolgimento della specifica prova scritta a carattere nazionale di cui all’art.6, comma 3, lettera b) del DPR 263 del 2012.
Per i candidati per i quali il patto formativo individuale di cui al suddetto DPR 263 del 2011 prevede un percorso di studio personalizzato tale da concludersi entro il mese di febbraio 2016, è prevista la possibilità di svolgere l’esame di Stato entro il 31 marzo dello stesso anno, secondo il calendario stabilito dal dirigente scolastico, sentito il collegio dei docenti e tenuto conto delle indicazioni dell’Ufficio scolastico regionale competente; a tal fine, il suddetto patto formativo individuale va trasmesso all’USR competente contestualmente alla richiesta di attivazione della sessione straordinaria.

Art.3
L’esame di Stato conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado per l’anno scolastico 2015/2016, ivi compresi i percorsi di secondo livello per gli alunni iscritti e frequentanti i Centri provinciali per l’istruzione degli adulti ha inizio, per l’intero territorio nazionale, con la prima prova scritta, il giorno 22 giugno 2016 alle ore 8:30.
La prima prova scritta suppletiva si svolge il giorno 6 luglio 2016 alle ore 8:30.

Art.4
Il calendario delle festività, in conformità alle disposizioni vigenti, relative all’anno scolastico 2015/2016 è il seguente:
tutte le domeniche;
il 1° novembre, festa di tutti i Santi;
l’8 dicembre, Immacolata Concezione;
il 25 dicembre, Natale; il 26 dicembre;
il 1° gennaio, Capodanno;
il 6 gennaio, Epifania;
il giorno di lunedì dopo Pasqua;
il 25 aprile, anniversario della Liberazione;
il 1° maggio, festa del lavoro;
il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica;
la festa del Santo Patrono.

La presente ordinanza sarà inviata alla Corte dei Conti per la registrazione.

IL MINISTRO
Stefania GIANNINI


CALENDARI SCOLASTICI REGIONALI A.S. 2015-2016

L’inizio e termine delle lezioni, nonché le ulteriori sospensioni sono determinate dalle singole Regioni, secondo il prospetto specificato:

REGIONI INIZIO LEZIONI TERMINE LEZIONI FESTIVITA’ NATALIZIE FESTIVITA’ PASQUALI VARIE
ABRUZZO 14.09.15 07.06.16* 24.12.15-06.01.16 24-30.03.16 07.12.15;
BASILICATA 14.09.15 09.06.16 * 24.12.15-06.01.16 24-29.03.16 02.11.15; 07.12.15; 08-09.02.16
CALABRIA 14.09.15 08.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 02.11.15; 07.12.15
CAMPANIA 14.09.15 08.06.16* 23.12.15-06.01.16 24.-29.03.16 02.11.15; 07.12.15; 08-09.02.16
EMILIA ROMAGNA 15.09.15 06.06.16 * 24.12.15-06.01.16 24-29.03.16 02.11.15
FRIULI VENEZIA G. 14.09.15 11.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 07.12.15; 08-10.02.16
LAZIO 15.09.15 08.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 02.11.15
LIGURIA 14.09.15 08.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-28.03.16 02.11.15; 07.12.15
LOMBARDIA 14.09.15 ^ 08.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 08-09.02.16
MARCHE 14.09.15 04.06.16 * (#) 24.12.15-06.01.16 24-29.03.16 02.11.15; 07.12.15
MOLISE 09.09.15 04.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 02.11.15; 07.12.15
PIEMONTE 14.09.15 09.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 07.12.15; 06-09.02.16
PUGLIA 16.09.15 08.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 02.11.15; 07.12.15
SARDEGNA 14.09.15 10.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 09.02.16; 28.04.16
SICILIA 14.09.15 09.06.16* 22.12.15-06.01.16 24-29.03.16 15.05.16
TOSCANA 15.09.15 10.06.16 * 24.12.15-06.01.16 24-29.03.16
UMBRIA 14.09.15 08.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-30.03.16 02.11.15; 07.12.15
VALLE D’ AOSTA 14.09.15 11.06.16 * 24.12.15-06.01.16 24-29.03.16 30.01.16; 08-10.02.16
VENETO 16.09.15 08.06.16 * 24.12.15-06.01.16 24-29.03.16 07.12.15; 08-10.02.16
PROV. BOLZANO 07.09.15 16.06.16 24.12.15-06.01.16 24-29.03.16 02-07.11.15; 08-13.02.16; 16.05.16; 03.06.16 §
PROV. TRENTO 10.09.15 °° 07.06.16 * 23.12.15-06.01.16 24-29.03.16 07.12.15; 08-09.02.16; 23.04.16
  • la scuola dell’infanzia termina il 30 giugno
    ^ la scuola dell’infanzia inizia il 7 settembre
    (#) 3 giugno se l’attività didattica è su cinque giorni
    § solo per le classi con orario su cinque giorni
    °° primo settembre per la scuola dell’infanzia

Un commento su “Ordinanza Ministeriale 20 luglio 2015, n. 15”