Isole dei docenti

ISOLE DEI DOCENTI di Umberto Tenuta

CANTO 558 I docenti della Buona Scuola

ISOLE SOLITARIE.

 

C’è qualcuno che ha esplorato il mare della Scuola?

Non un arcipelago.

Ma isole solitarie.

Vaganti.

Misteriose.

Paurose.

Li vedi −i Professori− entrare, firmare, correre nell’aula, aprire il registro, annotare le assenze, copiare il titolo della lezione, guardare nel vuoto e sciorinare la lezione.

Ognuno la sua lezione.

La lezione ripetuta nella classe 3°A, 3°B, 3° C, , 3° D.

Lezione uguale, monotona, lunga!

Lunga per riempire i cinquanta minuti dell’ora del calendario settimanale.

Lezione sua, personale, riservata.

Copyright!

Ogni docente la sua lezione, le sue lezioni, l’una dopo l’altra, come da calendario annuale.

Lezione di Matematica.

Lezione di Storia.

Lezione di Francese.

Lezione di Musica.

Lezione di Grammatica.

Cinque lezioni al giorno!

E perché no, sei lezioni al giorno, l’una di seguito all’altra, l’una diversa dell’altra, l’una più noiosa dell’altra.

Gli studenti hanno i loro quaderni per ogni disciplina.

Nove discipline, nove quaderni.

I colori primari non bastano per distinguere le copertine.

Spazio alla fantasia, mescoliamo i colori!

E, poi, basta la parola!

QUADERNO DELLE POESIE

QUADERNO DELLA GEOGRAFIA

QUADERNO DELLA MATEMATICA

QUADERNO DELLA MUSICA

Lezioni distinte, quaderni distinti!

Celle mnemoniche distinte…

Che la mano destra non sappia quello che fa la mano sinistra!

Che il Professore d’Italiano non sappia quello che fa il Professore di Francese.

S’incontrano nella SALA PROFESSORI.

Buon giorno!

Buon giorno!

Tu vai nella III B?

−Che chiasso!

−Che Iddio me la mandi buona!

Mica si dicono altro!

Ognuno il suo programma annuale, mensile, giornaliero.

INTERDISCIPLINARITà?

−Ne ho sentito parlare quando mi preparavo per il concorso!

−Ora però insegno la mia materia. Mica mi impiccio delle materie dei colleghi!

−Riservatezza.

−Riservatezza, colleghi.

−Innanzitutto, soprattutto, dopotutto, abbassotutto: riservatezza.

−Che la mano destra non sappia quello che non fa la mano sinistra!

Isole vaganti in un mare in tempesta.

Isole solitarie in arcipelaghi solitari.

Studenti, docenti, dirigenti.

Isole, isole isolate, isole non connesse.

In un mondo interconnesso!

 

Tutti i miei Canti −ed altro− sono pubblicati in:

http://www.edscuola.it/dida.html

Altri saggi sono pubblicati in

www.rivistadidattica.com

E chi volesse approfondire questa o altra tematica

basta che ricerchi su Internet:

“Umberto Tenuta” − “voce da cercare”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.