Voti cattivi o cattivi docenti

VOTI CATTIVI O CATTIVI DOCENTI di Umberto Tenuta

CANTO 615 I voti sono cattivi per due motivi

Perché i voti cattivi demotivano.

E perché i voti alti deviano dalla vera motivazione allo studio.

Studente da  studium che in latino significa anche “passione, desiderio, impulso interiore“.. 

Scrive F. Ferrarotti che <<La scuola non sembra in grado di stimolare e far scoprire ai giovani la gioia della lettura, e di riportare lo studio al suo significato originario di studium, ossia amore, passione, avventura>>

(FERRAROTTI F., Leggere, leggersi, Donzelli, Roma, 1998).

 

Lo Studio, dal latino studium, è amore.

Amore del sapere.

Se per fare studiare si usa la frusta, come ai tempi di mio padre, lo studio diventa dolore.

E nessuno ama il dolore.

Non lo amano soprattutto i bambini.

Soprattutto i bambini che amano il gioco.

‘CA ZOIOSA.

Lo aveva ben capito Vittorino da Feltre!

Lo aveva ben capito Platone, il quale avvertiva che i bambini debbono apprendere come in un gioco.

Ma qualche odierno docente sembra non averlo capito.

Non lo ha capito.

E non ha capito che i genitori lo hanno capito.

E non ha capito che egli non ha il diritto di demotivare i suoi alunni.

E non ha capito che egli ha il dovere di accrescere le innate motivazioni all’autoaffermazione dei giovani, pari all’innata motivazione dei pioppi a svettare verso il sole.

E pur lamenta, il poveretto, che i bravi genitori si sforzano di metterlo sulla buona strada del buon maestro.

La strada della salvaguardia e dell’accrescimento della fiducia di base.

Eppur il poveretto la domenica dagli spalti si squarcia la gola a incoraggiar la squadra del cuore.

BRAVI BRAVI BRAVI!!!!!!!!

Questo lo sa.

Non si fischiano gli errori della propria squadra!

I giocatori della propria squadra vanno sempre incoraggiati.

E gli alunni della propria scuola?

Solo i cattivi docenti danno voti cattivi.

 

Tutti i miei Canti −ed altro− sono pubblicati in:

http://www.edscuola.it/dida.html

Altri saggi sono pubblicati in

www.rivistadidattica.com

E chi volesse approfondire questa o altra tematica

basta che ricerchi su Internet:

“Umberto Tenuta” − “voce da cercare”

 

PER CHI VUOLE APPROFONDIRE:

Umberto Tenuta, Studiare per amore.

(http://www.rivistadidattica.com/metodologia/metodologie_62.htm)

Lascia un commento