Mobilità dei docenti: schiarita per l’accordo contrattuale

da tuttoscuola.com

Mobilità dei docenti: schiarita per l’accordo contrattuale
Comunicato stampa della Cgil-scuola sulla vertenza in corso con il Miur

Nella giornata del 25 gennaio, come avevamo preannunciato, le delegazioni si sono incontrate per verificare le ulteriori aperture del Miur sul contratto della mobilità. E cioè di consentire nella fase interprovinciale la possibilità ai docenti di chiedere il trasferimento anche su scuola e l’oggettività dei criteri per la loro assegnazione alle singole scuole dagli ambiti (eventualmente istituiti).

Le aperture che abbiamo registrato nel corso dell’incontro su entrambi i punti consentono la ripresa della trattativa, tenendo presente che l’azione sindacale portata avanti unitariamente è riuscita ad acquisire alcuni risultati significativi: il mantenimento delle attuali regole per i movimenti provinciali con la possibilità di trasferimento su scuola e non su ambito per tutti coloro che hanno già una provincia di titolarità; il diritto dei docenti di sostegno (Dos) e dei docenti senza sede (Dop) ad acquisire la titolarità di scuola anziché essere collocati d’ufficio su ambiti; il superamento del blocco triennale per tutti anche fase O e A oltre B e C da graduatoria di merito; la messa a disposizione del 100% dei posti disponibili ai fini dei movimenti.

Questo è quanto avevamo ottenuto nei precedenti incontri. L’ulteriore apertura del Miur riguarderebbe la possibilità, per chi ha già una scuola di titolarità, di poterne acquisire una anche in provincia diversa tra le scuole disponibili nel primo ambito indicato nella domanda. Vedremo nel corso della trattativa come il Miur tradurrà sul piano fattuale nell’articolato gli impegni di cui sopra.

Questo è  il punto a cui siamo arrivati, la trattativa ora prosegue. Noi ci batteremo fino alla fine per dare a tutti (cioè anche agli assunti in fase B e C) questa possibilità e di regolare l’assegnazione dagli ambiti eventualmente istituiti alle scuole, secondo procedure certe, oggettive e per titoli in una apposita sequenza negoziale da avviare entro trenta giorni dalla firma dell’intesa. Non ci dovrà essere alcuna discrezionalità dei dirigenti nella assegnazione dei docenti alle scuole.

Abbiamo ribadito anche durante quest’ultimo incontro, la nostra contrarietà alla chiamata diretta che calpesta diritti costituzionali fondamentali. Contro questa sciagurata normativa ci batteremo in tutte le sedi e con tutti i mezzi, compreso il ricorso al referendum.

Lascia un commento