Nota 28 gennaio 2016, AOODGSV 862

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Sovrintendente agli Studi della Valle d’Aosta AOSTA
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia Autonoma di TRENTO
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO
Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO
e.p.c.
Al Capo Dipartimento
SEDE

Oggetto: Convegno di studi Il Liceo classico del futuro. L’innovazione per l’identità del curricolo, Milano, 28-29 aprile 2016. Politecnico di Milano – Piazza Leonardo da Vinci, 32.

La Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione e il Comitato per lo sviluppo della Cultura scientifica e tecnologica del MIUR, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia e il Politecnico di Milano, organizzano un Convegno di studi sul rinnovamento dell’impianto curricolare e didattico del Liceo classico.
Il Convegno si svolgerà presso il Politecnico di Milano il 28 e il 29 aprile 2016.
L’incontro vuole mettere a confronto studiosi e ricercatori dei diversi ambiti disciplinari (umanistico, scientifico, tecnologico, giuridico, economico) con dirigenti scolastici e insegnanti e avrà l’obiettivo di indicare strategie educative e didattiche per prospettare il Liceo classico del futuro, in sintonia con le richieste avanzate dalla società della conoscenza e dell’apprendimento, che sempre più prevede un capitale umano dotato di conoscenze, capacità e competenze flessibili e dinamiche.
Al fine di riflettere sulle prassi didattiche che consentano al Liceo classico di assicurare la propria identità culturale e formativa e, nel contempo, di fare propri i valori dell’innovazione, i temi trattati nel Convegno spazieranno dalla ricerca e innovazione della didattica di tutte le discipline che costituiscono il curricolo del Liceo classico, fino alla revisione della seconda prova dell’esame di Stato e alle implicazioni previste dall’attuazione della Legge 107 sulla “Buona scuola”.
Il programma del Convegno di studi, strutturato in due giornate, verrà comunicato appena definita la partecipazione dei relatori.
In allegato alla presente comunicazione vengono trasmessi:
• il facsimile del questionario rivolto ai dirigenti scolastici dei Licei Classici: esso mira a rilevare una serie di dati e opinioni, che questa Direzione intende analizzare per disporre successive azioni;
• il facsimile del modulo di iscrizione al Convegno di studi.
Sul portale del Politecnico di Milano http://www.polimi.it è predisposto nella sezione EVENTI un banner con la dicitura IL LICEO CLASSICO DEL FUTURO.
In tale sezione è possibile compilare sia il questionario che il modulo di iscrizione da inoltrare entro e non oltre giovedì 31 marzo 2016 e comunque fino al raggiungimento di 300 iscrizioni.
Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha concesso l’esonero dall’obbligo di servizio nel periodo suddetto al personale docente con Prot. n. AOODGPER 1496 del 19-01-2016.
La partecipazione al Convegno è aperta a tutti e non prevede costi di iscrizione. Le eventuali spese relative al viaggio e al soggiorno sono a carico dei partecipanti.
Per eventuali comunicazioni contattare la prof.ssa Carla Guetti carla.guetti@istruzione.it
Le SS.LL. sono cortesemente invitate a diffondere la presente comunicazione attraverso i siti dei rispettivi Uffici Scolastici Regionali e con le iniziative che potranno favorire le adesioni delle persone interessate.
Si ringrazia per la consueta e preziosa collaborazione.

Il Direttore Generale
Carmela Palumbo


SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

 

Convegno di studi

 

Il Liceo classico del futuro.

L’innovazione per l’identità del curricolo

 

Milano, 28-29 aprile 2016

Politecnico di Milano – Piazza Leonardo da Vinci, 32

 

Da compilarsi entro e non oltre giovedì 31 marzo 2016 e comunque fino al raggiungimento di 300 iscrizioni

 

Nome e Cognome  
Amministrazione di appartenenza  
Incarico attuale  
Istituzione scolastica

statale   □           paritaria   □

 

Denominazione___________________________________________

Indirizzo________________________________________________

CAP__________Città____________________Provincia______

Materia d’insegnamento (per i docenti)  
E-mail personale  

 Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha concesso l’esonero dall’obbligo di servizio nel periodo suddetto al personale docente con Prot. n. AOODGPER 1496 del 19-01-2016.

La partecipazione al Convegno è aperta a tutti e non prevede costi di iscrizione. Le eventuali spese relative al viaggio e al soggiorno sono a carico dei partecipanti.


QUESTIONARIO RIVOLTO AL DIRIGENTE SCOLASTICO DELL’INDIRIZZO DI STUDI LICEO CLASSICO (ISTITUTO O SEZIONE)

(DA COMPILARE E INVIARE ENTRO IL 31 MARZO 2016)

 

·       Denominazione Istituto _________________________________________________________

 

·       Indirizzo _________________________________________________________

 

·       CAP _____ Città _____________ Provincia _____

 

·       Tel. _________________________________________________________

 

·       Email __________________________________________________

 

o   Codice Meccanografico         |_|_|_|_|_|_|_|_|_|_|_|_|

 

·       Istituzione scolastica:                          statale     □                             paritaria   □

 

  1. Il suo liceo classico è inserito in un Istituto che comprende altri indirizzi di studio?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Quali indirizzi di studi ritiene sia preferibile associare al liceo classico per valorizzarne la specificità?

 

a……………………………………………………

b……………………………………………………

c……………………………………………………

d……………………………………………………

 

  1. Ritiene che l’affiancamento del liceo classico ad altri indirizzi di studio nel medesimo Istituto consenta, attraverso una maggiore flessibilità degli organici, una migliore organizzazione didattica?

 

Si   □   No   □

 

  1. Il suo liceo classico partecipa a reti di scuole come:

 

scuola polo   □

istituzione scolastica capofila   □

istituzione scolastica componente   □

non partecipa   □

 

  1. Il suo liceo classico a che tipo di reti di scuola partecipa per il rinnovamento del curricolo?

 

Rinnovamento dell’insegnamento/apprendimento delle lingue classiche e umanistiche   □

Rinnovamento dell’insegnamento/apprendimento delle discipline scientifiche   □

Aggiornamento/potenziamento delle lingue straniere   □

Aggiornamento/potenziamento dell’uso della tecnologia   □

Altro (specificare________________________________________________________)   □

Non partecipa       □

 

  1. Ritiene che nel suo liceo classico si faccia un uso adeguato, dal punto di vista didattico, dei laboratori?

 

mai   □             raramente   □               spesso   □       sempre   □

 

  1. Se ha risposto “mai” o “raramente”, può motivare brevemente la sua risposta?

 

_______________________________________________________________________

_______________________________________________________________________

_______________________________________________________________________

_______________________________________________________________________

 

  1. Nel suo liceo classico gli studenti fruiscono della biblioteca o di spazi dedicati per attività di apprendimento autonome o peer education?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Ritiene che l’adozione dell’organico potenziato, come previsto dalla L.107/2015, possa fornire al liceo classico opportunità per la realizzazione di pratiche didattiche innovative?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Secondo quali modalità sono organizzati i docenti all’interno del suo liceo classico?

 

Dipartimenti disciplinari   □

Gruppi di coordinamento trasversale   □

Gruppi di indirizzo   □

Gruppi per grado scolastico   □

Commissioni di lavoro   □

Altro (specificare________________________________________________________)   □

 

  1. Il curricolo predisposto e adottato dal suo liceo classico è organizzato sulla base:

 

della programmazione individuale del singolo docente   □

della programmazione comune delle stesse discipline   □

della programmazione comune di discipline affini   □

di una programmazione complessiva a livello di Istituzione scolastica   □

di una programmazione tra reti di scuole   □

altro (specificare_________________________________________________________)   □

 

  1. Quali dei seguenti metodi didattici sono utilizzati nel suo liceo classico?

 

didattica trasmissiva/lezione frontale   □

articolazione modulare del curricolo   □

didattica per problemi   □

cooperative learning   □

didattica laboratoriale   □

didattica integrata   □

Altro (specificare_________________________________________________________)   □

 

  1. Attraverso quali modalità sono stati rilevati i fabbisogni formativi dell’utenza del suo liceo classico?

 

Non sono stati rilevati   □

Indagini sul territorio   □

Indagini sulle famiglie   □

Rapporti con le scuole di provenienza   □

Colloqui con l’utenza   □

Altro (specificare______________________________________________________)   □

 

 

  1. Il suo liceo classico ha attivato sezioni Cambridge?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Ritiene che l’attivazione di sezioni Cambridge nel suo liceo classico abbia apportato un cambiamento positivo?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Il suo liceo classico ha attivato sezioni Esabac?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Ritiene che l’attivazione di sezioni Esabac nel suo liceo classico abbia apportato un cambiamento positivo?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Ritiene che l’attivazione del CLIL nel suo liceo classico abbia apportato un cambiamento positivo?

 

Si   □                           No   □

 

  1. Nell’attivazione del CLIL, in quale lingua straniera viene impartito l’insegnamento delle DNL nel suo liceo classico?

 

Francese     □

Inglese       □

Tedesco       □

Spagnolo     □

Altro     □         (Specificare……………………………..)

 

  1. Nell’attivazione del CLIL, quali Discipline Non Linguistiche vengono impartite in lingua straniera nel suo liceo classico?

 

a……………………………………b………………………………………

c……………………………………d………………………………………

 

  1. Quante ore annuali vengono realizzate nel suo liceo classico con metodologia CLIL?

 

             ………………….

 

  1. L’insegnamento CLIL nel suo liceo classico viene impartito dal docente di DNL o da un docente esterno?

 

Docente DNL   □

Docente esterno   □

 

  1. Quali materie opzionali sono state introdotte nel suo liceo classico utilizzando la quota di autonomia del 20%, prevista dal D.P.R. 89, Allegato H, per innovare l’offerta formativa?

 

a……………………………………………………

b……………………………………………………

c……………………………………………………

d……………………………………………………

 

  1. Ritiene che l’utilizzo della quota di autonomia del 20%, prevista dal D.P.R. 89, Allegato H, abbia apportato un cambiamento positivo nel suo liceo classico?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Il suo liceo ha fatto uso degli spazi di autonomia didattica previsti dal D.P.R. 275/99, art. 4 ?

 

articolazione modulare del monte ore □

flessibilità degli spazi orari □

articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti da classi diverse  □

aggregazione delle discipline in aree e ambiti disciplinari □

 

  1. Quale percentuale di studenti disabili è presente nel suo liceo classico?

 

……………..

 

  1. Nel suo liceo classico come si affronta il problema della demotivazione allo studio dei ragazzi e quello più profondo del loro star bene a scuola?

(indicare la modalità prevalente):

 

Tecniche appropriate messe in atto da personale interno   □

Tecniche appropriate messe in atto da esperti esterni   □

Colloqui informali con allievi   □

Colloqui informali con famiglie   □

Colloqui informali con gruppi di incontro   □

Altro (specificare_________________________________________________________)   □

 

  1. Nel suo liceo classico sono organizzati corsi o altre attività di potenziamento per studenti il cui rendimento scolastico è superiore alla media?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Nel suo liceo classico sono previste attività di supporto che promuovano la mobilità studentesca internazionale individuale?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Quali azioni di orientamento/coordinamento sono realizzate nel suo liceo classico con gli Istituti secondari di primo grado?

 

non sono previste   □

attività di progettazione didattica   □

formazione degli insegnanti   □

scambio di docenti   □

attività didattiche verticali   □

attività di accoglienza   □

attività di raccordo per l’attuazione dell’obbligo scolastico   □

altro (specificare_________________________________________________________)   □

 

  1. Per rendere organico il rapporto tra scuola e mondo del lavoro, il sistema dell’Alternanza costituisce, a suo avviso, un elemento qualificante nel curricolo del liceo classico?

 

Si   □                          No   □

 

  1. Per realizzare percorsi di Alternanza, con quali tipologie di organizzazioni ospitanti

il suo liceo classico ha attivato contatti?

 

nessuno   □

ordini professionali   □

musei   □

istituti pubblici e privati operanti nei settori del patrimonio e delle attività culturali, artistiche e musicali   □

enti che svolgono attività afferenti al patrimonio ambientale   □

università     □

enti di ricerca e fondazioni     □

aziende ospedaliere    □

altro (specificare_________________________________________________________)   □

 

  1. Quali azioni di ri-orientamento individuale in itinere sono realizzate nel suo liceo classico per affrontare il problema della dispersione scolastica nel primo biennio?

 

a……………………………………………………

b……………………………………………………

c……………………………………………………

d……………………………………………………

 

  1. Viene realizzata all’interno del suo liceo classico (o nelle reti di cui fa parte) la formazione per il personale sui seguenti temi:

 

Struttura didattico-organizzativa (es. continuità, progetti accoglienza, ecc.)   □

PTOF, Carta dei Servizi   □

Autonomia scolastica   □

Valutazione dell’apprendimento e della qualità dell’istruzione   □

Integrazione scolastica di alunni con diverse abilità   □

Prevenzione della dispersione   □

Innovazione della didattica del curricolo nel liceo classico   □

Sociologia, psicologia e cultura dell’adolescenza   □

Informatica e multimedialità   □

Aggiornamento disciplinare   □

Sistema Nazionale di Valutazione   □

Altro (specificare__________________________________)   □

 

  1. All’interno del suo liceo classico esiste una figura obiettivo specifica per la valutazione?

 

No   □

Solo per la valutazione delle prestazioni degli studenti   □

Solo per la valutazione interna della scuola   □

Sia per la valutazione delle prestazioni degli studenti che per la valutazione interna della scuola   □

 

     Il Dirigente scolastico

Lascia un commento