Riforma, tempi lunghi per l’approvazione dei decreti attuativi

da La Tecnica della Scuola

Riforma, tempi lunghi per l’approvazione dei decreti attuativi

Le nove deleghe di attuazione di “pezzi” importanti della Legge 107, come la riforma del sostegno, saranno esaminate dal Governo “non prima della primavera”.

A dirlo è stato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, nel corso di un’audizione, in commissione Istruzione al Senato, sull’attuazione delle misure de “La buona scuola”, sull’assunzione dei docenti e sulle classi di concorso.

Sulle deleghe, previste dalla legge 107 “si sta lavorando dal punto di vista tecnico e legislativo. Ci confronteremo all’interno del Governo” solo in primavera, ha tenuto a dire il ministro.

Ricordiamo che le deleghe, che riguardano anche la revisione del sistema della scuola dell’infanzia, come del reclutamento e diverse altre parti centrali della riforma, andrebbero “licenziate” entri precisi termini indicati dalla Legge 107/2015. Comunque, al massimo, entro 36 mesi dalla sua approvazione, avvenuta lo scorso mese di luglio.

È anche vero, però, che il precedente del concorso per 63.712 nuovi insegnanti – il quale doveva essere bandito entro il 1° dicembre scorso ma ad oggi non sappiamo ancora quando vedrà la luce – non lascia ben sperare sull’effettivo rispetto dei termini prefissati dalla Buona Scuola a proposito dell’approvazione dei decreti attuativi.

Lascia un commento