LA COMPILAZIONE DEL BILANCIO DELLE COMPETENZE

Docenti impegnati nel periodo di formazione e prova

LA COMPILAZIONE DEL BILANCIO DELLE COMPETENZE

In questa comunicazione sono contenute indicazioni, suggerimenti e simulazioni utili alla compilazione del bilancio delle competenze (Art. 5 del DM 850/2015), sviluppati a partire dal un seminario di studio e approfondimento organizzato, venerdì 12 febbraio scorso, dalla FLC/CGIL scuola di Viterbo.

Se lo ritieni opportuno, ti suggerisco di consegnare questo documento ai tuoi docenti impegnati nel periodo di formazione e prova e ai loro tutor.

In coda è riportato anche un modello aggiornato per la stipula del Patto per lo sviluppo professionale, da redigere dopo la compilazione del bilancio iniziale delle competenze.

 

Link utili:

  1. a) Legge 107/2015 (“buona scuola”), Art. 1, commi:
  • da 115 a 120;

  • 129 (vedere, in particolare, il comma 4 del nuovo Art.11 del testo unico dell’istruzione, come modificato da tale comma).

http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legge:2015-07-13;107

(Ricordo che la legge 107 è formata di un solo articolo a sua volta suddiviso in 212 commi).

 

  1. b) DM 850 del 27/10/2015 e CM 36167 del 5/11/2015

http://istruzioneer.it/2015/11/06/d-m-85015-e-c-m-3616715-anno-di-prova-e-di-formazione-per-i-docenti/

 

  1. c) Dove scaricare il format INDIRE:

http://www.indire.it/progetto/neoassunti2015-16/

Il presidente provinciale

Giuseppe Guastini


 

 

LA STRUTTURA DEL FORMAT PER IL BILANCIO DELLE COMPETENZE

Il bilancio delle competenze è un format on line predisposto da INDIRE che, sostanzialmente, consiste in un percorso di autovalutazione guidato, per mezzo del quale il docente, con il supporto del tutor, rileva il proprio livello di competenza percepito in nove “ambiti” altamente rappresentativi dell’espressione professionale della docenza nella scuola dell’infanzia e nel 1° ciclo.

I 9 ambiti, ciascuno identificato da una lettera minuscola (da “a” a “i”) e una titolazione, a loro volta sono:

  1. A) raggruppati in tre distinte aree maggiori:

AREA I. INSEGNAMENTO (DIDATTICA), che raggruppa gli ambiti “a”, “b”, “c”;

AREA II. PARTECIPAZIONE ALLA VITA SCOLASTICA (ORGANIZZAZIONE), che raggruppa gli ambiti

“d”, “e”, “f”;

AREA III. FORMAZIONE CONTINUA (PROFESSIONALITA’), che raggruppa gli ambiti “g”, “h”, “i”;

  1. B) articolati, al loro interno, in un numero – variabile da ambito ad ambito – di descrittori che

dettagliano e circoscrivono specifiche funzioni operative che caratterizzano il campo d’interesse

di ciascun ambito. Ad esempio: Ambito a) Organizzare situazioni di apprendimento;

descrittore: individuare con chiarezza le competenze (profili, traguardi, ecc.) che gli allievi

   devono conseguire.

La funzione dei descrittori è quella di definire meglio il campo di interesse dell’ambito di

appartenenza e aiutare il docente ad orientarsi nel suo percorso di auto-valutazione.

I descrittori comprendono anche l’indicazione dei destinatari: docenti di sostegno, della scuola

dell’infanzia, primaria o secondaria (1° e 2° grado). In mancanza di indicazioni il descrittore è

rivolto a tutte e quattro le tipologie di docenti.

NB: per facilitare la comunicazione, tutti descrittori del format sono numerati progressivamente

da 1 a 50.

 

Dal punto di vista grafico il format è composto da una serie di 9 tabelle (una per ciascun ambito) a due colonne: nella colonna di sinistra sono elencati i descrittori, in quella di destra sono riportate le domande-guida (vedi più avanti).

 

IL PROCEDIMENTO DI AUTOVALUTAZIONE

Il docente, con il supporto del tutor, deve riportare, in un’apposita casella di testo collocata in coda a ciascuna tabella-ambito:
a) in base alla propria auto-diagnosi critica, un giudizio scelto tra tre livelli predefiniti;

  1. b) un testo, per un massimo di 2000 battute, con le motivazioni del giudizio scelto.

 

LA SCELTA DEL LIVELLO PREDEFINITO

I tre livelli predefiniti sono:

1) ho l’esigenza di acquisire nuove competenze;

2) vorrei approfondire alcuni aspetti;

3) mi sento adeguato al compito.

La scelta del livello è il cuore del processo auto-valutativo e consegue:

  • ad una valutazione di carattere generale del campo di interesse dell’ambito considerato;

  • alla selezione da uno a tre descrittori compresi nell’ambito;

  • alla riflessione stimolata dalle domande-guida correlate ai descrittori e riportate nella colonna di

destra della tabella di ciascun ambito.

 

SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE

1) Scaricare il format in versione “trial” dalla piattaforma INDIRE e utilizzarlo come “brutta copia”;

2) ad iniziare dall’ambito “a” sino a completare tutta la serie dei 9 ambiti:

  1. a) riflettere sul significato generale del “titolo” dell’ambito considerato;
  2. b) leggere e riflettere sui descrittori contenuti nell’ambito selezionandone da 1 a 3

(NB: l’ambito “h” contiene 3 soli descrittori);

  1.            c) con l’aiuto delle domande-guida farsi un’idea del proprio livello di competenza rispetto

ai descrittori selezionati;

  1. d) selezionare, tra i tre predefiniti, il livello di competenza meglio rappresentativo della

propria situazione effettiva, come rilevata al precedente punto “c”;

  1. e) compilare la casella di testo riportando: I) il giudizio predefinito selezionato; II) le

motivazioni di tale scelta.

3) Revisionare (editing) e apportare integrazioni, modifiche etc in modo che il testo risulti conforme

ai seguenti indicatori:
a) fedeltà: la vostra situazione reale emerge dal testo?

  1. b) completezza: tutte le opzioni e le motivazioni risultano presenti?
  2. c) organizzazione: tutte le parti del testo sono poste nella sequenza giusta? Rilevate parti

mancanti o inutili?

  1. d) chiarezza e accessibilità: le terminologie e le frasi sono semplici, comprensibili e precise?

Qualche frase potrebbe essere accorciata o modificata?

Essendo l’attività di editing molto importante, utile non soltanto a migliorare il prodotto testuale

ma anche la comprensione, in termini di analiticità e completezza, del vostro livello di

competenza, vi consiglio di revisionare più volte i vostri testi.

4) Quando sarà disponibile il format on line definitivo, compilarlo trasferendovi, mediante la

funzione copia-incolla, i testi contenuti nella vostra “brutta copia”.

 

SIMULAZIONI

Nelle simulazioni che seguono sono state compilate le caselle di testo di 2 ambiti; nella compilazione è stata seguita una sequenza argomentativa in 4 parti:

1) Parte iniziale: sono state riportate le motivazioni della scelta dei descrittori selezionati.

ESEMPI: “Ho scelto i/l descrittore/i N°_________ perché…….

  • ……attraverso le domande-guida e la mia esperienza professionale ho rilevato un mio

     specifico deficit personale;

  • ….. dagli esiti delle prove INVALSI (oppure) dai piani di miglioramento concordati in esito al

     RAV, costituiscono un fattore di qualità importante per la mia scuola;

  • ……nel plesso dove insegno costituiscono punti particolarmente sensibili;

  • ……nella disciplina/campo d’esperienza/attività di cui sono titolare sono fattori altamente

     qualificanti;

  • etc .

 

NB: ricordo ancora che l’ambito “h” comprende 3 soli descrittori, quindi, se si selezionano tutti, la

motivazione non sarà più una motivazione di scelta rispetto ad un menù ma “il perché” si

considerano tutti.

 

2) Parte dedicata alla motivazione del giudizio predefinito: è stata descritta, rispetto ai descrittori

prescelti, una possibile situazione soggettiva in termini di competenza auto-percepita.

 

3) Parte dedicata alla formulazione del livello di competenza percepito: è stato riportato uno dei

tre livelli previsti dal format INDIRE.

 

4) Parte dedicata alla decisione: è stata riportata la decisione riguardante l’inserimento o meno,

nel successivo Patto per lo sviluppo professionale, ai fini della definizione delle azioni di

miglioramento conseguenti.

 

 

SIMULAZIONE 1

AMBITO a) Organizzare situazioni di apprendimento

 

DESCRITTORI SELEZIONATI E CONSIDERATI:

[1] Individuare con chiarezza le competenze (profili, traguardi, ecc.) che gli allievi devono

     conseguire

[2] Rendere operativi gli obiettivi di apprendimento individuati, traducendoli in evidenze concrete

     capaci di supportare la verifica del loro conseguimento

[7] Strutturare l’azione di insegnamento, impostando una relazione coerente tra ciò che gli allievi

     conoscono già e un percorso didattico caratterizzato da obiettivi, attività, mediatori e valutazione

 

Casella di testo compilata:

In accordo con il mio docente tutor ho scelto i descrittori 1, 2 e 7 perché, dalle domande guida e dalla mia esperienza professionale pregressa ho: a) riscontrato una mia specifica condizione da migliorare; b) verificato che costituiscono importanti elementi di riferimento dei Piani di Miglioramento derivanti dal RAV d’istituto.

L’identificazione chiara e condivisa delle competenze attese (1), la loro declinazione in “prestazioni” osservabili e verificabili (2) costituiscono in effetti la premessa indispensabile per modulare il flusso delle esperienze d’apprendimento coerente con le caratteristiche degli allievi (7). Essendo titolare dell’insegnamento di Italiano, una disciplina i cui esiti d’apprendimento sono particolarmente sensibili alla qualità degli obbiettivi proposti e alle modalità di verifica, attraverso l’autovalutazione indotta dai predetti descrittori e dalle corrispondenti domande-guida, dopo essermi consultata/o con il tutor, ho rilevato una mia situazione da migliorare, in particolare nei descrittori 1 e 2 e l’opportunità di condividere con i colleghi le iniziative di miglioramento correlate. Il mio livello di competenza percepito è pertanto: “1) Ho l’esigenza di acquisire nuove competenze”. Per tali ragioni, in accordo con il tutor, proporrò l’inserimento di attività di miglioramento rivolte all’ambito “a” nel Patto per lo sviluppo professionale.

(1195 battute senza spazi e 1386 battute spazi incusi)

SIMULAZIONE 2

AMBITO b) Osservare e valutare gli allievi secondo un approccio formativo

 

DESCRITTORI CONSIDERATI:

[14] Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all’obiettivo prestabilito

       attraverso un feedback progressivo

[16] Fornire indicazioni per consolidare gli apprendimenti e favorire integrazione e ristrutturazioni

       delle conoscenze a distanza di tempo

 

Casella di testo compilata:

Dopo essermi consultata/o con il docente tutor, ho scelto i descrittori 14 e 16 perché, dalle domande guida, ho rilevato un’area professionale da approfondire.

I predetti descrittori sono inoltre afferenti alla 5^ competenza chiave “imparare ad imparare” e, conseguentemente, altamente strategici ai fini del controllo, da parte degli allievi, delle proprie attività d’apprendimento e della loro rielaborazione successiva. Ritengo che questa capacità di controllo sia particolarmente importante in matematica, la disciplina di cui sono titolare, nella quale molti concetti conseguono in modo rigoroso da concetti precedenti, secondo procedimenti deduttivi che richiedono un’elevata capacità di consapevolezza e gestione dei propri processi di apprendimento. In particolare, attraverso l’autovalutazione stimolata dal descrittore 16, avverto l’esigenza di approfondire questa specifica area professionale. Il mio livello di competenza percepito pertanto è: “ 2) Vorrei approfondire alcuni aspetti”. Per tali ragioni, avendo consultato il tutor, proporrò l’inserimento di attività di miglioramento rivolte all’ambito “b” nel Patto per lo sviluppo professionale.

(1006 battute senza spazi e 1159 battute spazi incusi)


 

 

PATTO PER LO SVILUPPO PROFESSIONALE

(Art. 5 comma 3 del DM 850/2015)

AS__________________

Tra il dirigente scolastico……………………………………………………………………………………..

d’ora in avanti indicato con “dirigente”, legale rappresentante de……………………….………………

…………………………………………………………………………………………………………………..

e

l’insegnante neo-assunto……………………………………………………………………………………..

…………………………………………………………………………………………………………………..

d’ora in avanti in dicato con “docente”, impegnato nel periodo di formazione e prova ai sensi dello

Art. 1, comma 115 e seguenti della L. 107/2015, assegnato, per il corrente AS al plesso/sede:

…………………….…………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………..;

  • visto l’Art. 5, comma 3 del DM 850/2015;

  • visto il “bilancio delle competenze iniziale” ex Art. 5, commi 1 e 2;

si concorda e si sottoscrive il seguente

PATTO PER LO SVILUPPO PROFESSIONALE

1) Il dirigente designa, quale docente tutor, ai sensi e per gli effetti di quanto previsto dall’Art. 12

del DM 850/2015, il docente………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………….

titolare dell’insegnamento…………………………………………………………………………………

……………………………………………………………… presso il plesso/sede……………………..

……………………………………………………………………………………………………………….

………………………………………………………………………………………………………………..

2) Il docente tutor di cui al precedente punto 1 svolge funzioni di accoglienza, accompagnamento,

facilitazione, ascolto, consulenza, collaborazione, supporto e supervisione durante il percorso

formativo del docente e assolve agli impegni previsti dal DM 850/2015.

3) Il dirigente fornisce al docente:

  • il piano dell’offerta formativa e la documentazione tecnico-didattica relativa alle classi, ai corsi

e agli insegnamenti di sua pertinenza;

  • link per l’accesso ai documenti fondamentali e identitari dell’istituzione scolastica (regolamento

d’istituto, contratto integrativo d’istituto, carta dei servizi etc);

  • link per l’accesso alle norme ordinamentali fondamentali relative all’ordine scolastico di

4) Il dirigente fornisce e/o facilita inoltre:

  • l’uso di locali o strutture scolastiche per lo svolgimento delle attività di formazione e prova;

  • un’organizzazione dell’orario di lavoro in modo da consentire nel miglior modo possibile lo

espletamento, da parte del docente, delle attività e dei compiti previsti dal percorso di

formazione e prova;

  • ogni utile indicazione, informazione, suggerimento etc volto a facilitare l’integrazione nello

ambito delle attività d’istituto.

5) Il dirigente fornisce al Comitato per la valutazione dei docenti, ex Art. 11, comma 4 del

D.L.vo 297/1994, come modificato dall’Art. 1, comma 129 della L. 107/2015 (d’ora in avanti

“comitato”), ogni documento e informazione utile all’espressione del parere di cui al predetto

6) Il docente a sua volta si impegna ad assolvere, con puntualità, diligenza e impegno:

  • le attività di insegnamento;

  • le attività funzionali all’insegnamento;

  • la partecipazione alle sedute degli OO.CC. di cui fa parte;

  • la partecipazione allo sviluppo organizzativo dell’istituto;

  • ai doveri e ai comportamenti previsti per i pubblici dipendenti;

  • a mantenere con i colleghi, genitori, alunni etc rapporti positivi e collaborativi volti a favorire

un clima relazionale costruttivo.

7) Il docente si impegna a partecipare ed assolvere gli obblighi previsti nell’ambito del periodo di

formazione e prova e a produrre tutta la documentazione richiesta.

8) Tra gli impegni richiamati al precedente punto 7, il docente dedica particolare attenzione alla

realizzazione del “bilancio delle competenze”, su piattaforma digitale INDIRE, sia in ingresso

che in uscita e alla conseguente “analisi dei fabbisogni formativi”, come specificati all’Art. 5 del

DM 850/2015 e come risultano nelle tabelle riportate al successivo punto 9.

9) Nelle tabelle che seguono è sintetizzato il “progetto formativo” del docente; nella parte sinistra

delle tabelle sono riportati, distintamente per AREE e per AMBITI, i 50 descrittori analitici

presenti sul format INDIRE del bilancio delle competenze richiamato al punto 8; i descrittori

selezionati operano anche quali obbiettivi del presente patto.

AMBITI DI SVILUPPO PROFESSIONALE SUI QUALI IMPEGNARSI MAGGIORMENTE

I. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALL’INSEGNAMENTO (Didattica)

AMBITO a) Organizzare situazioni di apprendimento

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .  Se si è scelto “si”

compilare la tabella; se si è scelto “no” passare alla tabella successiva.

E OBIETTIVI DEL PATTO

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

[1] Individuare con chiarezza le competenze (profili,

traguardi, ecc.) che gli allievi devono conseguire

[2] Rendere operativi gli obiettivi di apprendimento

individuati, traducendoli in evidenze concrete

capaci di supportare la verifica del loro

[3] (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

SOSTEGNO) Individuare i concetti-chiave della

disciplina / porre in relazione i concetti-chiave

per costruire un percorso formativo adeguato

alla classe, all’alunno

[4] (INFANZIA, compreso SOSTEGNO) Conoscere

i concetti fondamentali dei campi di esperienza

[5] (SOSTEGNO) Elaborare il Piano Educativo

Individualizzato (PEI, PEP, PDP…) per gli allievi

con bisogni educativi speciali, rendendolo

coerente con il percorso della classe

[6] (INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA)

Partecipare alla progettazione di percorsi

personalizzati e inclusivi per allievi con

particolari problematiche affinché possano

progredire all’interno del gruppo classe

[7] Strutturare l’azione di insegnamento,

STRATEGIA FORMATIVA DI

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

specifici da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] attività peer to peer dedicata

a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] corso di

formazione…………………………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..………………………………

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

………………………………………………………..

[  ] altro:…………………………………………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

MIGLIORAMENTO

impostando una relazione coerente tra ciò che

gli allievi conoscono già e un percorso didattico

caratterizzato da obiettivi, attività, mediatori e

[8] Verificare l’impatto dell’intervento didattico

rimettendone a fuoco gli aspetti essenziali

[9] Utilizzare le tecnologie per migliorare la

comunicazione e la mediazione didattica, anche

in vista di interventi funzionali e/o compensativi

[10] Prevedere compiti di apprendimento in cui gli

allievi debbano fare uso delle tecnologie

[11] Attivare gli allievi nel costruire conoscenze

individualmente e in gruppo attraverso la

definizione di attività “in situazione” aperte e

sfidanti che richiedano ricerca, soluzione di

problemi, costruzione di progetti

[12] Prefigurarsi i possibili ostacoli di

apprendimento e predisporre adeguate

strategie di intervento

AMBITO b) Osservare e valutare gli allievi secondo un approccio formativo

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .  Se si è scelto “si”

compilare la tabella; se si è scelto “no” passare alla tabella successiva.

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA

E OBIETTIVI DEL PATTO

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

[13] Acquisire una visione longitudinale degli

obiettivi dell’insegnamento (curricolo verticale)

[14] Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro

avanzamenti rispetto all’obiettivo prestabilito

attraverso un feedback progressivo

[15] Utilizzare diverse tecniche e strumenti per la

valutazione formativa

[16] Fornire indicazioni per consolidare gli

apprendimenti e favorire integrazione e

ristrutturazioni delle conoscenze a distanza di

[17] Verificare collegialmente l’acquisizione di

competenze trasversali (soft skills).

STRATEGIA FORMATIVA DI

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] attività peer to peer dedicata

a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] corso di

formazione…………………………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..………………………………

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

………………………………………………………..

[  ] altro:…………………………………………………

MIGLIORAMENTO

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

AMBITO c) Coinvolgere gli allievi nel loro apprendimento e nel loro lavoro

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .  Se si è scelto “si”

compilare la tabella; se si è scelto “no” passare alla tabella successiva.

E OBIETTIVI DEL PATTO

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

[18] Lavorare partendo dalle conoscenze degli

allievi. Rilevare le conoscenze esistenti e i

legami tra le stesse

[19] Costruire ambienti di apprendimento capaci di

sollecitare partecipazione, curiosità,

motivazione e impegno degli allievi

[20] Sviluppare la cooperazione fra gli allievi e le

forme di mutuo insegnamento

[21] Favorire autoregolazione, autonomia e

strategie di studio personali

[22] Costruire regole chiare e condivise insieme alla

[23] (INFANZIA) Curare l’organizzazione di una

giornata educativa equilibrata, ricca di momenti

di accoglienza, relazione, gioco,

apprendimento, vita pratica

STRATEGIA FORMATIVA DI

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] attività peer to peer dedicata

a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] corso di

formazione…………………………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..………………………………

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

………………………………………………………..

[  ] altro:…………………………………………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

MIGLIORAMENTO

II. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PARTECIPAZIONE SCOLASTICA

(Organizzazione)

AMBITO d) Lavorare in gruppo tra insegnanti

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .  Se si è scelto “si”

compilare la tabella; se si è scelto “no” passare alla tabella successiva.

E OBIETTIVI DEL PATTO

STRATEGIA FORMATIVA DI

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

MIGLIORAMENTO

competenze”) nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

[24] Elaborare e negoziare un progetto educativo di

team, costruendo prospettive condivise sui

problemi della comunità scolastica

[25] Partecipare a gruppi di lavoro tra insegnanti,

condurre riunioni, fare sintesi

[26] Proporre elementi di innovazione didattica da

[27] Innescare ed avvalersi di attività di peer-review

e peer-learning tra colleghi

[28] (SOSTEGNO) Focalizzare l’attenzione dello

intero gruppo docente (team, consiglio di c

classe, ecc.) sui temi dell’inclusione.

da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] attività peer to peer dedicata

a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] corso di

formazione…………………………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..………………………………

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

………………………………………………………..

[  ] altro:…………………………………………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

AMBITO e) Partecipare alla gestione della scuola

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .  Se si è scelto “si”

compilare la tabella; se si è scelto “no” passare alla tabella successiva.

E OBIETTIVI DEL PATTO

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

[29] Contribuire alla gestione delle relazioni con i

diversi interlocutori (parascolastici, di quartiere,

associazioni di genitori, insegnamenti di lingua

e cultura d’origine)

[30] (SOSTEGNO) Curare i rapporti con le équipe

multidisciplinari ed i servizi specialistici.

[31] Organizzare e far evolvere, all’interno della

scuola, la partecipazione degli allievi

[32] Partecipare ai processi di autovalutazione della

[33] Impegnarsi negli interventi di miglioramento

dell’organizzazione scolastica.

STRATEGIA FORMATIVA DI

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] attività peer to peer dedicata

a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] corso di

formazione…………………………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..………………………………

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

MIGLIORAMENTO

……………………………………………………….

……………………………………………………….

………………………………………………………..

[  ] altro:…………………………………………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

AMBITO f) Informare e coinvolgere i genitori

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .  Se si è scelto “si”

compilare la tabella; se si è scelto “no” passare alla tabella successiva.

E OBIETTIVI DEL PATTO

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

[34] Coinvolgere i genitori nella vita della scuola

[35] Organizzare riunioni d’informazione e di

dibattito sui problemi educativi

[36] Comunicare ai genitori obiettivi didattici,

strategie di intervento, criteri di valutazione e

risultati conseguiti

[37] (INFANZIA E SOSTEGNO) Assicurare un

rapporto personalizzato e accogliente verso

STRATEGIA FORMATIVA DI

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] attività peer to peer dedicata

a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] corso di

formazione…………………………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..………………………………

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

………………………………………………………..

[  ] altro:…………………………………………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

MIGLIORAMENTO

III. AREA DELLE COMPETENZE RELATIVE ALLA PROPRIA FORMAZIONE (Professionalità)

AMBITO g) Affrontare i doveri e i problemi etici della professione

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .  Se si è scelto “si”

compilare la tabella; se si è scelto “no” passare alla tabella successiva.

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA STRATEGIA FORMATIVA DI

E OBIETTIVI DEL PATTO

MIGLIORAMENTO

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

[38] Rispettare regole, ruoli e impegni assunti allo

interno del proprio contesto professionale

[39] Ispirare la propria azione a principi di lealtà,

collaborazione, reciproca fiducia tra le diverse

[40] Contribuire al superamento di pregiudizi e

discriminazioni di natura sociale, culturale o

[41] Rispettare la privacy delle informazioni

acquisite nella propria pratica professionale.

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] attività peer to peer dedicata

a:……………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] corso di

formazione…………………………………

………………………………………………………..

………………………………………………………..

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..………………………………

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

………………………………………………………..

[  ] altro:…………………………………………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

AMBITO h) Servirsi delle nuove tecnologie per le attività progettuali, organizzative e

formative

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .  Se si è scelto “si”

compilare la tabella; se si è scelto “no” passare alla tabella successiva.

E OBIETTIVI DEL PATTO

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

[42] Utilizzare efficacemente le tecnologie per

ricercare informazioni

[43] Utilizzare le tecnologie per costruire reti e

scambi con altri colleghi anche nell’ottica di

formazione continua.

[44] Esplorare le potenzialità didattiche dei diversi

dispositivi tecnologici

STRATEGIA FORMATIVA DI

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] attività peer to peer dedicata a:…………………..

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] corso di formazione………………………………..

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..……………………………

MIGLIORAMENTO

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] altro:…………………………………………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

In base alle risultanze del bilancio iniziale delle competenze, si intende

AMBITO i) Curare la propria formazione continua

in particolare lavorare su questo ambito ?  [SI]  [NO] .

Se si è scelto “si” compilare la tabella.

DESCRITTORI ANALITICI DI COMPETENZA

(scrivere una x nella casella corrispondente ai

descrittori selezionati nel “bilancio iniziale delle

[45] Documentare la propria pratica didattica

[46] Reinvestire, nelle pratiche, i risultati dell’analisi

e della riflessione sull’agito

[47] Aggiornare il proprio bilancio di competenze ed

elaborare un proprio progetto di sviluppo

[48] Partecipare a programmi di formazione

personale e con colleghi, gruppi, comunità di

[49] Essere coinvolto in attività di ricerca didattica,

anche in forma collaborativa

[50] Utilizzare i risultati della ricerca per innovare le

proprie pratiche didattiche

E OBIETTIVI DEL PATTO

STRATEGIA FORMATIVA DI

completare scrivendo una x nella casella

corrispondente alla tipologia formativa scelta e,

nelle righe, riportare sinteticamente i contenuti

da sviluppare.

Effettuazione e/o partecipazione a:

[  ] laboratorio territoriale dedicato a:…………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] formazione on line dedicata a:……………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] attività peer to peer dedicata a:…………………..

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] corso di formazione………………………………..

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] acquisto di…………………………………………..

………………………..……………………………

mediante la carta del docente

[  ] auto-formazione in proprio consistente in:………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

[  ] altro:…………………………………………………

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

……………………………………………………….

MIGLIORAMENTO

10) Il docente si impegna a consegnare, entro un termine congruo, al dirigente, la documentazione

indicata all’Art. 13, comma 2 del DM 850/2015 e predisporre una organica presentazione, per il

Comitato, come previsto dal predetto comma 2.

11) In caso di controversie nell’applicazione del presente patto si dà luogo, a richiesta scritta di una

delle parti sottoscriventi, ad un tentativo obbligatorio di conciliazione davanti al comitato a tale

scopo convocato dal dirigente, per una valutazione da svolgersi entro 5 giorni dalla data di

protocollo della predetta richiesta.

Sino all’esperimento del predetto tentativo di conciliazione le parti si astengono da ogni azione

unilaterale in grado di produrre conseguenze giuridicamente rilevanti. Il tentativo di

conciliazione ha luogo una sola volta; in caso di mancata conciliazione le parti riacquistano

libertà d’iniziativa.

Il docente                                                                                             il dirigente

…………………………………..                                                         ……………………………………

….……………………………………………………………

luogo data

 

Lascia un commento