COSTITUITI GLI AMBITI TERRITORIALI IN EMILIA-ROMAGNA

COSTITUITI GLI AMBITI TERRITORIALI DI CUI ALLA L. 107/15
SONO COMPLESSIVAMENTE 22 IN EMILIA-ROMAGNA

Con Decreto del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna,
pubblicato sul sito www.istruzioneer.it sono stati costituiti gli ambiti territoriali previsti
dall’art. 1 co. 66 della L. n. 107/15 (Buona scuola) per la regione Emilia-Romagna. E’ infatti
stabilito, sulla base di quanto specificato nella suddetta legge, che i ruoli del personale
docente sono regionali, articolati in ambiti territoriali e suddivisi in sezioni separate per gradi
di istruzione, classi di concorso e tipologie di posto. A decorrere dall’a.s. 2016/17 è stata
definita la suddivisione del territorio della nostra regione in 22 ambiti territoriali, nei quali
sono ricompresi i comuni in cui hanno la sede di dirigenza le istituzioni scolastiche della
regione. A Bologna sono 4 gli ambiti territoriali, seguono Modena e Reggio Emilia, ciascuna
con 3 ambiti. Le restanti province della regione ne avranno 2. La suddivisione è stata
effettuata sulla base dei criteri determinati dalla legge stessa quali la popolazione scolastica,
la prossimità delle istituzioni scolastiche, le caratteristiche del territorio, tenendo anche
conto delle specificità delle aree interne e montane, della presenza di scuole nelle carceri,
nonché di ulteriori situazioni o esperienze territoriali già in atto. Per ciascuna istituzione
scolastica appartenente agli ambiti territoriali sono compresi nel medesimo ambito i plessi e
le sedi e/o sezioni staccate di pertinenza, anche se collocate in comuni diversi.
“La costituzione degli ambiti territoriali – spiega il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico
Regionale, Stefano Versari – rappresenta un adempimento strategico per il funzionamento
delle scuole e per il personale docente che opera nel nostro territorio. Per il futuro, infatti –
prosegue Stefano Versari – in base a tali ambiti, e previa emanazione dei relativi
provvedimenti ministeriali, si andrà a determinare l’organico dell’autonomia (organico di
diritto e i posti per il potenziamento, l’organizzazione, la progettazione e il coordinamento, il
fabbisogno per i progetti e le convenzioni). Allo stesso modo, la legge prevede che anche la
mobilità territoriale e professionale del personale docente opererà tra gli ambiti territoriali”.
Di seguito il link attraverso cui consultare il testo integrale del Decreto:

Costituzione degli Ambiti Territoriali

Lascia un commento