Perché

PERCHÉ PERCHÉ PERCHÉ di Umberto Tenuta

CANTO 640 ALUNNI DEI PERCHÉ

-Perché tu sei la Mamma?

­-Perché tu sei Papà?

-Perché io sono Figlio?

-Perché queste si chiamano Mele?

-Perché mangio il Pane?

LA SCUOLA DEI perché.

Quella dei bimbi che ancora non vanno a scuola.

Quella dei bambini che sono rimasti bambini.

Quella dei bambini non scolarizzati.

Quella dei bambini che possono fare tutte le domande che in loro nascono alla vista del mondo.

Volete che la SCUOLA sia una SCUOLA BUONA?

Lasciate che i bimbi chiedano tutti i PERCHÉ che vogliono.

Ma, ATTENZIONE, non date risposte.

Incoraggiate i bimbi a cercare le risposte.

Aiutateli a costruire, a inventare, a costruire le risposte.

PROVANDO E RIPROVANDO.

SPERIMENTANDO.

INVENTANDO.

COSTRUENDO.

Le risposte ai PERCHÉ degli alunni non le dà il docente.

Maiiiiiiii!

Il docente aiuta gli alunni a cercarle.

A cercarle, non su INTERNET.

Ma con le mani, i piedi, gli occhi, il naso, le orecchie, il tatto.

È questa la SCUOLA DELLA RICERCA.

Una scuola senza cattedra, senza lavagna, senza banchi.

Una SCUOLA LABORATORIALE.

Laboratori agazziani.

Laboratori montessoriani.

Laboratori digitali.

Non più aule.

Solo laboratori nei quali gli alunni, lavorando preferibilmente in gruppo, possano cercare, inventare, costruire le risposte ai loro inesauribili perché.

 

Tutti i miei Canti −ed altro− sono pubblicati in:

http://www.edscuola.it/dida.html

Altri saggi sono pubblicati in

www.rivistadidattica.com

E chi volesse approfondire questa o altra tematica

basta che ricerchi su Internet:

“Umberto Tenuta” − “voce da cercare”

 

Lascia un commento