PA, l’8 marzo arriva la password che crea l’identità digitale

da La Tecnica della Scuola

PA, l’8 marzo arriva la password che crea l’identità digitale

Martedì 8 marzo arriva la password unica della Pubblica Amministrazione, che sulla carta dovrebbe essere in grado di aprire a una nuova identità del cittadino: quella digitale.

L’iniziativa del Governo nasce dall’esigenza – dopo annunci, decreti, sperimentazioni – di riunire on line oltre 300 servizi: dal fisco alla sanità, con un pool di una decina di amministrazioni, comprese quelle relative all’istruzione pubblica.

La password si chiamerà ‘Spid’, acronimo di sistema pubblico d’identità digitale. Chiunque vuole potrà fare richiesta per ottenere la ‘chiave’. L’obiettivo dell’Esecutivo è coprire 10 milioni di utenti entro la fine del 2017.

Alla vigilia del debutto del servizio, vi proponiamo le principali ‘avvertenze’ per lo Spid riassunte dall’agenzia Ansa.

 

LA PASSWORD UNICA PER TUTTI GLI ‘SPORTELLI’ ON LINE. Una sola identità che rimpiazza i diversi codici esistenti, per entrare via web, senza fare code, nei servizi pubblici ma anche in quelli privati (la sfida è fare in modo che il sistema si estenda a tutti). Basta inserire il nome utente e una password composta da minimo otto caratteri, con alcune condizioni: almeno un numero e un simbolo speciale (%, #, $), mai segni uguali consecutivi, sia lettere minuscole che maiuscole. La password va aggiornata ogni sei mesi. Sarà comunque il gestore dell’identità digitale, a dettagliare gli standard.

 

I SERVIZI ON LINE, DAL FISCO ALLA SANITA’. I servizi a cui si può accedere sono quelli pubblici: dal pagamento della Tasi al bollo auto. Anche le prestazioni sanitarie o il fascicolo dell’Inps sono gestibili via web, tramite pc, tablet o smartphone. Le indiscrezioni parlano per ora di 114 servizi dell’Istituto nazionale di previdenza (riscatto della laurea, richiesta degli assegni familiari), a cui si aggiungono 103 servizi dell’Inail (consultazione Cud, richiesta bollettini) e molti dell’Agenzia delle Entrate. Ci sono poi sei Regioni già pronte con alcuni servizi locali: Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Marche e Toscana (con la possibilità di saldare tributi, mensa scolastica e ticket sanitari via web). Ma fanno sapere dall’Agid, l’Agenzia per l’Italia digitale, altre amministrazioni sarebbero pronte martedì ad annunciare la propria partenza. Tra i Comuni a fare da apripista sarà Firenze.

 

TRE LIVELLI DI SICUREZZA, ANCHE UNA SORTA DI ‘SMART CARD’. Le regole per l’attuazione dell’identità digitale sono state sottoscritte anche dal Garante della Privacy, proprio per assicurare la riservatezza. Con questo obiettivo sono stati disegnati tre livelli di sicurezza, a seconda del servizio. Al livello base serve solo il Pin unico (username e password), al secondo gradino si affianca una “one time password” (usa e getta, come quelle degli home banking), al terzo si aggiunge una sorta di “smart card”, un supporto fisico (è il caso di operazioni come il trasferimento di fondi o lo scambio di documenti con dati sensibili).

LA ‘FACCIA’ DI SPID, LA STESSA PER TUTTE LE AMMINISTRAZIONI. A un solo Pin si associa anche un unico link, un ‘bottone’ telematico contraddistinto da un logo, la sigla Spid in blu e bianco. Non sarà solo una questione di grafica, Agid ha lavorato affinché il sistema fosse semplice e accessibile per tutti i cittadini, partendo dal fatto che spesso i servizi digitali non vengono sfruttati proprio perché difficili e poco chiari. Il Governo sta anche lavorando a costruire un mega portale, un’interfaccia per tutta la P.a digitale e il progetto ha già un nome: Italia login. D’altra parte Spid è la punta di diamante di un nuovo corso in cui rientrano anche l’Anagrafe unica i pagamenti elettronici e il domicilio digitale.

 

COME OTTENERE IL PIN, E’ GRATIS MAIL O RACCOMANDATA. Lo Spid arriva per raccomandata o per mail. Ma l’invio non sarà automatico, si deve fare richiesta al gestore dell’identità digitale: un’operatore dedicato, accreditato dalla P.a. e iscritto in un apposito albo (per ora Tim, Poste e Infocert). Per ottenere lo Spid occorre dare dati anagrafici: nome, cognome, sesso, luogo e data di nascita, codice fiscale, estremi del documento d’identità, mail, numero di cellulare. Tutto sarà poi sottoposto a verifica (a vista o per vie digitali). L’Agid, l’Agenzia per l’Italia digitale che guida le operazioni, assicura che lo Spid é a costo zero (esclusa la “smart card”).

 

LE TAPPE, PARTENZA IN RITARDO, ORA DI CORSA. La prima password doveva essere rilasciata dopo l’estate e si puntava ad avere già 3 milioni di utenti a settembre dello scorso anno, poi c’è stato un rinvio. D’altra parte è stata necessaria una lunga fase di test per far sì che l’operazione fosse conclusa con tutte le rassicurazioni del caso. Marzo dovrebbe essere il mese giusto, vista la presentazione in calendario, annunciata dal ministro della P.A. Marianna Madia. Martedì è prevista una conferenza stampa a palazzo Vidoni con tutti i principali attori, tra gli altri, oltre al ministro, Antonio Samaritani (Agid), Tito Boeri (Inps), Marco Patuano (Tim) e Francesco Caio (Poste). L’intento è quello di accelerare per arrivare entro il 2017 ad avere tutti i servizi pubblici online.

Lascia un commento