Un posto per metà dei candidati che hanno superato gli scritti

print

da tuttoscuola.com

Concorso
Un posto per metà dei candidati che hanno superato gli scritti
Nelle graduatorie di merito finali entrerà soltanto il 55% degli ammessi all’orale

Il Miur, nel rendere noti i dati principali relativi alle prove scritte del concorso docenti 2016, ha precisato che si è presentato il 76,23% dei 165.578 candidati.

Ciò significa che in effetti hanno sostenuto le prove scritte 126.220 candidati, mentre 39.358 (il 23,77%) candidati non si sono nemmeno presentati.

Considerato che i posti a concorso sono 63.712, significa che mediamente quasi la metà di quei candidati che hanno affrontato le prove scritte uscirà vincitore di un posto: 1 ogni due.

Dopo gli scritti, verranno le prove orali sotto forma di lezione simulata che i candidati dovranno sostenere davanti alle commissioni.

Per questo concorso è prevista una novità che probabilmente non sarà gradita ai candidati.

La legge e i bandi del concorso hanno disposto che le graduatorie di merito finali non comprenderanno tutti i candidati che supereranno anche gli orali (come è sempre avvenuto in passato), bensì soltanto (oltre al numero dei posti a concorso) il 10% dei posti.

Le graduatorie di merito, quindi, saranno al massimo pari a 70.083 posti: 63.712 + 6.371 (10%), pari al 55,5% degli attuali ammessi.

Anzi, considerato che oltre 2 mila posti rimarranno vacanti a causa del numero insufficiente di candidati, le graduatorie finali potranno accogliere poco meno di 68 mila candidati.

Se anche tutti i 126.220 candidati che hanno superato gli scritti riuscissero a superare gli orali, 58.200 di loro non entreranno in nessuna graduatoria.