Direttiva 16 gennaio 2012, n. 5

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Direttiva 16 gennaio 2012, n. 5
(in SO n. 60 alla GU 30 marzo 2012, n. 76)

Linee Guida per il secondo biennio e quinto anno per i percorsi degli Istituti Professionali a norma dell’articolo 8, comma 6, del d.P.R. 15 marzo 2010, n. 87.

IL MINISTRO

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n.275, recante norme in materia
di autonomia delle istituzioni scolastiche;
VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 2009, n.122, relativo al
coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli alunni;
VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 87, recante norme per il
riordino degli istituti professionali reso in attuazione dell’articolo 64, comma 4, del
decreto legge 25 giugno 2008, n.112, convertito con modificazioni, dalla legge 6 agosto
2008, n.133;
VISTO in particolare, l’articolo 8, comma 6, del citato decreto del Presidente della Repubblica
n.87/2010, il quale prevede che il passaggio al nuovo ordinamento sia definito da linee
guida a sostegno dell’autonomia organizzativa e didattica delle istituzioni scolastiche,
anche per quanto concerne l’articolazione in competenze, abilità e conoscenze dei risultati
di apprendimento di cui agli allegati B e C del predetto decreto;
VISTA la Direttiva n. 65 del 28 luglio 2010 con la quale sono state emanate le Linee Guida per il
primo biennio dei percorsi degli Istituti Professionali;
CONSIDERATO che nell’anno scolastico 2012/2013 prenderà avvio il secondo biennio dei
percorsi degli Istituti Professionali secondo il nuovo modello ordinamentale;
RITENUTO necessario, a completamento dell’applicazione dell’art. 8, comma 6, del decreto del
Presidente della Repubblica n. 87/2010, definire le Linee Guida dei percorsi degli Istituti
Professiona1i anche per il secondo biennio e per il quinto anno;
CONSIDERATO che i contenuti delle Linee Guida di cui alla presente Direttiva tengono conto
delle attività istruttorie del Gruppo Tecnico di Lavoro di cui al Decreto dipartimentale n.
12 del 17 febbraio 2009 e delle proposte a riscontro dell’interlocuzione, in presenza e a
distanza tramite attivazione di una piattaforma online sul sito dell’Ansas/Indire, con i
dirigenti scolastici e il docenti degli istituti tecnici nonché del confronto con le parti sociali,
le associazioni professionali e disciplinari, i collegi ed ordini professionali i cui risultati
sono stati presentati nell’incontro nazionale tenutosi presso la Sala della Comunicazione il
30 novembre 2011;

emana la seguente direttiva:

Art. 1
Oggetto
l. Sono definite, in relazione al secondo biennio e al quinto anno dei percorsi degli Istituti
Professionali, le Linee Guida di cui all’unito documento tecnico, parte integrante della
presente direttiva, rese in applicazione dell’articolo 8, comma 6, del decreto del Presidente
della Repubblica 15 marzo 2010, n. 87.
2. Le Linee Guida del secondo biennio e del quinto, anno sono poste in linea di continuità con
le Linee Guida del primo biennio emanate con la Direttiva n. 65/2010, di cui costituiscono il
completamento, e intendono fornire un supporto all’autonomia delle istituzioni scolastiche
per sostenere il passaggio al nuovo ordinamento degli istituti professionali, a partire dalle
terze classi funzionanti dall’anno scolastico 2012/2013, con particolare riferimento agli
aspetti innovativi introdotti dal riordino e ai risultati di apprendimento di cui agli allegati
B) e C) del Regolamento n. 87/2010 sopra richiamato.

Art. 2
Monitoraggio
1. L’attuazione delle Linee Guida del secondo biennio e del quinto, anno sono oggetto di
periodico monitoraggio, anche ai fini della loro innovazione permanente.
2. Per le predette attività di monitoraggio ci si avvarrà della collaborazione dell’Agenzia
Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica (A.N.S.A.S) e dell’Istituto Nazionale
per la Valutazione del Sistema educativo di istruzione e formazione (l.N.VAL.SI).
La presente Direttiva è sottoposta ai controlli di legge e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale
della Repubblica Italiana.

IL MINISTRO
Francesco Profumo

Registrato alla Corte dei Conti
il 20 febbraio 2012
reg. 2 – foglio 318

Un commento su “Direttiva 16 gennaio 2012, n. 5”

I commenti sono chiusi.