Domande su tutto

DOMANDE SU TUTTO Umberto Tenuta

CANTO 764 IL DOMANDARE TOTALE

I perché di ogni cosa

Perché abbiamo cinque dita?

Perché il gallo canta?

Perché la gallina fa le uova?

Perché io sono qua?

 

UOMO DEI PERCHÉ!

Solo l’uomo si pone dei perché.

Il PERCHÉ è la lampada con la quale l’uomo, e solo l’uomo, cerca di conoscere le cose, tutte le cose della terra e del mondo.

L’uomo è figlio dei PERCHÉ.

Se non si fosse posto dei perché, l’uomo sarebbe rimasto sull’albero.

Sono stati i suoi perché a far scendere lo scimmione dall’albero ed a fargli apprendere a camminare eretto, ad apporre il pollice alle altre dita, a utilizzare gli oggetti, a creare gli utensili, a costruire la Cultura!

La Cultura, creata dall’uomo, crea gli uomini.

Crea gli uomini, perché l’essenza dell’uomo è la sua cultura.

Il figlio di donna non nasce uomo.

Diventa uomo solo attraverso l’acquisizione della cultura.

E il figlio di donna acquisisce la cultura, come fecero gli uomini nel corso dei millenni: ponendosi domande.

Non c’è acquisizione di cultura senza domande.

Forse è il caso di prendere atto che il bimbo non succhia il latte se non vuole succhiare.

E nessun uomo beve se non vuole bere!

E tu, novello docente, vorresti che i tuoi alunni ap-prendessero la tua misera enciclopedia dei saperi senza averne voglia?

Caro amico, ti prego, non stare lì, dietro la cattedra, a sciorinare le tue misere mappe concettuali!

Amica cara, un consiglio te lo do, e te lo do gratis:

─lascia che i tuoi alunni ti facciano delle domande.

─abbi l’abilità di farti porre le domande, i perché, gli interrogativi intorno a ciò che vuoi che i tuoi alunni apprendano (GUIDO PETTER)

È questa la competenza che fa grande un docente.

Certo, poi il docente aiuterà i tuoi alunni a cercare le risposte ai loro perché, alle loro domande, ai loro interrogativi.

Intanto, amico docente, fai che tutti i tuoi alunni ti pongano domande.

Domande del genere:

─Perché le piante hanno le radici?

─Perché abbiamo le unghie?

─Perché là c’è la collina e là la pianura?

─Perché la neve è fredda?

─Perché le pietre della spiaggia sono lisce?

─Perché gli alberi crescono verso il cielo?   ─Perché …

Amico caro, ti prego, ti prego caldamente, ti prego con tutto il cuore:

─Non dare risposte alle domande dei tuoi alunni!

E fai una cosa molto importante, importantissima.

La sola cosa che un bravo docente deve fare!

Creare le situazioni che possano consentire agli alunni di inventare, di scoprire, di trovare le risposte.

Caro amico, se questo sai fare, sei un docente meritevole!

 

Tutti i miei Canti −ed altro− sono pubblicati in:
http://www.edscuola.it/dida.html
Altri saggi sono pubblicati in
www.rivistadidattica.com
E chi volesse approfondire questa o altra tematica
basta che ricerchi su Internet:
“Umberto Tenuta” − “voce da cercare”

Lascia un commento