Autismo, il Consiglio della Campania vota la legge

Redattore Sociale del 11-09-2017

Autismo, domani il Consiglio della Campania vota la legge

NAPOLI. Dopo il via libera in Commissione, domani il Consiglio regionale della Campania, che si riunira’ dalle 12 alle 16,30, discutera’ la legge sull’autismo, il primo provvedimento in Campania che garantira’ assistenza alle persone affette da autismo e alle loro famiglie.
Il testo, “organizzazione dei servizi a favore delle persone affette da patologie neuropsichiatriche e norme specifiche per le persone con disturbi dello spettro autistico”, proposto dal presidente della Commissione Sanita’ Raffaele Topo (Pd), prevede un’organizzazione di servizi per tutte le persone in eta’ evolutiva con disturbi del neurosviluppo e poi specifiche disposizioni per le persone affette da DSA con specifici obblighi di formazione e competenza per i componenti della equipe multidisciplinare in caso di persone con spettro autistico. Sul piano organizzativo e strutturale, la legge prevede, in primis, due organismi di indirizzo: la Consulta Regionale e la Commissione Scientifica, istituite dalla giunta e la cui composizione e’ prevista dalla legge. In particolare, nella Consulta e’ prevista la presenza di rappresentati delle associazioni dei familiari.
La legge disciplina poi la rete dei servizi individuandone tutte le componenti, tra cui il Cuniasa (Centro Unico per la Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’Adolescenza e dello spettro autistico) che sara’ istituito in ogni Asl con funzioni di coordinamento delle strutture distrettuali e di interfaccia con il sistema regionale. I servizi sul piano operativo sono svolti dalle unita’ operative territoriali mentre per i casi piu’ complessi o per specifiche patologie sono istituite e disciplinate anche Unita’ operative ospedaliere. Il sistema e’ completato dalle Strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale specifiche e dalla previsione dell’obbligo di un programma annuale di iniziative di supporto a contenuto sociale.
Con la legge, tra l’altro, si rendera’ ordinario in tutte le province campane il metodo terapeutico Aba: in ciascuna delle equipe presenti nelle Asl dovra’ esserci almeno un esperto di analisi comportamentale applicata. (DIRE)

Lascia un commento