Orio al Serio, oltre 300 ragazzi autistici hanno visitato l’aeroporto

Redattore Sociale del 08-11-2017

Orio al Serio, oltre 300 ragazzi autistici hanno visitato l’aeroporto

Bilancio del primo anno del progetto “Autismo, in viaggio attraverso l’aeroporto”, che permette di familiarizzare con gli ambienti, molto prima di un eventuale viaggio. “Sono venuti soprattutto adolescenti con i genitori. Non sempre hanno accettato di vivere l’esperienza completa, ma è utile per la famiglia”.

MILANO. In un anno sono oltre 300 i ragazzi autistici che hanno potuto conoscere l’aeroporto di Orio al Serio, grazie a un percorso pensato appositamente per loro. Il check in, il controllo dei bagagli a mano e dei documenti, così come l’affollamento possono essere fonte di stress per una persona autistica. Ed è per questo che è nato il progetto “Autismo, in viaggio attraverso l’aeroporto”: un modo per cominciare a conoscere gli ambienti, molto prima della reale partenza. Il progetto è partito in via sperimentale nel 2015 all’aeroporto di Bari e da un anno è attivo anche in quello di Bergamo. “Da quando è stato introdotto il Protocollo di assistenza ai soggetti autistici abbiamo accolto in media un soggetto a settimana, generalmente accompagnato da uno dei due genitori – spiega Aldo Vignati, responsabile qualità servizi aeroportuali e rapporti con l’utenza di Sacbo, la società che gestisce l’aeroporto-. Il percorso sociale permette di verificare la capacità del soggetto di seguire i vari passaggi, dall’arrivo in aerostazione al trasferimento sul piazzale per l’imbarco. Non sempre i soggetti autistici, quasi sempre adolescenti, accettano di vivere l’esperienza completa, ma ciò che ne consegue è un’esperienza ugualmente utile per la famiglia, che prende coscienza della possibilità o meno di intraprendere il volo”.

Il progetto è realizzato in collaborazione con la Fondazione Italiana per l’autismo, la Federazione Fantasia e l’associazione Spazio Autismo. Sul sito www.milanbergamoairport.it, nella sezione dedicata alla mobilità ridotta, è scaricabile la guida con i consigli utili per chi deve viaggiare con una persona con autismo. Ed è appunto possibile prenotare una visita di familiarizzazione con l’ambiente dell’aeroporto. Secondo le stime di Sacbo, a Orio al Serio quest’anno transiteranno complessivamente oltre 45mila passeggeri “a ridotta mobilità”, il 6% in più rispetto al 2016. (dp)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.