03 2003

lettera circolare FP 31 marzo 2003, Prot. n.1772/10/G.P.
Compenso aggiuntivo per festività coincidenti con la domenica

nota 31 marzo 2003, Prot. n. 1213/03
Patrocinio dell’Avvocatura dello Stato. Conferimento di incarico ad avvocato di libero foro – Illegittimità

nota 31 marzo 2003, Prot. n. 6156
IX Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani Teatro Greco di Palazzolo Acreide 12-26 Maggio 2003

nota 31 marzo 2003, Prot. n.6181
Seconda sessione di studio dell’ Academy of European History

31 marzo Settimana Cultura Scientifica e Tecnologica

Dal 31 marzo al 6 aprile 2003 si svolge la tredicesima Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica dedicata a:

1. Dal DNA al Genoma umano: 50 anni di conquiste alla scoperta della vita
2. Il ruolo della scienza e della tecnologia per la riduzione dei rischi da calamità naturali
3. Spazio europeo della ricerca: strumenti, obiettivi e programmi per la sua realizzazione
4. La scienza e la tecnologia per comunicare meglio e di più; all’interno della più ampia finalità di diffusione della Cultura Scientifica e Tecnologica.

Per partecipare alla Settimana, occorre inserire i dati relativi alle manifestazioni direttamente nel data-base della Settimana sul sito del MIUR (home page Ricerca Scientifica e Tecnologica) dal 28 febbraio al 25 marzo 2003
Per informazioni si può scrivere a: infosettimanacultura@miur.it

Di seguito il comunicato stampa del MIUR:

(Roma, 28 marzo 2003) Parte lunedì 31 marzo la tredicesima Settimana della cultura scientifica e tecnologica, promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e in programma fino a domenica 6 aprile.
Particolarmente nutrito il programma, che comprende 271 manifestazioni organizzate da scuole, associazioni, università, fondazioni ed enti locali sui quattro temi scelti dal Ministero: “Dal Dna al Genoma umano: 50 anni di conquiste alla scoperta del mistero della vita”, “Il ruolo della scienza e della tecnologia per la riduzione dei rischi da calamità naturali”, “La scienza e la tecnologia per comunicare meglio e di più”; “Spazio europeo della ricerca: strumenti, obiettivi e programmi per la sua realizzazione”.
Su questi argomenti, e su altri di grande attualità liberamente scelti dagli enti e dalle associazioni, il Miur intende promuovere la riflessione e l’approfondimento attraverso seminari, mostre, incontri, visite guidate, eventi vari. Il calendario delle manifestazioni, suddivise per area geografica, è consultabile sullo speciale sito del Ministero www.plinio.net, uno strumento di rapida e facile consultazione, che fornisce informazioni utili sugli enti organizzatori, i luoghi e gli orari delle iniziative.
Per il nome del portale, gestito per conto del Miur dal Consorzio Cilea, la scelta è ricaduta su uno dei più grandi eruditi della latinità, Plinio il Vecchio, la cui “Naturalis Historia” rappresenta una summa del sapere scientifico del tempo. Il sito si propone anche l’obiettivo di fare da cassa di risonanza ad altri eventi che celebrano e promuovono la cultura scientifica del nostro Paese.
Ed ecco alcuni numeri dell’edizione 2003 della Settimana: oltre 120 tra convegni, seminari, forum, conferenze, workshop e dibattiti; 51 le visite guidate, 39 le mostre e i laboratori aperti. Il totale è di 271 manifestazioni, che interessano gran parte delle discipline scientifiche: in testa Scienze biologiche con 83 iniziative, seguite da Scienze fisiche con 30, Scienze della terra con 27 e Scienze mediche con 22.
Il maggior numero di manifestazioni è al Nord, ben 118: in testa il Veneto con 32, seguito da Emilia Romagna con 27 e Lombardia con 20. Nel Centro Italia sono in calendario 104 manifestazioni: la palma della regione più attiva spetta al Lazio (32), che precede Toscana (25) e Abruzzo (22). Oltre 50 gli eventi promossi al Sud, con Puglia (22) e Campania (17) in testa.
Tra le tante iniziative di spicco, si segnalano il convegno organizzato dalla Fondazione Adriano Buzzati-Traverso, sul tema “La doppia elica del Dna: 50 anni dopo”, in programma a Roma il 3 aprile nell’Auditorium-Parco della Musica di via Pietro de Coubertin 30 (inizio alle 9.30), e la serie di incontri promossi dal Museo della scienza e della tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano, mirati a promuovere “La scienza per gli studenti – Progetti ed eventi sulla scienza e la tecnologia”: sono previste, tra l’altro, una mostra e la distribuzione di materiale didattico nelle scuole. Le due iniziative nascono da un accordo di programma con il Miur.

30 marzo Inizio Ora Legale

Il DPCM 6 settembre 2002 stabilisce che alle ore due del 30 marzo si ritorni all’ora legale; l’ora normale (come previsto dalla Direttiva 2000/84/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 19 gennaio 2001) era in vigore dalle ore tre di domenica 27 ottobre 2002.

legge 28 marzo 2003, n. 53 (in GU 2 aprile 2003, n. 77)
Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e di formazione professionale

nota 27 marzo 2003, Prot. n. 6035
Attività dirette a favorire il raccordo tra formazione e mondo del lavoro finanziate dal CIPE per lo sviluppo delle aree depresse. Annualità 2001-2002. Monitoraggio finale

circolare Ministero dell’Economia e delle Finanze 25 marzo 2003, n. 17
Precisazioni in merito all’applicazione della circolare del MIUR del 2 agosto 2002, prot. 452, concernente le modalità di corresponsione ai docenti con contratto a tempo determinato del compenso sostitutivo per ferie non fruite e per partecipazione agli esami

nota 25 marzo 2003, Prot. n. 1208
Innovazione tecnologica. Utilizzo della “posta elettronica”

decreto 24 marzo 2003
Modalità e contenuti delle prove di ammissione alle Scuole di specializzazione per l’insegnamento secondario

circolare 21 marzo 2003, n. 32
Trasmissione del Contratto Collettivo Decentrato Nazionale in data 21 marzo 2003, concernente precisazioni ed integrazioni al Contratto collettivo decentrato nazionale del 15.1.2003 sulla mobilità del personale docente, educativo e A.T.A. per l’a.s. 2003/2004

nota 21 marzo 2003, Prot. n.316
Viaggi d’istruzione all’estero. Informazioni sulla sicurezza dei Paesi di destinazione

21 marzo Primavera d’Europa

Con la nota 26 febbraio 2003, Prot. n. 492-DIP-Segr., il MIUR dà notizia alle scuole della giornata “Primavera d’Europa“, “(…) il cui obiettivo è sollecitare gli istituti d’istruzione superiore a organizzare il 21 marzo 2003 discussioni, scambi e incontri che offrano agli allievi e ai loro insegnanti l’occasione di apprendere, d’informarsi e di contribuire alla costruzione europea.

Per celebrare la giornata (vd. nota 7 marzo 2003, Prot. n.1152/A3°), il MIUR, in collaborazione con il Dipartimento per le Politiche Comunitarie e con INDIRE, organizza un’iniziativa nazionale presso la Sala della Comunicazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Viale Trastevere 76/A (Roma), dalle ore 10,00 alle ore 12,00, alla quale prendono parte:

  • alcune rappresentanze di scuole che hanno maturato esperienze significative nell’ambito di progetti europei e che sono registrate nel sito ufficiale dello “Spring Day”;
  • i 40 Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti ed alcuni rappresentanti delle associazioni studentesche che hanno partecipato alla Convenzione Italiana dei Giovani sull’avvenire dell’Europa del 10-12 gennaio 2002

Di seguito il comunicato relativo all’iniziativa:

(17/01/03) Cos’è la Primavera dell’Europa? In questo momento si sta svolgendo un importante dibattito sul futuro dell’Europa. Sette membri della Convenzione europea (Olivier Duhamel, Ana Palacio, Lord Stockton e Timothy Kirkhope con Michel Barnier, Henning Christophersen e Georgios Katiforis) ritengono che i giovani debbano comprendere il progetto che la Convenzione sta portando avanti e avere la possibilità di dire la loro nelle discussioni sul futuro dell’Europa: per raggiungere questo obiettivo hanno organizzato l’iniziativa “Primavera dell’Europa”, una giornata in cui discutere, tra scuole e studenti.
L’iniziativa “Primavera dell’Europa” mira a far organizzare alle scuole un evento durante la giornata del 21 marzo 2003, che avrà come obiettivo l’aumento del coinvolgimento di studenti e insegnanti nella definizione di una nuova Europa tramite la Convenzione europea.
L’iniziativa “Primavera dell’Europa” è stata sviluppata in collaborazione con i Ministeri dell’istruzione dei Paesi membri e viene supportata dal Segretariato Generale della Commissione europea, Unità dibattito pubblico sul futuro dell’Europa della task-force sul futuro dell’Unione. European Schoolnet (EUN) aiuta le scuole iscritte indicando, nel sito web della “Primavera dell’Europa”, idee, strumenti e attività per insegnanti e realizzando reti di scuole europee per la “Primavera dell’Europa”.
Come partecipare L’iniziativa è aperta a qualsiasi scuola degli Stati membri o candidati dell’UE. La partecipazione può avvenire in qualsiasi forma: una discussione, un incontro con celebrità ed esperti in questioni europee, un dibattito tra studenti all’interno di una scuola o tra studenti di Paesi differenti, sia direttamente sia tramite Internet… le opzioni sono infinite! Sarebbe importante invitare a partecipare all’iniziativa rappresentanti delle organizzazioni europee. Inoltre, potrebbe essere interessante invitare al dibattito le scuole dei Paesi candidati. Il progetto si basa sulla partecipazione volontaria a livello locale. Non sono previste procedure complesse né requisiti finanziari. Le regioni e i Paesi che desiderano sviluppare progetti a livello regionale o nazionale sono invitati a farlo.
Le scuole che stanno pianificando l’organizzazione di un evento all’interno dell’iniziativa “Primavera dell’Europa” devono registrarsi sul sito web relativo. Tutte le scuole registrate che invieranno una testimonianza dell’evento da loro organizzato o che daranno un contributo sostanziale all’iniziativa, riceveranno un certificato attestante la loro partecipazione.

Maggiori informazioni sono disponibili in Rete nel sito web della “Primavera d’Europa“.

Sempre il 21 marzo scadono i termini per l’iscrizione al concorso europeo “Settimana Verde“; di seguito il comunicato stampa:

Settimana verde 2003: concorso di pittura e scultura per le scuole sui temi dell’ambiente
La Commissione europea invita i ragazzi delle scuole dell’Unione europea e dei Paesi candidati a partecipare ad un concorso di pittura e scultura organizzato nell’ambito della Settimana verde, la manifestazione annuale dedicata alle tematiche della tutela ambientale, che quest’anno si terrà a Bruxelles dal 2 al 6 giugno e sarà incentrata sui temi della produzione e del consumo sostenibili, delle energie rinnovabili e dell’acqua.
Il concorso si articola in due sezioni:
– disegno e pittura, indirizzato agli scolari di età compresa tra 5 e 10 anni
– scultura, indirizzato agli studenti di età compresa tra 11 e 16 anni
Gli scolari che concorreranno per la prima sezione potranno inviare disegni o pitture che illustrano un tema o una scena legata all’acqua. I temi scelti possono riguardare il ciclo dell’acqua, l’effetto dell’inquinamento sull’ecosistema dei fiumi, l’utilizzo dell’acqua nella nostra società, l’impatto sull’ambiente marino delle attività/interessi degli abitanti delle zone costiere.
Per la sezione scultura, invece, gli studenti partecipanti dovranno creare sculture, rappresentative di un tema ambientale di loro scelta, servendosi di materiali riciclati. Ciascuna opera deve essere accompagnata da una descrizione dettagliata della scultura, da foto e da un’indicazione delle dimensioni.
Le opere dei primi 40 classificati della sezione disegno e pittura e le tre migliori sculture verranno esposte alla mostra prevista nell’ambito della Settimana verde.
Le opere o le relative foto scannerizzate devono essere inviate alla Direzione generale Ambiente della Commissione per mezzo del sito web http://greenweek.eun.org. Il sito metterà a disposizione anche risorse didattiche on line, tra cui idee e strumenti per gli insegnanti e fonti di ispirazione per i ragazzi che intendono partecipare.
I primi tre classificati di ciascuna categoria del concorso vinceranno un viaggio a Bruxelles per due persone e potranno partecipare ad una serie di interessanti attività previste nell’ambito della Settimana verde. Inoltre, il 5 giugno, Giornata mondiale dell’ambiente, i vincitori verranno premiati nell’ambito di una cerimonia a cui parteciperanno i delegati della Settimana verde, gli esperti dell’ambiente intervenuti e la stampa. Dopo la cerimonia sarà offerta loro una ‘visita ecologica‘ di Bruxelles, che li condurrà attraverso musei, ristoranti che offrono prodotti biologici e altri luoghi a sorpresa che verranno rivelati durante il percorso.
La scadenza per l’iscrizione al concorso è il 21 marzo 2003.
Per essere inclusi nella mailing list del concorso o ottenere informazioni e chiarimenti è possibile contattare:
Alexa Joyce
e-mail: alexa.joyce@eun.org
Tel: 0032.2.790 75 75.

In Educazione&Scuola:

  • Europ@ a cura di Fabio Navanteri

nota 20 marzo 2003, Prot. n.1623/A/3
Trasmissione Contratto integrativo annuale sulla formazione del personale docente e ATA per l’esercizio finanziario 2003

nota 20 marzo 2003, Prot. 3585 / INT U04
Consiglio d’Europa – Sistema di borse di studio per brevi corsi di aggiornamento all’estero. Circolare permanente del 23 Marzo 2001, prot.782/INT/UO4 Diffusione per l’anno 2003

nota 20 marzo 2003, Prot. n.950
Viaggi di istruzione all’estero

20 marzo Guerra

Poco dopo le ore 3.30 italiane ha inizio l’attacco USA all’IRAQ.

In Educazione&Scuola:

nota circolare 19 marzo 2003, Prot.DGPSA/Uff.VII/916
Inquadramento nei ruoli dei docenti laureati – Sentenza Consiglio di Stato n.3479/00

informativa INPDAP 19 marzo 2003, n. 17
Trattamento di quiescenza del personale del comparto scuola. – Cessazioni dal 1° settembre 2003 – Trasmissione dei dati necessari alla liquidazione ed al pagamento delle pensioni attraverso flusso informatico

circolare 18 marzo 2003, n. 31
Disposizioni e indicazioni per l’attuazione della Legge 10 marzo 2000, n. 62, in materia di parità scolastica

18 marzo Programma Annuale

Entro il 18 marzo 2003 (45 giorni dal termine del 31 gennaio 2003 imposto dalla CM 118/02, come previsto dall’articolo 8 del DM 1 febbraio 2001, n. 44), come precisato dalla nota 15 gennaio 2003, Prot. n. 175, le Istituzioni scolastiche devono procedere all’approvazione del programma annuale.
Qualora il programma non sia stato approvato entro tale data, il dirigente ne dovrà dare “(…) immediata comunicazione all’Ufficio scolastico regionale, cui è demandato il compito di nominare, entro i successivi 15 giorni, un commissario ad acta che provvede al predetto adempimento entro il termine prestabilito nell’atto di nomina.

Sul tema si veda nella sezione Autonomia di Educazione&Scuola:

nota 17 marzo 2003, Prot. n. 5125
Concorso “Secondino Freda” riservato agli insegnanti tecnico-pratici dell’indirizzo Professionale “OPERATORE AI SERVIZI DI CUCINA”

nota 17 marzo 2003, Prot. n. Uff. V/569
Anagrafe patrimonio immobiliare scolastico – Aggiornamento dati

nota 17 marzo 2003, Prot. N. 631/Dip/U02
Organici del personale docente – anno scolastico 2003/2004

risoluzione Agenzia delle Entrate 17 marzo 2003 n. 65
IVA. Rette scolastiche delle scuole di lingua straniera gestite da soggetti comunitari ed extra-comunitari. Art. 10, n. 20) del DPR n. 633 del 1972

15 marzo Nontiscordardimè

Si svolge il 15 marzo la quinta edizione di “Nontiscordardimé – Operazione Scuole Pulite“, organizzata da Legambiente, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che ne dà notizia con la nota 13 febbraio 2003, Prot n. 712/A III.

Nel corso della giornata – che quest’anno presta una particolare attenzione alla sicurezza degli edifici scolastici – “(…) bambini, ragazzi, giovani, insegnanti e genitori dedicheranno una parte del loro tempo a compiere piccoli interventi mirati a migliorare le condizioni dell’edificio scolastico, del suo cortile o dell’area immediatamente antistante la scuola.”

Maggiori informazioni in Rete sul sito di Legambiente.

15 marzo Part-Time

Il personale interessato alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale deve produrre domanda entro il 15 marzo 2003 con le modalità previste dalla CM 449/97 che trasmette l’OM 446/97, successivamente integrata dall’OM 55/98.

In Educazione&Scuola:

15 marzo Esami

Riguardo la formazione delle commissioni degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio d’istruzione secondaria superiore per l’anno scolastico 2002/2003 la CM 22/03 fissa al 15 marzo il termine ultimo per:

  • la compilazione delle proposte di configurazione delle commissioni (modelli ES-0 ed ES-C) da parte dei dirigenti scolastici ed il recapito agli Uffici Scolastici Regionali

  • la presentazione delle schede di partecipazione dagli aspiranti ai dirigenti scolastici (modelli ES-1)

Di seguito le principali disposizioni relative agli esami di Stato 2003:

Legge 10.12.97, n. 425 (in G.U. n. 289 del 12.12.97) parzialmente modificata dall’art. 21, comma 20 bis, della legge 15.3.97, n. 59, introdotto dall’art. 1, comma 22, della legge 16.06.98, n. 191;
D.P.R. n. 323 del 23.07.98, n. 323 (in G.U. n. 210 del 9.9.98 – vedasi pure l’errata corrige in G.U. n. 223 del 24.9.98);
D.M. 18.09.98, n. 358, sulla costituzione delle aree disciplinari;
D.M. 24.2.00, n. 49, concernente tipologie di esperienze che danno luogo ai crediti formativi;
D.M. 20.11.00, n. 429, riguardante le caratteristiche formali generali della terza prova scritta;
– Legge n. 448 del 28.12.2001 (legge finanziaria 2002), art. 22, comma 7;
D.M. 25.01.01, n.104, (Regolamento recante le modalità e i termini per l’affidamento delle materie oggetto degli esami di Stato ai commissari esterni e le modalità di nomina, designazione e sostituzione dei componenti delle commissioni degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore), che rimane in vigore per le parti non incompatibili con l’art. 22, comma 7, della legge 28.12.01, n.448;
D.M. 28.02.02, n. 20, relativo alle modalità di svolgimento della prima e della seconda prova scritta per l’anno scolastico 2001-2002; D.M. in corso di emanazione per l’anno scolastico 2002-2003, confermativo del citato D.M. n.20;
D.M. 13.01.03, n. 3, avente ad oggetto certificazioni e relativi modelli da rilasciare in esito al superamento degli esami di Stato;
D.M. 13.01.03, n. 2, relativo alla scelta delle materie oggetto della seconda prova scritta;
D.M. 14.01.03, n. 4, relativo al numero dei componenti le commissioni degli esami di Stato;
D.M. 30.01.03, n. 10, relativo ai criteri di nomina, designazione e sostituzione dei componenti le commissioni;
D.M. 30.01.03, n. 11, relativo agli esami di Stato nei corsi sperimentali.

In Educazione&Scuola:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

decreto Ministero delle Comunicazioni 14 marzo 2003 (in GU 9 aprile 2003, n.83)
Contributo per l’acquisto o il noleggio di ricevitori per la televisione digitale terrestre e per l’accesso a larga banda ad Internet, ai sensi dell’art. 89 della legge 27 dicembre 2002, n. 289

circolare 14 marzo 2003, n. 30
Flussi finanziari delle istituzioni scolastiche – Adempimenti per la trasmissione dei dati

nota 14 marzo 2003, Prot. n. 624/DIP/Segr/Barb
Concorso “Recupero della memoria storica legata al Risorgimento e alla nascita della Repubblica”

nota 13 marzo 2003, Prot. n.5036
Adozione dei libri di testo nelle scuole elementari e nelle scuole ed istituti di istruzione secondaria ed artistica per l’anno scolastico 2003/2004

nota 13 marzo 2003, Prot. n.5035
Insegnamento dello strumento musicale negli istituti di istruzione secondaria di 2° grado

nota 13 marzo 2003, Prot. n. 1232/A3°
Conferenza Nazionale dei Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti – Chieti, 8-9 aprile 2003

nota 13 marzo 2003, Prot. n. 895/03
Conciliazioni in materia di vertenze di lavoro

informativa INPDAP 11 marzo 2003, n. 15
Riscatto dei periodi corrispondenti al congedo parentale collocati temporalmente al di fuori del rapporto di lavoro (articolo 35, comma 5, Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151)

nota 11 marzo 2003, Prot. n. 891/3/03
Ricorsi avverso atti generali emanati dal M.I.U.R. Regolamento di competenza

nota 11 marzo 2003, Prot. DGPSA/Uff.VII/978
O.M. n. 5 del 16 gennaio 2003 prot.n.114, concernente norme di attuazione del contratto collettivo decentrato nazionale del 15 gennaio 2003 sulla mobilità del personale docente, educativo ed a.t.a per l’anno scolastico 2003/2004: notifica degli estremi di registrazione da parte della Corte dei Conti

nota 10 marzo 2003, Prot. n.20129
Esame di Stato conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore ad indirizzo sperimentale, il cui diploma è dichiarato corrispondente a quello magistrale comprensivo dell’anno integrativo – ammissione di persone che hanno conseguito il titolo finale di istituto magistrale

circolare 7 marzo 2003, n. 27
Dotazioni organiche del personale docente per l’anno scolastico 2003/2004 – Trasmissione schema di decreto interministeriale

nota 7 marzo 2003, Prot. n.1152/A3°
Iniziativa nazionale per la “Primavera d’Europa”

nota 6 marzo 2003, Prot. n. 4368
Bando di concorso “Scarpe e professioni: sogni, fantasie, emozioni…realtà”

04 – 12 marzo Riforme e Controriforme

Il 12 marzo hanno luogo le dichiarazioni di voto ed il voto finale sul DdL AS 1306-B, Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e di formazione professionale: la Legge Delega di Riforma dell’Istruzione è definitivamente approvata con 146 voti favorevoli, 101 contrari, 2 astenuti.

Il Presidente del Consiglio ed il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca scientifica, tengono alle ore 13,30 a Palazzo Chigi una conferenza stampa sulla riforma della scuola.

Di seguito il comunicato del MIUR:

(Roma, 12 marzo 2003) Via libera alla riforma della scuola: il 12 marzo 2003, il Senato ha approvato definitivamente con 146 voti favorevoli, 101 contrari e 2 astenuti, il disegno di Legge delega sulla riforma del sistema istruzione.
L’attuazione della riforma sarà graduale, ma già dal prossimo anno scolastico verrà consentito l’anticipo delle iscrizioni alla scuola dell’infanzia e alla prima classe della scuola primaria, potranno infatti iscriversi anche i bambini che compiranno, rispettivamente, i 3 e i 6 anni entro il 28 febbraio 2004.
Dopo l’approvazione definitiva, avvenuta oggi da parte del Senato, sarà effettuata la riapertura dei termini delle iscrizioni, le cui modalità operative saranno emanate dal Ministero dell’Istruzione con apposito provvedimento.

Di seguito gli esiti del sondaggio svolto nel mese di febbraio dalla rubrica Statistiche:

Il Disegno di Legge Delega per la Riforma della Scuola è…

Percentuale

N° voti

Ottimo 35.8% 6.517
Buono 5.5% 999
Sufficiente 0.9% 157
Mediocre 1.8% 328
Pessimo 56.1% 10.217
Voti totali:

18.218

L’11 marzo riprende in Aula al Senato l’esame del DdL AS 1306-B: approvato l’art. 7 con le modifiche introdotte dalla Camera dei deputati, respinti tutti gli emendamenti.

Dal 5 marzo il DdL AS 1306-B è all’esame dell’Aula al Senato per la definitiva approvazione; il 6 marzo l’esame del disegno di legge delega – a causa della mancanza del numero legale – viene rinviato all’11 marzo 2003.

Il 4 marzo Il testo del DdL AS 1306-B, Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e di formazione professionale, è all’esame della 7a Commissione Senato: acquisiti i pareri delle Commissioni Bilancio e Affari Costituzionali, sono respinti tutti gli emendamenti proposti, accolto dal governo il seguente ordine del giorno:

“Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge n. 1306-B, recante: “Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e fondazione professionale”;
considerato l’articolo 5, comma 3,
impegna il Governo
l. per i docenti che, sprovvisti dell’abilitazione/idoneità, siano in possesso del diploma biennale di specializzazione per le attività di sostegno di cui al decreto del Ministero della pubblica istruzione 24 novembre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 131 del 7 giugno 1999, e al decreto del Presidente della Repubblica 31 ottobre 1975, n 970, nonché del diploma di laurea o del diploma di Istituto superiore di educazione fisica (ISEF) o di Accademia di belle arti o di Istituto superiore per le industrie artistiche o di Conservatorio di musica o Istituto musicale pareggiato, e del diploma di maturità quinquennale afferente alle classi di concorso area tecnico professionale, del diploma di Maturità magistrale, del diploma di Scuola magistrale ad adoperarsi affinchè presso le facoltà di Scienze della Formazione o altra sede universitaria sia istituito un corso di formazione professionale post-specializzazione il cui esame, sostenuto a conclusione del corso, abbia valore di esame di Stato e abiliti all’insegnamento, rispettivamente, nella scuola secondaria (secondo la classe di concorso o ambito disciplinare indicati all’atto dell’iscrizione), nella scuola materna o nella scuola elementare; ovvero affinchè al termine di tale corso i frequentanti debbano sostenere un esame di Stato con valore di prova concorsuale ai fini dell’inserimento nelle graduatorie permanenti previste dall’articolo 401 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come sostituito dall’articolo 1, comma 6, della legge 3 maggio 1999, n. 124, entro l’anno scolastico 2003/2004. A questi corsi non possono accedere coloro che sono già in possesso di una abilitazione e/o idoneità;
2. per i docenti che, in possesso del requisito di insegnamento per almeno 360 giorni su posti di sostegno e dell’abilitazione/idoneità, ma sprovvisti del diploma biennale di specializzazione per le attività di sostegno di cui al decreto del Ministero della pubblica istruzione 24 novembre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 131 del 7 giugno 1999, e al decreto del Presidente della Repubblica 31 ottobre 1975, n. 970, ad adoperarsi affinchè presso le facoltà di Scienze della Formazione o altra sede universitaria sia istituito un apposito corso di specializzazione il cui esame, sostenuto a conclusione del corso, sia equiparato al diploma biennale di specializzazione per le attività di sostegno di cui al decreto del Ministero della pubblica istruzione 24 novembre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 131 del 7 giugno 1999, e al decreto del Presidente della Repubblica 31 ottobre 1975, n. 970 e, quindi, sia titolo valido per l’insegnamento di sostegno;
3. per i docenti che, in possesso del requisito di insegnamento per almeno 360 giorni su posti di sostegno, ma sprovvisti dell’abilitazione/idoneità del diploma biennale di specializzazione per le attività di sostegno di cui al decreto del Ministero della pubblica istruzione 24 novembre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 131 del 7 giugno 1999, e al decreto del Presidente della Repubblica 31 ottobre 1975, n. 970, nonché del diploma di laurea o del diploma di Istituto superiore di educazione fisica (ISEF) o di Accademia di belle arti o di Istituto superiore per le industrie artistiche o di Conservatorio di musica o Istituto musicale pareggiato, e del diploma di maturità quinquennale afferente alle classi di concorso area tecnico professionale, del diploma di maturità magistrale, del diploma di scuola magistrale ad adoperarsi affinchè presso le facoltà di Scienze della Formazione o altra sede universitaria sia istituito un corso di formazione professionale il cui esame, sostenuto a conclusione del corso, abbia valore di esame di Stato e abiliti all’insegnamento, rispettivamente, nella scuola secondaria (secondo la classe di concorso o ambito disciplinare indicati all’atto dell’iscrizione), nella scuola materna o nella scuola elementare; ovvero affinchè al termine di tale corso i frequentanti debbano sostenere un esame di Stato con valore di prova concorsuale ai fini dell’inserimento nelle graduatorie permanenti previste dall’articolo 401 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come sostituito dall’articolo l, comma 6, della legge 3 maggio 1999, n. 124, entro l’anno scolastico 2003/2004;
4. per coloro che abbiano conseguito l’abilitazione/idoneità ai sensi del punto 3, ad adoperarsi affinchè presso le facoltà di Scienze della Formazione o altra sede universitaria sia istituito un apposito corso di specializzazione il cui esame, sostenuto a conclusione del corso, sia equiparato al diploma biennale di specializzazione per le attività di sostegno di cui al decreto del Ministero della pubblica istruzione 24 novembre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 131 del 7 giugno 1999, e al decreto del Presidente della Repubblica 31 ottobre 1975, n. 970 e, quindi, sia titolo valido per l’insegnamento di sostegno. A questi corsi non possono accedere coloro che sono già in possesso di una abilitazione e/o idoneità;
5. per i docenti che, in possesso del requisito di insegnamento per almeno 360 giorni, ma sprovvisti dell’abilitazione/idoneità, nonché del diploma di laurea o del diploma di Istituto superiore di educazione fisica (ISEF) o di Accademia di belle arti o di Istituto superiore per le industrie artistiche o di Conservatorio dì musica o Istituto musicale pareggiato, e del diploma di maturità quinquennale afferente alle classi di concorso area tecnico professionale, del diploma di maturità magistrale, del diploma di scuola magistrale, ad adoperarsi affinchè presso le facoltà di Scienze della Formazione o altra sede universitaria sia istituito un corso di formazione professionale il cui esame, sostenuto a conclusione del corso, abbia valore di esame di Stato e abiliti all’insegnamento, rispettivamente, nella scuola secondaria (secondo la classe di concorso o ambito disciplinare indicati all’atto dell’iscrizione), nella scuola materna o nella scuola elementare; ovvero affinchè al termine di tale corso i frequentanti debbano sostenere un esame di Stato con valore di prova concorsuale ai fini dell’inserimento nelle graduatorie permanenti previste dall’articolo 401 del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, come sostituito dall’articolo l, comma 6, della legge 3 maggio 1999, n. 124, entro l’anno scolastico 2003/2004″.

In Educazione&Scuola:

04 marzo Preiscrizioni Universitarie

Entro il 4 marzo 2003 gli oltre 450 mila studenti dell’ultimo anno delle superiori possono preiscriversi all’università per l’a.a. 2003-2004 compilando il modulo telematico disponibile nel sito UNIverso.

In Educazione&Scuola:

circolare Presidenza Consiglio dei Ministri 3 marzo 2003, n. 16090/III.3 (in GU 20 marzo 2003, n. 66)
Utilizzo degli obiettori di coscienza e dei volontari del servizio civile come accompagnatori dei grandi invalidi di guerra e per servizio nonché dei ciechi civili

decreto legge 3 marzo 2003, n. 32 (in GU 4 marzo 2003, n. 52)
Disposizioni urgenti per contrastare gli illeciti nel settore sanitario

01 – 31 marzo PP2 Valutazione Servizio Scolastico

Con l’invio entro i primi giorni di marzo alle circa 7mila scuole interessate da parte dell’INVALSI di materiali, prove, questionari e manuali del coordinatore e del somministratore, prende avvio la seconda annualità del Progetto Pilota per la Valutazione del Sistema Scolastico (PP2).

Nel 2001 il PP1 aveva interessato le classi quinte elementari, terze medie e seconde superiori di 2.832 scuole in relazione ai livelli di apprendimento della lingua italiana e della matematica.

Questa seconda edizione (PP2) – l’ultima, secondo le previsioni ministeriali, prima dell’introduzione a regime del sistema dal prossimo anno scolastico – ha come obiettivi dichiarati:

  • l’acquisizione di informazioni sulla scuola come ‘sistema’
  • la determinazione degli standard di apprendimento della lingua italiana, della matematica e delle scienze nelle classi quarte elementari, prime medie, prime e terze superiori.

Le scuole partecipanti sono articolate in due gruppi:

  • scuole facenti parte del campione probabilistico selezionato dall’INValSI
    (589 scuole: 172 elementari, 172 medie inferiori, 245 superiori);
  • scuole aderenti volontariamente
    (4.760 istituzioni scolastiche, 6.241 scuole, 200 delle quali sperimentano la somministrazione informatica).

Le prove (quesiti a scelta multipla con 4 o 5 risposte, una sola corretta, 60 minuti per prova, Idiff = 0,4÷0,6), sono riservate fino alla data della somministrazione che è prevista, nel rispetto dell’autonomia scolastica, in giorni possibilmente consecutivi nel periodo:

  • 20 – 31 marzo (somministrazione cartacea)
  • 17 – 31 marzo (somministrazione informatica)

Prorogata al 17 aprile 2003 la compilazione della versione on line del questionario di rilevazione sul sito predisposto dall’INVALSI (Progetto Pilota 2 – INVALSI).

Di seguito gli esiti del sondaggio svolto nel mese di marzo dalla rubrica Statistiche:

Il PP2 per la valutazione del servizio scolastico è…

Percentuale

N° voti

Ottimo 15.5% 312
Buono 10.9% 220
Sufficiente 3.5% 70
Mediocre 4.6% 92
Pessimo 65.5% 1.317
Voti totali:

2.011

In Educazione&Scuola:

In Rete:

01 – 26 marzo Attività Sindacale

Proseguono gli incontri di ARAN e MIUR con le OOSS su:

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

Parlamento

Camera
Aula 25 DdL AC 3461, Modifiche all’articolo 117 della Costituzione
Commissioni
7a 13, 20 Interrogazioni a risposta immediata
7a 04, 05, 06, 11, 13 Il 13 marzo la Commissione esprime parere favorevole con con rilievi sugli Schemi di decreti legislativi recanti riordino CNR, INAF, ASI
7a in sede referente, DdL AC nn. 3084 e 3525, Disposizioni per la promozione del libro e della lettura
Senato
Aula 05, 06, 11, 12 Il 12 marzo 2003 il Senato approva definitivamente il DdL AS 1306-B, Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale

05.03.03 – Relazioni (Asciutti – Soliani)

Commissioni
7a 26 in sede referente, DdL 1877, Insegnanti di religione cattolica
7a 18 Questioni afferenti il sistema universitario italiano
7a 06, 11, 13 Il 13 marzo la Commissione esprime osservazioni favorevoli con rilievi sugli Schemi di decreti legislativi recanti riordino CNR, INAF, ASI
7a 04 in sede referente, DdL AS 1306-B, Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionaleIl 4 marzo la Commissione conferisce mandato al presidente relatore Asciutti di riferire favorevolmente all’Assemblea sul DdL AS 1306-B, nel testo approvato dalla Camera dei deputati, autorizzandolo peraltro a richiedere lo svolgimento della relazione orale.

Governo

28 Il Consiglio dei Ministri si è riunito alle ore 10.10 a Palazzo Chigi

Il Consiglio ha approvato i seguenti provvedimenti: (…)
su proposta del Ministro della difesa, Martino:
– un disegno di legge per la sospensione anticipata del servizio obbligatorio di leva e la disciplina dei volontari di truppa in ferma prefissata dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica, a completamento di un quadro di norme già in vigore ( leggi n. 331 del 2000 e n. 215 del 2001) che prevedevano una graduale sostituzione del personale di leva con volontari. In particolare il termine del 1° gennaio 2007, già previsto per la realizzazione del modello di Forze armate costituito interamente da professionisti, viene ora anticipato al 1° gennaio 2005: a decorrere da questa data verrà sospeso l’obbligo di leva (che è previsto permanere per tutto il 2004 per i nati entro il 1985) in considerazione del rapido mutamento dello scenario mondiale, che sempre di più richiede alle Forze armate elevati livelli di specializzazione e di professionalità a difesa dei valori primari della convivenza civile. Vengono quindi istituite le categorie di volontari in ferma prefissata per un anno, di volontari in ferma prefissata quadriennale, per le quali il disegno di legge disciplina, tra l’altro, modalità di reclutamento e trattamento economico, nonché le modalità di accesso alle carriere iniziali;
su proposta del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Urbani:
– un disegno di legge che prevede la concessione di un contributo annuale alla fondazione internazionale Agenzia mondiale anti-doping (WADA-AMA), costituita dal Comitato olimpico internazionale con il supporto e la partecipazione di Organizzazioni intergovernative, Governi, autorità pubbliche e soggetti privati al fine di promuovere e coordinare a livello internazionale la lotta al doping. Il finanziamento sancisce l’adesione alle iniziative internazionali in materia, anche in previsione dei prossimi Giochi olimpici invernali del 2006 e delle Universiadi della neve del 2007 che si svolgeranno in Italia:
– un disegno di legge che prevede che venga annualmente determinato dal Ministro per i beni culturali, su proposta del CONI, il numero massimo complessivo degli sportivi extracomunitari che possono svolgere attività a titolo professionistico o comunque retribuita, al fine di salvaguardare e tutelare i giovani sportivi che intendono proseguire l’attività dopo la fase di addestramento e di mantenere un giusto equilibrio di presenza italiana nelle squadre dei singoli sport; (…)
su proposta del Ministro per le politiche comunitarie, Buttiglione, e del Ministro per i beni e le attività culturali, Urbani:
– un decreto legislativo che attua norme comunitarie tese ad armonizzare fra gli Stati membri aspetti del diritto d’autore e dei diritti connessi nella società dell’informazione,quali il diritto di riproduzione, di comunicazione di opere al pubblico, di distribuzione, riconosciuti anche a produttori di opere cinematografiche, a radiodiffusori, ad artisti, interpreti ed esecutori, unici titolari del diritto esclusivo di messa a disposizione del pubblico. Viene tra l’altro disciplinata fino al 31 dicembre 2005, e comunque fino all’emanazione di un decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, la riproduzione privata di fotogrammi e videogrammi, con la determinazione di un compenso da prelevare su apparecchi e supporti di registrazione sia analogica che digitale. Il provvedimento ha ricevuto il parere favorevole delle Commissioni parlamentari competenti ;
su proposta del Ministro per le politiche comunitarie, Buttiglione, del Ministro delle attività produttive, Marzano, e del Ministro per l’innovazione e le tecnologie, Stanca:
– uno decreto legislativo che recepisce disposizioni comunitarie per l’adozione di regole uniformi per il commercio elettronico nel mercato interno al fine di assicurare la libera prestazione dei servizi on-line. L’obiettivo è fornire una base comune di regole a tutte le transazioni in cui la negoziazione degli accordi avviene senza la presenza fisica dei contraenti, prevedendo quindi procedure trasparenti che consentano anche costi di produzione minori ed accrescano la fiducia dei consumatori nei contratti telematici. Sul provvedimento si sono espresse favorevolmente le Commissioni parlamentari competenti;
su proposta del Ministro per le politiche comunitarie, Buttiglione, del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Maroni, e del Ministro per le pari opportunità, Prestigiacomo:
– due schemi di decreti legislativi (da sottoporre al parere delle Camere) per il recepimento delle seguenti direttive:
1) 2000/78, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro, al fine di rendere effettivo nei Paesi membri il principio della parità di trattamento contro ogni forma di discriminazione legata a religione, convinzioni personali, handicap, età, tendenze sessuali; il provvedimento tutela, con riguardo a questo particolare profilo, l’accesso all’occupazione, al lavoro, all’orientamento ed alla formazione professionale, prevedendo altresì adeguata tutela giurisdizionale dei diritti e legittimando il ruolo delle associazioni nazionali maggiormente rappresentative ad agire eventualmente in giudizio in nome e per conto di chi subisca discriminazione;
2) 2000/43, per l’attuazione del principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica in tutti i settori, pubblici e privati, che nel fare salve le vigenti disposizioni sulle condizioni di ingresso e soggiorno, di accesso all’occupazione, di assistenza e previdenza, disciplina la legittimazione ad agire (anche con l’intervento delle associazioni deputate) in difesa di diritti lesi, istituisce un albo delle associazioni più rappresentative per la lotta alle discriminazioni, nonché un Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discrimazioni presso il Dipartimento per le pari opportunità. Particolarmente degna di nota la previsione di regole antidiscriminatorie e di codici di comportamento;
su proposta del Presidente del Consiglio, Berlusconi, del Ministro per le politiche comunitarie, Buttiglione e del Ministro dell’interno, Pisanu:
– un decreto legislativo per il recepimento della direttiva 2001/55/CE relativa alla concessione della protezione temporanea in caso di afflusso massiccio di sfollati ed alla cooperazione in ambito comunitario; il provvedimento prevede la suddivisione degli oneri tra gli Stati membri interessati all’afflusso e stabilisce misure uniformi per il trattamento dei profughi, anche al fine di assicurare loro un trattamento comunque dignitoso; (…)
Il Consiglio ha inoltre adottato le seguenti deliberazioni:
su proposta del Ministro dell’istruzione dell’università e della ricerca:
– avvio della procedura di nomina del prof. Giorgio BERNARDI a Presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn” di Napoli. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 12,50.

19 Il Consiglio dei Ministri si è riunito alle ore 9,25 a Palazzo Chigi.Il Presidente del Consiglio ha esposto le linee della dichiarazione sulla posizione dell’Italia nel contesto della crisi internazionale che renderà al Parlamento nella giornata odierna. Il Consiglio ha unanimamente condiviso tali linee.
Il Governo ha poi deciso di potenziare il contingente dei militari impiegato nella sorveglianza degli obiettivi sensibili.
La seduta ha avuto termine alle ore 9,50.
14 Il Consiglio dei Ministri si è riunito alle ore 10,15 a Palazzo ChigiPrevia relazione del Ministro Pisanu, il Consiglio ha convenuto di tenere le prossime elezioni amministrative nei giorni 25 maggio (primo turno) e 8 giugno (ballottaggio). Per lo svolgimento dei referendum sull’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori e sulla servitù coattiva di acquedotto, verrà proposta al Capo dello Stato la data del 15 giugno.
Ai fini delle predette determinazioni il Consiglio ha tenuto conto:
– delle decisioni già assunte (sempre per lo svolgimento delle elezioni amministrative) dalle regioni a Statuto speciale Sicilia, Friuli Venezia-Giulia e Valle d’Aosta che hanno autonomamente scelto le stesse date;
– dell’esigenza di ridurre al minimo l’impatto delle giornate elettorali sulla conclusione dell’anno scolastico (le scuole chiudono l’8 giugno) e su importanti eventi pubblici come la festa della Repubblica (2 giugno) e il raduno nazionale degli Alpini ad Aosta (11 maggio).
Il Consiglio ha, successivamente, approvato i seguenti provvedimenti. (…)
Su proposta del Ministro della salute, Sirchia:
– un decreto presidenziale per l’organizzazione del Ministero della salute, che sancisce l’evoluzione del ruolo del Dicastero nel mutato contesto delle competenze regionali in materia sanitaria, organizzando compiutamente le funzioni in tema di tutela della salute umana e di sanità veterinaria e regolando la sua generale funzione di indirizzo e supporto nei confronti delle Regioni. Il Ministero si articolerà su tre Dipartimenti le cui denominazioni (Qualità, Innovazione,Prevenzione e comunicazione) evidenziano il passaggio dai compiti di gestione a funzioni trasversali di ambito più ampio, necessarie per una moderna politica sanitaria. Sul provvedimento si sono espressi favorevolmente il Consiglio di Stato e l’apposita Commissione bicamerale.
Su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Moratti:
– uno schema di decreto presidenziale che riordina le scuole e gli istituti di carattere atipico, individuati dal decreto legislativo 297 del 1994 quali enti finalizzati al supporto dell’autonomia delle istituzioni scolastiche, nel quadro dell’attuazione dei principi per l’integrazione scolastica dei portatori di handicap sensoriali. Accanto alle nuove denominazioni conferite agli enti, ne vengono ridisegnati compiti, organi e attività amministrativa. Il provvedimento verrà sottoposto al parere della Conferenza unificata e delle Commissioni parlamentari competenti. (…)
Successivamente il Ministro Frattini ha svolto una breve relazione sulla legge, appena approvata dal Parlamento, relativa all’organizzazione dei Giochi Olimpici di Torino 2006, raccomandando una fattiva collaborazione da parte di tutti i Dicasteri interessati in modo da rispettare i tempi di realizzazione delle opere previste. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 11,45.
12 Il Consiglio dei Ministri si è riunito alle ore 9,15 a Palazzo Chigi

Il Consiglio dei Ministri, appositamente convocato, ha esaminato una serie di decreti legislativi (di imminente scadenza) per il recepimento di direttive comunitarie. Con un’ampia relazione il Ministro per le politiche comunitarie, Buttiglione, ne ha illustrato i contenuti ribadendo l’impegno del Governo a rispettare in maniera quanto più efficiente ed esaustiva gli obblighi comunitari, anche in vista del semestre di presidenza italiana. Il Consiglio ne ha preso atto ed il Presidente Berlusconi ha ringraziato tutti i Ministri per l’impegno profuso. Il Consiglio ha quindi deliberato in via definitiva, su proposta dello stesso Ministro per le politiche comunitarie e dei Ministri competenti per materia, un decreto legislativo per l’attuazione delle direttive 1999/45CE e 2001/60/CE relative alla classificazione, all’imballaggio e all’etichettatura dei preparati pericolosi; sono recepite le norme comunitarie in materia di valutazione dei pericoli per la salute e per l’ambiente derivanti dall’uso di preparati pericolosi, nonché dettate disposizioni per il controllo sulla commercializzazione dei preparati con le opportune sanzioni. Le norme hanno carattere “cedevole” ; consentono cioè allo Stato di mantenere gli impegni con la Comunità entro i tempi previsti, ma perdono efficacia laddove le Regioni e le Province autonome regolino la materia con proprie norme.
Sono stati inoltre approvati in via preliminare, ai fini della sottoposizione al parere della Conferenza Stato-Regioni e/o delle competenti Commissioni parlamentari, i seguenti schemi di decreto legislativo concernenti l’attuazione:
– della direttiva 2000/78/CE che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro; il provvedimento fissa un quadro generale di principi e misure per il contrasto di discriminazioni fondate sulla religione, le convinzioni personali, gli handicap, l’età o le tendenze sessuali, con il fine di rendere concreto l’obiettivo della piena parità di trattamento; – della direttiva 2000/38/CE relativa alle specialità medicinali, con l’obiettivo di consentire agli utenti un uso più sicuro dei farmaci e di ottimizzare la sorveglianza delle reazioni ai medicinali da parte delle autorità sanitarie centrali e periferiche, delle aziende farmaceutiche, degli operatori sanitari; – della direttiva 2000/36/CE relativa ai prodotti di cacao e di cioccolato destinati all’alimentazione umana, che definisce i requisiti di purezza necessari per poter definire “cioccolato puro” o semplicemente “cioccolato” un prodotto; – della direttiva 2000/26/CE in materia di assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli, che modifica le direttive 73/239/CEE e 88/357/CEE; il provvedimento reca disposizioni finalizzate alla protezione dei visitatori stranieri danneggiati da sinistri stradali;
– delle direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE, recanti, rispettivamente, norme minime per la protezione delle galline ovaiole e la registrazione dei relativi stabilimenti di allevamento;
– della direttiva 2001/19/CE concernente le professioni di infermiere responsabile dell’assistenza generale, dentista,veterinario,ostetrica, architetto, farmacista e medico; si tratta di disposizioni volte a disciplinare in maniera organica e coerente con il contesto europeo il sistema del riconoscimento dei diplomi e delle altre qualifiche professionali;
– delle direttive 2000/37/CE e 2001/82/CE relative ai medicinali veterinari, che prevedono una nuova disciplina della farmacovigilanza veterinaria;
– della direttiva 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori che possono essere esposti al rischio di atmosfere esplosive; sono integrati gli obblighi del datore di lavoro di prevenzione e protezione dei lavoratori; – della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l’uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori; il provvedimento tratta in particolare la sicurezza nell’uso di scale, ponteggi e funi e per i lavori in quota (cioè ad altezza superiore a due metri) – della direttiva 2001/20/CE relativa all’applicazione della buona pratica clinica nell’esecuzione delle sperimentazioni cliniche per uso umano, che disciplina tra l’altro la tutela dei soggetti sottoposti a sperimentazione, anche con particolare riguardo ai minori ed agli adulti incapaci di dare validamente il proprio consenso informato. Viene regolata la fabbricazione e l’ importazione di medicinali in fase di sperimentazione, nonchè le modalità di verifica dell’osservanza delle norme di buona pratica clinica;
– della direttiva 2001/44/CE relativa all’assistenza reciproca in materia di recupero dei crediti risultanti da operazioni che fanno parte del sistema di finanziamento del Fondo europeo agricolo di orientamento e garanzia (FEOGA), nonché dei prelievi agricoli, dei dazi doganali, dell’imposta sul valore aggiunto e di talune accise; – delle direttive 2000/77/CE e 2001/46/CE relative all’organizzazione dei controlli ufficiali nell’alimentazione animale; il provvedimento individua le autorità deputate ai controlli sanitari sui prodotti di origine vegetale, minerale, sugli additivi e premiscele di additivi importati da Paesi terzi.
La riunione ha avuto termine alle ore 10.05.

07 Il Consiglio dei Ministri si è riunito alle ore 16,30 a Palazzo Chigi

In apertura dei lavori, il Presidente ha informato il Consiglio, che ha condiviso, del suo intendimento di proporre al Capo dello Stato la nomina a Sottosegretario presso le Infrastrutture e Trasporti del dott. Paolo UGGE’. In ragione della sua esperienza professionale, al nuovo Sottosegretario sarà delegata la materia dell’autotrasporto. (…)
Il Consiglio ha poi approvato i seguenti provvedimenti:
su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Maroni, e del Ministro per le pari opportunità, Prestigiacomo:
– uno schema di decreto legislativo che apporta alcune modifiche ed integrazioni al testo unico in materia di tutela e sostegno della maternità e paternità, anche coordinandolo con norme sopravvenute. Tra le modifiche l’estensione alle lavoratrici autonome del trattamento previdenziale (oltre a quello economico già previsto) del congedo parentale, l’estensione di tale congedo ai genitori adottivi ed affidatari. Viene infine ampliato ed aggiornato l’elenco degli enti che gestiscono forme obbligatorie di previdenza in favore dei liberi professionisti. Il provvedimento verrà trasmesso al parere del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari competenti; (…)
Il Consiglio ha poi espresso avviso favorevole sull’ ipotesi di accordo che disciplina il rapporto di lavoro della dirigenza scolastica in servizio all’estero, nonché sul rinnovo contrattuale del personale del comparto Università per il secondo biennio economico 2000-2001. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 20,10.

Educazione&Scuola©

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: