09 2005

Nota 30 settembre 2005, Prot. n. 9002
Intesa MIUR-BTICINO S.p.a. “PREMIO NAZIONALE BTSCUOLA 2006 IV° Edizione”

Avviso 30 settembre 2005
Disponibilità posto di Direttore dell’Ufficio dell’Unesco a Brasilia

Avviso 30 settembre 2005
Presentazione candidature per Esperti Nazionali Distaccati presso le Delegazioni Commissione europea

Nota 29 settembre 2005, Prot. n. 5568/A5
Piano pluriennale per la valorizzazione e il potenziamento dell’educazione motoria, fisica e sportiva nella Scuola Primaria nel contesto dell’educazione globale della persona come previsto dalla Legge 18 marzo 2003 n. 53

Nota 28 settembre 2005, Prot.n. 3684
Progetto “Biblioteche Nelle Scuole”: contributo finanziario per le attività di formazione del progetto (Percorsi A e B)

Nota 28 settembre 2005, Prot.n. 5515/A2°
Giornata Nazionale dell’Orientamento “ORIENTAGIOVANI” – 14 ottobre 2005

Nota 28 settembre 2005, Prot. n. 8919
Pubblicazione Risultati del Concorso Sifet-Miur 2004-2005

Nota 28 settembre 2005, Prot. n. 5513/A6
Piano d’Azione “Studenti in strada” – Progetto “ICARO”: Concorso per “La promozione della cultura sulla sicurezza stradale tra i giovani”. 5° Edizione.
Comunicazione vincitori

Avviso 28 settembre 2005
LIBRI IN GIOCO 2006 quinta edizione torneo di lettura per classi della scuola primaria e secondaria di I grado

Circolare Ministeriale 27 settembre 2005
Contributi alle scuole non statali – saldo finanziamenti E.F.2005 – Capitoli 1291 e 1474

Nota 27 settembre 2005, Prot. n. 1211
Corso-concorso ordinario per il reclutamento di dirigenti scolastici – D.D.G. 22.11.2004 – Contenzioso – Richiesta di parere – RETTIFICA

Nota 27 settembre 2005, Prot. n. 1927
4 ottobre giornata della pace, della fraternità e del dialogo

Circolare Ministeriale 26 settembre 2005, n. 74
Permessi sindacali – Comparto Ministeri – Anno 2005

26 settembre Giornata europea delle Lingue 2005

Il 26 settembre 2005 si celebra la quinta giornata europea delle lingue: centinaia gli eventi previsti in tutta Europa per incoraggiare l’apprendimento delle lingue e far conoscere le numerose lingue parlate in Europa.

Di seguito il comunicato stampa:

EUROPEAN DAY OF LANGUAGES
Half of the EU’s population can speak a language other than their mother tongue
On 26 September, Europe will be celebrating its linguistic diversity. Organised annually since 2001 by the Council of Europe, the European Day of Languages aims to encourage language learning among all age groups and to emphasise the importance of linguistic diversity. Each year, the EU spends over € 30 million on language learning.
On the eve of the European Day of Languages, Ján Figel’, European commissioner in charge of Education, Training, Culture and Multilingualism, commented: “As a Slovak proverb says, “The number of languages you speak is the number of times you are human”. Since the poll published today shows that the younger the respondent is, the likelihood of speaking a foreign language increases, I am convinced that today’s young generation will fully contribute to enriching Europe’s multilingual society”.
On this year’s European Day, the European Commission is publishing the results of a Eurobarometer survey which was conducted last June and which focuses on knowledge of languages among European citizens.
Results include the following:
– 50% of the European population say they can speak a foreign language (the result was approximately the same in 2001, when 47% of the EU15 population said they could speak at least one foreign language). The results vary considerably from one country to another: 29% of the Hungarian population, 30% of the British and 36% of the Portuguese, Italian and Spanish populations say they can master a foreign language, whereas 99% of the Luxembourgish population is at least bilingual;
– English is known as a second language by one third of the EU population. It is followed by German (12%), which has slightly overtaken French (11%) as the second most spoken foreign language in the EU due to the fact that it is widely used in the countries which joined the EU last year ;the 2004 enlargement has lifted Russian to the fourth place – tied with Spanish – in the list of the most widely spoken foreign languages in the EU;
– From an occupational point of view, students are the most likely to speak a foreign language: almost 8 out of 10 students can use at least one foreign language.
The EU supports a number of different actions and programmes in favour of language learning and teaching. For example, through the Socrates and Leonardo da Vinci programmes, the Commission invests over € 30 million per year in practical projects that stimulate the enthusiasm of language learners and their teachers. These include school exchanges, language assistantships, teacher training and awareness raising initiatives.
There is also an enormous investment in mobility through the Erasmus action, the Youth programme, and the town-twinning action. The Commission regards mobility as a key factor in motivating people to learn about their neighbours, and to learn their languages.
In July 2003, the Commission published an Action Plan on “Promoting Language Learning and Linguistic Diversity”. The Action Plan sets out three broad fields of action which it sees as crucial for the future:
– extending the benefits of language learning to all citizens;
– improving the quality of language teaching;
– creating a more language-friendly environment. In other words, fostering an inclusive approach to languages, improving language awareness via the media and the Internet and improving the supply and take-up of language learning opportunities.
In support of these objectives, the Action Plan sets outs the Commission’s vision for languages in the EU, defines what the EU’s role can be in this task and asks EU Member States to increase their action in the priority areas identified. The Commission has committed itself to undertaking 45 actions at European level between 2004 and 2006, in the hope of encouraging others to progress at national, regional or local level.
Latest statistics show that the percentage of pupils in primary education learning at least one foreign language has risen almost everywhere in recent years. At present in the majority of Member States, 50% of all pupils at this level learn at least one foreign language and curricula in the great majority of countries offer all pupils the possibility of learning a minimum of two foreign languages during compulsory education.
The Commission will also publish this autumn a Communication on Multilingualism, setting out its broad strategy for the years ahead.
More information on the Eurobarometer:
http://europa.eu.int/comm/public_opinion/archives/ebs/ebs_237.en.pdf
http://europa.eu.int/comm/public_opinion/index_en.htm

Sul tema si vedano in Educazione&Scuola:

Nota 22 settembre 2005, Prot. n. 3533
Oggetto: Progetto “@pprendere digitale”

Nota 21 settembre 2005, Prot. n. 8649
“Vivere il mare” – “Marinando” -” Bandi di concorso 2004 -2005

Nota 20 settembre 2005, Prot. n. 8613
Partecipazione degli studenti alle Olimpiadi della Matematica – Protocollo d’intesa MIUR/UMI

Nota 20 settembre 2005, Prot. n.5428/A1
Trasmissione bando del progetto “E-Inclusion”

Nota 20 settembre 2005, Prot. n. 1655
Personale ATA – Assunzioni a tempo determinato fino alla nomina degli aventi diritto per l’anno scolastico 2005/2006 – Graduatorie di circolo e d’istituto di terza fascia. – D.M. 9.6.2005, n. 55

Nota 16 settembre 2005, Prot. n. 8500
Scuola di Storia della Fisica – Corso di formazione

Nota 15 settembre 2005, Prot. n. 8452
“Concorso internazionale “Shankar’s International Children’s Competition”- Edizione 2006″

Nota 15 settembre 2005, Prot. n. 5373/A3
IV Giornata Europea dei Genitori e della Scuola (10/11 ottobre 2005)

Nota 15 settembre 2005, Prot. n. 8490
Partecipazione Olimpiadi di Informatica Nazionali ed Internazionali 2006

Nota 15 settembre 2005, Prot.n. 8450
Esami di Stato – Anno scolastico 2005-06 – Indirizzi maxi sperimentali di progetto autonomo

Avviso 15 settembre 2005, Prot. n. 4588
Concorso “Crea un nuovo logo per l’INVALSI”

15 settembre Riforma Secondo Ciclo: Rinvio di un anno

Il MIUR accoglie la richiesta formulata dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome (Riforma Secondo Ciclo: Parere Conferenza Unificata 15 settembre 2005), già espressa con il documento elaborato nel corso della seduta del 14 luglio us, di rimandare l’avvio della riforma del secondo ciclo all’anno scolastico 2007-2008 e di non procedere, prima di tale scadenza, all’introduzione sperimentale della stessa.

Riportiamo di seguito il comunicato stampa della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome:

(Roma, 15 settembre 2005) – La Conferenza delle Regioni a maggioranza esprime parere fermamente negativo sull’impianto complessivo e sul testo del decreto di riforma del secondo ciclo per le motivazioni già esposte nel documento consegnato nella seduta del 14 luglio 2005, anche in considerazione dello stato di incertezza e di disorientamento in cui versa il sistema scolastico italiano. In particolare, ribadisce fondata preoccupazione per un impianto sostanzialmente dualistico del sistema educativo che non garantisce la pari dignità dei percorsi di istruzione e formazione, nonché per la non previsione di una effettiva copertura finanziaria del sistema regionale.

La Conferenza delle Regioni apprezza, comunque, la scelta del Governo di accogliere la richiesta di riaprire il confronto politico istituzionale e tecnico con le Regioni e di rinviare a non prima dell’anno scolastico 2007-2008 l’entrata in vigore dei nuovi ordinamenti dell’intero sistema del secondo ciclo, nonché di non procedere da parte del Miur e in qualunque altra forma all’avvio della sperimentazione del nuovo ordinamento nelle scuole prima dell’avvio della riforma.

Ciò consentirà alle Regioni di continuare un lavoro di merito per modificare l’impianto non condiviso.

Le Regioni Lombardia, Veneto, Sicilia e Molise, apprezzando anch’esse l’avvenuta riapertura del confronto politico istituzionale, esprimono parere favorevole sull’articolato del decreto e sulle modifiche emendative proposte dal MIUR che delineano le condizioni di processo per l’attuazione dei nuovi ordinamenti nel rispetto delle competenze regionali. Per tali ragioni le suddette Regioni valutano negativamente il rinvio della data di partenza sia della sperimentazione che della riforma.

Su Educazione&Scuola:

Nota 14 settembre 2005, Prot. n. 8448
Un'”inebriante” occasione la XXVI edizione della “Festa della Vendemmia” al Parco Jalari di Barcellona (ME) – 2 ottobre 2005

Nota 13 settembre 2005, Prot. n. 689
Corsi di formazione per le aree funzionali e per l’area della dirigenza degli Uffici centrali e periferici dell’Amministrazione. “La nuova PDL e i servizi correlati”. “La nuova PDL e gli strumenti per la produttività individuale”

Nota 12 settembre 2005, Prot. n.8266
Gara Nazionale per gli alunni degli Istituti Tecnici con indirizzo NAUTICO che hanno conseguito l’ammissione al quinto anno di corso negli scrutini conclusivi dell’anno scolastico 2004/2005

Nota 12 settembre 2005, Prot. n. 1611
Personale ATA – Graduatorie di circolo e d’istituto di terza fascia. – D.M. 9.6.2005, n. 55

Nota 12 settembre 2005, Prot. n. 1825/dip/U01
Informazione per le Istituzioni scolastiche

10 – 29 settembre Mobilità AFAM 2005-2006

L’Ordinanza Ministeriale 12 luglio 2005 fissa il seguente calendario per le operazioni di mobilità del personale AFAM:

  • Termine per la comunicazione agli interessati del punteggio attribuito: 10 settembre 2005
  • Rinuncia, reclami, rettifiche: 17 settembre 2005
  • Pubblicazione punteggi definitivi: 20 settembre 2005
  • Pubblicazione dei trasferimenti: 23 settembre 2005
  • Comunicazione delle cattedre e posti disponibili per le utilizzazioni temporanee: 29 settembre 2005

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

In Mobilità, Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie

Nota 9 settembre 2005, Prot. n. 1815/DIP/UO2
Progetto Scuola al Cinema. I bambini del terzo millennio. Anno scolastico 2005/2006. Proroga dei termini di adesione

Nota 9 settembre 2005,  Prot. n. 8238
Concorso Internazionale di composizione per ragazzi – a.s. 2005/06

Avviso 6 settembre 2005
Bando di partecipazione CinemAvvenire: 14* edizione 2005

Nota 6 settembre 2005, Prot. n. 3329
Progetto Scuola

05 – 09 settembre Esami

Con il DM 63/05 il MIUR dispone che la sessione straordinaria degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio d’istruzione secondaria superiore, per l’anno scolastico 2004/05, si svolga secondo il seguente calendario:

05 settembre 2005 Insediamento delle commissioni, nella stessa composizione in cui hanno operato nella sessione ordinaria
06 settembre 2005 Prima Prova ScrittaTerza Prova Scritta per i candidati che non devono sostenere le prime due prove scritte

Colloquio per i candidati che non devono sostenere alcuna prova scritta

07 settembre 2005 Seconda Prova ScrittaEsame per i candidati che non devono sostenere la prima prova scritta
09 settembre 2005 Terza Prova ScrittaEsame per i candidati che non devono sostenere la prima prova scritta
Dopo la correzione delle prove scritte Colloquio

In Educazione&Scuola:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

01 – 30 settembre Corso-Concorso Dirigenti Scolastici

A partire dal mese di settembre – secondo i calendari predisposti dagli Uffici Scolastici Regionali – i candidati che hanno superato la selezione per titoli (prima fase) del corso-concorso selettivo di formazione per il reclutamento di 1.500 Dirigenti scolastici per la Scuola Primaria e Secondaria di primo grado, per la Scuola secondaria superiore e per gli Istituti educativi, bandito con Decreto del Direttore Generale 22 novembre 2004, (in GU 4^ serie speciale, n° 94 del 26 novembre 2004), affrontano le due prove scritte (stesura di un saggio e predisposizione di un progetto) che aprono il concorso di ammissione (seconda fase).
Coloro che conseguiranno il punteggio minimo di 21/30 per ogni prova scritta saranno ammessi alle prove orali (colloquio di gruppo ed individuale) che chiudono la seconda fase.
Solo i primi 1.650 candidati (10% in più dei posti messi a concorso) fra coloro che hanno superato le prove orali con il punteggio minimo di 21/30 saranno ammessi al periodo di formazione della durata di nove mesi (terza fase) ed alle successive prove scritta ed orale che costituiscono l’esame finale (quarta fase).

Riportiamo di seguito una tabella riepilogativa dei calendari regionali relativi alle due prove scritte ed i testi delle medesime prove::

REGIONE

DATA SVOLGIMENTO PROVE SCRITTE

ABRUZZO 29-30 settembre
CALABRIA 28-29 settembre
EMILIA-ROMAGNA 8-9 settembre
FRIULI-VENEZIA-GIULIA 8-9 settembre
LIGURIA 6-7 settembre
LOMBARDIA 8-9 settembre
MARCHE 28-29 settembre
MOLISE 20-21 settembre
PIEMONTE 1-2 settembre
PUGLIA 28-29 settembre
SARDEGNA 6-7 settembre
TOSCANA 26-27 settembre
UMBRIA 20-21 settembre
VENETO 13-14 settembre

In Educazione&Scuola:

01 settembre Portfolio e Privacy

Nella Gazzetta Ufficiale dell’8 agosto 2005, n. 183 è stato pubblicato il Provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali del 26 luglio 2005, relativo all’Introduzione di un documento di valutazione ed orientamento, denominato «Portfolio (o cartella) delle competenze individuali»; presto il MIUR pubblicherà una nota esplicativa in applicazione dello stesso provvedimento.

Riportiamo di seguito il comunicato stampa dell’1 settembre 2005 dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali ed una dichiarazione del relatore Mauro Paisan:

SCUOLA: PIU’ PRIVACY PER IL “PORTFOLIO” DEGLI ALUNNI
(Roma, 1 settembre 2005) Più privacy per gli alunni della scuola e più chiarezza per gli insegnanti alle prese con un nuovo documento di valutazione ed orientamento introdotto dalla riforma scolastica. La chiede il Garante per la protezione dei dati personali (composto da Francesco Pizzetti, Giuseppe Chiaravalloti, Mauro Paissan, Giuseppe Fortunato) che ha indicato ad istituti pubblici e privati le modalità per trattare lecitamente i dati personali in occasione della compilazione e gestione del cosiddetto “Portfolio”, il nuovo strumento didattico redatto dall’insegnante per ciascun alunno che, oltre ai progressi formativi ed educativi dello studente, documenta interessi, attitudini, aspirazioni personali che emergono nel corso degli anni scolastici.
Nel provvedimento (consultabile su www.garanteprivacy.it), di cui è stato relatore Mauro Paissan, il Garante spiega che nel “Portfolio”, o cartella delle competenze individuali, dovranno essere inseriti solamente dati personali pertinenti e necessari per la valutazione e l’orientamento dell’alunno. I dati più delicati, in grado di rivelare particolari condizioni come lo stato di adozione o malattie, potranno essere annotati solo se strettamente indispensabili per la valutazione e l’orientamento dell’alunno.
Il Garante ha ricevuto numerosi reclami e segnalazioni da parte di genitori ed alunni che lamentano possibili violazioni della riservatezza per le modalità con le quali questo documento è stato predisposto dalle singole scuole. In alcuni casi esaminati dall’Autorità le raccolte di dati sono risultate eccessive ed ingiustificate: determinate domande presenti in alcuni modelli possono, infatti, far emergere informazioni particolarmente delicate sull’alunno (es.stato di adozione) oppure riguardare informazioni relative al suo profilo psicologico (descrizioni di paure e disagi), al suo stato di salute (eventuali ricoveri ospedalieri e patologie), al credo religioso, alla condizione sociale e familiare, tutti dati sensibili per i quali il Codice della privacy impone un elevato livello di protezione.
In base alle regole stabilite dal Garante ogni istituto scolastico dovrà, quindi, adottare opportune misure per prevenire la raccolta di dati non necessari e per informare i genitori sul trattamento dei dati degli alunni. Ai genitori vanno garantiti tutti i diritti riconosciuti dal Codice per la privacy (accesso ai dati, aggiornamento, integrazione etc.). Dovranno poi essere predisposte idonee misure di sicurezza ed individuato un ridotto periodo di conservazione dei dati. Alla fine del corso di studi il Portfolio deve essere rilasciato allo studente, affinché lo consegni, ove previsto, al nuovo istituto scolastico.
Il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca si è già dichiarato disponibile ad inviare una nota esplicativa a tutte le istituzioni scolastiche affinché si conformino al Codice in materia di protezione dei dati personali nella compilazione e gestione del Portfolio.
DICHIARAZIONE DI MAURO PAISSAN
(Roma, 1 settembre 2005) “Se non ben utilizzato -commenta il relatore Paissan – il Portfolio può tradursi in una sorta di schedatura dannosa per gli alunni. Non si può addossare a un ragazzo un fardello di informazioni delicate di cui non può più liberarsi fino al termine del corso di studi”. Paissan precisa: “Alla scuola e all’insegnante può essere utile conoscere informazioni anche molto personali sui ragazzi, ma queste non possono essere fissate in una documentazione che l’alunno deve portarsi dietro per anni. Alcuni dati sulla situazione famigliare, o di tipo sanitario, o d’ordine psicologico o relativi alla fede o all’origine etnica, potrebbero tradursi in un marchio, in un grave pregiudizio”.

in Norme

in Bacheca della DidatticaInterventi sulla Riforma

in Riforme On Line

01 – 20 settembre Inizio AS 2005-2006

Il 20 settembre 2005 si svolge a Roma, presso il Vittoriano, la cerimonia di apertura dell’anno scolastico 2005-2006.
Di seguito il comunicato stampa del MIUR ed il messaggio del Capo dello Stato:

Il 20 settembre a Roma, al Vittoriano, si svolgerà la cerimonia di apertura dell’anno scolastico.
Alla presenza di 1500 studenti provenienti da tutte le regioni italiane, il Presidente Ciampi e il Ministro Moratti rivolgeranno un messaggio augurale ai ragazzi, al personale della scuola e alle famiglie.
Saranno presenti anche personalità del mondo dello spettacolo, dello sport, delle arti, della moda, che si alterneranno sul palco con alcuni studenti, chiamati a presentare le esperienze più significative realizzate dalle scuole nell’ambito del tema che costituisce il “filo conduttore” della manifestazione di quest’anno: L’impegno dei giovani per migliorare la società del domani entro uno scenario che si ispira ai valori della nostra tradizione, della Costituzione repubblicana e della dimensione europea dell’educazione.
La Cerimonia, presentata anche quest’anno da Fabrizio Frizzi, sarà trasmessa in diretta su RAI UNO dalle 11.00 alle 12.30.
La giornata di festa si concluderà nel pomeriggio a Formia (LT), dove, alle ore 17.00, presso il campo CONI-SNAL, le delegazioni studentesche regionali daranno vita a uno spettacolo con saggi teatrali, musicali, sportivi e coreografie artistiche.
Tutti a scuola (http://www.istruzione.it/eventi/eventi2005.shtml)

Messaggio del Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, agli studenti in occasione dell’apertura dell’a.s. 2005-2006
Roma – Complesso Monumentale del Vittoriano, 20 settembre 2005
Care ragazze, cari ragazzi, cari insegnanti,
Signor Ministro della Pubblica Istruzione, Signori Ministri,Signor Sottosegretario, Autorità
mentre cantavamo, tutti insieme, l’Inno di Mameli, il mio pensiero è corso alla data di oggi: 20 settembre, 20/9/1870, Roma capitale dell’Italia unita, il compimento del sogno risorgimentale.
E’ la settima volta che vi incontro, per augurare a tutti voi un felice inizio dell’anno scolastico.
Da sei anni celebriamo l’evento su questo stupendo piazzale del Vittoriano: un luogo simbolico, che insieme abbiamo contribuito a far scoprire a milioni di visitatori.
La scelta di celebrare qui l’inizio dell’anno scolastico vuole testimoniare il legame profondo fra l’educazione dei giovani e la fedeltà ai principi sui quali si fonda la nostra Repubblica: la libertà dei cittadini; l’unità della Patria.
La Scuola è parte vitale della Nazione: è il vivaio dell’Italia del futuro.
Per questo ne seguo con grande attenzione i complessi problemi e l’evoluzione, nel quadro dei profondi cambiamenti della società e dell’economia. Questo nostro settimo incontro si carica per me, come potete ben capire, di un significato e di una emozione più intensi.
In questi anni ho incontrato tanti giovani; sia nei viaggi nella provincia italiana, sia al Quirinale e nelle iniziative che abbiamo portato avanti a Castel Porziano, quali le Settimane della Scienza. Ho ascoltato più volte i rappresentanti delle Consulte provinciali degli studenti, organismi di partecipazione attiva alla vita della scuola e della società.
Quello che ho provato, le impressioni che ho raccolto in queste occasioni, hanno confermato e accresciuto la mia fiducia nel futuro della nostra amata Patria. Con il vostro orgoglio per la nostra identità italiana, e con il vostro desiderio di apertura verso l’identità europea, avete indicato a tutti la strada di un rinnovato patriottismo.
Si sta attuando così l’orientamento che Benedetto Croce, nel 1949, proponeva ai giovani, in un’Italia ancora sofferente per le ferite della guerra. Riporto le sue parole: “L’amore per la Patria non consiste in gelosia e odio verso le altre Patrie, ma nella purezza degli ideali, nel congiungimento con quanto la Patria compì nel passato e può e deve compiere nel presente per promuovere l’umanità degli uomini, la civiltà della società”.
Su questa strada mi avete accompagnato con il vostro affetto, con il vostro sostegno: essi sono stati per me una linfa vitale.
Il vostro entusiasmo e la vostra voglia di fare non li dimostrate soltanto nello studio. Nel volontariato, nell’attenzione all’ambiente, molti di voi sono protagonisti di iniziative che dimostrano spirito di solidarietà, concretezza, tenacia.
In questi sette anni, molte cose sono cambiate nel mondo, e nel nostro modo di guardare al futuro.
Centinaia di milioni di cittadini europei utilizzano oggi la stessa moneta. Dieci nuovi Stati sono diventati membri dell’Unione Europea. Anche se con qualche difficoltà, abbiamo compiuto passi decisivi sulla via di una sempre maggiore coesione fra nazioni che, pur costruendo insieme una grande civiltà, furono anche, tante volte, nei secoli nemiche.
Non lo sono e non lo saranno mai più.
Chi ha vissuto le immani tragedie del Novecento sa che la nostra comune storia ha compiuto un grande balzo in avanti. L’unità odierna dei popoli europei ci appare come l’approdo di un lungo percorso di civiltà.
Di questa nuova e antica identità europea possiamo essere orgogliosi. Oggi l’Europa è, più che mai in passato, un esempio e un modello per tutti i popoli.
Ma il nostro orizzonte non è tutto sereno. La minaccia di un terrorismo spietato e insensato è entrata a far parte della nostra vita. Il pericolo è grande ovunque.
Va affrontato con convinta fermezza; con la forza della ragione; con spirito di amicizia verso i diversi da noi; con la volontà di trovare soluzioni giuste per i conflitti aperti; con un’accresciuta capacità di affrontare insieme i problemi dell’arretratezza e della miseria.
Noi Europei dobbiamo dare forza e voce alla nostra presenza costruttiva sullo scenario internazionale; proporre al mondo il nostro progetto di sviluppo, di affermazione della libertà e della dignità di ogni persona, di tutti i popoli.
Siamo certi che la volontà di pace e concordia finirà per prevalere.
L’Italia può dare un contributo importante alla diffusione della cultura della pace nel mondo.
Nella nostra storia millenaria abbiamo dato prova della capacità di accogliere, di elaborare e di esprimere, valori etici che superano l’esame del tempo, che altri popoli a loro volta hanno saputo fare propri.
Geografia e storia hanno posto l’Italia al centro delle civiltà del Mediterraneo: un mare che ha unito, assai più di quanto abbia diviso, genti e culture. Tutte hanno lasciato la loro impronta nella nostra identità.
Studiando lo svolgersi di questo intreccio di esperienze, nell’arte, nella filosofia, nella matematica, nella religione, sarete sempre più consapevoli di quanto ci siamo vicendevolmente arricchiti, pur restando diversi e orgogliosi delle proprie particolari tradizioni.
Questo scambio di culture si è nutrito di innumerevoli migrazioni. Oggi, sempre più spesso, sui banchi accanto a voi siedono giovani i cui genitori, fuggendo da condizioni di miseria o in cerca di libertà, sono qui giunti da Paesi stranieri. Anche tanti dei nostri padri furono emigranti, in cerca di migliori fortune. Affrontarono e superarono aspre difficoltà, paure, diffidenze. E oggi i loro discendenti sono parte viva della vita e della cultura di molte Nazioni.
Non dimenticate mai quelle pagine della nostra storia. Tendete la mano ai giovani stranieri che vivono in mezzo a noi: la Scuola, anche col vostro aiuto, contribuirà a renderli cittadini responsabili della Repubblica. Essi sono venuti per ricevere, ma anche per dare.
Conosciamo i pericoli e le tragedie che l’intolleranza porta sempre con sé. Conosciamo anche i benefici dell’incontro di culture diverse. Ognuno di noi ha l’occasione di dare il proprio contributo alla comprensione e al rispetto reciproci.
Fate che la fiducia sia più forte della paura, il dialogo più forte dei timori che nascono dalle diversità.
Sette anni fa vi dissi: “l’Italia sarà quello che voi sarete”. Ve lo ripeto oggi. A voi, cari ragazze e ragazzi, è affidato il futuro dei valori di libertà e di dignità che sono stati conquistati dai vostri padri. E a voi, insegnanti e genitori, tocca il compito di infondere nei giovani questi valori.
Dialogando e confrontandovi, saprete trovare quell’equilibrio fra innovazione e continuità che renderà attuali ed efficaci nel tempo i principi guida della nostra democrazia.
Questa è la sfida affascinante, a cui tutti siamo chiamati, ciascuno nel proprio ruolo: agendo nel presente, fedeli al nostro passato, impegnati a formare rettamente voi giovani, protagonisti del comune futuro.
A tutti, con tutto il cuore, auguro un proficuo anno scolastico.

Il 6 settembre il ministro ha tenuto la consueta conferenza stampa di presentazione del nuovo anno scolastico; critici i sindacati.
Di seguito il comunicato stampa del MIUR:

Il Ministro Moratti: “Per il quinto anno consecutivo l’anno scolastico si apre regolarmente con tutti gli insegnanti in classe sin dal primo giorno”
(Roma, 6 Settembre 2005) Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Letizia Moratti, ha tenuto questa mattina la conferenza stampa di presentazione dell’Anno scolastico 2005-2006, presentando alla stampa i principali risultati conseguiti nel corso del suo mandato ministeriale, a partire dal 2001.
In particolare, il Ministro Moratti ha illustrato, con cifre e dati specifici, le azioni tese a realizzare il puntuale e ordinato avvio dell’anno scolastico, che per il quinto anno consecutivo comincia con tutti gli insegnanti in classe, dare centralità agli alunni e valorizzare il ruolo delle famiglie, le iniziative per giungere a un più moderno, funzionale ed efficiente sistema educativo di istruzione e formazione, aumentare la qualità dell’offerta formativa, sviluppare relazioni e progetti internazionali in materia di istruzione e formazione e rafforzare le interazioni e collaborazioni con il mondo della produzione e del lavoro, e infine per dare sempre maggiore diffusione e consistenza a modelli di educazione permanente riferiti all’intero arco della vita attiva.

L’art. 138 del D.L.vo 31 marzo 1998, n. 112 delega alle regioni la determinazione del calendario scolastico annuale; rimangono competenza del MIUR (OM 62/05):

  • la determinazione per l’intero territorio nazionale della data di inizio (prima prova) degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore (21 giugno 2006);
  • l’indizione eccezionale, in corso d’anno, di sessioni speciali di esami di licenza di scuola media, di qualifica professionale e di licenza di maestro d’arte per sovvenire alle esigenze di riconversione professionale dei lavoratori specie se in mobilità;
  • la determinazione del calendario delle festività a rilevanza nazionale (tutte le domeniche; il 1° novembre, festa di tutti i Santi; l’8 dicembre, Immacolata Concezione; il 25 dicembre, Natale; il 26 dicembre; il 1° gennaio, Capodanno; il 6 gennaio, Epifania; il giorno di lunedì dopo Pasqua; il 25 aprile, anniversario della Liberazione; il 1° maggio, festa del Lavoro; il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica; la festa del Santo Patrono).

Riportiamo di seguito una tabella riepilogativa dei calendari regionali:

REGIONI INIZIO LEZIONI TERMINE LEZIONI FESTIVITA’ NATALIZIE FESTIVITA’ PASQUALI VARIE
ABRUZZO 15/09/05 10/06/06 (1) 24/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06
BASILICATA 19/09/05 10/06/06 (1) 23/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06 02/11/05
CALABRIA 15/09/05 10/06/06 (1) 23/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06
CAMPANIA 15/09/05 10/06/06 (1) 23/12/05 – 8/1/06 13/04/06 – 18/04/06
EMILIA ROMAGNA 19/09/05 10/06/06 (1) 24/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06 02/11/05
FRIULI VENEZIA G. 12/09/05 08/06/06 (1) 23/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06
LAZIO 14/09/05 (3) 10/06/06 (1) 22/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06
LIGURIA 20/09/05 10/06/06 (1) 24/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06
LOMBARDIA 12/09/05 10/06/06 (1) 23/12/05 – 8/1/06 12/04/06 – 19/04/06
MARCHE 12/09/05 (3) 07/06/06 (1) (4) 24/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06 31/10/05 e 24/04/06
MOLISE 12/09/05 08/06/06 (1) (2) 24/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06 02/11/05
PIEMONTE 12/09/05 10/06/06 (1) 24/12/05 – 8/1/06 12/04/06 – 18/04/06
PUGLIA 19/09/05 10/06/06 (1) 24/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06
SARDEGNA 19/09/05 10/06/06 (1) 23/12/05 – 5/1/06 13/04/06 – 18/04/06 2/11/05;28/02/06;28/04/06
SICILIA 19/09/05 10/06/06 (1) 24/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06
TOSCANA 15/09/05 10/06/06 (1) 24/12/05 – 5/1/06 13/04/06 – 18/04/06 30/11/05
UMBRIA 15/09/05 10/06/06 (1) 23/12/05 – 5/1/06 13/04/06 – 18/04/06 02/11/05
VALLE D’AOSTA 14/09/05 08/06/06 (1) 23/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 17/04/06
VENETO 19/09/05 10/06/06 (1) 24/12/05 – 8/1/06 13/04/06 – 18/04/06

BOLZANO

12/09/05

16/06/06 24/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 18/04/06 dal 31/10/05 al 2/11/05; dal 27/2/06 al 4/3/06; 24/04 e 3/6
TRENTO 12/09/05 10/06/06 22/12/05 – 7/1/06 13/04/06 – 19/04/06 31/10/05;24/4/06;3/6/06

(1) Per la scuola dell’infanzia il termine delle attività educative è fissato al 30/06/2006
(2) Per le classi degli Istituti Professionali e Istituti d’Arte in cui si effettuano, rispettivamente, esami di qualifica e esami di licenza di maestro d’arte le lezioni terminano il 31 maggio 2006
(3) 15 settembre per la scuola dell’infanzia e del primo ciclo (Regione Marche) – secondo ciclo (Regione Lazio)
(4) 10 giugno per le scuole del primo ciclo

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

01 –  30 settembre Attività Sindacale

Proseguono gli incontri di ARAN e MIUR con le OOSS su:

  • 29: regolamento supplenze ATA
  • 27: Ria e Incarichi aggiuntivi; svolgimento concorso ordinario DS
  • 27: inidonei e mobilità intercompartimentale
  • 21: corsi riservati ex lege 143/04, art. 2
  • 15: SIVADIS
  • 13, 14, 20: regolamento delle supplenze docenti
  • 7, 8, 13, 15, 22: siglato il 22 settembre 2005 il CCNL biennio economico 2004-2005 personale scuola
  • 2: incontro di inizio anno

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

Nota 1 settembre 2005, Prot. n. 8080
Pubblichiamo il medagliere italiano 2005 delle Olimpiadi Internazionali Studentesche per l’asse scientifico (informatica, fisica, matematica e chimica)

Parlamento

I lavori parlamentari riprendono il 12 settembre; le commissioni sono riconvocate a partire dal 6 settembre 2005.

Camera
Commissioni
7a 27, 28, 29, 30 Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni sul secondo ciclo del sistema educativo di Istruzione e formazione ai sensi della legge 28 marzo 2003, n. 53
7a 20, 21, 22, 26, 27, 28, 29, 30 Schema di Decreto Legislativo in materia di formazione degli insegnanti, ai fini dell’accesso all’insegnamento
7a 15, 21 Iniziative in favore delle scuole paritarie
7a 15

Interrogazioni a risposta immediata

Senato
Commissioni
7a 27, 28 Il 28 settembre 2005 la Commissione esprime parere positivo sullo schema di Decreto Legislativo relativo alle Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni sul secondo ciclo del sistema educativo di Istruzione e formazione ai sensi della legge 28 marzo 2003, n. 53
7a 20, 21, 22, 27, 28, 29 Schema di Decreto Legislativo in materia di formazione degli insegnanti, ai fini dell’accesso all’insegnamento
7a 14, 15, 20, 21, 22 DdL 3497, «Nuove disposizioni concernenti i professori ed i ricercatori universitari e delega al Governo per il riordino del reclutamento dei professori universitari»
7a 14, 15, 27, 28, 29 Nuove norme in materia di difficoltà specifiche di apprendimento

Governo

29 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 15,45 a Palazzo Chigi.

Il Consiglio ha approvato su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, Tremonti, il disegno di legge riguardante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge Finanziaria) e il disegno di legge concernente il bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2006 e bilancio pluriennale per il triennio 2006-2008.
La Finanziaria 2006 contiene le norme derivanti dalla complessiva manovra correttiva dei conti pubblici, incentrata sul rientro dell’indebitamento entro i parametri del nuovo Patto di stabilità e crescita concordato con l’Unione europea, mediante un aggiustamento netto strutturale dello 0,8 per centro del PIL. E’ prevista tra l’altro la costituzione di un Fondo per il finanziamento di interventi in favore delle famiglie e dello sviluppo economico. Vengono varate misure di sostegno alle attività sociali meritevoli (5 per mille al volontariato, incentivi alla ricerca) nonchè indennizzi per i risparmiatori. Per incentivare la crescita economica del Paese, con particolare riguardo al Mezzogiorno, vengono introdotte misure per la riduzione del cuneo contributivo, per stimolare la previdenza complementare, per lo sviluppo dei distretti industriali. Vengono inoltre stanziate nuove risorse per le “grandi opere”.
Il Consiglio ha inoltre approvato un decreto-legge che prevede un insieme di misure di contrasto all’evasione fiscale, nonché altri interventi urgenti di carattere finanziario.
In particolare, viene prevista la cessazione, a partire dal 1° ottobre 2006, del sistema di affidamento in concessione del Servizio nazionale della riscossione; tali funzioni sono attribuite all’Agenzia delle entrate che le eserciterà per il tramite di “Riscossione s.p.a.”, (che verrà costituita dall’Agenzia stessa e dall’INPS) in collaborazione con la Guardia di finanza; sull’attività di riscossione esercitata con le nuove modalità il Governo riferirà annualmente al Parlamento. E’ prevista, inoltre, l’istituzione del Fondo di garanzia per agevolare l’accesso al credito delle aziende che conferiscono il trattamento di fine rapporto a forme pensionistiche complementari. Ulteriori misure prevedono l’ottimizzazione della gestione delle ASL fin dal 2005 con l’obiettivo di una maggiore trasparenza dei bilanci, nonché la possibilità per le Regioni di accedere al finanziamento integrativo (con le modalità prevista dall’intesa del 23 marzo 2005) con il rispetto degli obblighi di informazione ai fini del monitoraggio delle spese.
Successivamente è stata approvata la Relazione previsionale e programmatica per l’anno 2006.
Il Consiglio ha poi autorizzato il Ministro per la funzione pubblica ad esprimere il parere favorevole del Governo sugli Atti di indirizzo per i contratti collettivi nazionali del comparto Sanità relativi al personale non dirigente e delle aree III (dirigenza medica e veterinaria) e IV (dirigenza sanitaria, tecnica e amministrativa) per il biennio economico 2004-2005. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 19,55

23 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 9,00 a Palazzo Chigi.

Il Consiglio ha confermato all’on.Giulio Tremonti, Ministro dell’economia e delle finanze, l’attribuzione delle funzioni di Vicepresidente del Consiglio dei Ministri. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 10,05.

16 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 10,25 a Palazzo Chigi.

(…) Il Ministro Maroni ha riferito sull’andamento delle trattative con le parti sociali relative alla previdenza complementare ed ha annunciato che il 30 settembre p.v. porterà in Consiglio il testo per l’approvazione definitiva. (…)
Il Consiglio ha, poi, espresso avviso favorevole all’ulteriore corso delle ipotesi di contratto collettivo nazionale di lavoro per le aree (III e IV) della dirigenza medica e sanitaria, relative al quadriennio normativo 2002-2005 ed al biennio economico 2002-2003. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 11,35.

9 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 10,20 a Palazzo Chigi.

(…) Il Consiglio ha inoltre adottato le seguenti deliberazioni: (…)
su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca:
– avvio della procedura di nomina del prof.Onorato GRASSI a Presidente dell’Istituto nazionale di documentazione per l’innovazione e la ricerca educativa (INDIRE) e nomina a componenti del consiglio di amministrazione del medesimo Istituto dei professori Paolo GUIDICINI, Maria Paola TINAGLI, Salvatore Maria MICCICHE’ e Giovanni COMINELLI. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 12,45.

2 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 11,15 a Palazzo Chigi.

La seduta, sospesa alle ore 13,30, è ripresa alle ore 15,35 ed ha avuto termine alle ore 16,15.

Educazione&Scuola©

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: