12 2007

Decreto-Legge 31 dicembre 2007, n. 248 (in GU 31 dicembre 2007, n. 302)
Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria

31 dicembre Messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica

(Palazzo del Quirinale, 31 dicembre 2007) A voi che mi ascoltate, e a tutti gli italiani, in patria e all’estero, sento di dovere una risposta, insieme con il piu’ sincero, cordiale augurio. Una risposta alla domanda che piu’ ci inquieta: come dobbiamo guardare all’anno che sta per iniziare, con quali preoccupazioni e con quali motivi di speranza e di fiducia? E’ una domanda non facile, alla quale vorrei provarmi a rispondere partendo da quel che dell’Italia ho visto e ho potuto intendere lungo tutto il 2007, attraverso un gran numero di visite e di incontri.

Ho visto, dal Sud al Nord – la mia piu’ recente, intensa tappa e’ stata Milano – aspetti eloquenti dell’Italia che vuole crescere, divenire piu’ moderna e piu’ giusta, e che sa come per non perdere terreno in Europa e nel mondo debba vincere competizioni e sfide difficili. Ho colto – nelle situazioni piu’ diverse, anche se non dovunque nella stessa misura – segni concreti di dinamismo e di capacita’ innovativa, prendendo visione di realizzazioni e progetti audaci. Mi si e’ presentata in questa luce la realta’ dell’economia, delle imprese e del lavoro produttivo; e la realta’ di istituzioni indubbiamente vitali. Ho visitato, in particolare, Istituti di ricerca e di alta formazione che possono ben vantare il titolo di centri di eccellenza.

Questi sono fatti, e sono motivi di fiducia nell’avvenire dell’Italia: il problema sta nel come valorizzare e incoraggiare dovunque nel paese questo dinamismo, nel come trasmettere questi impulsi all’intero sistema Italia, puntando sull’innovazione e sul merito, privilegiando fortemente l’istruzione, cosi’ da giungere via via a un piu’ alto tasso di crescita, a una crescita piu’ sostenuta e generale, in cui sia pienamente coinvolto il Mezzogiorno. Se questo e’ il problema, con esso deve misurarsi la politica – governo e istituzioni rappresentative ad ogni livello – ma debbono misurarsi nello stesso tempo tutte le forze sociali e culturali. Non c’e’ da abbandonarsi alla sfiducia, ma da proporre, decidere, operare.

E c’e’ da proporre soluzioni innanzitutto di fronte all’allarme per l’aumento del costo della vita, che la parte piu’ povera e disagiata della popolazione puo’ sempre meno reggere e un’altra parte delle famiglie, che conta solo su retribuzioni e redditi insufficienti, regge a costo di seri sacrifici, mai abbastanza riconosciuti.

Il malessere sociale e’ qui, ed e’ nell’incertezza del lavoro, in special modo nella difficolta’, ancora per troppi giovani nel Sud, a trovare lavoro, nonostante la netta diminuzione del tasso nazionale di disoccupazione. Il malessere e’ nella insufficiente tutela del lavoro, della vita sul lavoro. Questo e’ stato e rimane un mio assillo. Mi hanno commosso e scosso le parole di un giovane compagno di lavoro del ventiseienne Rosario, uno degli operai travolti nell’orribile rogo di Torino: ‘Noi ragazzi che siamo cresciuti insieme a lui da quando avevamo 14 o 15 anni, se lui lotta per la vita dobbiamo lottare con lui fino alla fine’. Gli sono rimasti accanto, poi purtroppo la fine e’ giunta. E ieri e’ giunta anche per Giuseppe, altro ventiseienne, ultima delle vittime di una vera e propria inaudita strage. Abbraccio con affetto i loro familiari e la citta’.

Molti e diversi sono comunque i fatti che smentiscono le rappresentazioni di un’Italia in declino. Un autorevole osservatore straniero – e ce ne sono di attenti e non malevoli – ha di recente indicato un punto di forza del nostro paese – in particolare, la chiave del forte successo, in questo periodo, delle nostre esportazioni – nella cultura della creativita’, che deve far considerare grande il potenziale delle nostre imprese e del nostro lavoro. E in questo nuovo esprimersi della creativita’ italiana, rivive la forza di una tradizione, di un patrimonio e di una sensibilita’ cui dobbiamo dedicare ben maggiore attenzione. Dovunque mi sia recato in visita quest’anno in Europa e fuori d’Europa ho constatato quanto grande sia la forza d’attrazione del nostro patrimonio storico-artistico e culturale, antico e moderno. Un patrimonio che parte da lontano, come ci dice in questo momento la straordinaria mostra delle opere illegalmente sottratte e ora recuperate all’Italia, grazie a un esemplare sforzo congiunto delle istituzioni e dei corpi dello Stato.

E’ una mostra ospitata al Quirinale. Perche’ questo Palazzo, senza eguali al mondo, e’ – permettetemi di sottolinearlo – tra i luoghi piu’ rappresentativi della storia e della creativita’ italiana, ed e’ aperto a tutti gli italiani, che in diverse centinaia di migliaia l’hanno visitato nel corso del 2007.

Qui abbiamo accolto anche tante rappresentanze dell’Italia piu’ operosa e generosa. E dell’Italia che soffre, che lotta contro le sofferenze e sostiene l’impegno a combatterle. Mi ha molto colpito l’incontro che abbiamo avuto in Quirinale in occasione della Giornata dedicata alle persone con disabilita’: abbiamo visto queste persone non rassegnate, impegnate a esprimere una speranza attiva realizzando al meglio se stesse grazie a una splendida rete di solidarieta’. E cio’ ci dice che grande e’ anche il potenziale umano e morale di cui l’Italia dispone.

Vi sto parlando poco di quel che accade nella sfera della politica e delle istituzioni. Ma non certo perche’ non sia importante: piuttosto perche’ vorrei richiamare l’attenzione su quel che di piu’ ampio vive e conta nel paese, sulle realta’ e sulle responsabilita’ che non possono ridursi alla sfera della politica. Siamo poi in un momento in cui molto si discute sul bilancio di attivita’ del governo e sulle critiche e richieste dell’opposizione: se ne discute in liberta’ e con asprezza, e non possono esserci interferenze da parte mia, in nessun senso.

Posso solo dire che per consolidare e generalizzare tutti i fenomeni e fermenti positivi che ho richiamato, per mettere a frutto le potenzialita’ su cui l’Italia puo’ contare, e’ comunque  indispensabile che si adottino alcune riforme in campo istituzionale e che si crei un nuovo, piu’ costruttivo clima politico, fondato su una effettiva legittimazione reciproca. Mi sono speso a tal fine sin dall’inizio del mio mandato, e insistero’ nelle mie sollecitazioni e nei miei appelli: ora che uno spiraglio di dialogo si e’ aperto, con il contributo di entrambi gli schieramenti politici, specie sulla riforma elettorale, occorre assolutamente evitare che l’occasione vada perduta. Quali siano le condizioni, da un lato, per la continuita’ dell’azione di governo, e dall’altro, per un esito positivo del confronto sulle riforme, lo si vedra’ presto in Parlamento.

Torno ora su considerazioni che si rivolgono a voi tutti, a noi tutti come italiani. Possiamo avere piu’ fiducia in noi stessi, ma dobbiamo essere piu’ esigenti verso noi stessi. Ci preoccupano giustamente l’insicurezza e la criminalita’; ci preoccupano difficolta’ e fenomeni legati a una immigrazione in rapida crescita. Non si possono tuttavia ignorare i risultati ottenuti colpendo i vertici delle organizzazioni mafiose, o conseguendo una diminuzione di varii tipi di reato: si tratta di risultati di cui va dato merito alla magistratura e alle forze dell’ordine, apprezzandone l’impegno sempre rischioso e garantendo loro mezzi adeguati. Ma quel che piu’ conta, perche’ ciascuno possa fare la sua parte, e’ liberarsi dalle paure che non fanno ragionare e dai particolarismi che non fanno decidere.

La paura puo’ far dimenticare i limiti e i diritti da rispettare nell’azione che va condotta a tutela della sicurezza dei cittadini; la paura puo’ far degenerare la fondata richiesta dell’osservanza della legge e delle regole da parte degli immigrati in minaccia inammissibile di violazione della liberta’ di culto per tutte le confessioni religiose e della dignita’ di quanti, provenienti da paesi lontani e vicini, operano nel nostro paese soddisfacendone esigenze e domande concrete.

Paure irragionevoli e particolarismi, politici o localistici, emergono in troppi casi: impedendo, ad esempio, la soluzione del sempre piu’ allarmante problema dei rifiuti in Campania, con grave danno per le condizioni e per l’immagine di una citta’ e di una regione nelle quali invece non mancano energie positive, realta’ nuove e iniziative di qualita’.

Essere esigenti verso noi stessi significa impegnarci a dare prove effettive di senso civico, dalle piu’ semplici alle piu’ impegnative, come quelle offerte dal coraggioso esporsi degli imprenditori siciliani contro pizzo e mafia; a dare prove di consapevolezza dell’interesse generale, contribuendo, ad esempio, alla salvaguardia dell’ambiente, alla tutela del territorio e del paesaggio, insidiati da nuove spinte speculative. L’interesse generale esige rispetto reciproco tra le istituzioni, ancora una volta, e piu’ che mai, rispetto ed equilibrio tra politica e magistratura, fiducia in tutte le istituzioni di garanzia.

L’interesse generale esige un pieno sostegno all’azione internazionale dell’Italia, al suo impegno, innanzitutto, nell’Unione europea per favorirne il rilancio e l’iniziativa comune sui temi cruciali della pace e della sicurezza internazionale. Qualche settimana fa, portando negli Stati Uniti la voce unitaria del nostro paese, la conferma di una collocazione internazionale dell’Italia largamente condivisa, ho potuto verificare come il nostro maggiore storico alleato apprezzi i contributi e gli sforzi dell’Italia e dell’Europa in un mondo drammaticamente percorso, ancora in questi giorni, dall’aggressivita’ del terrorismo e da una molteplicita’ di mutamenti e sfide globali e di gravi tensioni. In questo momento, siamo percio’ piu’ che mai vicini e grati alle migliaia di nostri militari che affrontano l’estremo rischio quotidiano – rendo commosso omaggio a quanti hanno anche di recente sacrificato la vita in queste missioni – e insieme affrontano la fatica dell’impegno umanitario, in aree tra le piu’ critiche di questo mondo. Lo fanno, lo facciamo nello spirito della Costituzione repubblicana.

Ecco, vedete, ricorre da domani il sessantesimo anniversario della nostra Carta fondamentale: proprio nel proporci di rivederne alcune regole, relative all’ordinamento della Repubblica, dobbiamo risolutamente ancorarci ai suoi principi, anche e non da ultimo ai suoi valori morali, e in special modo a quei suoi indirizzi che non vediamo abbastanza perseguiti e tradotti in atto.

Cio’ vale per quell’indirizzo di tutela del lavoro che ho gia’ evocato; o per quell’indirizzo di pari opportunita’, in primo luogo tra uomo e donna, che si e’ venuto solo parzialmente attuando; o ancora per un indirizzo, quale e’ stato anni fa riformulato, di nuovo equilibrio tra le istituzioni centrali e quelle regionali e locali. Ne’ meno attuale e’ l’indirizzo costituzionale di garanzia della liberta’ religiosa, di reciproca indipendenza e di collaborazione tra Stato e Chiesa, che richiede un misurato e schietto confronto tra l’Italia e la Santa Sede, com’e’ nei voti – ne sono certo – del Pontefice Benedetto XVI, cui rinnovo un sincero augurio.

A voi che mi ascoltate, e a quanti sono in queste ore raccolti con le loro famiglie, auguro un anno sereno, per difficile che sia. E’ un augurio che si ispira a sentimenti e ragioni di fiducia nell’Italia, perche’ cresca e migliori, guardando soprattutto alle generazioni piu’ giovani e a quelle che verranno.

01 –  31 dicembre Attività Sindacale

Proseguono gli incontri di ARAN e MPI con le OOSS su:

Sul tema si veda la rubrica di Educazione&Scuola:

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

30 29 28

Nota 28 dicembre 2007, Prot. n. 1247
Lett. circolare n. 946 del 9/10/2007 – I Edizione del concorso nazionale “Little script writers”. Precisazioni in merito alla selezione e valutazione degli elaborati a livello regionale e/o provinciale

Nota 28 dicembre 2007, Prot. n. AOODGOSN. 1380
6° premio Pandolfo-Roscioli 2007/2008

Avviso 28 dicembre 2007
Valorizzazione delle Eccellenze

Avviso 28 dicembre 2007
POSTI PER ASSISTENTI DI LINGUA ITALIANA OFFERTI DA PAESI DELL’UNIONE EUROPEA A STUDENTI UNIVERSITARI DI CITTADINANZA ITALIANA. ANNO SCOLASTICO 2008/2009

27

Linee guida – Obbligo Istruzione

Nota 27 dicembre 2007, Prot. n. AOODGPER. 24312
Personale ex LSU titolare di contratti di collaborazione coordinata e continuativa nelle istituzioni scolastiche (co.co.co.) – Proroga

26 25 24

Legge 24 dicembre 2007, n. 247 (in GU 29 dicembre 2007, n. 301)
Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività per favorire l’equità e la crescita sostenibili, nonché ulteriori norme in materia di lavoro e previdenza sociale

Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (in SO n. 285, alla GU 28 dicembre 2007, n. 300)
Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2008)

Nota 24 dicembre 2007, Prot. n. 1364
MPI – SIFET – Concorso per studenti scuole secondarie di 2° grado

23 22

Avviso 22 dicembre 2007
Commissione esaminatrice nomina componente del Comitato di indirizzo dell’Istituto nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione (INVALSI)

21

Decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 2007, n. 260 (in GU 22 gennaio 2008, n. 18)
Regolamento di riorganizzazione del Ministero della pubblica istruzione

Decreto Ministeriale 21 dicembre 2007
Nomina Commissione esaminatrice concorso a 12 posti di dirigente di seconda fascia nell’area amministrativa del ruolo del Ministero della Pubblica Istruzione

20

Nota 20 dicembre 2007, Prot. n. AOODGPER 24109
Congedi parentali – art. 32 e 47 D.L.vo 151/2001

Avviso 20 dicembre 2007
Concorso “XMEDIA 2008: composizioni poetiche multimediali”

19

Direttiva 19 dicembre 2007, n. 113
Piano di azione per iniziative di sostegno e recupero a favore degli alunni nella Scuola Secondaria di Primo grado

Nota 19 dicembre 2007, Prot. n. AOODGPER 24056
Decreto legge 147/2007 convertito in L. 176 /07 e contratti di supplenza ex art. 40

Nota 19 dicembre 2007, Prot. AOODGSP 2007 1430
Rilevazioni Integrative A.S. 2007/08 – Apertura funzioni

18

Decreto Ministeriale BAC 18 dicembre 2007
Editoria per ipovedenti e non vedenti

Nota 18 dicembre 2007, Prot. n. 14994/FR
Rilevazione GEDAP ANNO SOLARE 2007

Nota 18 dicembre 2007, Prot. n. AOODGPER 24004
D.M. n.21 del 9 febbraio 2005 e D.M. n.85 del 18 novembre 2005 – Corsi abilitanti speciali da attivare con modalità telematica

17

Nota 17 dicembre 2007
Rilevazione dati insegnamento lingua inglese scuola primaria (rif. Nota AOODGPER 21983 del 19 novembre 2007)

Avviso 17 dicembre 2007
LABEL EUROPEO (Riconoscimento europeo per progetti innovativi nel campo dell’insegnamento – apprendimento delle lingue) – Anno 2007

Avviso 17 dicembre 2007
Calendario dei Diritti

16 15

15 – 30 dicembre Programma Annuale

Come stabilito dall’art. 2, comma 3, del DI 44/01, entro il 15 dicembre il Consiglio di Istituto adotta la delibera di approvazione del Programma annuale.
Il programma è affisso all’albo dell’istituzione scolastica entro quindici giorni dall’approvazione ed inserito, ove possibile, nell’apposito sito WEB dell’istituzione medesima (art. 2, comma 3, del DI 44/01).

Sul tema si veda nella sezione Autonomia di Educazione&Scuola:

14

Circolare Ministeriale 14 dicembre 2007, n. 111
Integrazione scolastica degli alunni con disabilità – Legge 440/97. Piano di riparto fondi per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa e per gli interventi perequativi. – E. F. 2007-Cap.1518 – € 6.619.397,57 – € 2.000.000,00

Circolare Ministeriale 14 dicembre 2007, n. 110
Iscrizioni alle scuole dell’infanzia e alle classi delle scuole di ogni ordine e grado relative all’anno scolastico 2008/2009

13

Decreto Ministeriale 13 dicembre 2007, Prot. n. 2520
Incarico di revisori dei conti

Nota 13 dicembre 2007, Prot. n. 6461/P7
Contributi scuole paritarie anno scolastico 2007/2008 – Fondi assegnati per l’adempimento dell’obbligo di istruzione e dalla Legge 440/97 – Proroga chiusura delle funzioni dell’anagrafe nazionale delle scuole paritarie

Nota 13 dicembre 2007, Prot. AOODGPER n. 23654
Personale ATA – art. 7 CCNL/2005; art. 50 CCNL/2007 – indicazioni operative a.s. 2007/2008 –

Nota 13 dicembre 2007, Prot.n. MPIAOODGOSN1039
Premio Letterario Internazionale “Una favola per la pace – UNA FAVOLA GIOVANE”. Anno 2007, quarta edizione

Avviso 13 dicembre 2007
27 Posti per Esperti Nazionali Distaccati presso la Commissione Europea. Scadenza ore 13 dell’8 gennaio 2008

Avviso 13 dicembre 2007
UNESCO – Segnalazione di vacancy

Avviso 13 dicembre 2007
Progetto di reingegnerizzazione S.I.D.I. – Nuovo sottosistema per la gestione del personale “Dirigente scolastico” – Gestione personale in posizione di trattenimento in servizio

12

Nota 12 dicembre 2007, Prot. n. AOODGPER 23620
D.M. n.21 del 9 febbraio 2005 e D.M. n.85 del 18 novembre 2005 – Corsi abilitanti speciali da attivare con modalità telematica

Nota 12 dicembre 2007, Prot. n.3817
Procedure di riscatto e ricongiunzione – Istruzioni operative

Nota 12 dicembre 2007, Prot. n. 2025/Dip.
Progetto nazionale “Leggere Dante”. Apertura sito

11

Circolare Ministeriale 11 dicembre 2007, Prot. AAOODGAI 5567
Programmazione dei Fondi Strutturali Europei e del Fondo Aree Sottoutilizzate. 2007/2013

Nota 11 dicembre 2007, Prot AOODGSP 2007 1404
Rilevazioni Integrative A.S. 2007/08 – Programmazione prossime attività

10

Nota 10 dicembre 2007, PROT. MPIAOODGRUREG.UFF 10740/10/12/07 USC
Buoni pasto anno 2007 – Gestione trattamento fiscale e contributivo. Rettifica termine ultimo invio dati

Nota 10 dicembre 2007, MPIA00DGRUREG.UFF 10712
Temporanea indisponibilità della Convenzione per il servizio sostitutivo di mensa mediante buoni pasto – 4^ edizione

Avviso 10 ottobre 2007
Linguaggi non Verbali e Multimediali- Strategie in corso

09 08 07

Nota 7 dicembre 2007, Prot.n. AOODGOS721
Protocollo d’Intesa MPI-OMRON S.p.a. – Prima edizione del trofeo “Smart Project Omron” . Anno scolastico 2007/2008

06

Avviso 6 dicembre 2007, Prot. n. 718-AOODGOS
Esami Stato abilitazione libere professioni di Perito agrario, Perito industriale e Geometra – accesso alle funzioni del SIMPI

05

Circolare Ministeriale 5 dicembre 2007, n. 108
Piano di riparto risorse per la Scuola in ospedale e il Servizio di Istruzione Domiciliare. Legge 440/1997 , Esercizio finanziario 2007, cap. 1518. € 2.100.000,00

Lettera Circolare 5 dicembre 2007, Prot. n. AOODGOS n. 635
Progetto “Amico Libro” – Promozione della lettura nelle scuole di ogni ordine e grado

Nota 5 dicembre 2007, Prot. n.6074/P7
Contributo da attribuire alle persone fisiche per spese sostenute per l’iscrizione dei propri figli alle scuole paritarie (Legge 27/12/2002 n. 289 art. 2, comma 7). Anno scolastico 2005/2006. Procedure per la nuova emissione dei bonifici non riscossi

Nota 5 dicembre 2007, Prot.n. 6084/P3^
Conferenza Nazionale dei Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti – Roma, 18 – 19 – 20 Dicembre 2007

Nota 5 dicembre 2007, Prot. n. AOODGPER 23122
D.M. n.21 del 9 febbraio 2005 e D.M. n.85 del 18 novembre 2005 – Corsi abilitanti speciali da attivare con modalità telematica

04 03 02 01

Nota 3 dicembre 2007, Prot. 2467
A.F. 2008 – Programma annuale delle istituzioni scolastiche – Modifiche al piano dei conti

Nota 3 dicembre 2007, Prot.n. 1954/Dip
Concorso “Dante nella scuola”

Nota 3 dicembre 2007, MPIA00DGRUREG.UFF9705 usc
Convenzione per il servizio sostitutivo di mensa mediante buoni pasto – 4^ edizione. Indicazioni per l’approvvigionamento

Nota 3 dicembre 2007, Prot. n. AOODGPER 22970
Convocazione supplenti per l’a.s. 2007/08

Parlamento

Camera
Aula 10, 11, 12, 13, 14, 15 Il 15 dicembre l’Aula approva il Disegno di legge recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge Finanziaria 2008
Commissioni
7a 18, 19 Schema di decreto legislativo recante “Definizione dei percorsi di orientamento per la scelta dei percorsi finalizzati alle professioni e al lavoro”
7a 11, 12, 13

Schema di decreto legislativo recante: “Norme per la definizione dei percorsi di orientamento all’istruzione universitaria e all’alta formazione artistica, musicale e coreutica, per il raccordo tra la scuola, le università e le istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, nonché per la valorizzazione della qualità dei risultati scolastici degli studenti ai fini dell’ammissione ai corsi di laurea universitari ad accesso programmato di cui all’articolo 1 della legge 2 agosto 1999, n. 264”

Senato
Aula 19, 20, 21 Il 21 dicembre l’Aula approva definitivamente la legge recante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge Finanziaria 2008
Aula 21 Il 21 dicembre l’Aula approva definitivamente la Legge, Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività per favorire l’equità e la crescita sostenibili, nonché ulteriori norme in materia di lavoro e previdenza sociale
Commissioni
7a 4, 5, 6, 12, 13, 20 Esame congiunto dei disegni di legge:
DdL AS 1848 – Disposizioni urgenti in materia di pubblica istruzione (già approvato dalla Camera il 10 ottobre 2007)
– DdL 701 – Disposizioni concernenti l’obbligatorietà e gratuità dell’istruzione fino a diciotto anni di età e altre norme per il potenziamento del sistema scolastico
– DdL 1266 – Disposizioni in materia di contributi finanziari alle istituzioni scolastiche
– DdL 1687 – Norme organiche sulla scuola
7a 4, 5, 6, 11, 12, 13, 18, 19, 20 Schema di decreto legislativo recante: “Norme per la definizione dei percorsi di orientamento all’istruzione universitaria e all’alta formazione artistica, musicale e coreutica, per il raccordo tra la scuola, le università e le istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, nonché per la valorizzazione della qualità dei risultati scolastici degli studenti ai fini dell’ammissione ai corsi di laurea universitari ad accesso programmato di cui all’articolo 1 della legge 2 agosto 1999, n. 264”
7a 11, 12, 13, 18, 19, 20 Schema di decreto legislativo recante “Definizione dei percorsi di orientamento per la scelta dei percorsi finalizzati alle professioni e al lavoro”
7a 11, 12, 13 DdL AS 1903, Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività per favorire l’equità e la crescita sostenibili, nonché ulteriori norme in materia di lavoro e previdenza sociale

Governo

28 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 10,30 a Palazzo Chigi

Il Consiglio ha approvato i seguenti provvedimenti:
su proposta del Presidente del Consiglio, Romano Prodi, e del Ministro per i rapporti con il Parlamento, Vannino Chiti:
– un decreto-legge che proroga alcuni termini previsti da disposizioni legislative. (…)
su proposta del Ministro dell’università e della ricerca, Fabio Mussi:
– un regolamento che disciplina la struttura ed il funzionamento dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, con il compito di promuoverne la qualità anche attraverso attività di valutazione, di raccolta e analisi di dati, di consulenza, di formazione e di promozione culturale; sullo schema di provvedimento sono stati acquisiti i pareri del Consiglio di Stato e delle Commissioni parlamentari;
su proposta del Ministro dell’università e della ricerca, Mussi, e del Ministro della pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni:
– un decreto legislativo che dà attuazione alla delega conferita al Governo a realizzare, a beneficio degli studenti, percorsi di orientamento ai corsi di laurea universitari ed all’alta formazione artistica, musicale e coreutica, a quella tecnica superiore, nonché al mondo del lavoro. Una novità di rilievo è costituita dal sistema di valorizzazione della qualità dei risultati scolastici conseguiti prima dell’accesso ai corsi universitari; una quota del punteggio dei test di ammissione alle università verrà infatti da queste determinata tenendo conto dei voti degli scrutini finali negli ultimi tre anni, del voto finale dell’esame di maturità, dell’eventuale lode, dei voti conseguiti nelle discipline attinenti il corso di laurea prescelto. Sul testo sono stati acquisiti i pareri delle Commissioni parlamentari;
– un decreto legislativo che dà attuazione alla delega conferita al Governo a disciplinare percorsi di orientamento alla scelta di professioni e lavoro (legge n. 1 del 2007). Le istituzioni scolastiche realizzeranno, nell’ambito della loro autonomia (ed in collaborazione con centri territoriali per l’impiego, strutture formative accreditate, cooperative, amministrazioni pubbliche, associazioni di volontariato, enti che curano i servizi di inserimento delle persone con disabilità), iniziative finalizzate a consentire agli studenti la conoscenza delle opportunità offerte dal mondo del lavoro. Sul provvedimento hanno espresso parere la Conferenza unificata e le Commissioni parlamentari.
Su proposta del Ministro degli affari esteri, Massimo D’Alema, e del Ministro della solidarietà sociale, Paolo Ferrero:
– un disegno di legge per la ratifica e l’esecuzione della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità. (…)
Su proposta del Ministro dell’università e della ricerca, Mussi, il Consiglio dei Ministri ha deliberato la nomina del professore Tommaso MACCACARO a Presidente dell’Istituto nazionale di astrofisica.
La seduta ha avuto termine alle ore 15,00.

Di seguito il comunicato stampa del MPI

Accesso all’Università, conteranno la bravura e il curriculum scolastico
Fioroni: d’ora in poi pagherà il merito, non le furbizie, provvedimento di svolta
(Roma, 28 dicembre 2007) “La svolta di questo provvedimento si traduce così: ora pagherà il merito, non le furbizie, e chi studia e sgobba non resterà più fuori gioco per l’accesso alle facoltà universitarie a numero chiuso”. Così il Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni ha commentato il provvedimento approvato oggi dal Consiglio dei Ministri. “La maturità non sarà più solo un pezzo di carta – continua Fioroni – ma una porta d’ingresso al proprio futuro e finalmente gli studi delle superiori avranno un loro peso specifico: non saranno più a valutazione zero come accadeva fino ad oggi ma garantiranno fino a 25 punti che varranno per l’accesso alle facoltà universitarie a numero chiuso, e sono proprio i 25 punti che possono fare la differenza tra chi entra e chi resta fuori. Per la prima volta il curriculum delle scuole superiori sarà determinante per il proseguimento degli studi all’università e i quiz universitari – conclude Fioroni – dovranno tenere conto dei programmi delle superiori. Credo che si possa parlare di una vera e propria svolta per la scuola superiore”.
Ecco in sintesi i principali punti del provvedimento approvato
Percorsi di orientamento per una scelta consapevole dei corsi di laurea universitari e valorizzazione della qualità dei risultati scolastici degli studenti per l’ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato: queste le misure adottate oggi dal Consiglio dei Ministri che entreranno in vigore a partire dall’anno accademico 2008/2009. I percorsi si inseriranno strutturalmente nell’ultimo anno di corso della scuola secondaria di secondo grado.
Per l’accesso ai corsi universitari a numero programmato, nel punteggio massimo di 105 punti, 80 saranno assegnati sulla base del risultato del test d’ingresso e 25 saranno dati agli studenti che avranno conseguito risultati di eccellenza a scuola. A tal fine contribuiranno: la media complessiva, non inferiore a sette decimi, dei voti ottenuti negli scrutini finali di ciascuno degli ultimi tre anni di frequenza della scuola secondaria superiore; la valutazione finale conseguita nell’esame di Stato dal 20% degli studenti con la votazione più alta attribuita dalle singole commissioni, che comunque non deve essere inferiore a 80/100; la lode ottenuta nella valutazione finale dell’esame di Stato; le votazioni, uguali o superiori agli otto decimi, conseguite negli scrutini finali di ciascuno degli ultimi tre anni in discipline, predefinite nel bando di accesso a corsi universitari, che abbiano diretta attinenza o siano comunque significative per il corso di laurea prescelto.
Il decreto prevede anche la realizzazione di appositi percorsi di orientamento affinché gli studenti arrivino preparati ai corsi di laurea che hanno scelto consolidando le proprie conoscenze in relazione alla preparazione richiesta per i diversi corsi di studio. Per questo i docenti della scuola secondaria superiore possono essere coinvolti nella predisposizione dei test di accesso all’università, mentre nelle scuole possono essere organizzati percorsi di orientamento con la partecipazione di professori universitari.
È possibile, inoltre, fare ricorso a specifiche convenzioni aperte alla partecipazione di associazioni, imprese, rappresentanze del mondo del lavoro e delle professioni che intendono fornire il loro apporto con proprie risorse tecniche, umane e finanziarie. Per monitorare le attività svolte in attuazione del decreto e i risultati ottenuti nasce una Commissione nazionale – con rappresentanza paritetica del Ministero della pubblica istruzione e del Ministero dell’università e della ricerca con una rappresentanza territoriale dei Comuni, delle Province e delle Regioni – che opera in raccordo con l’Istituto nazionale di valutazione del sistema dell’istruzione (Invalsi) e con l’Agenzia nazionale per la valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur).

21 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 10,30 a Palazzo Chigi

In apertura dei lavori il Consiglio dei Ministri ha espresso viva soddisfazione per l’approvazione definitiva, da parte delle Camere, della legge finanziaria per il 2008 e della legge di bilancio.
Il Consiglio ha quindi approvato i seguenti provvedimenti: (…)
su proposta del Ministro della pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, Cesare Damiano, e del Ministro dell’università e della ricerca, Fabio Mussi:
– un disegno di legge che, in coerenza con indirizzi espressi in sede comunitaria, elabora una strategia per il cosiddetto “apprendimento permanente” (lifelong learning) capace di far fronte alla diffusa inadeguatezza di istruzione formativa in persone in età lavorativa e quindi di incoraggiare la partecipazione a occasioni di apprendimento, contribuendo all’implementazione di formazioni carenti o alla creazione di formazione adeguate per persone che non ne abbiano avuto la possibilità prima o durante la vita lavorativa. Alla base di questo intervento del Governo c’è la consapevolezza, scaturente da recenti statistiche, del rischio di un nuovo analfabetismo, legato a complessi fattori socioeconomici, che ostacola fortemente l’accesso al lavoro di categorie deboli ed aumenta l’esclusione sociale. Il disegno di legge ha ricevuto il parere della Conferenza Stato-Regioni; (…)
Il Consiglio ha poi deliberato: (…)
su proposta del Ministro dell’università e della ricerca, Fabio Mussi:
– avvio della procedura per la nomina del professor Luciano MAIANI a Presidente del Consiglio nazionale delle ricerche; (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 11,45.

19 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 19,20 a Palazzo Chigi

Il Consiglio dei Ministri, appositamente convocato, ha approvato la terza Nota di variazioni al Bilancio di previsione per l’anno 2008 e al Bilancio pluriennale 2008-2010. La Nota recepisce gli effetti finanziari e contabili del disegno di legge finanziaria approvato stamane dalla Camera.
La seduta ha avuto termine alle ore 19,30.

11 Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 10,20 a Palazzo Chigi

All’inizio dei lavori il Consiglio dei Ministri ha commemorato i lavoratori deceduti nel tragico incidente di Torino, ricordando anche tutti gli altri caduti nei luoghi di lavoro. Il Ministro Damiano ha riferito sullo stato di avanzata elaborazione della normativa delegata, prevista dalla legge n. 123 dell’agosto scorso, che comporterà un inasprimento delle sanzioni e controlli più rigorosi per reprimere le violazioni della normativa sulla sicurezza delle condizioni di lavoro. A tale finalità corrisponde anche la previsione nella legge finanziaria 2008 del reclutamento di ulteriori 300 nuovi ispettori del lavoro. Il Consiglio ha comunque ribadito la necessità, oltre che di una più incisiva azione repressiva, anche di un deciso sviluppo dell’attività di prevenzione in tutti i luoghi di lavoro e a garanzia di ogni lavoratore. In sostanza, occorre pervenire a una valorizzazione della sicurezza sul lavoro quale elemento fondamentale che connota la qualità e il risultato dell’attività lavorativa. Tale obiettivo deve essere raggiunto con il concorso di tutti i soggetti coinvolti: istituzioni preposte, imprese, sindacati e lavoratori. Sarà così possibile ridurre sensibilmente un fenomeno che colpisce duramente i lavoratori e le loro famiglie e che negli ultimi tempi ha raggiunto livelli assolutamente intollerabili. (…)
Il Consiglio ha approvato i seguenti provvedimenti: (…)
su proposta del Ministro per le politiche europee, Emma Bonino, e del Ministro dell’interno, Giuliano Amato:
– un decreto legislativo, sul quale sono stati acquisiti i pareri delle Commissioni parlamentari competenti, per il recepimento della direttiva 2005/71, concernente una procedura specifica per l’ammissione di cittadini di Paesi terzi a fini di ricerca scientifica;
su proposta del Ministro della pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni:
– un decreto legislativo che per la prima volta introduce nell’ordinamento una disciplina che valorizza i buoni risultati conseguiti dagli studenti nel triennio finale dei corsi di istruzione superiore delle scuole statali e paritarie, in un contesto tale da promuovere l’innalzamento dei livelli di apprendimento nonché da garantire a tutti gli studenti pari opportunità e pieno sviluppo delle proprie capacità. Il provvedimento prevede che l’individuazione delle cosiddette “eccellenze” degli studenti avvenga attraverso meccanismi di competizione nazionali e internazionali; il risultato elevato raggiunto, riconosciuto e certificato, garantirà l’acquisizione di credito formativo e potrà dare avvio a varie forme di incentivi: benefit e accreditamenti per l’accesso a biblioteche, musei e luoghi di cultura; ammissione a tirocinii formativi; viaggi di istruzione, partecipazione a iniziative formative di vario genere; benefici economici o altri da determinare. Il provvedimento ha ricevuto il parere favorevole della Conferenza unificata e delle Commissioni parlamentari;
– un regolamento, sul quale è stato acquisito il parere del Consiglio di Stato, che detta nuove regole per la stipulazione delle convenzioni tra le scuole primarie paritarie (scuole non statali riconosciute, ai sensi del decreto-legge n. 250 del 2005) e l’Amministrazione scolastica, individuando altresì i criteri per la corresponsione dei contributi statali;
su proposta del Vicepresidente e Ministro per i beni e le attività culturali, Francesco Rutelli:
– un regolamento che modifica e aggiorna le norme regolamentari di esecuzione della legge sul diritto d’autore, con riferimento alla disciplina del cosiddetto diritto di seguito (compenso per l’autore su ogni vendita successiva alla prima cessione dell’opera d’arte, esteso agli eredi per un periodo di settant’anni) che la normativa comunitaria ha recentemente innovato. Il regolamento ha ricevuto il parere favorevole del Consiglio di Stato; (…)
Il Consiglio ha autorizzato il Ministero dell’università e della ricerca ad assumere n.140 unità di personale docente di prima e di seconda fascia presso le Istituzioni di alta formazione artistica e musicale (AFAM), al fine di corrispondere alle relative necessità didattiche. (…)
La seduta ha avuto termine alle ore 12,55.

Comunicato MPI e Dichiarazione ministro

6

Il Consiglio dei Ministri si riunisce alle ore 11,30 a Palazzo Chigi
La seduta ha avuto termine alle ore 11,35.

Educazione&Scuola©

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: