09 1998

30 settembre 1998
Intesa M.P.I. – U.M.I. Corso di formazione ed aggiornamento in didattica della matematica: “GEOMETRIA E MULTIMEDIALITA’”

29 – 30 settembre 1998 Scuola e Parlamento

Il 29 e 30 settembre e l’1 ottobre 7a Commissione del Senato è impegnata, in sede referente, nell’analisi:

La 7a Commissione della Camera affronta:

30 settembre 1998: Bilinguismo nelle Medie

La Camera approva a maggioranza il progetto di legge per l’Introduzione dell’insegnamento di una seconda lingua comunitaria nella scuola media (PDL AC 852).

Fin dal prossimo anno scolastico 1074 classi di scuola media, in aggiunta a quelle in cui è già avviato sperimentalmente, presenteranno il nuovo curricolo col bilinguismo.

30 settembre 1998 CNPI su Autonomia

Il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione esprime il suo parere sulla Bozza di Regolamento dell’autonomia scolastica emersa dai risultati della consultazione nazionale promossa dal MPI in tutte le scuole italiane (vd. la nota di commento del collaboratore di E&S, Giancarlo Cerini, nella rubrica Riforme on line, dal titolo La consultazione sull’autonomia: successo di pubblico e di “critica”).

Scade inoltre il termine ultimo per la presentazione e la richiesta di finanziamento, da parte delle scuole, dei progetti sperimentali per l’autonomia (Lettera Circolare –  Prot. n. 27814/BL del 19 maggio 1998, DM 251/98 e Direttiva 252/98), anche se il MPI ha precisato (Nota MPI 17 settembre 1998, Prot. n. 153/Segr.) che tale termine ha natura ordinatoria e non perentoria.

circolare 29 settembre 1998, n. 399
A.S. 1998/99 – Disposizioni per la liquidazione delle competenze:
1) al personale docente con contratto a tempo determinato per supplenze brevi e saltuarie;
2) ai supplenti annuali e ai supplenti temporanei fino al termine delle attività didattiche;
3) ai docenti di religione;
4) al personale con contratto a tempo indeterminato (neo-immesso in ruolo).

decreto 29 settembre 1998, n. 382
Regolamento recante norme per l’individuazione delle particolari esigenze negli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, ai fini delle norme contenute nel decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modifiche ed integrazioni.

25 settembre 1998 Finanziaria 1999

Il Consiglio dei Ministri vara la manovra finanziaria per il 1999: per la prima volta dal 1990 non sono previsti tagli al personale scolastico; al contrario, con uno stanziamento di circa 4.500 miliardi globali, si punta, come sottolinea in una sua nota il MPI, “al miglioramento della qualità delle prestazioni professionali del personale della scuola, all’elevamento dell’obbligo scolastico, ai compensi delle commissioni giudicatrici degli esami di Stato, agli interventi per i licei e gli istituti musicali, a ulteriori finanziamenti per la seconda lingua comunitaria”.

Queste le misure previste per il settore Scuola nel triennio 1999-2001:

Settore Investimenti lordi (in mld)
Incentivi 2.800
Riforme 1.500
Libri scolastici Scuole Medie inf. (*) 150
Libri scolastici Scuole Elementari (*) 80

(*) NB: I testi saranno gratuiti solo per le famiglie con basso reddito

Tremila miliardi, nel triennio 1999-2001, sono previsti per l’Università.

La presentazione al Parlamento della Legge Finanziaria 1999 è prevista per il 1° ottobre pv.

nota 25 settembre 1998, prot. n. 158/Segr.
La diffusione della musica come fattore educativo nel sistema scolastico

circolare 25 settembre 1998, prot. n. 4923/A3B
Conferimento supplenze al personale docente non di ruolo nei Conservatori di Musica – Procedimento automatizzato

circolare 25 settembre 1998, n. 397
Comparto scuola – C.C.N.L. sottoscritto il 4.8.1995. Attribuzione benefici previsti da norme speciali

decreto 24 settembre 1998, n. 396
Approvazione della tabella di ripartizione del punteggio dei titoli valutabili nei concorsi per esami e titoli per l’accesso ai ruoli del personale docente delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado

circolare 24 settembre 1998, n. 395
Sussidi di gestione alle scuole materne non statali per l’esercizio finanziario 1999 – D.L.vo 16 aprile 1994, n. 297 – art. 339 e seguenti

circolare 23 settembre 1998
Certificazioni di vaccinazioni obbligatorie

comunicazione 23 settembre 1998, prot. n. 31677/BL
C.M. n. 384, prot. n. 31244/BL del 10 settembre ’98 – avvio anno scolastico 1998-’99 verifica dei risultati – monitoraggio – chiarimenti

23 settembre 1998 Nessun obbligo per le vaccinazioni

Il ministro della Sanità ed il ministro della PI, in attesa della riforma della legge sulle vaccinazioni, firmano una circolare congiunta che consente a presidi e direttori didattici di accettare l’iscrizione degli alunni senza richiedere il certificato di vaccinazione, limitandosi alla segnalazione dei nominativi alla Usl competente e al ministero della Sanità.

23 settembre 1998 RaiSat3 Scuola

Nel corso del seminario “Una tv per la scuola, esperienze e prospettive”, organizzato dal MPI, è annunciata l’attivazione, a partire dal 1° gennaio 1999, del canale tematico Raisat3 che sarà interamente dedicato al mondo della scuola e della formazione a distanza degli insegnanti; entro il 1998 saranno installati dalla Rai cinquemila decoder per la tv digitale nelle scuole italiane.

22 – 24 settembre 1998 Scuola e Parlamento

Prosegue l’iter del  DdL C. 4754  (ex S. 932), Disposizioni urgenti in materia di personale scolastico, approvato il 9 settembre us dall’11a Commissione della Camera.
Il 23 settembre il DdL, acquisiti i pareri delle commissioni 7a Cultura (22 settembre), 5a Bilancio (22 settembre) e 1a Affari Costituzionali della Camera (23 settembre), torna all’11a Commissione Lavoro che, il 24 settembre, dà il via libera per la trasmissione del testo all’Aula.

Il 24 settembre la 7a Commissione della Camera, in sede referente, affronta l’analisi del testo unificato dei DdL relativi alla Riforma degli Organi Collegiali (il termine per la presentazione degli emendamenti è fissato per giovedì 15 ottobre 1998, alle ore 19).

Il 22, 23 e 24 settembre la 7a Commissione del Senato è impegnata, in sede referente, nell’analisi:

Il 23 settembre la Commissione Speciale in materia d’infanzia del Senato, in sede referente, prosegue nell’esame congiunto dei DdL sulla Istituzione dello Psicologo scolastico (DdL as 2967, 2888, 1829 e 3345).

circolare 22 settembre 1998
Calendario della pubblicazione delle graduatorie degli aspiranti a rapporto di lavoro a tempo determinato presso le Accademie di Belle Arti per l’a.a. 1998/99

decreto 18 settembre 1998, n. 359
Regolamento concernente le modalità e i termini per l’affidamento delle materie oggetto degli esami di Stato ai membri esterni e i criteri e le modalità di nomina e designazione dei componenti delle commissioni degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore.

decreto 18 settembre 1998, n. 358
Regolamento concernente la costituzione delle aree disciplinari finalizzate alla correzione delle prove scritte e all’espletamento del colloquio, negli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore.

decreto 18 settembre 1998, n. 357
Regolamento concernente le caratteristiche formali generali della terza prova scritta negli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore e le istruzioni per lo svolgimento della prova medesima nei primi due anni di applicazione del nuovo ordinamento.

decreto 18 settembre 1998, n. 356
Regolamento concernente le modalità di svolgimento della 1ª e della 2ª prova scritta degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore per l’anno scolastico 1998/1999.

nota MURST 18 settembre 1998
Consiglio nazionale degli studenti universitari

decreto 18 settembre 1998
Modifiche all’art. 2, comma 1 del DM 23 aprile 1998

08 – 17 settembre 1998 Scuola e Parlamento

Dopo la pausa estiva riprendono le attività parlamentari:

  • l’8 settembre le Commissioni Parlamentari delle due Camere,
  • rispettivamente il 14 ed il 15 settembre la Camera ed il Senato.

L’8 settembre l’11a Commissione della Camera analizza il DdL C. 4754  (ex S. 932), Disposizioni urgenti in materia di personale scolastico.
Il 9 settembre, dopo la votazione di circa 350 emendamenti, il DdL 4754 viene approvato e, dopo aver acquisito il parere vincolante della Commissione Cultura, nonché delle commissioni Affari Costituzionali e Bilancio, dovrebbe essere trasmesso alla Camera.

La 7a Commissione della Camera:

Il 17 settembre la 7a Commissione del Senato approva, in sede deliberante, il DdL relativo alle Disposizioni in materia di compensi per le commissioni giudicatrici degli esami di Stato conclusivi

La Camera dei Deputati, il 15 settembre, è nuovamente impegnata nel dibattito sul DdL 4917 (Innalzamento dell’obbligo scolastico), interrotto il 29 luglio us: il disegno di legge viene approvato il 16 settembre con 260 voti favorevoli e 187 contrari.
Sarà ora il Senato ad esprimersi definitivamente sul prolungamento di un anno dell’obbligo che dovrebbe entrare in vigore già a partire dal prossimo a.s. 1999/2000.

nota 17 settembre 1998, prot. n. 153/Segr.
Lettera circolare prot. n. 27814/BL del 19 maggio 1998 concernente il finanziamento per la realizzazione della sperimentazione dell’autonomia delle istituzioni scolastiche e per le iniziative di formazione e aggiornamento mirate alla diffusione della cultura dell’autonomia, in applicazione della legge n. 440/97

17 settembre 1998 Il Nuovo Esame di Stato

Il Nuovo Esame di Stato è il titolo di un depliant illustrativo e di un manulae, rispettivamente ad uso di studenti e docenti, che il MPI diffonderà nelle scuole entro la fine settembre.

In queste pubblicazioni il MPI segnala che:

” (…) Possono sostenere l’esame anche gli studenti che nello stesso anno abbiano frequentato la penultima classe di corso e che nello scrutinio finale abbiano riportato non meno di otto decimi in ciascuna materia.
Anche i giovani soggetti all’obbligo di leva possono anticipare di un anno l’esame di stato, purché concludano il penultimo anno senza debiti formativi.
In questi due ultimi casi i docenti dovranno svolgere un’opera di orientamento e consulenza nel corso dell’anno scolastico, senza essere per questo vincolati dall’assegnazione dei voti nel momento dello scrutinio. “

15 settembre 1998 Nuovo CCNL Scuola

L’ARAN consegna alle OOSS della Scuola una bozza di articolato del nuovo Contratto Collettivo Nazionale Scuola 1998/2001.

14 settembre 1998 Livello di scolarità

Una ricerca condotta dall’ISFOL, su dati ISTAT, rivela che è in crescita il livello tendenziale di scolarità in Italia.

Rispetto al totale degli alunni iscritti alla prima classe delle scuole medie inferiori:

  • il 95,6% consegue la licenza media,
  • il 68, 4% la maturità,
  • il 46,5 si iscrive all’università.

13 – 14 settembre 1998 Libri scolastici

Da una ricerca condotta dalla Adusbef risulta che, principalmente a causa dell’aumento del costo dei libri scolastici (pari talvolta al doppio del tasso di inflazione), le spese relative al corso di studi per ogni studente sono:

  • 1.282.400 nella Scuola Media Inferiore;
  • da 1.737.650 (Istituti Professionali) a 2.702.800 (Licei Classici).

Sul tema è intervenuto anche il ministro della PI che segnala l’introduzione, nella prossima Finanziaria, di un’apposita voce di spesa per sostenere le famiglie, in funzione del reddito e del numero dei figli, nell’acquisto dei libri di testo.

Il 14 settembre il ministro torna sul tema del caro libri affermando che presto sarà presentata una legge che permetterà la fornitura gratuita dei libri scolastici nelle scuole medie inferiori come già avviene nelle elementari.

11 settembre 1998 Errore nomine sostegno

Circa la metà degli oltre 14.000 insegnanti immessi in ruolo per il sostegno nel corrente anno scolastico (1.500 per la materna, 8.300 per la elementare, 2.400 per la media e 2.500 per le superiori) potrebbe subire una revoca della nomina a causa di un errore del MPI che non ha considerato i tagli organici previsti dall’art. 40, comma 3, della Legge 449/97 (Finanziaria ’98) e dalla CM 383/98.

Il MPI afferma in una nota che nessuno perderà il diritto acquisito e che “esistono le condizioni per confermare in ruolo le assunzioni già predisposte dai vari provveditorati”.

11 settembre 1998 Immigrazione e Scuola

Sono più di cinquantamila (se ne prevedono 100.000 nel prossimo a.s.) e provengono per un terzo dai paesi dell’est gli studenti immigrati iscritti alle scuole italiane: sono questi i dati che emergono da un dossier redatto dalla Caritas di Roma.
Il dossier richiama l’attenzione anche sul fenomeno della dispersione scolastica nelle scuole superiori che colpisce principalmente portatori di handicap (20%) e immigrati (30%).

nota 11 settembre 1998, prot. n. 31310/EL
prot. 5194 Personale della scuola – Riduzione consistenza

decreto 11 settembre 1998
Rettifica data di svolgimento delle prove di ammissione al Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria

circolare 11 settembre 1998, n. 386
Ordinanza Ministeriale n. 208 del 30.4.1998, articoli 5 e 19

circolare 10 settembre 1998, n. 384
Avvio anno scolastico 1998/99 – Verifica dei risultati – Monitoraggio

circolare 10 settembre 1998, n. 383
Decreto interministeriale 28 luglio 1998, n. 334 assunzioni a tempo indeterminato su posti di sostegno consolidati

circolare 10 settembre 1998, n. 381
Corsi di aggiornamento organizzati da Enti e Associazioni

08 settembre 1998 Spese per l’istruzione

Il ministro della PI risponde, con una lettera inviata a La Repubblica, ai dati emersi da una ricerca condotta dalla UIL relativa al rapporto PIL – spesa istruzione che, in larga parte, erano già apparsi su Educazione&Scuola (vd. 11 novembre 1997: Finanziaria ’98) e piu’ volte ripresi nel corso di convegni (Quale Parità da questa Finanziaria“, 30 novembre 1997) ed in comunicati sindacali.

“(…) Non c’era bisogno dell’indagine Uil per scoprire che in Italia è in corso, a partire dai primi anni Novanta, una contrazione della spesa pubblica che ha investito anche il settore dell’istruzione. Tant’è vero che proprio da parte di questa amministrazione è in atto un grande sforzo per invertire tale tendenza, testimoniato da due scelte: mantenere dopo anni di calo – proprio quelli cui si riferisce la ricerca – almeno invariato il rapporto tra spesa pubblica per la scuola e prodotto interno lordo; reinvestire nella scuola stessa buona parte dei risparmi delle politiche di razionalizzazione. La prima è contenuta nell’ultimo Dpef, la seconda nella legge Finanziaria per il ’98.
A ciò si aggiunga l’impegno a riequilibrare la spesa di investimenti in campi trascurati da tempo, come l’edilizia scolastica e il diritto allo studio. È ampiamente noto che uno dei problemi dell’Italia, evidenziato anche nel raffronto internazionale, riguarda la composizione della spesa: siamo tra i paesi con la più bassa percentuale di spesa in investimenti, solo il 3 per cento del totale, il che vuol dire che il restante 97 per cento è tutto assorbito dalla spesa corrente.
Quanto poi alle cifre riportate sulla diminuzione degli alunni, si rischia di incorrere in una grave confusione: quella tra valori assoluti e tassi di scolarizzazione dei nostri giovani. Abbiamo avuto un calo demografico che per la sola scuola elementare ha comportato una riduzione di circa due milioni di alunni negli ultimi trent’ anni. Non è nel potere del ministro aumentare il numero delle nascite. Quest’anno scolastico registra una crescita, sua pure lieve, dei bambini iscritti alla scuola elementare, e le proiezioni indicano una stabilizzazione dei valori fino al 2000- 2001. Ciò è dovuto in parte al recupero della dispersione, ma l’elemento più incisivo è l’incremento costante di alunni con cittadinanza non italiana che negli ultimi anni si è raddoppiato, passando da 25 mila del ’92 agli attuali 50 mila. L’Italia sta diventando un paese multietnico, la distribuzione territoriale degli alunni stranieri evidenzia, tra l’altro, che i nuovi arrivi si concentrano proprio nelle aree del Centro- Nord, nelle quali è più forte il calo demografico.
La diminuzione della leva scolastica, conseguente al calo demografico, appare dunque attenuata nella scuola elementare, continua leggermente nelle medie, è forte invece nella secondaria superiore. Ma non si può scambiare un fenomeno fisiologico, la diminuzione delle nascite, con una minore diffusione dell’istruzione. Anzi, l’ espansione della scolarizzazione è eclatante nella scuola secondaria superiore. Il tasso di scolarità è passato dal 52 per cento del 1980, al 68 per cento nel 1990, all’80 per cento del 1995. Il tasso dei diplomati è passato dal 51 per cento al 67 per cento negli ultimi cinque anni. Ciò non significa che abbiamo recuperato il ritardo accumulato rispetto ai paesi avanzati. Il numero dei nostri diplomati sulla leva di età resta molto inferiore alla media Ocse che è pari all’80 per cento. Non possiamo più permetterci di restare in Europa con un obbligo scolastico di solo otto anni. È per questa ragione che il 15 settembre verrà votato alla Camera il provvedimento presentato dal governo che innalza l’obbligo di istruzione. Per la prima volta in Italia, dopo decenni in cui il dibattito sulla formazione si è trascinato senza trovare soluzioni legislative, le riforme fanno il loro ingresso nella scuola: un esame sperimentale durato trent’ anni sarà finalmente sostituito dal nuovo esame di Stato e l’autonomia delle istituzioni scolastiche comincia a prendere vita, con i primi finanziamenti diretti alle scuole.”

07 – 09 settembre 1998 Ripresa trattative CCNL

Come previsto dalla nota 27 luglio 1998, prot. n. 4812 (di seguito riportata), ripartono le trattative OOSS Scuola – ARAN per il rinnovo del CCNL Scuola.

Roma, 27 luglio 1998

Prot. n. 4812

Alle Confederazioni CGIL – CISL – UIL – CONFSAL
Alle Organizzazioni sindacali CGIL/SNS – CISL/SCUOLA – UIL/SCUOLA – CONFSAL/SNALS – GILDA/UNAMS

Oggetto: Prosieguo trattative comparto Scuola

I sindacati in indirizzo sono convocati per i giorni 2 e 9 settembre p.v., alle ore 15.00, presso l’ARAN per il prosieguo delle trattative di cui alla convocazione del 19 maggio scorso.

Il Direttore Generale (d.ssa Silvana Dragonetti)

Nel settore Archivio di Educazione&Scuola:

circolare 7 settembre 1998, n. 378
Legge 15.05.97, n. 127, art. 3, comma 6 – Abolizione dei limiti di età per la partecipazione ai concorsi pubblici

circolare 7 settembre 1998, n. 376
Art. 3 – comma 5 del Decreto Legge 28 marzo 1997 n. 79 convertito nella Legge 28 maggio 1997 n. 140. Liquidazione indennità di fine servizio.

07 settembre 1998 Concorso Internazionale ThinkQuest EGO-CreaNET

Prende avvio su Educazione&Scuola il concorso Internazionale ThinkQuest EGO-CreaNET Anno 1998-99.
ThinkQuest® è una competizione annuale per studenti dai 12 ai 19 anni creata da Advance Network e promossa in Italia dall’associazione telematica EGO-CreaNET attraverso le pagine di Educazione&Scuola.
La competizione intende promuovere, tramite Internet, l’apprendimento interattivo e collaborativo.

Il montepremi globale è di oltre un milione di dollari (circa 2 miliardi di lire), con singoli premi fino a 25,000$ (circa 45 milioni di lire) per ogni studente e fino a 5,000 $ (circa 9 milioni di lire) per ogni coordinatore. Non ci sono tasse di iscrizione per partecipare.

Gli studenti, organizzati in teams e con la supervisione di un coordinatore, possono presentare domanda di candidatura dal 19 ottobre 1998 al 28 febbraio 1999 (alle 23:59 ora locale USA).

Ulteriori informazioni possono essere richieste via email al referente per l’Italia, ing. Giuseppe Fortunati (fgiusepp@tin.it), o rintracciate agli indirizzi:

06 settembre 1998 Età e concorsi

Le leggi 127/97 (Misure urgenti per lo snellimento dell’attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo) e 191/98 (Modifiche ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n. 59, e 15 maggio 1997, n. 127, nonche’ norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni. Disposizioni in materia di edilizia scolastica) hanno apportato modifiche sostanziali in tema di età anagrafica e concorsi nelle pubbliche amministrazioni:

  • il comma 6, articolo 3, della legge 127/97 stabilisce che

La partecipazione ai concorsi indetti da pubbliche amministrazioni non è soggetta a limiti di età, salvo deroghe dettate da regolamenti delle singole amministrazioni connesse alla natura del servizio o ad oggettive necessità dell’amministrazione.

(sull’argomento si è espresso anche il Consiglio di Stato; cfr. Circolare Dipartimento Funzione Pubblica 9/98)

  • il comma 9, articolo 2, della legge 191/98 aggiunge all’articolo 3, comma 7 della legge 127/97, il seguente periodo:

Se due o più candidati ottengono, a conclusione delle operazioni di valutazione dei titoli e delle prove di esame, pari punteggio, è preferito il candidato più giovane di età.

circolare 4 settembre 1998, n. 374
Insegnamento della religione cattolica nella scuola elementare

03 settembre 1998 Comunicato MPI su nuove assunzioni

Un comunicato del MPI, in risposta a notizie diffuse dalla stampa circa nuove assunzioni in ambito scolastico, precisa che

“La consistenza dell’organico del personale della scuola è determinata su base triennale della legge finanziaria e dai decreti attuativi.
I 61mila posti cui fanno riferimento articoli di giornale, non pongono in essere aumenti di organico né automatiche assunzioni in ruolo.
La necessità di assicurare un ordinato funzionamento dell’attivita’ scolastica richiede di ricoprire i posti previsti in base al numero degli alunni.
Ciò avviene mediante lo scorrimento delle graduatorie ancora valide dei vincitori di concorso oppure mediante personale supplente.”

circolare 2 settembre 1998, n. 371
Applicazione dello Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria

02 settembre 1998 ‘Sport a Scuola’ 1997-98

Sarebbero 135.277 nelle scuole medie inferiori e 151.666 nelle superiori gli alunni che hanno preso parte al progetto Sport a Scuola nell’a.s. 1997/98: questi i dati, ancora non definitivi, che emergono da un sondaggio condotto dall’Ispettorato per l’Educazione Fisica e Sportiva del MPI.
Dalla ricerca emerge inoltre l’orientamento dei ragazzi verso nuove discipline e sport minori come la pallatamburello, il rugby ed  il softball misto.

Per il CONI sono circa 1.700.000 gli alunni, di età compresa fra 10 e 18 anni, che praticano con continuità lo sport a scuola.

Prevista la prosecuzione del progetto Sport a Scuola anche per l’a.s. 1998/99 (Comunicazione IEFS 24 luglio 1998, Prot. n° 2548 /A1).

01 – 21 settembre 1998 Inizio AS 1998/99

Inzia il nuovo anno scolastico 1998/99.

Di seguito alcune delle novità (già approvate o in cantiere) che caratterizzeranno il nuovo anno scolastico.

– Per quanto riguarda l’autonomia scolastica (Art. 21, Legge 15 marzo 1997 n. 59)

– Un “Programma nazionale di sperimentazione dell’organizzazione scolastica“, che introduce in via sperimentale alcune delle possibilità offerte dall’autonomia, è stato comunque attivato dal MPI con il  DM 251/98.

– Il Fondo per l’arricchimento e l’ampliamento dell’offerta formativa (Legge 440/97), per la cui applicazione si rimanda alla direttiva 252/98, sarà utilizzato per l’avvio del bilinguismo nelle Scuole Elementari (CM 347/98) e nelle Medie Inferiori (CCMM 304/98 e 345/98)

– Il progetto che introduce la riforma nelle superiori, ”Ipotesi di sperimentazione da attuare nei primi due anni di scuola secondaria superiore”, vista anche la relazione finale della Commissione Tecnico-Scientifica sulle Conoscenze Fondamentali della Scuola, e la successiva relazione del comitato ristretto (“I contenuti essenziali per la formazione di base“, anch’essa oggetto di consultazione da parte delle scuole italiane), sono in attesa degli ulteriori sviluppi parlamentari della Riforma dei Cicli Scolastici.

– Da tale proposta di riforma è stato scorporato l’Innalzamento dell’obbligo scolastico (DdL 4917) che il 15 settembre torna in dibattito alla Camera dei Deputati.

– Il DdL C. 4754  (ex 932 AS), “Disposizioni urgenti in materia di personale scolastico”, è all’analisi dell’11a Commissione della Camera, mentre si parla, con sempre maggiore frequenza, di un imminente bando di concorso a cattedre (vd. DM 275/98 e CM 346/98).

– Il Programma di sviluppo delle nuove tecnologie didattiche è giunto alla sua seconda annualità (vd. DM 293/98).

– Sono stati approvati la Riforma degli Esami di Stato conclusivi (Legge 425/97), con il relativo Regolamento (DPR 03.07.98), e lo Statuto delle studentesse e degli studenti (DPR 249/98).

– La CM 175/98 (Valutazioni finali degli alunni negli istituti e scuole di istruzione secondaria di II grado e artistica – gestione degli interventi didattici educativi ed integrativi e del debito formativo) fornisce alcuni chiarimenti in relazione agli IDEI ed al debito formativo.

– Il tema del raccordo scuola-università è trattato dal DM 245/97 (Regolamento in materia di accessi all’istruzione universitaria e di connesse attività di orientamento) e dal DM 23.04.98 (Preiscrizioni ai corsi universitari per l’anno accademico 99-2000)

– All’abolizione degli Istituti e delle Scuole Magistrali (DI 10.03.97), a seguito dei DPR 470 e 471 del 1996,  fanno seguito i “Criteri generali per la disciplina da parte delle università degli ordinamenti dei corsi di laurea in Scienze della Formazione Primaria e delle Scuole di Specializzazione per l’Insegnamento nella Scuola Secondaria” (DM 26.05.98).

– Si sono riaperte le trattative per il rinnovo del CCNL/Scuola con la comunicazione dell’Atto di Indirizzo all’ARAN.

– La circolare 349/98 sullo “Snellimento dell’attività amministrativa” determina interessanti passi avanti nell’applicazione della legge 127/97, a sua volta modificata e integrata dalla legge 191/98, in ambito scolastico.

– Molte le novità riguardanti le classi di concorso con l’istituzione dei cosiddetti “Ambiti Disciplinari” (DM 354/98).

– Dai vari PdL relativi alla Riforma degli Organi Collegiali ed allo Stato giuridico dei docenti di religione cattolica, sono stati approntati dei testi unificati (per le elezioni degli OOCC negli istituti aggregati si rimanda alla CM 296/98 che trasmette l‘OM 277/98).

– I temi della qualità e della valutazione del sistema scolastico ed educativo, riguardo ai quali il MPI ha presentato la direttiva 307/97, saranno sviluppati da un gruppo di 200 scuole pilota sotto la supervisione del CEDE;

– Entro la metà di settembre sarà presentata al CdM una proposta di riforma del MPI e del MURST, con la nascita di un unico Ministero dell’Istruzione, della Scienza e della Tecnologia.

– Per concludere si segnalano i temi “caldi” della

– Le lezioni, sulla base dei rispettivi calendari scolastici, comincieranno:

  • il 10 settembre in Umbria,
  • il 14 in Abruzzo, Friuli-Venezia Giulia, Lazio (scuole dell’obbligo), Lombardia, Marche, Piemonte, Valle d’Aosta, in provincia di Trento (scuole superiori) ed in provincia di Bolzano,
  • il 15 in Lazio (scuole superiori) e Toscana,
  • il 16 in Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Molise, Sardegna, Veneto e nella provincia di Trento (scuole dell’obbligo),
  • il 21 in Calabria, Puglia e Sicilia.

Il 10 giugno 1999 termineranno le lezioni nelle scuole di tutti gli ordini e gradi (con l’eccezione delle classi terminali degli istituti prof.li e d’arte per le quali è prevista la data del 5 giugno 1999).

Il 15 giugno 1999 avranno inizio gli esami di licenza nelle scuole medie inferiori, mentre il 23 giugno 1999 sarà la volta dei nuovi esami di Stato conclusivi.

Le festività comuni a tutti saranno:

  • tutte le domeniche, l’1 novembre, l’8 dicembre, il 25 ed il 26 dicembre, l’1 gennaio, il 6 gennaio, il 5 aprile, il 25 aprile, l’1 maggio.

Alcuni dati numerici relativi al nuovo anno scolastico:

  • 7.705.424 alunni iscritti alle scuole statali (73.000 in meno rispetto al passato anno scolastico),
  • 748.430 docenti di ruolo,
  • 11.260 presidi,
  • 136.044 componenti del personale ATA.

01 settembre 1998 Ricerca internazionale sull’alfabetizzazione

L’OCSE (Organizzazione di cooperazione e sviluppo economico) realizzerà una ricerca internazionale sull’alfabetizzazione in 10 paesi: Cile, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Italia, Ungheria, Malesia, Norvegia, Slovenia, Svizzera.
In Italia il campione coinvolto, di età compresa fra 16 e 65 anni, sarà composto da 9001 soggetti.

01 settembre 1998 ‘1998-99’ sarà l’anno dell’autonomia?

Mentre le scuole sono alle prese con i progetti sperimentali dell’autonomia (la cui presentazione, ricordiamolo, dovrà avvenire entro il 30 settembre p.v. sulla base del DM 251/98 e della Direttiva 252/98) al Ministero si studiano le prossime “mosse” per la realizzazione compiuta della Legge 59/97.
L’autunno sarà caratterizzato dalle operazioni di dimensionamento delle istituzioni scolastiche (DPR 233/98) e dalla messa a punto del testo definitivo del Regolamento sull’autonomia didattica ed organizzativa (v. Bozza del 4-3-1998), che rappresenta il tassello fondamentale per l’attuazione dell’autonomia.
Sulla Bozza è stata promossa nella scorsa primavera un’ampia consultazione che ha coinvolto circa il 70 % delle scuole (con oltre 19.000 questionari compilati), per sondare gli umori della base. Ora si attendono la presentazione del Rapporto nazionale di sintesi sulla consultazione e, a ruota, gli eventuali emendamenti al Regolamento.

Il punto della Consultazione sull’autonomia in una nota di commento del collaboratore di E&S Giancarlo Cerini, nella rubrica Riforme on line, La consultazione sull’autonomia: successo di pubblico e di “critica”.
(Ricordiamo che nella medesima rubrica è apparsa anche una analoga riflessione sulla parallela consultazone sui “Saperi”.)

decreto interministeriale 1 settembre 1998 (in SO alla GU 21 settembre 1998, n. 220)
Attribuzione ai comuni per l’anno 1998 di un contributo di lire 5 miliardi da destinare al finanziamento di contributi agli indigenti per le spese sanitarie particolarmente onerose

Educazione&Scuola©

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: