Archivi tag: Concorsi

Concorso straordinario per primaria e infanzia

L’istanza di partecipazione al concorso tramite POLIS deve essere presentata a partire dalle ore 9,00 del 12 novembre 2018 fino alle ore 23,59 del 12 dicembre 2018

  • Decreto Direttore Generale 7 novembre 2018
    Concorso straordinario per titoli ed esami per il reclutamento a tempo indeterminato di personale docente per la scuola dell’infanzia e primaria su posto comune e di sostegno, indetto ai sensi dell’articolo 4, comma 1-quater, lettera b), del decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, recante: «Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese»

Scuola, conclusa la fase di candidatura al concorso straordinario per infanzia e primaria. Oltre 42.000 le domande presentate

Si è conclusa il 12 dicembre 2018 la fase di candidatura al concorso straordinario per posti comuni e di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria. Sono 42.708 le domande di partecipazione presentate.

Lombardia, Lazio e Piemonte sono le regioni con il numero più alto di iscrizioni con 8.955, 3.815 e 3.747 candidati.

Le istanze totali, considerando chi ha presentato la propria candidatura sia per la scuola dell’infanzia che per la primaria, sia per i posti comuni che per il sostegno, sono 48.472.

Il concorso per il reclutamento a tempo indeterminato di docenti per la scuola dell’infanzia e primaria porterà alla formazione di graduatorie di merito straordinarie su base regionale.

I candidati hanno potuto presentare la domanda di partecipazione, esclusivamente on line, attraverso il sistema POLIS, dalle ore 9 del 12 novembre alle ore 23.59 del 12 dicembre 2018.

Sono ammessi a partecipare al concorso: docenti in possesso di diploma magistrale, conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, che abbiano svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici (dal 2010/2011 al 2017/2018) almeno due annualità, anche non continuative, di servizio specifico; docenti in possesso di laurea abilitante in Scienze della Formazione primaria, che abbiano svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici (dal 2010/2011 al 2017/2018) almeno due annualità, anche non continuative, di servizio specifico. Per i posti di sostegno, oltre ai requisiti del titolo di studio e delle due annualità di servizio, è richiesto anche il titolo di specializzazione sul sostegno. I docenti immessi in ruolo saranno sottoposti, per la conferma dell’assunzione, al periodo di formazione e di prova.

Così come previsto dall’art. 2, comma 2 del bando, nella Gazzetta Ufficiale – IV Serie Speciale, Concorsi ed Esami del 18 dicembre 2018, verranno pubblicate le aggregazioni territoriali delle procedure concorsuali per le quali è stato acquisito un esiguo numero di domande.


Scuola, pubblicato in GU il bando di concorso straordinario per infanzia e primaria. Iscrizioni dal 12 novembre al 12 dicembre 2018

Avviate le procedure anche per un concorso ordinario da oltre 10.000 posti fra quelli comuni e di sostegno

È stato pubblicato nella serata di oggi in Gazzetta Ufficiale, IV serie speciale “Concorsi ed esami”, il bando di concorso straordinario per posti comuni e di sostegno nella scuola dell’infanzia e primaria.

Il concorso per il reclutamento a tempo indeterminato di docenti per la scuola dell’infanzia e primaria porterà alla formazione di graduatorie di merito straordinarie su base regionale. I candidati potranno presentare la domanda di partecipazione, esclusivamente on line, attraverso il sistema POLIS, dalle ore 9 del 12 novembre alle ore 23.59 del 12 dicembre 2018. Sono ammessi a partecipare al concorso: docenti in possesso di diploma magistrale, conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002, che abbiano svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici (dal 2010/2011 al 2017/2018) almeno due annualità di servizio specifico, anche non consecutive; docenti in possesso di laurea abilitante in Scienze della Formazione primaria, che abbiano svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici (dal 2010/2011 al 2017/2018) almeno due annualità di servizio specifico, anche non consecutive. Per i posti di sostegno, oltre ai requisiti del titolo di studio e delle due annualità di servizio, è richiesto anche il titolo di specializzazione sul sostegno. I docenti immessi in ruolo saranno sottoposti, per la conferma dell’assunzione, al periodo di formazione e di prova.

“Con il concorso bandito oggi abbiamo mantenuto gli impegni presi con il decreto dignità e sbloccato una situazione che ha tenuto sospesi per mesi migliaia di insegnanti italiani – dichiara il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti -. Insieme all’uscita del bando per il concorso straordinario abbiamo inviato al Ministero dell’Economia e delle Finanze la richiesta formale per far partire il concorso ordinario, sempre per la scuola dell’infanzia e primaria. Vogliamo dare – conclude Bussetti – risposte precise agli insegnanti, anche ai più giovani, che attendono di poter entrare in ruolo e alle esigenze degli istituti e delle comunità scolastiche”.

Il concorso ordinario, per il quale il MIUR ha presentato richiesta al MEF, prevede un contingente complessivo di 10.183 posti: 5.626 comuni e 4.557 di sostegno.


Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha firmato il decreto che consente di dare avvio alle procedure concorsuali straordinarie per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria previste dal cosiddetto Decreto Dignità.

  • Decreto Ministeriale 17 ottobre 2018
    Concorso straordinario, per titoli ed esami, per il reclutamento di personale docente per la scuola dell’infanzia e primaria su posto comune e di sostegno

Il concorso prevede assunzioni sia su posti comuni che di sostegno ed è riservato a chi è in possesso del requisito di abilitazione (Laurea in Scienze della Formazione Primaria, diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002) e ha svolto almeno due anni di servizio nel corso degli ultimi otto anni. Per i posti di sostegno è richiesto anche il possesso dello specifico titolo di specializzazione. Nel decreto vengono dettagliati il contenuto del bando, i termini e le modalità di presentazione delle domande, i titoli valutabili, le modalità di svolgimento della prova orale, i criteri di valutazione dei titoli e della prova, la composizione delle commissioni di valutazione e i programmi di esame.

Abbiamo mantenuto l’impegno preso con il Decreto Dignità, sbloccando la situazione di paralisi ereditata dal precedente Governo – commenta il Ministro Bussetti -. Ma non ci fermiamo: a breve partirà anche il concorso ordinario, sempre per la scuola dell’infanzia e primaria, per il quale i miei Uffici stanno avviando le relative procedure autorizzatorie”.

Il decreto per il concorso straordinario è già stato inviato alla Gazzetta Ufficiale per la relativa pubblicazione dopo la quale il Ministero pubblicherà il bando sul proprio sito web.

Conoscere i Trattati: per un’Europa diversa, più forte e più equa

Concorso “Conoscere i Trattati: per un’Europa diversa, più forte e più equa”

I Ministri Bussetti e Savona invitano gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado “a una riflessione sull’Europa e la sua identità” che incoraggi “una partecipazione consapevole e attiva al dibattito sui valori e sul futuro dell’Unione”. I migliori elaborati saranno premiati con una visita alle istituzioni europee.

Promuovere una riflessione e condivisione dell’idea di Europa, per analizzare in maniera critica e propositiva il passato, il presente e il futuro dell’Unione. Questo l’obiettivo del concorso nazionale “Conoscere i Trattati: per un’Europa diversa, più forte e più equa” indetto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il concorso è rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado che potranno partecipare come gruppo-classe e presentare, entro il 1° marzo 2019, un elaborato sotto forma di saggio o lavoro di ricerca. Le scuole vincitrici del concorso saranno premiate con una visita alle istituzioni europee organizzata dal Dipartimento per le Politiche Europee e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in collaborazione con la Rappresentanza italiana della Commissione europea e con l’Ufficio di informazione del Parlamento europeo in Italia.

Gli studenti, dopo aver analizzato documenti, materiali e informazioni pubblicati sul sito del Dipartimento per le Politiche Europee e sulla piattaforma digitale Europa=Noi, sono chiamati ad analizzare quale idea di Europa unita ritengono utile per il progresso sociale ed economico degli Stati membri e ad approfondire le proposte di una nuova Politeia contenute nel documento del Governo italiano “Una Politeia per un’Europa più forte e più equa” e la loro coerenza con gli obiettivi indicati nei Trattati.

Gli elaborati saranno valutati da una Commissione esaminatrice e i vincitori saranno proclamati durante un evento istituzionale che si terrà a Roma nel mese di maggio 2019.
“Il concorso insieme ad altre iniziative che promuoveremo nelle prossime settimane – spiega il Ministro per gli Affari Europei, Paolo Savona – ha l’obiettivo di incoraggiare una partecipazione consapevole e attiva al dibattito sui valori e sul futuro dell’Europa. Leggere e approfondire i Trattati europei significa comprendere il senso della cittadinanza europea e conoscerne le conseguenze anche pratiche. Tutto ciò è fondamentale per orientare l’Europa verso un approccio politico, ossia una politeia, una visione concordata per il perseguimento del bene comune europeo. Perché ciò si possa realizzare in futuro, è necessario promuovere tra i giovani la lettura approfondita e la critica documentata delle fonti”.

“La scuola ha un ruolo decisivo nel far comprendere ai nostri ragazzi il mondo che li circonda, nel dare loro le competenze per interpretare il presente e orientarsi nel futuro – sottolinea il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti -. Questo concorso vuole offrire una opportunità per approfondire le radici, la storia, le motivazioni ideali che hanno portato alla nascita dell’Unione Europea. Lo fa partendo dalla conoscenza diretta e documentata delle fonti, in particolare dei Trattati che sono il fondamento del suo sviluppo e della sua crescita. E proietta i nostri ragazzi in una riflessione nuova sull’Europa, sulla sua identità”.

Il Dipartimento per le Politiche Europee ritiene prioritario promuovere soprattutto tra i giovani un approccio diretto e documentato agli atti fondanti dell’UE per favorire la conoscenza della partecipazione – attuale e storica – dell’Italia all’Unione Europea e migliorare la consapevolezza dei diritti e doveri di cittadinanza e il dibattito democratico per il 2019 sul futuro dell’Unione, anche in vista delle prossime elezioni europee. Per questo motivo, il Dipartimento promuove una campagna di comunicazione che, oltre al concorso nazionale, prevede una sinergia di strumenti e di collaborazioni istituzionali tra cui la piattaforma didattica interattiva e multimediale Europa=Noi, lezioni e infografiche, incontri sul territorio.

Nota 5 dicembre 2018, AOODGPER 53428

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione generale per il personale scolastico

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
Ai Rettori degli Atenei per il tramite del
Dipartimento per la formazione superiore e ricerca
Al Consiglio Universitario Nazionale
Alla Direzione generale per i contratti, gli acquisti
e per i sistemi informativi e la statistica
Al CINECA

Oggetto: Concorso straordinario per il reclutamento a tempo indeterminato di docenti per la scuola dell’infanzia e primaria di cui all’art. 4, comma 1-quinquies della Legge n. 96/2018. Commissioni di valutazione. Apertura funzioni per la presentazione delle candidature.

Nota 30 novembre 2018, AOODGOSV 20165

Ai Direttori Generali e ai Dirigenti titolari degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
AI Sovrintendente agli Studi della Valle d’Aosta
AOSTA
AI Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia Autonoma di TRENTO
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO
AI Sovrintendente Scolastico della Provincia di
BOLZANO
Ai Dirigenti Scolastici degli istituti di istruzione secondaria di Il grado, statali e paritari
LORO SEDI
e p.c. AI Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
SEDE
AI Capo di Gabinetto
SEDE
AI Capo Ufficio Stampa
SEDE

Nota 30 novembre 2018, AOODGOSV 20165

OGGETTO: Olimpiadi di Economia e Finanza – Edizione 2018-19.

Avviso 27 novembre 2018

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali
Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie
Ufficio II – Reclutamento e formazione del personale del Ministero

Avviso 27 novembre 2018

Concorso pubblico, per esami, a 253 posti, per l’accesso al profilo professionale di funzionario amministrativo-giuridico-contabile, area III, posizione economica F1, del ruolo del personale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, per gli uffici dell’Amministrazione centrale e periferica – (GU n. 25 del 27-3-2018)

Bandi Piano Nazionale Cinema per la scuola

Elenco scuole ammesse a finanziamento – Bandi Piano Nazionale Cinema per la scuola

Elenchi delle istituzioni scolastiche ammesse a finanziamento per gli Avvisi:
– AOODPIT D.D. 0000367 DEL 14-03-2018
B2 – Giornata Nazionale del Cinema per la Scuola
– AOODPIT D.D. 0000648 DEL 17-04-2018
B1 – Piattaforma web
B3 – Piano Comunicazione
– AOODPIT D.D. 0000649 DEL 17-04-2018
A1 – Operatori di Educazione Visiva a Scuola
A2 – CinemaScuola 2030
A3 – CinemaScuola LAB
A4 – Visioni fuori luogo

Nota 23 novembre 2018, AOODGOSV 19782

Ai Direttori Generali e ai Dirigenti titolari degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
AI Sovrintendente agli Studi della Valle d’Aosta
AOSTA
AI Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia Autonoma di TRENTO
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO
AI Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO
Ai Dirigenti Scolastici degli istituti di istruzione secondaria di Il grado, statali e paritari
LORO SEDI
AI Ministero degli Affari Esteri-DGSP – Uff V
ROMA
e p.c. AI Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
SEDE
AI Capo di Gabinetto
SEDE
AI Capo Ufficio Stampa
SEDE

Nota 23 novembre 2018, AOODGOSV 19782

OGGETTO: Olimpiadi di Italiano – Edizione 2018-19.


Nota 23 novembre 2018, AOODGOSV 19778

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione
Ufficio IV

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Scuola in lingua italiana della Provincia Autonoma di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca della Provincia Autonoma di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la Scuola delle località ladine della Provincia Autonoma di BOLZANO
Al Dirigente Generale del Dipartimento della Conoscenza della Provincia Autonoma di TRENTO
Al Sovrintendente Scolastico per la Regione Autonoma VALLE D’AOSTA
LORO SEDI
per il successivo inoltro
A tutte le Istituzioni scolastiche di istruzione secondaria di secondo grado del territorio

Nota 23 novembre 2018, AOODGOSV 19778

Oggetto: Bando di Concorso promosso dalla Camera di Commercio Italo-Germanica dal titolo “Welcome to automation” – Edizione 2018/2019.

I Fuoriclasse della scuola

E’ uno degli appuntamenti più attesi, soprattutto per le studentesse e gli studenti, quello dell’assegnazione delle borse di studio per il Progetto “I Fuoriclasse della scuola” che ha già raggiunto importanti risultati in questi tre anni: sono state conferite 155 borse di studio, 45 nel 2016, 44 nel 2017 e 66 nel 2018 per un totale di 237mila euro.
Nato nell’ambito del Protocollo di intesa tra la Fondazione per l’Educazione Finanziaria al Risparmio e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è realizzato con la collaborazione del Museo del Risparmio che ospiterà gli studenti vincitori per un campus di due giorni a Torino, e con il sostegno dell’Associazione Bancaria Italiana e di Confindustria.
Il Progetto mira a valorizzare i giovani talenti attraverso il contributo di donazioni da parte di fondazioni, associazioni, società, imprese e da parte di singoli cittadini.
I destinatari sono le studentesse e gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole secondarie di II grado delle seguenti competizioni individuali a livello nazionale comprese nel Programma annuale per la Valorizzazione delle eccellenze: Olimpiadi di Astronomia, Chimica, Filosofia, Fisica, Informatica, Italiano, Lingue e civiltà classiche, Matematica, Scienze naturali, Statistica, i concorsi EconoMia e New Design e la Gara nazionale per gli alunni degli istituti professionali e per gli alunni degli istituti tecnici.
Il progetto, che ha ottenuto la Medaglia del Presidente della Repubblica, vuole far crescere una generazione di giovani eccellenti e consapevoli che sviluppino, accanto a competenze economiche e tecniche di altissimo livello, la sensibilità verso temi come la legalità al fine di condividere le esperienze maturate in favore della collettività. Tutto questo attraverso una nuova forma di collaborazione tra istituzioni pubbliche e soggetti privati a sostegno dei giovani meritevoli e della scuola.
I nominativi degli studenti premiati sono pubblicati sul sito dedicato al progetto: http://www.fuoriclassedellascuola.it con l’indicazione delle scuole di provenienza, delle competizioni alle quali hanno partecipato e dei sostenitori che hanno messo a disposizione le borse di studio.

Nel pomeriggio di giovedì, nell’Auditorium della Fondazione Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano si svolge la cerimonia di consegna delle borse di studio da assegnare agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado per l’anno scolastico 2017/2018 con la partecipazione dei promotori del progetto, degli esponenti delle istituzioni e dei sostenitori che hanno aderito all’iniziativa.
Sono stati invitati tutti i 66 vincitori. Tra questi ci sono Federico Viola e Andrea Ciprietti che hanno vinto le Olimpiadi della matematica e che hanno avuto una borsa di studio in tutte le tre edizioni del Progetto.
La Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio (FEDUF) è nata su iniziativa dell’Associazione Bancaria
Italiana per diffondere l’educazione finanziaria in un’ottica di cittadinanza consapevole e di legalità economica. Obiettivo della Fondazione è il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati a promuovere una nuova cultura di cittadinanza economica, valorizzando le diverse iniziative, superando gli individualismi e mettendo a fattor comune le esperienze maturate in nome dell’interesse della comunità. Opera in stretta collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e gli Uffici Scolastici sul territorio e diffonde, nelle scuole di ogni ordine e grado, programmi didattici innovativi nella forma e nei contenuti, anche attraverso l’organizzazione di eventi per gli studenti, gli insegnanti e i genitori. La Fondazione lavora sulla mediazione culturale tra contenuti complessi e strumenti divulgativi semplici ed efficaci. Le sue iniziative si rivolgono anche agli adulti, in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori.
Il Museo del Risparmio è un luogo unico, innovativo e divertente dove il visitatore di qualsiasi età può mettere alla prova le proprie capacità di gestione del denaro. Materiali audiovisivi (cartoni animati, docu-fiction, interviste, animazioni teatrali) sono stati appositamente creati per soddisfare le curiosità e il bisogno di approfondimento di concetti complessi nel modo più chiaro e comprensibile. Laboratori e workshop consentono agli studenti di apprendere divertendosi. Nell’ultima sala del Museo, videogames e applicazioni propongono problematiche quotidiane legate alla gestione del reddito. Attraverso la gamification, ovvero l’utilizzo di dinamiche di gioco a servizio di forme di apprendimento attivo ed intuitivo, il Museo si pone l’obiettivo di aiutare il visitatore a sviluppare le capacità e i comportamenti che potranno essere poi utili nella scelta di consumo ed investimento, con il fine unico di migliorare il livello di alfabetizzazione finanziaria degli italiani.
I SOSTENITORI DELLA III EDIZIONE:
1. ABI
2. AIROLDI METALLI
3. ALESSANDRA LOSITO
4. ALMO COLLEGIO BORROMEO
5. ANASF
6. ARCA SGR (3 BORSE DI STUDIO)
7. AVV. FULVIA ASTOLFI
8. BANCO BPM (5 BORSE DI STUDIO)
9. BERNONI GRANT THORNTON
10. CIMA S.P.A.
11. CLUB DEI 15 – CONFINDUSTRIA
12. ENEL (3 BORSE DI STUDIO)
13. EQUITA SIM
14. FEDERCHIMICA (2 BORSE DI STUDIO)
15. FERROVIE DELLO STATO ITALIANE
16. FINTECNA
17. FONDAZIONE COCA-COLA HBC ITALIA (2 BORSE DI STUDIO)
18. FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE
19. FONDAZIONE ROCCA
20. 4.MANAGER (10 BORSE DI STUDIO)
21. GECOFIN S.P.A. – GEICO-TAIKISHA (2 BORSE DI STUDIO)
22. GLOBAL THINKING FOUNDATION (5 BORSE DI STUDIO)

  1. ALFREDO GRASSI S.P.A.
  2. INTESA SANPAOLO
  3. JUVENTUS F.C. S.P.A.
  4. LAB ANALYSIS
  5. MISTRAL
  6. PICTET ASSET MANAGEMENT
  7. PISCINE CASTIGLIONE
  8. PROFESSIONAL WOMEN’S NETWORK PWN ROME
  9. SACE SIMEST (2 BORSE DI STUDIO)
  10. DANIELE MANCA (SACE SIMEST) (3 BORSE DI STUDIO)
  11. SANTANDER CONSUMER BANK (2 BORSE DI STUDIO)
  12. SORGENIA
  13. STANFORD CLUB ITALIA
  14. STREPARAVA
  15. UBI BANCA
  16. VALEUR INVESTMENTS

#genovanelcuore

La cerimonia al Salone Orientamenti

Un Protocollo d’Intesa per le buone pratiche di protezione civile
tra i banchi di scuola

Genova nel cuore. Non uno slogan, ma un’emozione. E così quello da ricostruire diventa un ponte tra una ferita e il futuro. Sono oltre 1.400 gli elaborati presentati per il concorso #genovanelcuore. Il concorso è stato lanciato in seguito al crollo del ponte Morandi, a Genova, dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione – in collaborazione con la Regione Liguria. Ieri sera la premiazione delle opere più significative realizzate dalle scuole di tutta Italia, dall’infanzia alla secondaria di secondo grado. La consegna dei riconoscimenti si è tenuta nel corso del Salone Orientamenti, nel capoluogo ligure, a tre mesi esatti dalla tragedia.
Orientamenti, il Salone della formazione, del lavoro e dell’orientamento, alla sua 23esima edizione, si è concluso oggi. Per tre giorni l’intera area del Porto Antico è stata trasformata in un grande Villaggio per aiutare i ragazzi nella scelta del proprio percorso di studi e di lavoro. Alla cerimonia di apertura, martedì 13 novembre, ha partecipato anche il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti. Il MIUR è stato presente all’evento con un proprio stand e un ricco programma di incontri, laboratori e seminari per gli alunni, i genitori e i docenti.

Tra le iniziative lanciate dal MIUR in occasione del Salone anche un Protocollo d’Intesa con il Dipartimento della Protezione Civile per sensibilizzare gli studenti sull’importanza della conoscenza e della prevenzione dei rischi naturali. L’Accordo è stato sottoscritto martedì dal Ministro Bussetti e dal Capo Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli. Tra le azioni previste dall’Intesa anche la costituzione di una task force interistituzionale da attivare in caso di emergenza a seguito di calamità e non, per garantire la regolare prosecuzione dell’anno scolastico. L’Intesa ha una durata di tre anni.

I riconoscimenti assegnati:

Scuola dell’Infanzia 
1° Premio: Polo Infanzia Passi D’Oro – Ionadi (VV)

Menzioni 
IC Arcola Ameglia (SP)
IC Pangerc Dolina – Trieste

Scuola Primaria
1° Premio: IC Voltri 2 – Genova

Menzioni
IC Avegno Camogli Recco (GE)
IC Castiglione Carunchio – Castiglione M.M. (CH)
IC Santo Calì- Linguaglossa (CT)

Scuola Secondaria 1° Grado
1° Premio: IC Giovanni Verga -Siracusa

Menzioni
IC Rivarolo – Genova
Scuola Cosmo Guastella- Misilmeri (PA)

Scuola Secondaria 2° Grado
1° Premio: Liceo Artistico Galvani – Cordenons (PN)

Menzioni
IIS Da Penne – Dei Fiori – Penne (PE)
IIS Duchessa Di Galliera

Premio Speciale della Commissione:
Elena Rivolta IPSAAR Bergese – Genova

Il link alla galleria fotografica:
https://www.flickr.com/photos/miursocial/albums/72157703454874824

Nota 14 novembre 2018, AOODGOSV 19248

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
AI Sovrintendente agli Studi per la Regione autonoma della Valle d’Aosta
AI Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Bolzano
AI Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Trento
All’ Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano
Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti Tecnici e Professionali

Nota 14 novembre 2018, AOODGOSV 19248

OGGETTO: Gara Nazionale per gli alunni degli istituti professionali e per gli alunni degli istituti tecnici che hanno frequentato il IV anno di corso nell’anno scolastico 2017/2018. Risultati.

Nota 13 novembre 2018, AOODGOSV 19168

Ai Direttori generali e ai Dirigenti preposti agli Uffici scolastici regionali
LORO SEDI
Al Capo dell’Ufficio V della DGSP del MAECI
ROMA
All’Intendente Scolastico della provincia di
BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca
BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua località ladine
BOLZANO
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia di
TRENTO
Al Sovrintendente agli studi della Valle D’Aosta
AOSTA
Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole di ogni ordine e grado
LORO SEDI
e, p.c.
Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
SEDE
Al Capo Ufficio Stampa
SEDE
All’Ufficio di Gabinetto
SEDE

Nota 13 novembre 2018, AOODGOSV 19168

OGGETTO: Concorso nazionale Filosofia per l’umanità/Philosophy for Humans, P4H. I edizione anno scolastico 2018-2019 La Carta di Nizza fra diritti umani e cittadinanza.

Nota 8 novembre 2018, AOODGOSV 18919

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione
Uff. I

Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Trento
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

Nota 8 novembre 2018, AOODGOSV 18919

Oggetto: Concorso “Booktrailer Film Festival sezione JUNIOR” a.s. 2018/2019.

Decreto Direttore Generale 7 novembre 2018

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Decreto Direttore Generale 7 novembre 2018

CONCORSO (scad. 12 dicembre 2018)

Concorso straordinario per titoli ed esami per il reclutamento a tempo indeterminato di personale docente per la scuola dell’infanzia e primaria su posto comune e di sostegno, indetto ai sensi dell’articolo 4, comma 1-quater, lettera b), del decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96, recante: «Disposizioni urgenti per la dignità dei lavoratori e delle imprese».

(GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.89 del 09-11-2018)

IL DIRETTORE GENERALE
per il personale scolastico

Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, recante «Nuove norme in
materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai
documenti amministrativi» e successive modificazioni, nonche’ il
decreto del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006, n. 184,
regolamento recante «Disciplina in materia di accesso ai documenti
amministrativi»;
Vista la legge 28 marzo 1991, n. 120, recante «Norme in favore
dei privi della vista per l’ammissione ai concorsi nonche’ alla
carriera direttiva nella pubblica amministrazione e negli enti
pubblici, per il pensionamento, per l’assegnazione di sede e la
mobilita’ del personale direttivo e docente della scuola concernente
norme a favore dei privi della vista per l’ammissione ai concorsi»;
Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104, recante «Legge quadro per
l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone
handicappate», e successive modificazioni;
Vista la legge 12 marzo 1999, n. 68, recante «Norme per il
diritto al lavoro dei disabili» e successive modificazioni, e il
relativo regolamento di esecuzione di cui al decreto del Presidente
della Repubblica 10 ottobre 2000, n. 333;
Visto il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive
modificazioni, con il quale e’ stato approvato il testo unico delle
disposizioni legislative in materia di istruzione relative alle
scuole di ogni ordine e grado;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 1999, n. 233, recante
«Riforma degli organi collegiali territoriali della scuola, a norma
dell’art. 21 della legge 15 marzo 1997, n. 59» e in particolare
l’art. 2 che individua le competenze e la composizione del Consiglio
superiore della pubblica istruzione;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante
«Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche» e successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante
«Codice in materia di protezione dei dati personali» e successive
modificazioni;
Visti i decreti legislativi 9 luglio 2003, numeri 215 e 216,
concernenti, rispettivamente, l’attuazione della direttiva 2000/43/CE
per la parita’ di trattamento tra le persone, indipendentemente dalla
razza e dall’origine etnica, e l’attuazione della direttiva
2000/78/CE per la parita’ di trattamento tra le persone, senza
distinzione di religione, di convinzioni personali, di handicap, di
eta’ e di orientamento sessuale;
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante «Codice
dell’amministrazione digitale» e successive modificazioni;
Visto il decreto legislativo 9 novembre 2007, n. 206, come
modificato dal decreto legislativo 28 gennaio 2016, n. 15, recante
attuazione della direttiva 2013/55/UE e dell’art. 49 del decreto del
Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394, e successive
modificazioni;
Visto il decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, recante
«Codice delle pari opportunita’ tra uomo e donna» e successive
modificazioni;
Vista la legge 18 giugno 2009, n. 69, recante «Disposizioni per
lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita’ nonche’
in materia di processo civile» e successive modificazioni, ed in
particolare l’art. 32;
Visto il decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con
modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35, recante
«Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e sviluppo» e
successive modificazioni e in particolare l’art. 8, comma 1, ove si
dispone che le domande e i relativi allegati per la partecipazione a
concorsi per l’assunzione nelle pubbliche amministrazioni centrali
siano inviate esclusivamente per via telematica;
Vista la legge 6 agosto 2013, n. 97, recante «Disposizioni per
l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
all’Unione europea – legge europea 2013» e in particolare l’art. 7;
Vista la legge 13 luglio 2015, n. 107, recante «Riforma del
sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino
delle disposizioni legislative vigenti»;
Visto il regolamento 27 aprile 2016, n. 2016/679/UE del
Parlamento europeo relativo alla protezione delle persone fisiche con
riguardo al trattamento dei dati personali, nonche’ alla libera
circolazione di tali dati, cd. «GDPR»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994,
n. 487, recante «Regolamento recante norme sull’accesso agli impieghi
nelle pubbliche amministrazioni e le modalita’ di svolgimento dei
concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei
pubblici impieghi» e successive modificazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre
2000, n. 445, recante «Testo unico delle disposizioni legislative e
regolamentari in materia di documentazione amministrativa» e
successive modificazioni, ed in particolare l’art. 38;
Visti il decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2009,
n. 89, recante «Revisione dell’assetto ordinamentale, organizzativo e
didattico della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione
ai sensi dell’art. 64, comma 4, del decreto-legge 25 giugno 2008, n.
112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.
133»;
Visto il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca 26 maggio 1998, ed in particolare l’art. 4, recante
«Criteri generali per la disciplina da parte delle universita’ degli
ordinamenti dei corsi di laurea in scienze della formazione primaria
e delle scuole di specializzazione all’insegnamento secondario»;
Visto il decreto del Ministro della pubblica istruzione 7
dicembre 2006, n. 305, regolamento recante «Identificazione dei dati
sensibili e giudiziari trattati e delle relative operazioni
effettuate dal Ministero della pubblica istruzione»;
Visto il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca 10 settembre 2010, n. 249, recante «Regolamento
concernente la definizione della disciplina dei requisiti e della
formazione iniziale degli insegnanti della scuola dell’infanzia,
della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo
grado» e successive modificazioni;
Visto il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca 30 settembre 2011, recante «Criteri e modalita’ per lo
svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della
specializzazione per le attivita’ di sostegno, ai sensi degli
articoli 5 e 13 del decreto 10 settembre 2010, n. 249»;
Visto il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca 16 novembre 2012, n. 254, recante «Indicazioni
nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo
ciclo di istruzione, a norma dell’art. 1, comma 4 del decreto del
Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 89»;
Visto il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca del 27 ottobre 2015, n. 850, recante «Obiettivi,
modalita’ di valutazione del grado di raggiungimento degli stessi,
attivita’ formative e criteri per la valutazione del personale
docente ed educativo in periodo di formazione e di prova, ai sensi
dell’art. 1, comma 118, della legge 13 luglio 2015, n. 107»;
Vista la sentenza del Consiglio di Stato, sezione VI, 19 dicembre
2016, n. 5388, e le altre simili, con le quali si afferma
l’equiparazione tra il diploma magistrale e il diploma di maturita’
linguistica conseguito al termine dei percorsi quinquennali di
sperimentazione attivati presso gli istituti magistrali;
Visto il decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, recante
«Disposizioni urgenti per la dignita’ dei lavoratori e delle imprese»
convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96 ed in
particolare l’art. 4, comma 1-novies, il quale prevede, con
riferimento al concorso straordinario per il reclutamento dei docenti
per la scuola dell’infanzia e primaria, su posto comune e di sostegno
di cui al comma 1-quater, lettera b) del citato art. 4, che con
decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
ricerca siano disciplinati «Il contenuto del bando, i termini e le
modalita’ di presentazione delle domande, i titoli valutabili, le
modalita’ di svolgimento della prova orale, i criteri di valutazione
dei titoli e della prova, nonche’ la composizione delle commissioni
di valutazione e l’idonea misura del contributo»;
Considerato che l’art. 4, comma 1-quinquies del citato
decreto-legge n. 87 del 2018 autorizza il Ministro dell’istruzione,
dell’universita’ e della ricerca a bandire il concorso straordinario
di cui al comma 1-quater, lettera b) «in deroga alle ordinarie
procedure autorizzatorie, che rimangono ferme per le successive
immissioni in ruolo, in ciascuna regione e distintamente per la
scuola dell’infanzia e per quella primaria, per la copertura dei
posti sia comuni, ivi compresi quelli di potenziamento, che di
sostegno»;
Preso atto che l’art. 4, comma 1-octies, secondo periodo del
citato decreto-legge n. 87 del 2018, prevede la valorizzazione del
superamento di tutte le prove di precedenti concorsi per il ruolo
docente, il possesso di titoli di abilitazione di livello
universitario e di ulteriori titoli universitari e la particolare
valorizzazione del servizio svolto presso le istituzioni scolastiche
del sistema nazionale di istruzione, al quale sono riservati sino a
50 dei 70 punti complessivamente attribuibili ai titoli;
Visto il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e
della ricerca del 17 ottobre 2018 che autorizza la presente procedura
concorsuale straordinaria e recante all’allegato A i programmi
concorsuali, all’allegato B la griglia di valutazione per la prova
orale delle procedure concorsuali e all’allegato C la tabella di
ripartizione del punteggio dei titoli valutabili;
Visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al
personale del comparto istruzione e ricerca – sezione scuola;
Resa l’informativa alle OO.SS. firmatarie del Contratto;

Decreta:

Art. 1
Definizioni

  1. Ai fini del presente decreto si applicano le seguenti
    definizioni:
    a) Ministro: Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della
    ricerca;
    b) Ministero: Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e
    della ricerca;
    c) decreto-legge: decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87,
    convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2018, n. 96;
    d) testo unico: decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e
    successive modificazioni;
    e) USR: Ufficio scolastico regionale o Uffici scolastici
    regionali;
    f) dirigenti preposti agli USR: i direttori generali degli USR
    o i dirigenti di seconda fascia preposti alla direzione di un USR;
    g) graduatorie ad esaurimento: graduatorie permanenti di cui
    all’art. 401 del testo unico rese ad esaurimento dall’art. 1, comma
    601, lettera c), della legge 29 dicembre 2006, n. 296;
    h) decreto ministeriale: decreto ministeriale del 17 ottobre
    2018 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 250 del 26 ottobre 2018.

Art. 2
Concorso straordinario

  1. E’ indetto, ai sensi dell’art. 4, comma 1-quater, lettera b),
    e commi 1-quinquies, 1-sexies, 1-septies, 1-octies, 1-novies,
    1-decies e 1-undecies del decreto-legge, un concorso straordinario,
    per titoli ed esami, per il reclutamento a tempo indeterminato del
    personale docente su posti comuni e posti di sostegno della scuola
    dell’infanzia e della scuola primaria riservato ai soggetti in
    possesso dei requisiti di cui al successivo art. 3. Sia il concorso
    che le relative graduatorie sono organizzate su base regionale.
  2. E’, eventualmente, disposta l’aggregazione territoriale delle
    procedure concorsuali ove a dette procedure partecipi un numero
    esiguo di candidati. Le sedi saranno individuate e comunicate, con
    avviso da pubblicarsi nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
    italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» del 18 dicembre
    2018, ad esito della presentazione delle domande di partecipazione,
    con l’individuazione dell’USR responsabile della procedura. L’USR che
    sara’ individuato, sara’ responsabile dello svolgimento dell’intera
    procedura concorsuale e dell’approvazione delle graduatorie di merito
    della propria regione, nonche’ delle graduatorie di merito delle
    ulteriori regioni le cui procedure sono state aggregate.

Art. 3
Requisiti di ammissione

  1. Ai sensi dell’art. 4, comma 1-quinquies, del decreto-legge,
    sono ammessi a partecipare alle procedure di cui al presente decreto
    i candidati in possesso dei seguenti titoli:
    a) titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito presso i
    corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo
    conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della
    normativa vigente, purche’ i docenti in possesso dei predetti titoli
    abbiano svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici
    (2010/11-2017/2018), presso le istituzioni scolastiche statali,
    almeno due annualita’ di servizio specifico rispettivamente sulla
    scuola dell’infanzia o primaria, anche non continuative, sia su posto
    comune che di sostegno. Il servizio a tempo determinato e’ valutato
    ai sensi dell’art. 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124;
    b) diploma magistrale con valore di abilitazione e diploma
    sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti
    magistrali o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e
    riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti,
    comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002, purche’ i docenti in
    possesso dei predetti titoli abbiano svolto, nel corso degli ultimi
    otto anni scolastici (2010/11-2017/2018), presso le istituzioni
    scolastiche statali almeno due annualita’ di servizio specifico,
    rispettivamente sulla scuola dell’infanzia o primaria, anche non
    continuative, sia su posto comune che di sostegno. Il servizio a
    tempo determinato e’ valutato ai sensi dell’art. 11, comma 14, della
    legge 3 maggio 1999, n. 124;
    c) per le procedure per i posti di sostegno su infanzia e
    primaria, oltre al possesso di uno dei titoli di cui alle lettere a)
    e b), e’ richiesto il possesso dello specifico titolo di
    specializzazione sul sostegno conseguito ai sensi della normativa
    vigente o di analogo titolo di specializzazione conseguito all’estero
    e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.
  2. Sono ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito il
    titolo abilitante o la specializzazione sul sostegno all’estero,
    abbiano comunque presentato la relativa domanda di riconoscimento
    alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la
    valutazione del sistema nazionale di istruzione, entro la data
    termine per la presentazione delle istanze per la partecipazione alla
    procedura concorsuale.
  3. Sono, altresi’, ammessi con riserva alla procedura concorsuale
    per posti di sostegno i docenti che conseguano il relativo titolo di
    specializzazione entro il 1° dicembre 2018, nell’ambito di percorsi
    avviati entro il 31 maggio 2017, ivi compresi quelli disciplinati dal
    decreto del Ministro 10 marzo 2017, n. 141, come modificato dal
    decreto 13 aprile 2017, n. 226.
  4. I candidati sono ammessi al concorso con riserva di
    accertamento del possesso dei requisiti di ammissione. In caso di
    carenza degli stessi, l’USR dispone l’esclusione dei candidati in
    qualsiasi momento della procedura concorsuale.

Art. 4
Domanda di partecipazione: termine, contenuto e modalita’ di
presentazione

  1. I candidati possono presentare istanza di partecipazione, a
    pena di esclusione, in un’unica regione, ad eccezione della Valle
    d’Aosta e del Trentino-Alto Adige, per una o piu’ delle procedure
    concorsuali per le quali posseggano i requisiti di cui all’art. 3 del
    presente bando. Il candidato concorre per piu’ procedure concorsuali
    mediante la presentazione di un’unica istanza con l’indicazione delle
    procedure concorsuali cui intenda partecipare.
  2. I candidati presentano l’istanza di partecipazione ai
    concorsi, esclusivamente, attraverso il sistema informativo POLIS ai
    sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive
    modificazioni. Le istanze presentate con modalita’ diverse non sono
    prese in considerazione.
  3. L’istanza di partecipazione al concorso tramite POLIS deve
    essere presentata a partire dalle ore 9,00 del 12 novembre 2018 fino
    alle ore 23,59 del 12 dicembre 2018.
  4. Il candidato residente all’estero, o ivi stabilmente
    domiciliato, qualora non in possesso delle credenziali di accesso al
    sistema informativo di cui al comma 2, acquisisce dette credenziali
    presso la sede dell’Autorita’ consolare italiana. Quest’ultima
    verifica l’identita’ del candidato e comunica le risultanze all’USR
    competente a gestire la relativa procedura concorsuale, che provvede
    alla registrazione del candidato nel sistema informativo. Ultimata la
    registrazione, il candidato riceve dal sistema informativo i codici
    di accesso per l’acquisizione telematica della istanza nella
    successiva fase prevista dalla procedura.
  5. Per la partecipazione alla procedura concorsuale e’ dovuto, ai
    sensi dell’art. 4, comma 1-novies, del decreto-legge e dell’art. 1,
    comma 111, della legge 13 luglio 2015, n. 107 nonche’ dell’art. 7,
    comma 6, del decreto ministeriale, il pagamento di un contributo di
    segreteria pari ad euro 10,00 (dieci) per ciascuna procedura per cui
    si concorre (infanzia comune/primaria comune/infanzia
    sostegno/primaria sostegno). Il pagamento deve essere effettuato
    esclusivamente tramite bonifico bancario sul conto intestato a:
    sezione di tesoreria 348 Roma succursale IT 28S 01000 03245 348 0 13
    2410 00 Causale: «regione – grado di scuola/tipologia di posto – nome
    e cognome – codice fiscale del candidato» e dichiarato al momento
    della presentazione della domanda tramite il sistema POLIS.
  6. Nella domanda il candidato deve dichiarare, sotto la propria
    responsabilita’ e consapevole delle conseguenze derivanti da
    dichiarazioni mendaci ai sensi dell’art. 76 del decreto del
    Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, quanto segue:
    a) il cognome ed il nome (le coniugate indicheranno solo il
    cognome di nascita);
    b) la data, il luogo di nascita, la residenza e il codice
    fiscale;
    c) il possesso della cittadinanza italiana ovvero della
    cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione europea ovvero
    dichiarazione attestante le condizioni di cui all’art. 7 della legge
    6 agosto 2013, n. 97;
    d) il comune nelle cui liste elettorali e’ iscritto/a ovvero i
    motivi della mancata iscrizione o della cancellazione dalle liste
    medesime;
    e) di essere fisicamente idoneo/a allo svolgimento delle
    funzioni proprie del docente;
    f) le eventuali condanne penali riportate (anche se sono stati
    concessi amnistia, indulto, condono o perdono giudiziale) e gli
    eventuali procedimenti penali pendenti, in Italia e all’estero. Tale
    dichiarazione deve essere resa anche se negativa, pena l’esclusione
    dal concorso;
    g) di non essere stato/a destituito/a o dispensato/a
    dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente
    insufficiente rendimento e di non essere stato/a licenziato/a da
    altro impiego statale ai sensi della normativa vigente, per aver
    conseguito l’impiego mediante produzione di documenti falsi e,
    comunque, con mezzi fraudolenti, ovvero per aver sottoscritto il
    contratto individuale di lavoro a seguito della presentazione di
    documenti falsi. In caso contrario, il candidato deve indicare la
    causa di risoluzione del rapporto d’impiego;
    h) il possesso di titoli previsti dall’art. 5, commi 4 e 5, del
    decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487, che, a
    parita’ di merito o a parita’ di merito e titoli, danno luogo a
    preferenza. I titoli devono essere posseduti alla data di scadenza
    del termine di presentazione della domanda;
    i) l’indirizzo, comprensivo di codice di avviamento postale, il
    numero telefonico, nonche’ il recapito di posta elettronica ordinaria
    o certificata presso cui il candidato chiede di ricevere le
    comunicazioni relative al concorso. Il candidato si impegna a far
    conoscere tempestivamente le variazioni tramite sistema POLIS;
    j) la tipologia o le tipologie di posto per la quale o per le
    quali si intende concorrere;
    k) il titolo di abilitazione all’insegnamento o di
    specializzazione per il sostegno di cui all’art. 3 del presente
    bando, conseguiti entro il termine di presentazione della domanda con
    l’esatta indicazione dell’Istituzione che lo ha rilasciato, dell’anno
    scolastico ovvero accademico in cui e’ stato conseguito, del voto
    riportato. Qualora il titolo di accesso sia stato conseguito
    all’estero e riconosciuto, devono essere, altresi’, indicati
    obbligatoriamente gli estremi del provvedimento del Ministero
    dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca di riconoscimento
    dell’equipollenza del titolo medesimo; qualora il titolo di accesso
    sia stato conseguito all’estero ma in attesa di riconoscimento dal
    Ministero occorre dichiarare di aver presentato la relativa domanda
    di riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamenti
    scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione entro
    la data termine per la presentazione della domanda di partecipazione
    al concorso per poter essere ammessi con riserva; analogamente, gli
    aspiranti a posti di sostegno, che non siano ancora in possesso del
    titolo di specializzazione, dovranno altresi’ dichiarare di essere
    iscritti ai relativi percorsi avviati entro il 31 maggio 2017, ivi
    compresi quelli disciplinati dal decreto del Ministro 10 marzo 2017,
    n. 141, come modificato dal decreto 13 aprile 2017, n. 226 e che
    conseguiranno il relativo titolo di specializzazione entro il 1°
    dicembre 2018;
    l) di avere svolto, nel corso degli ultimi otto anni
    scolastici, presso le istituzioni scolastiche statali, almeno due
    annualita’, anche non continuative, di servizio specifico,
    rispettivamente nella scuola dell’infanzia o primaria, sia su posto
    comune che di sostegno. Il servizio a tempo determinato e’ valutato
    ai sensi dell’art. 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124;
    m) per la sola scuola dell’infanzia la lingua comunitaria
    prescelta tra le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo,
    oggetto di valutazione nell’ambito della prova orale di cui all’art.
    6 del presente bando; per le procedure concorsuali relative alla
    scuola primaria, la lingua comunitaria e’ esclusivamente la lingua
    inglese;
    n) i titoli valutabili ai sensi della tabella dei titoli
    allegata al decreto ministeriale (allegato C);
    o) il consenso al trattamento dei dati personali per le
    finalita’ e con le modalita’ di cui al regolamento 27 aprile 2016, n.
    2016/679/UE del Parlamento europeo relativo alla protezione delle
    persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali,
    nonche’ alla libera circolazione di tali dati, cd. Regolamento
    generale per la protezione dei dati (GDPR) e al decreto legislativo
    30 giugno 2003, n. 196;
    p) il possesso dei titoli previsti dall’art. 5, comma 3, del
    decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487;
    q) dichiarazione sull’eventuale diritto alla riserve previste
    dalla vigente normativa. Coloro che hanno diritto alla riserva di
    posti in applicazione della legge n. 68/1999 e che non possono
    produrre il certificato di disoccupazione rilasciato dai centri per
    l’impiego poiche’ occupati con contratto a tempo determinato alla
    data di scadenza del bando, indicheranno la data e la procedura in
    cui hanno presentato in precedenza la certificazione richiesta;
    r) se, nel caso in cui sia diversamente abile, abbia
    l’esigenza, ai sensi degli articoli 4 e 20 della legge 5 febbraio
    1992, n. 104, di essere assistito/a durante la prova, indicando in
    caso affermativo l’ausilio necessario in relazione alla propria
    diversa abilita’. Tali richieste devono risultare da apposita
    certificazione rilasciata da una competente struttura sanitaria da
    inviare, almeno dieci giorni prima dell’inizio della prova, o in
    formato elettronico mediante posta elettronica certificata
    all’indirizzo del competente USR o a mezzo di raccomandata postale
    con avviso di ricevimento indirizzata al medesimo USR. Le modalita’
    di svolgimento della prova possono essere concordate telefonicamente.
    Dell’accordo raggiunto il competente USR redige un sintetico verbale
    che invia all’interessato;
    s) di aver effettuato il versamento del contributo previsto per
    la partecipazione al concorso, per ognuno degli insegnamenti/tipi
    posto richiesti.
  7. Non si tiene conto delle domande che non contengono tutte le
    indicazioni circa il possesso dei requisiti richiesti per
    l’ammissione al concorso e tutte le dichiarazioni previste dal
    presente decreto.
  8. L’amministrazione scolastica non e’ responsabile in caso di
    smarrimento delle proprie comunicazioni dipendente da inesatte o
    incomplete dichiarazioni da parte del candidato circa il proprio
    indirizzo di posta elettronica oppure da mancata o tardiva
    comunicazione del cambiamento di indirizzo rispetto a quello indicato
    nella domanda, nonche’ in caso di eventuali disguidi imputabili a
    fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.

Art. 5
Commissioni di valutazione

  1. Le commissioni di valutazione sono nominate con decreti dei
    dirigenti preposti ai competenti USR, secondo le modalita’ di cui al
    decreto ministeriale, art. 16, e nel rispetto delle disposizioni
    degli articoli 11, 12, 13, 14, 15 del medesimo decreto ministeriale.

Art. 6
Articolazione del concorso: durata e contenuto della prova orale

  1. La procedura concorsuale si articola in una prova orale di
    natura didattico-metodologica e nella successiva valutazione dei
    titoli.
  2. La prova orale ha una durata massima complessiva di 30 minuti,
    fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi di cui all’art. 20
    della legge 5 febbraio 1992, n. 104 e consiste nella progettazione di
    un’attivita’ didattica, comprensiva dell’illustrazione delle scelte
    contenutistiche, didattiche, metodologiche compiute e di esempi di
    utilizzo pratico delle Tecnologie dell’informazione e della
    comunicazione (TIC). La commissione interloquisce con il candidato e
    accerta altresi’ la conoscenza della lingua straniera di cui ai commi
    4 e 5.
  3. La prova orale per i posti comuni, distinta per i posti
    relativi alla scuola dell’infanzia e primaria, ha per oggetto il
    programma generale e specifico di cui all’allegato A del decreto
    ministeriale e valuta la padronanza delle discipline in relazione
    alle competenze metodologiche e di progettazione didattica e
    curricolare, anche mediante l’utilizzo delle tecnologie
    dell’informazione e della comunicazione.
  4. La prova orale per la scuola dell’infanzia valuta, altresi’,
    l’abilita’ di comprensione scritta (lettura) e produzione orale
    (parlato) in una delle quattro lingue comunitarie tra francese,
    inglese, spagnolo e tedesco almeno al livello B2 del Quadro comune
    europeo di riferimento per le lingue. Al fine del conseguimento
    dell’idoneita’ all’insegnamento della lingua inglese, la prova orale
    per la scuola primaria valuta l’abilita’ di comprensione scritta
    (lettura) e produzione orale (parlato) in lingua inglese almeno al
    livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue e
    la relativa competenza didattica. La griglia nazionale di valutazione
    di cui all’art. 9, comma 2 del decreto ministeriale definisce i
    criteri di valutazione delle suddette abilita’ linguistiche e della
    competenza didattica.
  5. La prova orale per i posti di sostegno verte sul programma
    generale e specifico di cui all’allegato A del decreto ministeriale,
    valuta la competenza del candidato nelle attivita’ di sostegno agli
    allievi con disabilita’ volte alla definizione di ambienti di
    apprendimento, alla progettazione didattica e curricolare per
    garantire l’inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati alle
    possibili potenzialita’ e alle differenti tipologie di disabilita’,
    anche mediante l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della
    comunicazione. La prova orale per il sostegno presso la scuola
    dell’infanzia valuta altresi’ l’abilita’ di comprensione scritta
    (lettura) e produzione orale (parlato) in una delle quattro lingue
    comunitarie tra francese, inglese, spagnolo e tedesco almeno al
    livello B2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. La
    prova orale per il sostegno presso la scuola primaria valuta
    l’abilita’ di comprensione scritta (lettura) e produzione orale
    (parlato) in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro comune
    europeo di riferimento per le lingue e la relativa competenza
    didattica speciale. La griglia nazionale di valutazione di cui
    all’art. 9, comma 2 del decreto ministeriale definisce i criteri di
    valutazione delle suddette abilita’ linguistiche e della competenza
    didattica.

Art. 7
Diario e sede di svolgimento della prova d’esame

  1. Il diario di svolgimento della prova orale con l’indicazione
    della sede di destinazione dei candidati distribuiti e’ comunicato
    dagli USR responsabili della procedura concorsuale almeno venti
    giorni prima della data di svolgimento della prova a mezzo di posta
    elettronica all’indirizzo indicato nella domanda di partecipazione.
    Tale comunicazione ha valore di notifica a tutti gli effetti.
    All’atto del primo insediamento di ciascuna commissione di
    valutazione, la stessa provvedera’ all’estrazione della lettera
    alfabetica dalla quale si partira’ per l’espletamento della prova
    orale. La predetta estrazione avverra’ in seduta pubblica.
  2. Le tracce delle prove orali sono predisposte da ciascuna
    commissione secondo il programma e i contenuti di cui all’allegato A
    del decreto ministeriale e secondo i criteri generali di cui all’art.
  3. Le commissioni ne predispongono un numero pari a tre volte quello
    dei candidati ammessi alla prova. Ciascun candidato estrae la traccia
    su cui svolgere la prova ventiquattro ore prima dell’orario
    programmato per la propria prova. Le tracce estratte saranno escluse
    dai successivi sorteggi.
  4. I candidati si devono presentare nelle rispettive sedi di
    esame muniti di documento di riconoscimento valido e della ricevuta
    di versamento del contributo di cui all’art. 4.
  5. Perde il diritto a sostenere la prova il concorrente che non
    si presenta nel giorno, luogo e ora stabiliti.
  6. La prova del concorso non puo’ aver luogo nei giorni festivi
    ne’, ai sensi della legge 8 marzo 1989, n. 101, nei giorni di
    festivita’ religiose ebraiche, nonche’ nei giorni di festivita’
    religiose valdesi.

Art. 8
Valutazione della prova orale e dei titoli

  1. Per la valutazione della prova orale e per la valutazione dei
    titoli, la commissione ha a disposizione un punteggio massimo pari,
    rispettivamente, a 30 e a 70 punti.
  2. La valutazione della prova orale viene effettuata dalla
    commissione in base ai criteri e ai punteggi indicati nelle griglie
    nazionali di valutazione di cui all’allegato B del decreto
    ministeriale. Ai sensi della tabella di cui all’allegato C del
    decreto ministeriale, la commissione assegna ai titoli culturali e
    professionali un punteggio massimo di 70 punti.

Art. 9
Dichiarazione, presentazione e valutazione dei titoli

  1. I titoli valutabili sono quelli previsti dall’allegato C del
    decreto ministeriale e devono essere conseguiti, o laddove previsto
    riconosciuti, entro la data di scadenza del termine previsto per la
    presentazione della domanda di ammissione, fermo restando quanto
    indicato all’art. 3 in merito al possesso dei requisiti di
    partecipazione alla procedura concorsuale.
  2. La commissione di valutazione valuta, esclusivamente, i titoli
    dichiarati nella domanda di partecipazione al concorso, ai sensi del
    decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.
  3. Ai fini di quanto disposto dal comma 2, il candidato che ha
    sostenuto la prova orale presenta al dirigente preposto all’USR
    competente i titoli dichiarati nella domanda di partecipazione, non
    documentabili con autocertificazione o dichiarazione sostitutiva. La
    presentazione deve essere effettuata entro e non oltre quindici
    giorni dalla predetta comunicazione.
  4. L’amministrazione si riserva di effettuare idonei controlli
    sul contenuto della dichiarazione di cui al comma 2, ai sensi
    dell’art. 71 del citato decreto del Presidente della Repubblica n.
    445 del 2000. Le eventuali dichiarazioni presentate in modo
    incompleto o parziale possono essere successivamente regolarizzate
    entro i termini stabiliti dal competente USR. Qualora dal controllo
    emerga la non veridicita’ del contenuto della dichiarazione, il
    dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguiti sulla base
    delle dichiarazioni non veritiere. Le dichiarazioni mendaci sono
    perseguite a norma di legge.

Art. 10
Graduatorie di merito straordinarie regionali

  1. La commissione di valutazione, dopo aver valutato la prova
    orale e i titoli, procede alla compilazione della graduatoria di
    merito straordinaria regionale.
  2. Ciascuna graduatoria comprende tutti i soggetti ammessi alle
    distinte procedure e che si sono sottoposti alla prova orale di cui
    all’art. 6.
  3. Le graduatorie, approvate con decreto dal dirigente preposto
    all’USR entro il 30 luglio 2019, sono trasmesse al sistema
    informativo del Ministero e sono pubblicate nell’albo e sul sito
    internet dell’USR, nonche’ sul sito internet del Ministero.
  4. Le graduatorie sono utilizzate annualmente, nei limiti di cui
    all’art. 4, comma 1-quater, lettera b) del decreto-legge, ai fini
    dell’immissione in ruolo e sino al loro esaurimento.
  5. I docenti immessi in ruolo sono sottoposti, per la conferma,
    al periodo di formazione e di prova di cui al decreto del Ministro
    dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca 27 ottobre 2015, n.
    850, ad eccezione dei docenti che abbiano gia’ superato positivamente
    il predetto periodo, a pieno titolo o con riserva, per il posto
    specifico.
  6. Allo scorrimento delle graduatorie di merito straordinarie
    regionali si applica la procedura autorizzatoria di cui all’art. 39
    della legge 27 dicembre 1997, n. 449 e successive modificazioni.
  7. L’immissione in ruolo da una delle graduatorie di merito
    straordinarie regionali comporta, ai sensi dell’art. 4, comma
    1-decies del decreto-legge, la decadenza dalle altre graduatorie del
    predetto concorso, nonche’ dalle graduatorie di istituto e dalle
    graduatorie ad esaurimento.
  8. La rinuncia al ruolo da una delle graduatorie di merito
    straordinarie regionali comporta, esclusivamente, la decadenza dalla
    graduatoria relativa.
  9. Per le tipologie di posto per le quali e’ disposta
    l’aggregazione territoriale delle procedure concorsuali si procede
    all’approvazione di graduatorie distinte per ciascuna regione.
  10. Ai sensi dell’art. 15, comma 10-bis, del decreto-legge 12
    settembre 2013, n. 104, convertito in legge 8 novembre 2013, n. 128,
    i docenti destinatari di nomina a tempo indeterminato possono
    chiedere il trasferimento, l’assegnazione provvisoria o
    l’utilizzazione in altra provincia dopo tre anni di effettivo
    servizio nelle province di titolarita’.

Art. 11
Presentazione dei documenti di rito per l’assunzione

  1. I concorrenti assunti a tempo indeterminato sono tenuti a
    presentare i documenti di rito richiesti per l’assunzione. Ai sensi
    dell’art. 15 della legge 12 novembre 2011, n. 183, i certificati e
    gli atti di notorieta’ rilasciati dalle pubbliche amministrazioni
    sono sostituiti dalle dichiarazioni previste dagli articoli 46 e 47
    del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.
  2. Sono confermate le eccezioni e le deroghe in materia di
    presentazione dei documenti di rito, previste dalle disposizioni
    vigenti a favore di particolari categorie.

Art. 12
Ricorsi

  1. Avverso i provvedimenti relativi alla presente procedura
    concorsuale e’ ammesso, per i soli vizi di legittimita’, ricorso
    straordinario al Presidente della Repubblica, entro centoventi
    giorni, oppure ricorso giurisdizionale al competente Tribunale
    amministrativo regionale, entro sessanta giorni dalla data di
    pubblicazione o di notifica all’interessato.

Art. 13
Informativa sul trattamento dei dati personali

  1. Ai sensi del regolamento 27 aprile 2016, n. 2016/679/UE del
    Parlamento europeo cd. «GDPR» e del decreto legislativo 30 giugno
    2003, n. 196 – Codice in materia di protezione dei dati personali, si
    informano i candidati che il trattamento dei dati personali da essi
    forniti in sede di partecipazione al concorso o comunque acquisiti a
    tale scopo dall’amministrazione e’ finalizzato unicamente
    all’espletamento del concorso medesimo ed avverra’ con l’ausilio di
    procedure informatizzate, nei modi e nei limiti necessari per
    perseguire le predette finalita’, anche in caso di comunicazione a
    terzi. I dati, resi anonimi, potranno inoltre essere utilizzati ai
    fini di elaborazioni statistiche.
  2. Il conferimento di tali dati e’ facoltativo e, tuttavia,
    riveste i caratteri della indispensabilita’ in ordine alla
    valutazione dei requisiti di partecipazione al concorso e al possesso
    dei titoli, pena rispettivamente l’esclusione dal concorso ovvero la
    mancata valutazione dei titoli stessi.
  3. Ai candidati sono riconosciuti i diritti di cui al decreto
    legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e al regolamento UE 2016/679
    (GDPR), in particolare il diritto di accedere ai propri dati
    personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la
    cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della
    legge, di chiedere la portabilita’ dei dati nonche’ di opporsi al
    loro trattamento o di revocare il consenso, rivolgendo le richieste
    al competente USR, che esercita le funzioni del titolare del
    trattamento.

Art. 14
Disposizioni relative alle scuole con lingua di insegnamento slovena
e bilingue sloveno-italiano

  1. Ai sensi di quanto previsto dall’art. 425 e seguenti del testo
    unico, l’Ufficio scolastico regionale per il Friuli-Venezia Giulia
    provvede ad indire concorsi straordinari per la scuola dell’infanzia
    e primaria con lingua di insegnamento slovena per posto comune e di
    sostegno, anche avvalendosi della collaborazione dell’ufficio
    speciale di cui all’art. 13, comma 1 della legge 23 febbraio 2001, n.

Art. 15
Norme di salvaguardia

  1. Per quanto non previsto dal presente decreto, si applicano le
    disposizioni di cui al testo unico e le altre disposizioni sullo
    svolgimento dei concorsi ordinari per l’accesso agli impieghi nelle
    pubbliche amministrazioni, in quanto compatibili, nonche’ quelle
    previste dal vigente C.C.N.L. del personale docente ed educativo del
    comparto scuola.
  2. Il presente decreto e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
    della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami».
    Dal giorno della pubblicazione decorrono i termini per eventuali
    impugnative (centoventi giorni per il ricorso al Presidente della
    Repubblica e sessanta giorni per il ricorso giurisdizionale al
    Tribunale amministrativo regionale competente).

Roma, 7 novembre 2018

Il direttore generale: Novelli

Nota 7 novembre 2018, AOODGOSV 18820

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione
Uff. I

Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Trento
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

Oggetto: XXII Rassegna Nazionale di Poesia e Narrativa “Anna Malfaiera” Città di Fabriano.

La Società Dante Alighieri, Comitato di Fabriano, e il Comune di Fabriano organizzano la XXII Rassegna Nazionale di poesia e narrativa, rivolta agli allievi delle scuole primarie, secondarie di I grado e di II grado e ai ragazzi delle carceri minorili.

La rassegna ha l’intento di valorizzare le attitudini espressive dei giovani, di avvicinarli all’arte dello scrivere, di offrire loro uno stimolo ad aprirsi, a comunicare i loro problemi. Per la Sezione “Poesia” ogni partecipante può inviare non più di due composizioni; per la Sezione “Narrativa” può essere inviato un racconto a tema libero.

Le opere dovranno essere inviate entro il 10 febbraio 2019, secondo le modalità del bando in allegato.

IL DIRIGENTE
Giacomo Molitierno