Archivi tag: Informatica

Nota 4 maggio 2017, AOODGOSV 4885

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
Loro sedi
Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della provincia di Bolzano
Bolzano
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione della provincia di Trento
Trento
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua tedesca
Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua ladina
Bolzano
Al sovrintendente agli Studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Aosta
Ai Dirigenti Scolastici dei Licei Scientifici Statali e Paritari
Loro sedi
E p.c.
Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
SEDE
Alla Prof.ssa Serena Bonito Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
DGSP Uff. V
SEDE

Oggetto: ATTIVAZIONE VI EDIZIONE CORSO ONLINE PER POTENZIARE LE COMPETENZE DIGITALI

Si comunica che questa Direzione Generale organizza, con il supporto scientifico del Comitato Olimpico delle Olimpiadi Italiane di Informatica e l’AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico), la sesta edizione del corso per la formazione di docenti dell’area matematica- scientifica- tecnologica della scuola secondaria di II grado, su tematiche di “Computer Science”, afferenti ai contenuti delle Olimpiadi Italiane di Informatica (OII).
Le iscrizioni saranno aperte a partire da martedì 30 maggio 2017 ore 10.00 e chiuderanno giovedì 8 giugno 2017 alle ore 24.00.
Il Corso è gratuito per i partecipanti.
Al Corso saranno ammessi fino a un massimo di 1000 insegnanti; il Comitato Olimpico accetterà le iscrizioni secondo l’ordine di iscrizione. Sarà data priorità a coloro che non si erano iscritti alle edizioni precedente.
Al termine del percorso formativo sarà rilasciato dal MIUR un attestato di partecipazione a seguito di una prova finale che consisterà in una mini olimpiade online che si svolgerà a novembre 2017.
Il corso sarà fruibile a partire da martedì 20 giugno a martedì 24 ottobre 2017.
In allegato l’avviso di partecipazione con l’indicazione delle modalità.

Il Direttore Generale
Carmela Palumbo


CORSO ON LINE OII Bando VI edizione

Avviso 20 ottobre 2014

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Anche in questo anno scolastico si svolgeranno le Olimpiadi Italiane di Informatica (OII) organizzate con rinnovato impegno dalla Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e per la valutazione del sistema nazionale di istruzione del MIUR e da AICA; l’iniziativa rientra nell’ambito delle attività per la valorizzazione delle eccellenze.

La complessa organizzazione della competizione verrà attuata con le stesse modalità dello scorso anno che, fra l’altro, prevedono di accompagnare le varie fasi di selezione con una serie di iniziative volte a favorire la diffusione delle competenze informatiche e a sostenere la preparazione degli studenti che parteciperanno alle gare. Le iscrizioni sono aperte fino al 7 novembre 2014. Sul sito http://www.olimpiadi-informatica.it sono riportate tutte le informazioni relative alla caratteristiche dell’iniziativa, alle condizioni e alle modalità di partecipazione, all’iter del processo di selezione e agli indirizzi a cui rivolgersi per eventuali chiarimenti.

Il Direttore Generale
F.to Carmela Palumbo

Decreto Direttore Generale 19 dicembre 2013, Prot.n. 3559

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali
Direzione Generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi

IL  DIRETTORE GENERALE

VISTO          il D.Leg.vo 30 marzo 2001 n.165 e successive modificazioni, recante norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche;
VISTO          il decreto legge 12 settembre 2013 n. 104, convertito nella legge 8 novembre 2013 n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca ed, in particolare, l’articolo 11, con il quale è stata autorizzata la spesa di euro 5 milioni nell’anno 2013 e di euro 10 milioni nell’anno 2014 per assicurare alle Istituzioni scolastiche statali secondarie, prioritariamente di secondo grado, la realizzazione e la fruizione della connettività wireless per l’accesso degli studenti a materiali didattici e a contenuti digitali;
VISTO          il decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca del 09.10.2013 n. 804, registrato alla Corte dei Conti il 12.11.2013, reg. 14, fgl. 156, con il quale è stato previsto il finanziamento di progetti, presentabili dalle Istituzioni scolastiche secondarie, per la realizzazione o il potenziamento di servizi di connettività wireless, finalizzati all’accesso a materiali didattici e contenuti digitali;
VISTO          l’avviso del Direttore generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi n. 2800 del 12.11.2013 con il quale, in attuazione delle direttive contenute nel suddetto DM, sono stati disciplinati modalità, termini, requisiti necessari e tutte le ulteriori specifiche relative ai progetti da presentare da parte delle Istituzioni scolastiche ed, in particolare, l’art. 4 commi 2 e 3, che  descrivono le aree in cui devono rientrare i progetti e le relative soglie massime di finanziamento;
VISTE          le domande di partecipazione presentate dalle Istituzioni scolastiche secondo le modalità e i termini indicati all’art. 3 del suddetto avviso;
VISTE           le graduatorie finali predisposte;

D E C R E T A

Art. 1

1. Sono approvate ai sensi dell’art. 6 commi 1, 2, 4 e 5 le graduatorie finali  di cui agli allegati A, B e C, che  costituiscono parte integrante del presente decreto:

Graduatoria A  – Ampliamento dei punti di accesso della rete WiFi

Graduatoria B  – Ampliamento dei punti di accesso della rete WiFi, con potenziamento del cablaggio fisico ed aggiunta di nuovi apparati (hub, switch, etc.)

Graduatoria C – Realizzazione o adeguamento dell’infrastruttura LAN/WLAN di edificio/campus, con potenziamento del cablaggio fisico ed introduzione di nuovi apparati (hub, switch, ponti radio, etc.).

2. A fianco di ciascuna istituzione scolastica è indicato l’importo del finanziamento e l’esercizio finanziario di competenza.

 

IL DIRETTORE GENERALE
F.to Maria Letizia Melina

Allegato

Graduatoria finale “Wireless nelle scuole”

Nota 31 ottobre 2013, MIURAOODGSSSI Prot. 2667/RU/U

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali
Direzione generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi- Uff VII
DGSSSI – Ufficio VII

Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado
Ai Referenti Regionali per la Consulenza
Loro sedi
e p.c.
Al Capo di Gabinetto
Al Capo Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali
Al Capo Dipartimento per l’Istruzione
Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
Ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali
Loro Sedi

Oggetto: Osservatorio Tecnologico – aggiornamento banca dati.

La recente normativa ha segnato un cambio di passo per il rilancio dell’innovazione tecnologica nelle scuole, fissando obiettivi precisi e stanziando fondi per la loro realizzazione (decreto legge 12 settembre 2013, n. 104; decreto ministeriale 27 settembre 2013, n. 781).
Per una programmazione efficace e trasparente degli interventi, il MIUR ha la necessità di conoscere nel dettaglio la reale consistenza delle dotazioni multimediali delle scuole, aggiornata al nuovo anno scolastico 2013/14.
In questo nuovo contesto, viste le attuali esigenze emerse, l’Osservatorio Tecnologico già realizzato ed avviato negli anni precedenti dal MIUR, è stato ristrutturato, adottando modalità operative più semplici per accedere all’applicazione, automatizzando i passaggi volti all’acquisizione di informazioni già in possesso dell’Amministrazione, snellendo la navigabilità. Il questionario, completamente rivisto, presenta un minor numero di domande, che rispondono comunque alle suddette esigenze conoscitive del Ministero.
La rilevazione è destinata a tutte le Istituzioni scolastiche statali sedi di dirigenza scolastica (esclusi i CTP), nonché alle scuole/plessi ad esse facenti capo. Sia l’istituzione che le scuole/plessi dovranno compilare una scheda con i dati di propria pertinenza. Si precisa che la rilevazione non va effettuata nel caso di sezioni funzionanti presso carceri ed ospedali e per i corsi di scuola serale.
Si specifica che il nuovo Osservatorio rimane la fonte unica delle informazioni in materia di dotazioni multimediali e che, pertanto, al termine della presente Rilevazione implementerà l’applicazione Scuola in chiaro, fondamentale e necessaria per le famiglie soprattutto in vista delle prossime Iscrizioni on line.
Le funzioni per l’aggiornamento del nuovo Osservatorio Tecnologico vengono rese disponibili sul SIDI/Rilevazioni a partire dal 5 novembre 2013, per tutte le scuole statali. L’aggiornamento deve essere completato improrogabilmente, entro il 19 novembre p.v.
La guida operativa che illustra nel dettaglio l’intera procedura sarà pubblicata, il 5 novembre, nell’Area dei procedimenti amministrativi.
Per eventuali chiarimenti possono essere contattati i numeri dedicati all’Osservatorio Tecnologico, mentre per problemi tecnici dell’applicazione è disponibile il numero verde del gestore del sistema informativo 800903080.

Il Direttore Generale
Maria Letizia Melina

Nota 15 ottobre 2013, MIURAOODGOS prot. 5505

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
– Ufficio I-

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Al Sovrintendente Scolastico
per la Provincia Autonoma di Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico
per la Provincia Autonoma di Trento
All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

Oggetto: Olimpiadi di Problem Solving. Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell’obbligo – A.S. 2013-2014

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, per l’anno scolastico 2013-2014, propone le “Olimpiadi di Problem Solving. Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell’obbligo” rivolte all’intero ciclo della scuola dell’obbligo. È prevista la partecipazione delle classi IV e V della scuola primaria, del triennio della scuola secondaria di primo grado, del primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado.
Codesti Uffici vorranno cortesemente individuare, ovvero confermare un Referente regionale che curerà i rapporti con questo Ufficio, nonché con i Referenti scolastici secondo le note tecniche presenti nel Regolamento allegato. Comunicazioni in questo senso dovranno essere inviate al seguente indirizzo di posta elettronica: caterina.spezzano@istruzione.it entro il 15 novembre 2013.
Sulla home page del sito http://www.olimpiadiproblemsolving.com è possibile reperire ulteriori informazioni. Si ringrazia per la cortese collaborazione.

IL DIRETTORE GENERALE
Carmela PALUMBO

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
Uff. I

– OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING –
Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell’obbligo

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica – promuove, per l’anno scolastico 2013/2014, le competizioni di informatica denominate “Olimpiadi di Problem Solving”, rivolte agli alunni della scuola dell’obbligo.
La competizione si propone di:
– favorire lo sviluppo delle competenze di problem solving e valorizzare le eccellenze presenti nelle scuole;
. sollecitare la diffusione dei contenuti scientifici culturali dell’informatica come strumento di formazione (metacompetenze) nei processi educativi;
– sottolineare l’importanza del pensiero algoritmico come strategia generale per affrontare i problemi, metodo per ottenere la soluzione e linguaggio universale per comunicare con gli altri.
Il problem solving rimanda a processi cognitivi in cui prevale il pensare, il ragionare, il fare ipotesi, attività che richiedono l’impiego di abilità relative alla gestione di informazioni strutturate più che l’applicazione di procedimenti meccanici volti all’esecuzione esclusiva di calcoli. Tali attività favoriscono l’acquisizione di competenze trasversali ai diversi contesti disciplinari riconosciute ormai essenziali per un inserimento attivo e consapevole dei giovani nella società.
Il problem solving, quindi, non è concepito come una disciplina, ma come applicazione di conoscenze e abilità cui si ricorre nell’affrontare situazioni problematiche in contesti reali. In particolare, riguarda la comprensione della natura del problema, l’identificazione degli elementi che lo compongono e le loro interrelazioni, la scelta di rappresentazioni adeguate nella risoluzione di situazioni problematiche, la riflessione sulla soluzione individuata e la sua efficace comunicazione.
Le olimpiadi di problem solving intendono, inoltre, stimolare l’interesse a sviluppare le capacità richieste in tutte le iniziative attivate per la valorizzazione delle eccellenze.

REGOLAMENTO DELLE COMPETIZIONI
1. Destinatari
Le competizioni riguardano la scuola dell’obbligo e si svolgono su tre distinti livelli:
– Scuola primaria (alunni delle classi IV e V)
– Scuola secondaria di I grado (alunni delle classi I, II e III)
– Scuola secondaria di II grado (alunni del primo biennio)
Le prove sono della stessa tipologia, ma si differenziano secondo il diverso livello del percorso scolastico.
2. Modalità di partecipazione
Le competizioni si articolano in tre fasi (istituto, regionale e nazionale) precedute da una periodo di allenamento e si svolgono tra squadre costituite da quattro allievi, fra cui si raccomanda che vengano rappresentati entrambi i sessi.
Le prove hanno la durata di 90 minuti e consistono nella risoluzione di un insieme di problemi scelti dal Comitato organizzatore
La competizione è gestita da un sistema automatico sia per la distribuzione dei testi delle prove sia per la raccolta dei risultati e la loro correzione. L’adozione di questo sistema impone vincoli alla formulazione dei quesiti e delle relative risposte.
Le informazioni sullo svolgimento delle diverse fasi delle competizioni vengono comunicate tempestivamente sul sito http://www.olimpiadiproblemsolving.it.
Le scuole che intendono partecipare alle competizioni devono individuare un docente referente, il quale cura la registrazione sul sito secondo le modalità indicate nella nota tecnica allegata al presente regolamento e comunica al referente regionale l’avvenuta iscrizione.
L’elenco dei referenti regionali è disponibile sulla home page del sito.
Il referente regionale abilita la scuola accedendo alla propria area riservata.
L’abilitazione renderà attiva la password del referente scolastico.
Nel caso di Regioni dove non sia stato segnalato il referente, le funzioni per l’abilitazione delle iscrizioni sono assunte dall’amministrazione centrale.
Durante lo svolgimento delle prove (allenamenti, gare di istituto, gare regionali e finalissima nazionale) le squadre partecipanti possono servirsi anche di propri dispositivi digitali collegati a internet.
3. Tipologia delle prove
Ogni prova si articola in dieci problemi, denominati “Esercizi”, che possono essere a risposta multipla o a risposta libera: in quest’ultimo caso la risposta è una ben precisa stringa di caratteri (un numero, una sigla, una lista, un nome, ecc) la cui forma si desume dal testo dell’esercizio.
Gli esercizi saranno di difficoltà leggermente crescente col succedersi delle prove, comunque sempre commisurati da una parte all’età e alla cultura di chi deve risolverli, dall’altra all’obiettivo di favorire la nascita e lo sviluppo progressivo delle eccellenze.
Una caratteristica fondamentale delle Olimpiadi di Problem Solving è che, dopo ogni prova, insieme con la soluzione dei vari esercizi vengono forniti dei “commenti” (in questa edizione ampliati e arricchiti rispetto a quelle precedenti) che costituiscono una traccia per il percorso formativo che gli insegnanti sono invitati a seguire insieme con gli allievi.
Gli argomenti proposti sono allineati con quelli adottati nelle indagini e/o nelle competizioni internazionali riguardanti la capacità di problem solving; in particolare ogni prova comprende (almeno):
– un esercizio di comprensione di un testo italiano;
– uno o più esercizi formulati in inglese;
– almeno sei esercizi di argomento “standard”, cioè appartenenti ad aree problematiche che si ritiene debbano far parte delle competenze e capacità di ognuno;
– due o tre esercizi di argomento non “standard” per stimolare la creatività e la capacità di affrontare situazioni “nuove”.
4. Fasi della competizione
a) Allenamenti
Per consentire la conoscenza dei contenuti e l’approccio metodologico della competizione sono state predisposte prove di allenamento.
Agli allenamenti accedono tutti gli studenti, con le modalità ritenute più opportune dai rispettivi docenti.
Le prove sono disponibili sul sito http://www.olimpiadiproblemsolving.it.
b) Gare di Istituto:
Le gare di Istituto sono utilizzate per individuare la squadra che rappresenterà l’Istituzione scolastica alle gare regionali: una squadra per ogni livello della competizione.
E’ opportuno che alle gare di istituto partecipi il maggior numero possibile di squadre/studenti – e comunque non meno di 4 squadre per ogni livello – composte secondo criteri definiti in autonomia.
La fase di Istituto si articola su quattro prove che si svolgono secondo il seguente calendario:
I prova
9 dicembre 2013 per la scuola primaria
10 dicembre 2013 per la scuola secondaria di I grado
11 dicembre 2013 per la scuola secondaria di II grado
II prova
20 gennaio 2014 per la scuola primaria
21 gennaio 2014 per la scuola secondaria di I grado
22 gennaio 2014 per la scuola secondaria di II grado
III prova
12 febbraio 2014 per la scuola primaria
13 febbraio 2014 per la scuola secondaria di I grado
14 febbraio 2014 per la scuola secondaria di II grado
IV prova
10 marzo 2014 per la scuola primaria
11 marzo 2014 per la scuola secondaria di I grado
12 marzo 2014 per per la scuola secondaria di II grado
Le Istituzioni scolastiche possono utilizzare una o più prove per individuare, entro il 31 marzo 2014, le squadre che partecipano alla successiva fase regionale.
c) Gare regionali:
Alla fase regionale partecipa una squadra per ogni Istituto.
Gli Istituti comprensivi partecipano con una squadra per ciascun livello previsto dalla competizione.
Per questa fase il referente scolastico effettua una specifica registrazione sul sito con il nome della squadra ed i nominativi dei suoi componenti come riportato nella nota tecnica.
La fase regionale si svolge secondo il seguente calendario:
7 aprile 2014 per la scuola primaria
8 aprile 2014 la scuola secondaria di I grado
9 aprile 2014 per la scuola secondaria di II grado
d) Finalissima nazionale
Accedono alla finalissima nazionale per ciascun livello:
– la migliore squadra classificata a livello regionale;
– le prime cinque migliori squadre classificate a livello nazionale, escluse le prime di ogni regione.
La finalissima nazionale si disputerà il giorno 17 maggio 2014 a Roma.

NOTA TECNICA
RUOLI E COMPITI DEI REFERENTI REGIONALI E DEI REFERENTI SCOLASTICI
REFERENTI REGIONALI
1. promuovono e presentano il progetto alle scuole della regione;
2. abilitano l’iscrizione delle scuole effettuata dal referente scolastico sul sito;
3. supportano le scuole con attività e interventi che ritengono più opportuni;
4. curano i rapporti con i referenti scolastici.
REFERENTI SCOLASTICI
Le scuole, all’atto dell’iscrizione, devono indicare un referente che cura i contatti con l’Organizzazione per tutte le informazioni e le comunicazioni necessarie. I rapporti organizzativi sono curati esclusivamente via e-mail e attraverso gli appositi spazi riservati (FAQ, forum,et al) nel sito delle competizioni http://www.olimpiadiproblemsolving.com
I referenti:
– iscrivono le scuole sul portale utilizzando l’apposito collegamento,
– comunicano al referente regionale l’avvenuta iscrizione.
La password che il sistema genera automaticamente è abilitata da referente regionale.
I referenti scolastici:
a. accedono all’area riservata,
b. inseriscono la password e ACCEDONO AL PANNELLO DI CONTROLLO, da cui è possibile accedere alle sezioni per:
i. gestire le squadre e i loro componenti: l’iscrizione completa con nome squadra e nomi componenti è obbligatoria solo per la squadra che accede alla fase regionale, mentre per gli allenamenti e per la fase di istituto sarà sufficiente scrivere solo il nome della squadra,
ii. attivare e gestire gli allenamenti.
Ulteriori informazioni e/o eventuali aggiornamenti sono comunicati tempestivamente sul sito e segnalati tramite news.
Per le modalità di risposta ai diversi quesiti consultare l’apposita area della home page.

Avviso 27 settembre 2013

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
Segreteria del Direttore

In attuazione del Protocollo di intesa tra Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) dell’1.4.2009, anche questo anno la Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica promuove la partecipazione, giunta ormai alla sua tredicesima edizione, alle Olimpiadi Italiane di Informatica (OII) degli studenti che frequentano le istituzioni scolastiche secondarie di II grado.
La partecipazione è aperta a tutte le istituzioni scolastiche di II grado – statali e paritarie – che ritengono di avere studenti con interesse per l’informatica e con elevate capacità, soprattutto riguardo gli aspetti logici, algoritmici e speculativi di tale disciplina.
Si allega la circolare del Presidente del Comitato Olimpico prof. Nello Scarabottolo e si rimanda al sito web http://www.olimpiadi-informatica.it per più approfondite informazioni.

IL DIRETTORE GENERALE
F.to Carmela Palumbo

OLIMPIADI ITALIANE DI INFORMATICA
Olimpiadi di Informatica nazionali ed internazionali – Edizione 2013-2014

In attuazione del Protocollo di intesa tra Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) dell’1.4.2009, anche questo anno viene promossa la partecipazione, giunta ormai alla sua tredicesima edizione, alle Olimpiadi Italiane di Informatica (OII) degli studenti che frequentano le istituzioni scolastiche secondarie di II grado.
L’evento assume particolare significato in quanto costituisce occasione per far emergere e valorizzare le “eccellenze” esistenti nella scuola italiana, con positiva ricaduta sull’intero sistema educativo. A maggior ragione se si considera che le discipline scientifiche hanno un valore strategico sia per lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica sia per la formazione culturale e professionale dei giovani. Inoltre, attraverso iniziative come le Olimpiadi di Informatica si creano le precondizioni per prepararli al lavoro e agli ulteriori livelli di studio e ricerca.
Si auspica pertanto che, dopo le costanti e brillanti affermazioni delle precedenti edizioni, l’Italia possa partecipare alle prossime Olimpiadi Internazionali di Informatica con i suoi migliori studenti e che gli stessi docenti ne traggano elementi per migliorare le loro tecniche di insegnamento. A livello territoriale verranno promosse e incrementate attività di formazione tese a migliorare la preparazione dei ragazzi in vista delle selezioni territoriali e nazionali.
La partecipazione è aperta a tutte le istituzioni scolastiche di II grado – statali e paritarie – che ritengono di avere studenti con interesse per l’informatica e con elevate capacità, soprattutto riguardo gli aspetti logici, algoritmici e speculativi di tale disciplina.
Al fine di agevolare la scelta delle singole istituzioni scolastiche, si forniscono le modalità di partecipazione all’iniziativa e le relative fasi del processo di selezione.

1. Condizioni per la partecipazione
Per partecipare lo studente deve essere:
· iscritto ad una delle prime quattro classi della scuola secondaria di secondo grado;
· nato dopo il 30 giugno 1995;
· disponibile, qualora superi le prime prove di selezione, a frequentare i corsi di formazione che si terranno prima della competizione internazionale;
· disponibile, qualora superi l’ultima selezione, a recarsi anche all’estero per partecipare alla gara internazionale con gli accompagnatori designati dal Comitato.
2. Modalità di partecipazione
· Le scuole che intendono aderire devono iscriversi, registrando i propri dati direttamente sul web. Il link di accesso al sistema di registrazione è raggiungibile dal sito ufficiale della manifestazione: www.olimpiadi-informatica.it.
· Le istituzioni scolastiche, all’atto dell’iscrizione, devono indicare un referente, cioè la persona con cui l’organizzazione olimpica si terrà in contatto per inviare tutte le informazioni e le comunicazioni necessarie. I rapporti si terranno prevalentemente via e-mail.

OLIMPIADI ITALIANE DI INFORMATICA
· L’adesione comporta il pagamento di una quota di partecipazione pari a € 50,00 (senza detrarre le spese postali) da inviare tramite versamento sul c/c postale n°15979214 (codice IBAN c/c postale IT64S 07601 108 00 000015979214) intestato all’Istituto Tecnico Commerciale “E. Tosi” di Busto Arsizio (VA) precisando il nome e la località della scuola.
· Le adesioni, complete dei pagamenti, devono effettuarsi entro il 15 novembre 2013.
3. Fasi del processo di selezione
· Selezione scolastica (21 novembre 2013): le singole scuole opereranno una prima selezione con test preparati a livello nazionale dall’Unità operativa tecnico-didattica del Comitato Olimpico che li farà pervenire, unitamente alle modalità di correzione, alla persona indicata dalla scuola come referente. Il test misura sia la capacità di individuare gli algoritmi risolutivi di problemi logici sia la capacità di comprendere il funzionamento di semplici programmi scritti nei linguaggi Pascal oppure C/C++ (linguaggi ufficialmente consentiti nella competizione internazionale). Per orientare i ragazzi ad affrontare i test, sono disponibili una guida e una serie di esempi che si possono liberamente scaricare dal sito www.olimpiadi-informatica.it .
· Selezione territoriale (aprile 2014): gli studenti selezionati verranno sottoposti a un secondo test a livello territoriale, con prove che richiederanno la soluzione di problemi al computer. La selezione porterà all’individuazione di circa 80/90 studenti da ammettere alla fase successiva.
· Olimpiadi Italiane di Informatica: (settembre 2014) gli studenti selezionati a livello territoriale saranno chiamati a sostenere la gara nazionale con problemi di difficoltà simile a quelli delle gare internazionali. La gara designerà i vincitori della Olimpiade Italiana e selezionerà altresì i Probabili Olimpici (PO). Sulle singole scuole
graveranno le sole spese di viaggio.
· Corsi di formazione ed ulteriori selezioni: i PO saranno chiamati a seguire corsi di preparazione a carattere residenziale e telematico tenuti da docenti universitari.
Al termine si effettuerà un’ulteriore selezione che porterà alla costituzione della Squadra olimpica internazionale (4 titolari e 2 riserve) che parteciperà alle Olimpiadi Internazionali di Informatica del 2015 in Kazakhstan. Le spese di viaggio e
soggiorno saranno a carico dell’organizzazione.
Si segnala inoltre che in alcune regioni, grazie a protocolli di intesa stipulati con le locali Università, si svolgeranno attività di formazione per gli studenti e di sostegno per i docenti con riferimento alle varie fasi di selezione. Attualmente sono attive collaborazioni con i Dipartimenti di Informatica delle Università La Sapienza di Roma, di Milano (sede di Crema) di Bologna, di Torino, di Genova, di Trento, dell’ Aquila e di Campobasso. Altre si avvieranno nei prossimi mesi fino a coprire l’intero territorio nazionale.
Eventuali chiarimenti potranno essere richiesti telefonando al n° 02.76455025 (Segreteria Olimpiadi di Informatica) scrivendo all’indirizzo info@olimpiadi-informatica.it o accedendo al sito www.olimpiadi-informatica.it dove sono disponibili:
· i collegamenti ai siti delle Olimpiadi Internazionali;
· un’ampia raccolta delle prove assegnate nelle competizioni degli anni scorsi;
· esempi di soluzioni ad alcuni problemi di progettazione di programmi;
· il syllabus delle competenze necessarie per affrontare le diverse selezioni ed una bibliografia per la preparazione alle gare;

OLIMPIADI ITALIANE DI INFORMATICA
· il collegamento al correttore online: un supporto automatico che presenta una raccolta di problemi di programmazione (catalogati in base alla difficoltà di soluzione) e consente allo studente di sottoporre la propria proposta di soluzione (scritta nei linguaggi Pascal oppure C/C++) per verificarne la correttezza.

Roma, 24 settembre 2013

Comitato per le Olimpiadi Italiane di Informatica
Il Presidente
Nello Scarabottolo

Avviso 28 agosto 2013

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Dal 12 al 14 settembre prossimo, presso il Campus universitario di Fisciano (Salerno) si svolgeranno le Olimpiadi Italiane di Informatica 2013, competizione promossa dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca e dall’AICA (Associazione italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico).

La gara nazionale metterà a confronto 86 studenti fra i 16 ed i 19 anni, provenienti da scuole superiori di tutta Italia, che si sfideranno per la medaglia e soprattutto per conquistarsi un posto nel gruppo di “probabili olimpici” fra cui, dopo ulteriore selezione, saranno scelti i componenti della squadra italiana che sfiderà i talenti informatici di tutto il mondo alle prossime Olimpiadi Internazionali di Informatica, previste in Taiwan nel settembre 2014.

Gli 86 studenti provengono da tutte le regioni d’Italia; sono in buona parte studenti di quarta superiore (58%) e terza (34,8%) ma ci sono anche sette giovanissimi partecipanti che frequentano la seconda superiore. 49 studenti provengono dal Nord Italia, 22 dalle regioni del centro e 16 da Sud e Isole. I ragazzi sono stati selezionati dopo un percorso che prevede più fasi svolte nell’arco di due anni scolastici; la corrente edizione ha coinvolto in partenza quasi 10.000 studenti di 395 istituti superiori.

Il contenuto della gara prevede la risoluzione di un problema, di tipo algoritmico, attraverso la scrittura di un programma in linguaggio C, C++ o Pascal. Il tipo di prova è analogo a quelle che sono proposte nella competizione internazionale.

Le Olimpiadi Italiane di Informatica 2013 sono organizzate dal Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali – Management ed Information Technology dell’Università di Salerno e dall’Istituto di Istruzione Superiore Baronissi e godono del patrocinio dell’Ateneo. La scelta di Salerno come luogo della competizione è stata naturale, in quanto quest’anno – dal 18 al 20 settembre – l’Ateneo ospiterà anche la cinquantesima edizione del Congresso Nazionale AICA.

Maggiori informazioni sono disponibili all’indirizzo: www.aica2013.it/olimpiadi

Il Direttore Generale
F.to Carmela Palumbo

Avviso 19 luglio 2013

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
Segreteria del Direttore

Risultato eccellente per i giovanissimi talenti italiani dell’informatica che hanno sfidato centinaia di ragazzi di tutto il mondo nell’edizione 2013 della  competizione che si è tenuta a Brisbane, in Australia.

Grande soddisfazione di MIUR e AICA che si occupano insieme delle Olimpiadi in Italia.

La 25° edizione delle Olimpiadi Internazionali di Informatica si è svolta in Australia a Brisbane dal 6 al 13 luglio 2013. Risultato di altissimo livello per la squadra italiana che ha difeso i nostri colori: all’Italia è andata una medaglia d’oro e due medaglie di bronzo nella competizione che ha coinvolto 302 studenti fra i 14 ed i 20 anni provenienti da 80 paesi del mondo.

Federico Glaudo, neo diplomato del liceo Scientifico “A. Righi” di Roma ha vinto la medaglia d’oro con un piazzamento di eccellenza: il nono posto assoluto nella classifica.

Matteo Almanza, del Liceo Scientifico “Labriola” di Roma e Davide Pallotti del Liceo “Copernico” di Bologna hanno ottenuto ciascuno una medaglia di bronzo. Mancata di un soffio, per una sola posizione, la terza medaglia di bronzo per Gabriele Farina, del Liceo “Copernico” di Brescia.

IL DIRETTORE GENERALE
Carmela Palumbo

Avviso 20 giugno 2013

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Il MIUR – Direzione Generale per gli ordinamenti Scolastici e per l’autonomia Scolastica unitamente all’AICA, Associazione italiana per l’Informatica e il Calcolo Automatico, annunciano la composizione della squadra di giovanissimi talenti del digitale che parteciperà alle Olimpiadi Internazionali di Informatica 2013, che si terranno a Brisbane, in Australia, dal 6 al 13 luglio prossimi. Le Olimpiadi Internazionali di Informatica (IOI) sono una tra le competizioni scientifiche internazionali promosse dall’Unesco, riservate agli studenti di scuola superiore fra i 14 e i 20 anni. Lanciate nel 1989, sono giunte alla venticinquesima edizione.
L’Italia partecipa da dodici anni a questa competizione, inviando i migliori “talenti del bit” selezionati in un percorso molto articolato che coinvolge in partenza migliaia di studenti, su un arco di due anni scolastici.
La squadra è composta da quattro studenti di scuola superiore, più una riserva, scelti dopo un periodo di allenamento e selezione fra i migliori classificati delle Olimpiadi Italiane di Informatica, che si sono tenute nello scorso aprile. La squadra sarà composta da: Matteo Almanza, studente del Liceo Scientifico A. Labriola di Roma; Gabriele Farina e Davide Pallotti, entrambi provenienti dal Liceo Scientifico N. Copernico di Bologna; Federico Glaudo, del Liceo Scientifico A.Righi di Roma.
Come riserva partirà per l’Australia anche Giada Franz, del Liceo Scientifico L.Marinelli di Udine. Hanno tutti fra i 18 e i 19 anni e frequentano il quinto anno dei rispettivi istituti.
A questi ragazzi va il compito di sfidare le squadre di 85 paesi per arricchire ulteriormente il nostro medagliere, che in dodici anni di partecipazione alle competizioni internazionali conta finora 33 medaglie ( una d’oro, 12 d’argento e 20 di bronzo) – in quanto alle Olimpiadi le medaglie sono assegnate per fasce di punteggio ottenuto nella competizione.
Le gare delle Olimpiadi Internazionali di Informatica si svolgono in due giornate e sono affrontate singolarmente da ogni componente della squadra. La competizione prevede la soluzione di problemi complessi, creando un algoritmo in grado di risolverli tramite un programma informatico in linguaggio Pascal, C o C++. Sono richieste capacità che normalmente non vengono acquisite nel solo percorso scolastico e sono sviluppate nei ragazzi con impegno personale, sostegno dei loro insegnanti e con gli allenamenti del gruppo di Selezionatori Nazionali, guidato dall’allenatore prof. Luigi Laura, dell’Università la Sapienza di Roma e composto da tutor laureati, ricercatori ex partecipanti alle Olimpiadi.
Le Olimpiadi Internazionali di Informatica 2013 di Brisbane sono ospitate e organizzate dalla Università del Queensland in collaborazione con l’Australian Mathematics Trust.

IL DIRETTORE GENERALE
F.to Carmela Palumbo

Nota 7 giugno 2012, Prot. MIURAOODGOS n. 3533

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Uff.II

 

Ai Direttori Generali

degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

p.c. Al Capo del Dipartimento per l’Istruzione

Al Capo del Dipartimento per la programmazione

e la gestione delle risorse umane, finanziarie

e strumentali

Al Gabinetto dell’On. Ministro

SEDE

 

Oggetto: Problem Posing&Solving per l’attuazione delle Indicazioni Nazionali e le Linee Guida relative agli insegnamenti della Matematica e dell’Informatica dei nuovi Licei, Istituti Tecnici e Professionali. – Convocazione 14 giugno 2012.

 

 

In riferimento alla nota prot. MIURAOODGOS n. 3420 del 1 giugno 2012 relativa al Progetto “Problem Posing&Solving per l’attuazione delle Indicazioni Nazionali e le Linee Guida relative agli insegnamenti della Matematica e dell’Informatica dei nuovi Licei, Istituti Tecnici e Professionali.” promosso da questa Direzione Generale per l’a.s. 2012-2013, si comunica che il 14 giugno 2012, alle ore 10.00, le SS. LL. sono invitate a partecipare all’incontro che si terrà presso il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca – Salone dei Ministri – per la presentazione delle linee generali del progetto “Problem Posing&Solving” allo scopo di agevolare le azioni successive elencate nella nota summenzionata.

Si fa presente che le spese di viaggio delle SS. LL. sono a carico degli Uffici di cui hanno la titolarità.

Si coglie l’occasione per ricordare che gli Uffici in indirizzo avranno cura di far pervenire l’elenco delle istituzioni scolastiche partecipanti al Progetto, individuate secondo criteri definiti in autonomia, ma che tengano conto della disponibilità delle suddette di porsi come “centro” territoriale di disseminazione dell’iniziativa entro e non oltre l’11 giugno 2012 agli indirizzi email che seguono, segnalando altresì il nominativo del Referente regionale incaricato di seguire la realizzazione delle diverse fasi del Progetto.

caterina.spezzano@istruzione.it

margherita.felcinelli@istruzione.it

Si ringrazia per la cortese sollecitudine

 

IL DIRETTORE GENERALE

Carmela PALUMBO

 

Nota 26 settembre 2011, Prot. MIURAOODGOS n. 6430

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Uff.II

 

 

Ai Direttori Generali

degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole

delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico

per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

 

Oggetto: Competizioni di Informatica nella scuola dell’obbligo – Olimpiadi di Problem Solving – A.S. 2011-2012.

 

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, per l’anno scolastico 2011-2012, propone le competizioni di informatica denominate “Olimpiadi di Problem Solving” all’intero ciclo della scuola dell’obbligo. È prevista la partecipazione delle classi IV e V della scuola primaria, del triennio della scuola secondaria di primo grado, del primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado.

 

Codesti Uffici vorranno cortesemente individuare, ovvero confermare un referente regionale che curerà i rapporti con i referenti scolastici secondo le note tecniche presenti nel Regolamento allegato.

 

Comunicazioni in questo senso dovranno essere inviate al seguente indirizzo di posta elettronica:

caterina.spezzano@istruzione.it

 

Sulla home page del sito http://www.olimpiadiproblemsolving.com è possibile reperire ulteriori informazioni.

 

IL DIRIGENTE

Antonio LO BELLO

——————————

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
Uff.II
Viale Trastevere, 76/A – 00153 Roma
Tel. 06.5849 2295
Fax 06.5849 3980
e-mail antonio.lo-bello@istruzione.it
—————————————
– Olimpiadi di problem solving –
Competizioni di informatica nella scuola dell’obbligo

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica – promuove, per l’anno scolastico 2011/2012, le Competizioni di Informatica denominate “Olimpiadi di problem solving”, rivolte agli alunni della scuola dell’obbligo.
La competizione si propone di:
– favorire lo sviluppo delle competenze di problem solving e valorizzare le eccellenze presenti nelle scuole;
– sollecitare la diffusione dei contenuti scientifici culturali dell’informatica come strumento di formazione (metacompetenze) nei processi educativi.
Il problem solving rimanda a processi cognitivi in cui prevale il pensare, il ragionare, il fare ipotesi, attività che richiedono l’impiego di abilità relative alla gestione di informazioni strutturate più che l’applicazione di procedimenti meccanici volti all’esecuzione esclusiva di calcoli. Tali attività favoriscono l’acquisizione di competenze trasversali ai diversi contesti disciplinari riconosciute ormai essenziali per un inserimento attivo e consapevole dei giovani nella società.
Le prove fanno riferimento anche a quelle adottate dalle indagini internazionali per rilevare gli apprendimenti e le capacità di problem solving, prove focalizzate sui processi piuttosto che sulle nozioni.
Con queste competizioni si intende anche stimolare nei giovani l’interesse a sviluppare le capacità richieste in tutte le iniziative attivate per la valorizzazione delle eccellenze (certamen, gare, competizioni, olimpiadi matematica, olimpiadi informatica, ecc.)

REGOLAMENTO DELLE COMPETIZIONI
1. Destinatari
Le competizioni riguardano la scuola dell’obbligo e si svolgono su tre distinti livelli:
– Scuola primaria (alunni delle classi IV e V)
– Scuola secondaria di I grado (alunni delle classi I, II e III)
– Scuola secondaria di II grado (alunni del primo biennio)
Le prove sono della stessa tipologia, ma si differenziano secondo il diverso livello del percorso scolastico.
2. Modalità di partecipazione
Le competizioni si articolano in tre fasi (istituto, regionale e nazionale) precedute da una fase di allenamento e si svolgono tra squadre costituite da quattro allievi, fra cui si raccomanda che vengano rappresentati entrambi i sessi.
Le prove hanno la durata di 90 minuti e consistono nella risoluzione di un insieme di problemi scelti dal Comitato organizzatore
La competizione è gestita da un sistema automatico sia per la distribuzione dei testi delle prove sia per la raccolta dei risultati e la loro correzione. L’adozione di questo sistema impone vincoli alla formulazione dei quesiti e delle relative risposte.

Ulteriori informazioni sullo svolgimento delle diverse fasi delle competizioni vengono comunicate tempestivamente sul sito.
Durante lo svolgimento delle prove (allenamenti, gare di istituto, gare regionali e finalissima) le squadre partecipanti possono servirsi anche di propri dispositivi digitali collegati a Internet.
Le scuole che intendono partecipare alle competizioni devono individuare un docente referente, il quale cura la registrazione sul sito http://www.olimpiadiproblemsolving.com secondo le modalità indicate nella nota tecnica del presente regolamento e comunica al referente regionale l’avvenuta iscrizione.
L’elenco dei referenti regionali è disponibile sulla home page del sito.
Il referente regionale abilita la scuola accedendo alla propria area riservata.
L’abilitazione renderà attiva la password del referente scolastico.
3. Tipologia delle prove
Il problem solving riguarda processi generali di ragionamento e di risoluzione di problemi ed è concepito non come una disciplina, ma come applicazione di conoscenze e abilità cui si ricorre nell’affrontare situazioni problematiche in contesti reali. In particolare, riguarda la comprensione della natura del problema, l’identificazione degli elementi che lo compongono e le loro interrelazioni, la scelta di rappresentazioni adeguate nella risoluzione di situazioni problematiche, la riflessione sulla soluzione individuata e la sua efficace comunicazione.
Le prove somministrate durante gli allenamenti e le successive competizioni richiedono l’impiego e lo sviluppo delle competenze fondamentali tipiche del problem solving::
– ricerca: definizione dei dati del problema, formulazione dell’ipotesi e individuazione delle fonti per il reperimento di ulteriori dati e informazioni;
– strutturazione: rappresentazione del contesto attraverso dati, tabelle, grafici, ecc.
– esplorazione: studio di casi particolari in cui la soluzione è semplice o particolarmente significativa;
– analisi: scomposizione in sottoproblemi e scoperta del processo di risoluzione da utilizzare;
– elaborazione: algoritmo di risoluzione del problema, progettazione e programmazione;
– verifica: controllo dei risultati ottenuti e scelta della strategia più efficace;
– comunicazione: presentazione e condivisione delle informazioni relative alle tematiche affrontate e alla soluzione.
Gli argomenti, su cui vertono le prove, sono riferiti alle diverse aree disciplinari e agli assi culturali.
4. Fasi della competizione
a) Allenamenti
Per consentire la conoscenza dei contenuti e l’approccio metodologico della competizione, sono predisposti esempi di prove cui possono accedere tutte le squadre che la scuola ritiene opportuno costituire. Le prove sono disponibili sul sito http://www.olimpiadiproblemsolving.com dal 24 ottobre 2011.
b) Gare di Istituto:
Le gare di Istituto sono finalizzate ad individuare la squadra che rappresenterà l’Istituzione scolastica alle gare regionali per ogni livello della competizione. A ciascun livello deve partecipare un numero minimo di 4 squadre composte secondo criteri definiti in autonomia.
La fase di Istituto si articola su quattro prove che si svolgono secondo il seguente calendario:
I prova
28 novembre 2011 per la scuola primaria
29 novembre 2011 per la scuola secondaria di I grado
30 novembre 2011 per la scuola secondaria di II grado
II prova
24 gennaio 2012 per la scuola primaria
25 gennaio 2012 per la scuola secondaria di I grado
26 gennaio 2012 per la scuola secondaria di II grado
III prova
29 febbraio 2012 per la scuola primaria
1 marzo 2012 per la scuola secondaria di I grado
2 marzo 2012 per la scuola secondaria di II grado
IV prova
26 marzo 2012 per la scuola primaria
27 marzo 2012 per la scuola secondaria di I grado
28 marzo 2012 per la scuola secondaria di II grado
Le Istituzioni scolastiche possono utilizzare una, due o tutte le prove per individuare, entro il 31 marzo, la squadra che partecipa alla successiva fase regionale.
c) Gare regionali:
Partecipa alla fase regionale una squadra per ogni Istituto. Gli Istituti comprensivi possono individuarne una per ciascun livello previsto dalla competizione.
Per questa fase il referente scolastico effettua una specifica registrazione sul sito con il nome della squadra ed i nominativi dei suoi componenti come riportato nella nota tecnica.
La fase regionale si svolge secondo il seguente calendario:
17 aprile 2012 per la scuola primaria
18 aprile 2012 la scuola secondaria di I grado
19 aprile 2012 la scuola secondaria di II grado
d) Finalissima nazionale
Accedono alla finalissima nazionale per ciascun livello:
– la migliore squadra classificata a livello regionale;
– le prime cinque migliori squadre classificate a livello nazionale, escluse le prime di ogni regione.
La Finalissima nazionale si disputerà il giorno 19 maggio 2012 a Roma.

NOTA TECNICA
RUOLI E COMPITI DEI REFERENTI REGIONALI E DEI REFERENTI SCOLASTICI
REFERENTI REGIONALI
1. promuovono e presentano il progetto alle scuole della regione;
2. abilitano l’iscrizione delle scuole effettuata dal referente scolastico sul sito;
3. supportano le scuole con attività e interventi che ritengono più opportuni;
4. curano i rapporti con i referenti scolastici.
REFERENTI SCOLASTICI
Le scuole, all’atto dell’iscrizione, devono indicare un referente che cura i contatti con l’Organizzazione per tutte le informazioni e le comunicazioni necessarie. I rapporti organizzativi sono curati esclusivamente via e-mail e attraverso gli appositi spazi riservati (FAQ, forum,et al) nel sito delle competizioni http://www.olimpiadiproblemsolving.com
I referenti:
– iscrivono le scuole sul portale utilizzando l’apposito collegamento,
– comunicano al referente regionale l’avvenuta iscrizione.
La password che il sistema genera automaticamente è abilitata da referente regionale.
I referenti scolastici:
a. accedono all’area riservata,
b. inseriscono la password e ACCEDONO AL PANNELLO DI CONTROLLO, da cui è possibile accedere alle sezioni per:
i. gestire le squadre e i loro componenti: l’iscrizione completa con nome squadra e nomi componenti è obbligatoria solo per la squadra che accede alla fase regionale, mentre per gli allenamenti e per la fase di istituto sarà sufficiente scrivere solo il nome della squadra,
ii. attivare e gestire gli allenamenti.
Ulteriori informazioni e/o eventuali aggiornamenti sono comunicati tempestivamente sul sito e segnalati tramite news.
Per le modalità di risposta ai diversi quesiti consultare l’apposita area della home page.

IL DIRETTORE GENERALE
Carmela PALUMBO

Nota 8 giugno 2011, Prot. MIURAOODGOS n. 3868

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Ufficio II

 

 

Ai Direttori Generali

degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

 

Al Sovrintendente agli Studi

per la Regione Autonoma della

Valle d’Aosta

 

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di

Bolzano

 

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di

Trento

 

All’Intendente Scolastico

per le scuole delle località ladine di

Bolzano

 

All’Intendente Scolastico

per la scuola in lingua tedesca di

Bolzano

 

Oggetto: Competizioni di Informatica nella scuola dell’obbligo – Olimpiadi di Problem Solving 2011.

 

Il 21 maggio u.s. presso l’ISS “F. Caffè” di Roma si è svolta la Finalissima delle “Olimpiadi di Problem Solving”, la competizione di informatica rivolta all’intero ciclo dell’obbligo scolastico.

Le squadre degli studenti hanno affrontato le prove nazionali in un clima di grande soddisfazione accompagnate dai Dirigenti scolastici, docenti e genitori che hanno successivamente assistito alla premiazione, manifestando grande apprezzamento per l’annuale percorso caratterizzato da allenamenti, gare di istituto e gara regionale.

Durante la manifestazione, da parte di questo Ufficio, è stata rappresentata l’intenzione di procedere alla pubblicazione delle relative esperienze nella rivista “Studi e Documenti degli Annali della Pubblica Istruzione”, invitando Dirigenti scolastici, docenti e studenti ad inviare i propri contributi (max. 8000 battute spazi inclusi) entro il 30 giugno c.a.

 

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito www.olimpiadiproblemsolving.com Si allegano le classifiche delle squadre.

 

IL DIRIGENTE

Antonio LO BELLO

Allegati

Nota 9 maggio 2011, Prot. MIURAOODGOS n. 3167

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Uff.II

 

Ai Direttori Generali

degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole

delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico

per la scuola in lingua tedesca

di Bolzano

 

Oggetto: Competizioni di Informatica nella scuola dell’obbligo – Olimpiadi di Problem Solving Finalissima 21 maggio 2011

 

In riferimento alle Competizioni di Informatica – Olimpiadi di Problem Solving, promosse da questa Direzione generale con nota prot. MIURAOODGOS n. 7553 del 21 ottobre 2010, si comunica che, in seguito alle gare della fase regionale della scuola primaria, secondaria di I grado, secondaria di II grado – svoltesi rispettivamente il 12-13-14 aprile uu.ss. – sono state individuate le squadre che disputeranno la “Finalissima” il 21 maggio 2011 a Roma presso l’ISS “F.Caffè” secondo le modalità descritte nella nota tecnico-organizzativa allegata alla presente.

Si coglie l’occasione per comunicare che esigenze tecniche, finalizzate a garantire il corretto e continuo accesso alla rete wireless, non consentiranno alle squadre l’uso di cellulari nel corso della gara.

Si allega l’elenco delle squadre finaliste.

 

IL DIRIGENTE

f.to Antonio LO BELLO

Allegati

Nota 20 gennaio 2011, Prot. MIURAOODGOS n. 390

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Uff.II

Ai Direttori Generali

degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi

per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole

delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico

per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

Oggetto: Competizioni di Informatica nella scuola dell’obbligo – Olimpiadi di Problem Solving – A.S. 2010-2011 – Sollecito iscrizioni

Con nota MIURAOODGOS prot. n. 7553 del 21 ottobre 2010, questa Direzione generale ha proposto le competizioni di informatica denominate “Olimpiadi di Problem Solving” all’intero ciclo della scuola dell’obbligo, in particolare alle classi IV e V della scuola primaria, al triennio della scuola secondaria di primo grado, al primo biennio delle scuole secondarie di secondo grado.

Questa iniziativa è finalizzata a favorire e stimolare, nel lavoro quotidiano dei docenti e degli alunni, la formazione e lo sviluppo delle competenze di problem solving, anche nella prospettiva di valorizzare le eccellenze in ogni disciplina.

La metodologia del problem solving rimanda ad attività in cui prevale il pensare, il ragionare, il fare ipotesi ed operare scelte, attività che richiedono l’applicazione di abilità relative alla gestione di informazioni strutturali; che valorizzano l’instaurarsi di competenze trasversali ai diversi contesti disciplinari riconosciute essenziali per un inserimento attivo e consapevole dei giovani nella società;

che rilanciano il primato del processo sul prodotto e in cui le conoscenze procedurali e le conoscenze dichiarative si coniugano per la gestione costruttiva delle diverse dimensioni formative.

In funzione di suddette finalità, si invitano codesti Uffici a sensibilizzare le Istituzioni scolastiche di competenza a partecipare alle Olimpiadi di Problem Solving, di cui è possibile acquisire ulteriori informazioni rispetto all’organizzazione e alle modalità di partecipazione collegandosi al seguente sito http://www.olimpiadiproblemsolving.com

IL DIRIGENTE

Antonio Lo Bello

——————————

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’Istruzione
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
Uff.II
————————————-
Viale Trastevere, 76/A – 00153 Roma
Tel. 06.5849 2295
Fax 06.5849 3980
e-mail antonio.lo-bello@istruzione.it
—————————————
Competizioni di informatica nella scuola dell’obbligo
– Olimpiadi di problem solving –
Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per
gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica – promuove, per l’anno scolastico
2010/2011, le Competizioni di Informatica denominate “Olimpiadi di problem solving”,
rivolte agli alunni della scuola dell’obbligo.
La competizione si propone di:
 favorire lo sviluppo delle competenze di problem solving e valorizzare le eccellenze
presenti nelle scuole;
 sollecitare la diffusione dei contenuti scientifici culturali dell’informatica come strumento
di formazione (metacompetenze) nei processi educativi.
Il problem solving rimanda a processi cognitivi in cui prevale il pensare, il ragionare,
il fare ipotesi, attività che richiedono l’impiego di abilità relative alla gestione di informazioni
strutturate più che l’applicazione di procedimenti meccanici volti all’esecuzione esclusiva di
calcoli. Tali attività favoriscono l’acquisizione di competenze trasversali ai diversi contesti
disciplinari riconosciute ormai essenziali per un inserimento attivo e consapevole dei
giovani nella società.
Le prove fanno riferimento anche a quelle adottate dalle indagini internazionali per
rilevare gli apprendimenti e le capacità di problem solving, prove focalizzate sui processi
piuttosto che sulle nozioni.
Con queste competizioni si intende anche stimolare nei giovani l’interesse a
sviluppare le capacità richieste in tutte le iniziative attivate per la valorizzazione delle
eccellenze (certamen, gare, competizioni, olimpiadi matematica, olimpiadi informatica,
ecc.)
REGOLAMENTO DELLE COMPETIZIONI
1. Destinatari
Le competizioni riguardano la scuola dell’obbligo e si svolgono su tre distinti livelli:
 Scuola primaria (alunni delle classi IV e V)
 Scuola secondaria di I grado (alunni delle classi I, II e III)
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
————————————-
Viale Trastevere, 76/A – 00153 Roma
Tel. 06.5849 2295
Fax 06.5849 3980
e-mail antonio.lo-bello@istruzione.it
—————————————
 Scuola secondaria di II grado (alunni del primo biennio)
Le prove sono della stessa tipologia, ma si differenziano secondo il diverso livello del
percorso scolastico.
2. Modalità di partecipazione
Le competizioni si articolano in tre fasi (istituto, regionale e nazionale) precedute da
una fase di allenamento e si svolgono tra squadre costituite da quattro allievi, fra cui si
raccomanda che vengano rappresentati entrambi i sessi.
Tutte le prove hanno la durata di tre ore e consistono nella risoluzione di un insieme
di problemi scelti dal Comitato organizzatore
La competizione è gestita da un sistema automatico sia per la distribuzione dei testi
delle prove sia per la raccolta dei risultati e la loro correzione. L’adozione di questo
sistema impone vincoli alla formulazione dei quesiti e delle relative risposte.
.
Ulteriori informazioni sullo svolgimento delle diverse fasi delle competizioni vengono
comunicate tempestivamente sul sito.
Durante lo svolgimento delle prove (allenamenti, gare di istituto, gare regionali e
finalissima) le squadre partecipanti possono servirsi anche di propri dispositivi digitali
portatili collegati a Internet.
Le scuole che intendono partecipare alle competizioni devono individuare un
docente referente, il quale cura la registrazione sul sito
http://www.olimpiadiproblemsolving.com secondo le modalità indicate nella nota tecnica
del presente regolamento e comunica al referente regionale l’avvenuta iscrizione.
L’elenco dei referenti regionali è disponibile sulla home page del sito.
Il referente regionale abilita la scuola accedendo alla propria area riservata.
L’abilitazione renderà attiva la password del referente scolastico.
3. Tipologia delle prove
Il problem solving riguarda processi generali di ragionamento e di risoluzione di
problemi ed è concepito non come una disciplina, ma come applicazione di conoscenze e
abilità cui si ricorre nell’affrontare situazioni problematiche in contesti reali. In particolare,
riguarda la comprensione della natura del problema, l’identificazione degli elementi che lo
compongono e le loro interrelazioni, la scelta di rappresentazioni adeguate nella
risoluzione di situazioni problematiche, la riflessione sulla soluzione individuata e la sua
efficace comunicazione.
Le prove somministrate durante gli allenamenti e le successive competizioni richiedono
l’impiego e lo sviluppo delle competenze fondamentali tipiche del problem solving::
– ricerca: definizione dei dati del problema, formulazione dell’ipotesi e individuazione
delle fonti per il reperimento di ulteriori dati e informazioni;
– strutturazione: rappresentazione del contesto attraverso dati, tabelle e grafici,
ecc.
– esplorazione: studio di casi particolari in cui la soluzione è semplice o
particolarmente significativa;
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
————————————-
Viale Trastevere, 76/A – 00153 Roma
Tel. 06.5849 2295
Fax 06.5849 3980
e-mail antonio.lo-bello@istruzione.it
—————————————
– analisi: scomposizione in sottoproblemi e scoperta del processo di risoluzione da
utilizzare;
– elaborazione: algoritmo del processo di risoluzione del problema, progettazione e
programmazione;
– verifica: controllo dei risultati ottenuti e scelta della strategia più efficace;
– comunicazione: presentazione e condivisione delle informazioni relative alle
tematiche affrontate e alla soluzione.
Gli argomenti, su cui vertono le prove, sono riferiti alle diverse aree disciplinari e assi
culturali.
4. Fasi della competizione
a) Allenamenti
Per consentire la conoscenza dei contenuti e l’approccio metodologico della
competizione, sono predisposti esempi di prove cui possono accedere tutte le squadre che
la scuola ritiene opportuno costituire. Le prove sono disponibili sul sito
http://www.olimpiadiproblemsolving.com dal 3 novembre 2010.
b) Gare di Istituto:
Le gare di Istituto sono finalizzate ad individuare la squadra che rappresenterà
l’Istituzione scolastica alle gare regionali per ogni livello della competizione. A ciascun
livello deve partecipare un numero minimo di 4 squadre composte secondo criteri definiti
in autonomia.
La fase di Istituto si articola su tre prove che si svolgono secondo il seguente
calendario:
I prova
30 novembre 2010 per la scuola primaria
1 dicembre 2010 per la scuola secondaria di I grado
2 dicembre 2010 per la scuola secondaria di II grado
II prova
25 gennaio 2011 per la scuola primaria
26 gennaio 2011 per la scuola secondaria di I grado
27 gennaio 2011 per la scuola secondaria di II grado
III prova
21 marzo 2011 per la scuola primaria
22 marzo 2011 per la scuola secondaria di I grado
23 marzo 2011 per la scuola secondaria di II grado
Le Istituzioni scolastiche possono utilizzare una, due o tutte le prove per
individuare, entro il 31 marzo, la squadra che partecipa alla successiva fase regionale.
c) Gare regionali:
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
————————————-
Viale Trastevere, 76/A – 00153 Roma
Tel. 06.5849 2295
Fax 06.5849 3980
e-mail antonio.lo-bello@istruzione.it
—————————————
Partecipa alla fase regionale una squadra per ogni Istituto. Gli Istituti comprensivi possono
individuarne una per ciascun livello previsto dalla competizione.
Per questa fase il referente scolastico effettua una specifica registrazione sul sito con il
nome della squadra ed i nominativi dei suoi componenti come riportato nella nota tecnica.
La fase regionale si svolge secondo il seguente calendario:
12 aprile 2011 per la scuola primaria
13 aprile 2011 la scuola secondaria di I grado
14 aprile 2011 la scuola secondaria di II grado
d) Finalissima nazionale
Accedono alla finalissima nazionale per ciascun livello:
– la migliore squadra classificata a livello regionale;
– le prime cinque migliori squadre classificate a livello nazionale, escluse le prime di
ogni regione.
La Finalissima nazionale si disputerà il giorno 20 maggio 2011 in Roma.
Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica
————————————-
Viale Trastevere, 76/A – 00153 Roma
Tel. 06.5849 2295
Fax 06.5849 3980
e-mail antonio.lo-bello@istruzione.it
—————————————
NOTA TECNICA
RUOLI E COMPITI DEI REFERENTI REGIONALI E DEI REFERENTI SCOLASTICI
REFERENTI REGIONALI
1. promuovono e presentano il progetto alle scuole della regione;
2. abilitano l’iscrizione delle scuole effettuata dal referente scolastico sul sito;
3. supportano le scuole con attività e interventi che ritengono più opportuni;
4. curano i rapporti con i referenti scolastici.
REFERENTI SCOLASTICI
Le scuole, all’atto dell’iscrizione, devono indicare un referente che cura i contatti con
l’Organizzazione per tutte le informazioni e le comunicazioni necessarie. I rapporti
organizzativi sono curati esclusivamente via e-mail e attraverso gli appositi spazi riservati
(FAQ, forum,et al) nel sito delle competizioni http://www.olimpiadiproblemsolving.com
I referenti:
– iscrivono le scuole sul portale utilizzando l’apposito collegamento,
– comunicano al referente regionale l’avvenuta iscrizione.
La password che il sistema genera automaticamente è abilitata da referente regionale.
I referenti scolastici:
a. accedono all’area riservata,
b. inseriscono la password e ACCEDONO AL PANNELLO DI CONTROLLO, da
cui è possibile accedere alle sezioni per:
i. gestire le squadre e i loro componenti: l’iscrizione completa con nome
squadra e nomi componenti è obbligatoria solo per la squadra che
accede alla fase regionale, mentre per gli allenamenti e per la fase di
istituto sarà sufficiente scrivere solo il nome della squadra,
ii. attivare e gestire gli allenamenti.
Ulteriori informazioni e/o eventuali aggiornamenti sono comunicati tempestivamente sul
sito e segnalati tramite news.
Per le modalità di risposta ai diversi quesiti consultare l’apposita area della home page.