Nota 21 settembre 2012, Prot. MIURDGOS n. 6008

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

DIPARTIMENTO PER L’ISTRUZIONE

DIREZIONE GENERALE ORDINAMENTI SCOLASTICI E PER L’AUTONOMIA SCOLASTICA

UFFICIO II

 

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

 

Oggetto: OLIMPIADI ITALIANE DI ASTRONOMIA 2013

 

La Società Astronomica Italiana (SAIt) e l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) – Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia, organizzano le Olimpiadi Italiane di Astronomia 2013.

Scopo dell’iniziativa è quello di stimolare l’interesse per lo studio delle discipline scientifiche in generale e dell’Astronomia e dell’Astrofisica in particolare, offrendo agli studenti delle scuole italiane un’occasione di incontro e di confronto fra le diverse realtà scolastiche e fra scuola e mondo della ricerca scientifica.

Sono ammessi a partecipare gli studenti e le studentesse delle scuole italiane nati/e negli anni 1998 e 1999 (categoria junior) e negli anni 1996 e 1997 (categoria senior), senza distinzione di nazionalità e cittadinanza.

La competizione è strettamente individuale e si svolge in tre fasi, come specificato nel bando allegato al quale si fa specifico rinvio anche per quanto attiene alle modalità di partecipazione e i termini di presentazione degli elaborati.

I vincitori delle Olimpiadi Italiane di Astronomia saranno candidati a far parte della Squadra Nazionale che rappresenterà l’Italia alle Olimpiadi Internazionali di Astronomia, che avranno luogo in autunno nella sede e con le modalità che saranno successivamente comunicate sul sito www.olimpiadiastronomia.it.

 

IL DIRIGENTE

Antonio Lo Bello

 

Decreto Ministeriale 21 settembre 2012, n.80

Decreto Ministeriale 21 settembre 2012, n.80

Prove di esame e relativi programmi concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di I e II grado

Nota 21 settembre 2012, Prot.n. 5997

Nota 21 settembre 2012, Prot.n. 5997

Oggetto: Sessione 2012 esami di Stato abilitazione esercizio libera professione geometra: adempimenti Uffici scolastici, Capi di Istituto e Commissioni

 

Nota 21 settembre 2012, Prot. n. AOODGPER 6964

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per il personale scolastico

 

Ai Direttori Generali degli U.S.R.

Ai Dirigenti delle sedi provinciali degli U.S.R.

Ai Dirigenti scolastici

LORO SEDI

 

Oggetto: Graduatorie d’istituto personale docente valide per l’a.s. 2012-2013 e indicazioni operative inerenti il recupero degli effetti del dimensionamento della rete scolastica

 

Come anticipato con nota prot. 6677 del 12 settembre 2012, si forniscono indicazioni per l’adeguamento delle graduatorie d’istituto di prima, seconda e terza fascia per il recupero degli effetti del dimensionamento:

  • ciascun USR riceverà dalla consulenza territoriale un file in cui, a livello di singola scuola, sono evidenziate le modifiche intervenute a causa del dimensionamento (entro venerdì 21 settembre). A tale riguardo si ricorda che il rapporto fra scuola di partenza e scuola di arrivo non ha sempre corrispondenza 1:1 in quanto:
    • una nuova istituzione principale può aver inglobato classi di più scuole precedenti;
    • una istituzione principale soppressa può essere stata frazionata su più nuovi istituti;
  • gli USP, una volta ricevuto il file di supporto, provvederanno, tramite apposita funzione SIDI, a confermare – a livello di istituto principale – le variazioni che il sistema è stato in grado di identificare automaticamente e ad associare i nuovi istituti principali ad eventuali vecchi istituti, onde evitare che le nuove scuole rimangano sprovviste di graduatorie, nel caso in cui derivino da vecchie scuole il cui legame logico è andato perduto (le variazioni devono essere apportate entro il 27 settembre). Ovviamente potrebbe verificarsi il caso di una nuova istituzione scolastica “pura”, cioè una scuola che non derivi e che non abbia assorbito nessun segmento di scuole precedenti. Per tale caso la normativa prevede l’utilizzo delle graduatorie delle scuole viciniori;
  • una volta realizzata la corrispondenza fra vecchio e nuovo/i codice/i, l’USP potrà prenotare una procedura di migrazione ai codici dell’a.s. 2012/13. Si precisa che qualora l’USP non provveda all’operazione di cui al punto precedente verranno assegnate d’ufficio le sole sedi che sarà stato possibile ricondurre automaticamente (dal 27 settembre);
  • tale procedura comporta il decadimento dei seguenti vincoli:
    • il limite massimo di dieci scuole per la scuola dell’infanzia e primaria e di venti per la secondaria;
    • il limite massimo dei due circoli didattici per la scuola dell’infanzia e primaria;
    • il limite massimo di due circoli didattici per le supplenze fino a dieci giorni.
  • terminata l’attribuzione delle sedi dell’a.s. 2012/13 l’ufficio potrà prenotare le graduatorie d’istituto di prima, seconda e terza fascia e le relative diffusioni (a partire dal 1 ottobre);
  • una volta concluse queste operazioni sarà possibile popolare la banca dati delle convocazioni per l’a.s. 2012/13 (a partire dal 2 ottobre, previa verifica dell’esito positivo della procedura di formazione graduatorie).

Si prega di rispettare la tempistica comunicata, onde evitare lo slittamento in avanti delle operazioni.

 

IL DIRETTORE GENERALE

F.to Luciano Chiappetta

 

Decreto Ministeriale 21 settembre 2012, n. 81

Decreto Ministeriale 21 settembre 2012, n. 81

Tabella titoli valutabili e relativa ripartizione dei punteggi concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente nelle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria di I e II grado

Parere CNPI 21 settembre 2012, MIURAOODGOS Prot. n. 5975

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Segreteria del Consiglio Nazionale della P.I.

 

MIURAOODGOS Prot. n. 5975                                                    Roma, 21.09.2012

All’On.le Ministro
SEDE

OGGETTO: Parere sui programmi, sulle prove d’esame e sulla valutazione dei titoli, finalizzati alla copertura di cattedre e posti nelle scuole dell’infanzia, del primo e secondo ciclo di istruzione.

ADUNANZA DEL 21 settembre 2012

 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

Viste      le lettere n. 2229 del 7 settembre 2012 e n. 2364 del 12 settembre 2012 con le quali il Sig. Ministro ha chiesto il parere del CNPI sull’argomento indicato in oggetto;

Visti       gli arrt. 24 e 25 del D.L.vo n. 297 del 16.4.1994;

Visti       il parere istruttorio redatto dal COSSS, i contributi predisposti dal COSMAT, COSE e COSME, e la bozza di parere predisposta dalla Commissione incaricata dell’esame e dell’elaborazione di tale parere in ordine all’argomento in oggetto specificato;
dopo ampio e approfondito dibattito;

E S P R I M E

il proprio parere nei seguenti termini:

In premessa il CNPI, nel riaffermare la positività dello strumento concorsuale ai fini del reclutamento del personale, sottolinea la necessità di una doverosa considerazione della situazione, consolidatasi nel tempo, già carica di attese e di troppe tensioni.

Il CNPI considera innanzi tutto che  il concorso prospettato, nonostante l’impiego di risorse significative a fronte, talvolta, di un numero di posti estremamente limitato, penalizzi  sia gli insegnanti precari abilitati con anni di servizio che hanno subito le conseguenze di una serie di interventi restrittivi in materia di organici e di previdenza, sia i più giovani che, perdurando le attuali regole di accesso, risultano esclusi in quanto nell’ultimo decennio, nonostante il possesso del titolo di laurea,  in molti casi, non hanno avuto l’opportunità di conseguire l’abilitazione.

Il CNPI considera inoltre non condivisibile la scelta di bandire il concorso in un momento in cui non sono stati ancora attivati il TFA che coinvolge le istituzioni AFAM e i percorsi relativi alla scuola dell’infanzia e primaria (cfr. art 15, comma 16 DM 249/2010) e non è stato ancora completato l’iter per l’indizione del TFA riservato a coloro che hanno determinati requisiti di servizio.

Il CNPI ritiene, quindi, che l’attuale procedura concorsuale troverebbe una giusta collocazione solo con il contestuale realizzarsi di alcune condizioni necessarie, peraltro già previste dalla normativa: definizione dell’organico funzionale, attivazione di tutte le procedure abilitanti, revisione delle classi di concorso, nuovo regolamento sulle modalità di reclutamento come da delega ex lege 244/2007.

Solo in tal modo è possibile coniugare qualità del servizio scolastico e aspettative di chi vuole intraprendere la professione dell’insegnamento.

Premesso quanto sopra, in presenza di formale richiesta di parere e per le specifiche competenze, responsabilmente, il CNPI, anche alla luce della positiva evoluzione dei testi, in coerenza con le richieste avanzate, lo formula nei seguenti termini:

 

In relazione ai programmi

Relativamente ai programmi d’esame, alla luce del confronto avvenuto con  i componenti del comitato tecnico-scientifico (la coordinatrice prof.ssa Aiello e il dott Mazzoli) su osservazioni e proposte modificative e/o integrative elaborate dai competenti comitati orizzontali, il CNPI  apprezza il formale accoglimento delle proposte più significative, come risulta da apposito verbale. In particolare valuta positivamente l’inserimento nelle Avvertenze generali di quei requisiti culturali e professionali indispensabili per ogni ordine e grado di scuola e perciò non ascrivibili unicamente alla scuola primaria. Il CNPI, pur nella consapevolezza della ristrettezza dei tempi, nel condividere il testo concordato, auspica per il futuro la necessità di ulteriori approfondimenti, indispensabili soprattutto per quel che concerne i contenuti specifici delle discipline e dei saperi fondamentali nella scuola primaria. Il CNPI, altresì, auspica una rigorosa corrispondenza tra le avvertenze generali ai programmi e la stesura degli articoli relativi alla prova stessa.

Alla luce di quanto sopra, in relazione ai programmi, il CNPI esprime parere favorevole.

 

In relazione alle prove d’esame

Il CNPI prende atto dell’accoglimento, in sede di audizione, di gran  parte delle osservazioni formulate dai singoli Comitati, convocati per esprimere parere sulle stesse.

Il CNPI, ricevuti, altresì, i positivi chiarimenti su alcuni punti nodali, ritiene necessario ulteriormente ribadire quanto segue.

 

Relativamente alla prova preselettiva, preso atto del sostanziale accoglimento delle richieste del CNPI, non paiono necessarie ulteriori modifiche.

 

Relativamente alla prova scritta:

  1. è necessario garantire la possibilità di partecipare, se in possesso dei prescritti requisiti,  a più procedure concorsuali, adottando quindi un calendario articolato;
  1. è opportuno che la durata della prova scritta o scritto-grafica sia definita a livello nazionale.

 

Relativamente alla prova orale, dopo i chiarimenti forniti, non paiono necessarie ulteriori modifiche.

Alla luce di quanto sopra, auspicando l’accoglimento  della richiesta  che sia rivisto il livello di conoscenza della lingua straniera da B2 a B1, dato che il livello più elevato è previsto nelle prove successive sia per la scuola primaria sia per l’ambito linguistico,  si esprime parere favorevole.

In relazione alla tabella di valutazione titoli

Il CNPI, preso atto di  quella definitiva fornita dall’Amministrazione dopo il confronto,  esprime parere favorevole.

 

IL SEGRETARIO del CNPI                                    IL VICE PRESIDENTE

Maria Grazia Buscema                                        Mario Guglietti