R. Postorino, La stanza di sopra

print

La Postorino e i nuovi giovani

di Antonio Stanca

Nella serie “Universale Economica” della Feltrinelli è uscito quest’anno il romanzo La stanza di sopra della scrittrice calabrese Rosella Postorino. L’opera risale al 2017 quando fu pubblicata da Neri Pozza. Era stato il romanzo d’esordio della scrittrice, quello che aveva mostrato le sue inclinazioni, le sue maniere di esprimersi, le sue argomentazioni.

La Postorino è nata a Reggio Calabria nel 1978, è cresciuta in Liguria e si è trasferita a Roma nel 2002. Il racconto In una capsula è stato il suo primo lavoro, è venuto poi questo romanzo e molti altri sono seguiti quasi tutti meritevoli di riconoscimenti. Molto premiato sarebbe stato Le assaggiatrici del 2018 mentre a La stanza di sopra sarebbe andato il Premio Rapallo Carige Opera Prima. E’ tutto incentrato sulla vita della piccola Ester, una ragazza di quindici anni che va a scuola e che da quando aveva cinque anni vive con la madre, insegnante elementare, e il padre immobilizzato in casa,sul letto della “stanza di sopra”, dopo un grave incidente. Non parla, non si muove, è sempre in cura. E’ pure esposto a crisi che allarmano la moglie e la figlia, che hanno fatto della prima una povera donna logorata, sfinita, in preda a paure, a pensieri assillanti, e della seconda una ragazza confusa, irrequieta, sempre alla ricerca di altro. Ester non sa come regolarsi, cosa pensare, cosa fare in una simile situazione. Non la accetta con pazienza, con rassegnazione, la vede come un limite, un ostacolo e persone, cose diverse cerca con le quali compensare quanto non ha avuto dalla vita. Molti saranno i rischi che correrà in un mondo così insicuro come quello contemporaneo. Il suo comportamento aggraverà le condizioni di salute della madre che assiste alla sua cattiva condotta a scuola e a casa. Inutili saranno i suoi richiami e drammaticamente sola si sentirà tra il marito “perennemente assente” e la figlia sistematicamente disubbidiente.

  In tutto, in altre famiglie, in compagne o compagni di scuola o di strada, nel fumo, nella droga leggera e persino nel sesso Ester cercherà quello che le manca, quello che vorrebbe anche se non l’è ancora chiarito e non se lo chiarirà. Anche sesso farà nonostante l’età ma come ogni altra esperienza invece di sollevarla la deprimerà ancor più, ancor più la confonderà, ladisperderà tra pensieri diversi, contrastanti, mai possibili di ordine, chiarezza, definizione. La solitudineconseguirà ad ogni sconfitta, aggraverà ogni esperienza.

  Abile è stata la Postorino di questo romanzo nel rappresentare la crisi alla quale può trovarsi esposta oggiun’adolescente, nel farla vedere da vicino, in ogni suo risvolto, nel percorrere la vita di lei e dei suoi familiari muovendosi in continuazione tra il passato e il presente, i piaceri e i dolori, l’amore e l’odio, il bene e il male.Profonda conoscitrice dell’animo umano si è rivelata la scrittrice e tale sarebbe stata anche nelle operesuccessive. Anche in queste avrebbe detto dei giovani moderni, della loro vita, dei loro problemi mostrando di saperne e di saperne scrivere.