Sfide – La scuola di tutti

6-8 marzo – Milano, fieramilanocity

SFIDE – LA SCUOLA DI TUTTI

Scuola, Formazione, Inclusione, Didattica, Educazione

La scuola si racconta: tre giorni di incontri, laboratori e seminari per insegnanti, dirigenti, studenti e famiglie

Dal 6 all’8 marzo torna la terza edizione del salone Sfide – La scuola di tutti, dedicato a insegnanti, dirigenti, studenti e famiglie, con un fitto programma di incontri, laboratori e seminari che spazia dall’innovazione alle pratiche inclusive, dalla didattica alla formazione. Non mancherà un’area espositiva dove aziende e associazioni presenteranno materiali e supporti utili in campo didattico o educativo e uno spazio di apprendimento interattivo per sperimentare nuove tecnologie a sostegno dell’insegnamento. Il Salone si terrà a fieramilanocity, all’interno di Fa’ la cosa giusta! 2020.

L’edizione 2019 di Sfide ha visto 4150 iscritti tra docenti, dirigenti scolastici, studenti e famiglie, che hanno preso parte ad oltre 110 appuntamenti.

Saranno 4 i filoni principali intorno a cui ruoterà il programma di attività della tre giorni: l’insegnamento e l’apprendimento “con gli altri”, con appuntamenti dedicati all’importanza della condivisione, della comunicazione e dell’inclusione; il legame tra scuola, territorio e cittadinanza; lo stretto legame tra libri e libertà, con focus sulle esperienze di collaborazione con le biblioteche comunali e di quartiere. Il Salone offrirà anche 2 giorni di formazione specifica per i dirigenti scolastici con uno spazio di confronto e progettazione dedicato, dove verranno affrontati temi legati alla leadership educativa e alle sfide dell’innovazione.

Il convegno principale di Sfide sarà dedicato alla valorizzazione degli elementi di eccellenza della scuola italiana, ad esempio nel campo dell’inclusione delle differenti abilità e culture. 

Tra le novità di questa edizione:

Cosa offre oggi  la formazione professionale? E con quali prospettive per il mondo del lavoro? Se ne parlerà con Maria Grazia Demaria, responsabile istruzione tecnico professionale dell’Ufficio Scolastico Regionale Lombardia; Angela Izzuti, dirigente scolastica Istituto ISIS Giovanni Giorgi di Milano; Luca Azzollini, dirigente Scolastico I.I.S. Paolo Frisi di Milano; Sabina Minuto, insegnante; Annamaria Zerboni, Unioncamere Lombardia. L’incontro si propone anche di scardinare l’idea che le scuole tecniche siano di serie B, verranno presentati alcuni casi di eccellenza e suggeriti alcuni spunti di miglioramento. 

Inclusione e interdisciplinarietà sono parole chiave di Sfide – La scuola di tutti, e molti saranno gli incontri dedicati a questi temi. Lucia Landi, docente dell’Università di Verona, proporrà il workshop “Imparare insieme a 360° per includere” che illustra le potenzialità didattiche del learning together nella narrazione con la realtà virtuale. “TAC-Teatro Attiva Cultura” è, invece, un progetto sperimentale attivato all’interno dell’I.C. Rinnovata Pizzigoni di Milano che si propone di trasformare la scuola e i suoi spazi in un luogo di sperimentazione teatrale e performativa a disposizione del quartiere e della città con l’obiettivo di creare, attraverso l’arte, occasioni di incontro e inclusione. Se ne parlerà con Noemi Morrone, docente all’I.C. Rinnovata Pizzigoni, all’interno dell’incontro dedicato.

L’esperienza musicale nella didattica può essere un eccellente veicolo per la stimolazione sensoriale e per favorire il miglioramento delle prestazioni cognitive dei bambini. Ad esempio nell’incontro “Le elaborazioni multisensoriali musicali” si spiegherà in che modo la musica può avvicinare alla lettoscrittura, al calcolo logico-matematico, aiutare la psicomotricità fine e l’autoregolazione insieme a Carmelo Farinella, pianista e docente, e Maurizio Anselmo Gavazzoni, formatore e consulente specializzato in didattica musico-interdisciplinare.

Cosa può insegnare lo sport alla scuola? Quali contributi può offrire una disciplina apparentemente centrata sulla performance fisica? Con Cristiano Pravadelli, psicologo e formatore, e Paolo Loner, Life Sport Trainer, si parlerà di formazione, sviluppo, crescita e miglioramento del capitale umano a partire dall’analisi delle 4 aree di sviluppo tipiche delle discipline sportive: tecnica, tattico/strategica, fisica e mentale.

Durante i tre giorni verranno proposti anche percorsi pratici e immersivi che integrano esperienze educative di robotica, tinkering, coding e realtà aumentata.

Nella tavola rotonda “Videogiochi: istruzioni per l’uso” si parlerà dei pro e contro dei videogiochi per uso ludico e educativo, con Anna Maria Caruso, Garante dei diritti per l’Infanzia e l’Adolescenza del Comune di Milano; Raffaella Schirò, pediatra; Michela Balconi, docente di Psicofisiologia e Neuroscienze Cognitive all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Brescia; Massimiliano Andreoletti, docente e videogiocatore; un rappresentante dell’associazione AESVI-Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani. 

Maria Rita Manzoni, docente e membro dell’équipe territoriale formativa del Miur per la Lombardia, presenterà una crosslesson, un modello di lezione costruito come fosse una escape room o una caccia al tesoro, che mira a migliorare l’apprendimento, la capacità di ricerca e di problem solving: a partire da un video che contiene un enigma si cercherà di ricostruire la vicenda di un personaggio misterioso utilizzando alcuni strumenti digitali tra cui Google Earth e la realtà virtuale. Nel laboratorio “Steam bot: a bottega con Leonardo” gli studenti, prendendo spunto da un testo che espone idee e macchine di Da Vinci, saranno stimolati e guidati a osservare attentamente la realtà che li circonda, alla scoperta della geometria della natura e delle sue proporzioni, in modo da poterla rappresentare e riportare in forma digitale

La robotica educativa sarà al centro del workshop per studenti “Robottiamo – I robot per imparare a progettare, creare e pensare”, mentre nel laboratorio “Non solo tinkering: il mio primo libro interattivo” si entrerà nel mondo della conduttività, del suono e dell’elettricità: i docenti potranno ideare un e-book che sarà reso interattivo dall’uso della scheda Makey Makey, capace di far dialogare il computer con qualsiasi materiale e oggetto conduttivo.

Conoscere il ciclo di vita degli alimenti e saper recuperare gli scarti per creare nuovo valore fa bene a noi e all’ambiente: il 29,5% del cibo servito nelle mense scolastiche viene buttato e la stessa proporzione si registra a livello globale. Nell’incontro “Mangiare a scuola, le strategie anti-spreco” si racconteranno due esperienze pratiche realizzate per insegnare ai bambini il valore del cibo e i concetti di sicurezza alimentare, con Claudia Paltrinieri, fondatrice della piattaforma editoriale Foodinsider.it e ideatrice del rating dei menù scolastici; Sandra Cocco, insegnante di scuola primaria; Giampiero Monaca, maestro e ideatore della metodologia didattica “Bimbisvegli”. 

Il cibo, per i più piccoli, è il più interdisciplinare dei materiali: accende l’interesse per la scienza, la storia, il linguaggio e l’ambiente. Ad esempio, uova, frutta e legumi, da semplici alimenti possono diventare strumenti per esplorare il mondo e per stabilire un legame tra la salute della persona e quella del pianeta; lo racconteranno Federica Buglioni, autrice di libri di cucina, Monica Tamburrini, insegnante e formatrice in materie STEAM, Patrizia Buonora e Caterina Guffanti, insegnanti di scuola primaria, nell’incontro “Mangiare a scuola, il cibo in classe”. 

Sfide – la scuola di tutti è un progetto realizzato in collaborazione con Officine Scuola, un gruppo di lavoro composto da chi la scuola la vive ogni giorno, in veste di genitore, preside o insegnante. Il Salone è organizzato con il patrocinio dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia, del Comune di Milano e della Città Metropolitana di Milano e dell’Università degli studi di Milano Bicocca.

L’ingresso a Sfide sarà gratuito e gli incontri e i laboratori sono tutti su prenotazione sul sito www.sfide-lascuoladitutti.it