Concorsi scuola in ritardo: previste 100 mila cattedre vuote a settembre

da La Tecnica della Scuola

Nonostante il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina abbia annunciato che i bandi dei concorsi docenti 2020 sono stati inviati al CSPI con l’obiettivo di pubblicare il tutto entro il mese di febbraio, le previsioni di cattedre vuote previste per il prossimo anno scolastico non sono rassicuranti.

Concorsi docenti 2020: le tempistiche allontanano la stabilizzazione

Per comprendere la situazione riprendiamo il ragionamento di Italia Oggi: allo stato attuale i bandi hanno superato solo la fase dell’informazione alle organizzazioni sindacali e devono passare al vaglio del consiglio superiore della pubblica istruzione. A differenza di quanto affermato da Azzolina, i bandi potrebbero arrivare non prima della metà di marzo. Dopo di che decorreranno i 30 giorni previsti dalla legge per presentare le domande.

Ne consegue che i concorsi docenti ordinari non potranno terminare in tempo per avere in cattedra i vincitori dal 1° settembre prossimo. Invece, è più probabile che l’amministrazione riesca a terminare le procedure selettive del concorso straordinario secondaria, data la procedura semplificata che prevede la sola prova scritta e poi l’assunzione in prova con esame orale al termine dell’anno scolastico. Se così fosse, mancherebbero comunque all’appello 76mila docenti di ruolo. Il concorso straordinario, infatti, prevede l’assunzione di soli 24mila docenti. E poi c’è l’incognita dei ricorsi. La ministra Azzolina, infatti, non ha accolto la proposta corale dei sindacati di valorizzare il servizio svolto ai fini del punteggio. Senza contare il problema dei commissari, comune sia per il concorso straordinario che per l’ordinario, dato che i docenti che dovessero far parte delle commissioni del concorso scuola dovrebbero svolgere il loro compito continuando ad andare a scuola, con tutti gli oneri che ciò comporta.

Quindi, non è scontato che si arriverà in tempo per le assunzioni a settembre, nonostante la procedura semplificata.

Concorso scuola 2020: la procedura straordinaria

Come stabilito dal DL 126/2019 potranno partecipare, al concorso scuola straordinarioi docenti in possesso dei seguenti requisiti:

  • almeno tre anni di servizio nella scuola secondaria statale (anche su sostegno) dal 2008/2009 al 2018/2019. Chi conclude la terza annualità nel 2019/2020 partecipa con riserva
  • uno dei predetti tre anni deve essere specifico, ossia svolto nella classe di concorso per cui si partecipa.
  • Potranno partecipare, anche se solo ai fini dell’abilitazione, i docenti che hanno maturato il servizio di tre anni nella scuola paritaria. Anche i docenti di ruolo che hanno tre anni comunque prestati, senza un anno specifico sulla classe di concorso, può partecipare ai soli fini abilitativi.

Per i posti di sostegno del concorso scuola 2020 è necessario avere, oltre ai seguenti requisiti di servizio, la specializzazione sul sostegno.

CLICCA QUI per la tabella titoli
CLICCA QUI per la bozza