Coronavirus, Azzolina: ‘Non ci sarà alcun 6 politico’. Le ipotesi per la Maturità

print

da Tuttoscuola

La scuola “è aperta”, e la didattica a distanza “non è un periodo di vacanza”, è il messaggio del governo; e agli alunni è richiesto, perciò, impegno. In tal senso la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha più volte ribadito che non ci sarà “alcun 6 politico” e che la maturità per il mezzo milione di ragazzi coinvolti dovrà essere “un esame serio”, seppur tenendo conto delle difficoltà dell’attuale situazione. La didattica a distanza ha ormai raggiunto la quasi totalità degli studenti il 94%.  È quanto a riferito la stessa ministra Azzolina nel corso del question time che si è svolto alla Camera lo scorso 25 marzo.  Resta il nodo valutazione.

Per tutti, ha già chiarito il ministero dell’Istruzione, e lo ribadirà oggi Azzolina nell’informativa al Senato, l’anno scolastico è in ogni caso valido anche se non si raggiungeranno, come ormai sembra scontato, i 200 giorni di lezioni.

A oggi non è ancora chiaro per quando è previsto un ritorno sui banchi di scuolaanche se ormai è escluso che le campanelle suonino nel mese di aprile. E più la data del rientro si avvicina a quella della chiusura dell’anno scolastico (prevista a partire dal prossimo 8 giugno), più diventa necessario avere un piano per l’esame di Maturità la cui prova di italiano è in calendario per il 17 giugno 2020.

Tra le ipotesi in circolazione per l’esame di Stato c’è il sempre più probabile stop all’obbligatorietà della scuola-lavoro, visto il sostanziale fermo delle attività esterne, in azienda, a oggi bloccate fino al 3 aprile. Anche sull’Invalsi si dovrebbe procedere a slegarlo dall’esame di Stato. Un’altra modifica, molto accreditata, riguarda le commissioni d’esame che potrebbero essere costituite da soli membri interni, più presidente esterno (oggi, i commissari sono tre interni, tre esterni, oltre al presidente esterno).

Inevitabile l’accenno alla mancata pubblicazione dei bandi concorso scuola. La ministra Azzolina, come detto già in precedenza, vorrebbe bandirli tra maggio e giugno prossimo, per immettere in ruolo almeno i precari della selezione straordinaria.