Prof in quarantena? Possono lavorare da casa. In arrivo circolare ministeriale

da Tuttoscuola

Se sono in salute, i docenti possono lavorare a distanza anche se in quarantena. Secondo le anticipazioni riportate da IlMessaggero a breve sarebbe in arrivo una circolare ministeriale a stabilirlo. Un intervento questo che sarebbe necessario per non fare in modo che a rimetterci sia, ancora una volta, la didattica.

I contagi da Coronavirus continuano infatti a salire e sarebbe in aumento anche il numero di classi in quarantena. Per tornare a scuola si rischia di aspettare dunque troppo tempo e non è pensabile penalizzare ulteriormente i ragazzi che già hanno perso troppe ore di lezione. Avere un docente in quarantena significa infatti rinunciare ad almeno 10 giorni di scuola visto che la quarantena è attualmente considerata malattia e le ore perse si moltiplicano se si pensa che ci sono insegnanti che hanno più classi.

A breve le cose dovrebbero cambiare. La modifica partirebbe dal Dl Rilancio che prevede lo smartworking per i lavoratori del settore privato in quarantena. Chiaramente si parla di quarantena preventiva, quella di persone che non sono risultate positive al Covid. Per il settore pubblico non è stata precisata la forma idonea di lavoro agile e, anche a scuola, ci sono stati insegnanti che hanno continuato a fare lezione a distanza e altri che invece si sono fermati.

Precisiamo che ancora non ci sono notizie ufficiali al riguardo e che, per conoscere le modalità di quanto anticipato da IlMessaggero dovremo attendere la diffusione delle circolare del Ministero dell’Istruzione.