Decreto milleproroghe, niente mobilità straordinaria sul 100% dei posti e proroga contratti covid. Bocciati emendamenti

print

da OrizzonteScuola

Di redazione

Per quanto riguarda la scuola, sono stati bocciati diversi emendamenti che pertanto non saranno presenti sul testo finale. Fra questi, quello relativo alla mobilità straordinaria sul 100% dei posti disponibili.

Le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno infatti votato il mandato ai relatori Giuseppe Brescia e Fabio Melilli di riferire favorevolmente in Aula sul decreto Milleproroghe. Il testo è atteso in assemblea per domani, lunedì 21 febbraio, per l’ok in prima lettura, poi dovrà passare al Senato. 

E gli emendamenti respinti, secondo quanto apprende Orizzonte Scuola, sono il 5.09 e il 5.013.

Ecco i testi delle proposte emendative.

5.09.

Dopo l’articolo 5, aggiungere il seguente:

Art. 5-bis.
(Mobilità straordinaria)

  1. In riferimento alle previsioni di cui all’articolo 1, comma 108, della legge 13 luglio 2015, n. 107, sono prorogati per l’anno scolastico 2021/2022 i termini per la mobilità straordinaria per tutti gli ambiti territoriali a livello nazionale, per tutto il personale docente di ruolo, in deroga al vincolo di permanenza nella provincia, di cui all’articolo 399, comma 3, del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modificazioni, su tutti i posti vacanti e disponibili, anche in organico di fatto.

Bucalo Carmela, Frassinetti Paola, Mollicone Federico, Trancassini Paolo, Prisco Emanuele, Donzelli Giovanni, Lucaselli Ylenja, Rampelli Fabio

5.013.

Dopo l’articolo 5, aggiungere il seguente:

Art. 5-bis.
(Disposizione in materia di proroga di contratti del personale nominato su Organico Covid)

Al fine di garantire in tutti gli ordini di scuola lo svolgimento dell’anno scolastico 2020/2021 in modo adeguato alla situazione epidemiologica e nell’ambito dell’autonomia, il termine dei contratti sottoscritti ai sensi dell’articolo 231-bis, comma 1, del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, è prorogato al 30 giugno 2021.

Bucalo Carmela, Frassinetti Paola, Mollicone Federico, Albano Lucia, Trancassini Paolo, Prisco Emanuele, Donzelli Giovanni, Lucaselli Ylenja, Rampelli Fabio

Pertanto, resterebbero fuori così il tema caldo della mobilità straordinaria, richiesta a gran voce dagli insegnanti di ruolo, e quella dei supplenti covid, che in questo modo non avrebbero la proroga del contratto.