M. Dallari, La zattera della bellezza

print

Marco Dallari, La zattera della bellezza
Per traghettare il principio di piacere nell’avventura educativa

È indispensabile che ciascun insegnante ed educatore recuperi e potenzi la dimensione estetica del proprio stile educativo: saltare sulla zattera della bellezza è l’unica alternativa al naufragio nel mare della disaffezione e del non senso di cui soffrono i nostri studenti. Ma non si tratta di educare alla bellezza, quanto di usare la bellezza per educare.

Educare alla bellezza non consiste tanto nel mostrare ciò che le convenzioni e i canoni propongono, ma proporre piuttosto l’esperienza estetica ed emozionale dell’incontro, dello stupore, del desiderio, che consiste:

  1. nel partecipare attivamente al processo del farsi delle forme del bello nei luoghi e nel tempo della loro espressione;
  2. nel saper riconoscere l’invisibile che si nasconde dietro la bellezza. Senza una parte nascosta, senza mistero, non c’è bellezza ma soltanto il suo stereotipo, la sua apparenza;
  3. nel considerare la bellezza non qualcosa di «già dato» ma qualcosa da ricercare, da costruire, da condividere.

Attraverso capitoli di approfondimento accompagnati da immagini, con suggerimenti ed esempi paradigmatici rappresentati dalle opere di artisti del passato, in La zattera della bellezza Marco Dallari propone un percorso di riflessione utile ad accettare la sfida della complessità e a creare occasioni per scoprire il gusto della ricerca, della conoscenza, dello svelamento e del governo dell’universo emozionale.

Marco Dallari (1947) è stato docente di Pedagogia e Didattica dell’Educazione Artistica presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e Firenze, professore straordinario di Pedagogia Comparata all’Università di Messina e professore ordinario di Pedagogia Generale e Sociale all’Università di Trento, dove ha fondato il Laboratorio di Comunicazione e Narratività. È scrittore e curatore di saggi, testi narrativi e libri per l’infanzia e autore di opere grafiche e verbo-visuali. Ha pubblicato per le edizioni Erickson In una notte di luna vuota. Educare pensieri metaforici, laterali, impertinenti (2008) e, con S. Moriggi, Educare bellezza e verità (2016).

Collana: Pinova
Pagine: 312
Libreria: 20 maggio 2021