Inclusione: PEI entro il 31 ottobre, ma scadenza non perentoria

da La Tecnica della Scuola 

Con il decreto interministeriale 29 dicembre 2020, n. 182 sono stati adottati il modello nazionale di piano educativo individualizzato e le correlate linee guida, nonché le modalità di assegnazione delle misure di sostegno agli alunni con disabilità.

Insieme al decreto sono disponibili i seguenti documenti:

  • Modello di PEI per la scuola dell’infanzia
  • Modello di PEI per la scuola primaria
  • Modello di PEI per la scuola secondaria di I grado
  • Modello di PEI per la scuola secondaria di II grado
  • Scheda per l’individuazione del debito di funzionamento
  • Tabella individuazione fabbisogni di risorse professionali per il sostegno e l’assistenza.

SCARICA I DOCUMENTI

È obbligatorio approvare il PEI entro fine ottobre?

Secondo una faq del MI, si tratta di una scadenza non perentoria e in casi particolari e motivati si può quindi derogare. Il PEI va approvato “di norma” entro ottobre (D.Lgs. 66/2017, art. 7 comma 2 lettera g) e questo significa che è una regola che ammette eccezioni, ma devono rimanere tali. Soprattutto, occorre da subito applicare le misure adatte a una migliore inclusione, che gli insegnanti possono comunque adottare nella loro autonomia didattica. Personalizzazione e individualizzazione, infatti, sono strategie che fanno parte del “fare scuola” per tutti gli alunni.

E se mancano gli insegnanti?

In altra faq, il MI ha risposto alla seguente domanda: “In mancanza di insegnanti all’inizio anno scolastico, sia curricolari che di sostegno, come si può redigere correttamente e organicamente il nuovo PEI, entro il 31 ottobre?

Ecco la risposta.

Il PEI va approvato di norma entro la fine di ottobre (D.Lgs. 66/2017, art. 7, c. 2/g) il che significa che delle eccezioni sono possibili se sono motivate e rimangono tali. Ricordiamo anche che la responsabilità della redazione del PEI è del GLO, non solo del docente di sostegno e che possono redigere e approvare il PEI i docenti assegnati alle classi, anche se supplenti.