Yellow Butterfly

print

Oltre 150 classi italiane ricordano il Giorno della Memoria in maniera digitale a causa della pandemia COVID

Questo mese prende luogo l’iniziativa digitale “Yellow Butterfly”, indetta da Twinkl Publisher per ricordare le vittime dell’Olocausto, che si concluderà il 10 Febbraio 2022.

In occasione del Giorno della Memoria, 27 Gennaio 2022, la casa editrice internazionale Twinkl (https://www.twinkl.it/) ha proposto per il secondo anno consecutivo un concorso digitale nel rispetto delle norme anti-Covid e della distanza sociale. Il progetto “Yellow Butterfly”, che ha preso il nome dalla poesia “La Farfalla” di Pavel Friedman, si conclude la seconda settimana di Febbraio. Lo scopo dell’iniziativa è quello di incoraggiare bambini e ragazzi a riflettere sul passato, ricordare la Shoah e imparare a riconoscere e combattere la discriminazione e l’ingiustizia.

Il Covid non ha di certo impedito alle scuole di ricordare le vittime dell’Olocausto, sono oltre 100 i progetti multimediali iscritti al concorso, provenienti da scuole di tutto il paese. La commissione valutatrice ha apprezzato l’altissimo livello dei prodotti presentati finora per i ricchi contenuti, le tematiche affrontate e le competenze informatiche applicate. Twinkl ha offerto a bambini e ragazzi una valida opportunità di riflessione e di espressione. Le classi sono invitate a partecipare inviando lavori singoli o di gruppo in forma di video, foto o audio, incoraggiando l’utilizzo di piattaforme digitali innovative e all’avanguardia. La casa editrice ha messo in palio per i tre progetti più votati dal pubblico tre account Twinkl premium per accedere a migliaia di risorse didattiche digitali da utilizzare in classe. Qui trovate gli elaborati dei ragazzi e potrete votare i vostri preferiti dal 5 al 10 Febbraio 2022. Jonathan Seaton, CEO e co-fondatore di Twinkl, ha dichiarato: “Per noi è importante aiutare le nuove generazioni a non dimenticare mai i tragici eventi dell’Olocausto e onorare tutte le sue vittime. I contributi delle scuole di tutta Italia hanno dimostrato come l’arte sia un mezzo ideale per far sì che questo accada, in quanto consente ai bambini di utilizzare forme diverse per esprimere i propri pensieri e sentimenti. Siamo rimasti colpiti da tutti i progetti multimediali inviati finora e abbiamo ricevuto un feedback fantastico dalle scuole, molte insegnanti si sono messe in contatto con noi per comunicarci quanto “Yellow Butterfly” fosse stato un progetto significativo e importante per la loro classi. Di conseguenza, speriamo di rendere questo progetto internazionale il prossimo anno”.