La morte del Sillogismo

print

La morte del Sillogismo: a proposito delle sedi ridimensionate dalla legge 178/2020

Francesco G. Nuzzaci

Prima premessa. Per l’anno scolastico 2021-2022 alle istituzioni scolastiche con un numero di alunni inferiore a 500/300 nelle c.d. zone in deroga “non possono essereassegnati dirigenti scolastici con incarico a tempo indeterminato nei limiti delle risorse autorizzate dal comma 979” (40,84 mln di euro), né in via esclusiva un DSGA. E pertanto sono affidate in doppia reggenza (art. 1, comma 978 della legge 178/2020);

Seconda premessa. L’articolo 1, comma 343 della legge 234/2021 estende il primigenio arco temporale della legge 178/2020 agli anni scolastici 2022-2023 e 2023-2024, recuperando i 40,84 mln di euro – in precedenza stanziati e non utilizzati – e aggiungendovene 45,83 per il 2023 e 37,20 per il 2024;

Terza premessa. L’articolo 47 del D.L. 36/2022, come integrato dalla legge di conversione 79/2022, al comma 8 statuisce che le istituzioni scolastiche di almeno 500/300 alunni di cui alla legge 178/2020, e per il dilatato – e finanziato – arco temporale di cui alla legge 234/2021, sono disponibili:

a) per le operazioni di mobilità regionale (già resa possibile lo scorso anno);

b) per le operazioni di mobilità interregionale (solo ora concessa, sempre salvo sorprese, e provvisoriamente ampliata ex lege al 60% dei posti in ogni regione e fino all’anno scolastico 2024/2025);

c) “per il conferimento di ulteriori incarichi sia per i dirigenti scolastici sia per i direttori dei servizi generali e amministrativi”;

Conclusione. Non potendosi assumere a tempo indeterminato (cioè immettere in ruolo) né dirigenti scolastici né direttori dei servizi generali sulle scuole di almeno 500/300 alunni e non dovendosi expressis verbisneanche conferire reggenza agli uni e agli altri, allora dovranno disporsi contratti a termine: per logica elementare!

Oppure no? Perché – in attesa della preannunciata apposita informativa ai sindacati – indizi gravi, precisi e concordanti conducono alla terza consecutiva disapplicazione di leggi votate dal Parlamento della Repubblica.

Sicché queste scuole saranno date in reggenza, esattamente come quelle poche che permangono sotto i parametri minimi di 500/300 alunni, realizzandosi un’illegittima equivalenza perché espressamente esclusa dal Legislatore, che ancora una volta avrà parlato invano. E con il buon Aristotele che, a giusta ragione, si rivolterà nella tomba.

A questo punto continuare ad attribuire la responsabilità della replicanda aberrazione a direttori generali e/o a capidipartimento che occasionalmente li affianchino non parrebbe proprio plausibile.

Sarebbe pertanto tutta responsabilità politica del ministro Bianchi, che ancora una volta rimanga inerte.