Cessazioni d’ufficio docenti e ATA 65enni, nuovo sollecito del Ministero: ancora da esaminare 19.681 unità

da OrizzonteScuola

Di redazione

Dopo due solleciti e una proroga, il Ministero dell’Istruzione e del Merito, con nota del 16 novembre, sollecita ancora le segreterie a concludere le operazioni relative alla rilevazione delle cessazioni d’ufficio del personale 65enne. La scadenza dell’adempimento è fissato a domani 18 novembre.

Da un ulteriore monitoraggio effettuato in data 16/11/2022, è emerso che il personale oggetto della rilevazione ancora da esaminare ammonta a n. 19.681 unità, pari ad uno scostamento del 46,49% rispetto alla platea del personale individuato al
Sistema Informativo” scrive il Ministero.

Il rispetto della tempistica è presupposto – conclude la nota- per recepire, in sede di determinazione delle dotazioni organiche del personale scolastico, le novità introdotte dall’art. 1, commi 335 e ss., della legge 30 dicembre 2021. n. 234.

Può essere destinatario di collocamento d’ufficio solo il personale che avrà raggiunto un’anzianità contributiva di:

41 anni e 10 mesi al 31 agosto 2023, se donna;
42 anni e 10 mesi al 31 agosto 2022, se uomo.

Il percorso SIDI: “Comunicazioni servizi INPS” – “Rilevazione Pensionamenti D’ufficio Sessantacinquenni”.

NOTA