Nasce una didattica «amica» della tecnologia

print

da Il Sole 24 Ore

Nasce una didattica «amica» della tecnologia

di Cl. T.

Docenti al lavoro per una nuova didattica, “amica” della tecnologia. È lo slogan del progetto «Innovative design dei processi educativi scolastici», promosso dall’Anp (l’Associazione nazionale presidi) e dalla Fondazione Telecom Italia, i cui risultati sono stati presentati nel corso di un convegno ieri a Roma.

Il progetto
Dal 2012 un gruppo di 100 insegnanti di ogni ordine e grado si è confrontato in una sorta di “brain storming” per studiare nuovi itinerari didattici e approcci metodologici, in linea con le nuove tecnologie. Da qui la nascita del «Service Design Thinking», un nuovo modo di pensare le pratiche didattiche, pubblicato sul sito www.innovazioneinclasse.it e a disposizione di tutti gli insegnanti. A oggi sono stati coinvolti nell’attività di diffusione del progetto circa 9mila tra docenti e dirigenti scolastici; 2.500 sono gli utenti registrati per la condivisione del «Service Design Thinking», 10 mila i visitatori unici. Si tratta, spiegano i promotori dell’iniziativa, di «una sorta di cassetta degli attrezzi dove gli insegnanti trovano gli strumenti per una didattica innovativa, che è già stata sperimentata nelle classi da chi ha
studiato il metodo e ha portato a un miglioramento dell’apprendimento».

La didattica innovativa
Il metodo porta dentro le classi italiane nuove strategie passando per quattro importanti fasi: esplorare, ideare, sviluppare e progettare e offrendo strumenti che rendano “evidente” ognuno di questi passaggi. Non cambiano i contenuti da spiegare, dunque, ma gli itinerari. Si vuole finalmente decretare il superamento della scuola “riempitiva e trasmissiva” per rendere affascinante l’oggetto di scoperta, così da coinvolgere e motivare e guidare i ragazzi verso il personale successo formativo. «Con questo progetto – ha detto la vice presidente dell’Anp, Licia Cianfriglia – abbiamo voluto dare un contributo concreto alla sete di formazione degli insegnanti sulle metodologie per innovare la didattica e renderla adeguata ai destinatari di oggi». «Un sistema scolastico efficace, adeguati livelli di istruzione e formazione giocano un ruolo fondamentale nella crescita e nello sviluppo socio economico del paese», ha aggiunto il direttore generale della Fondazione Telecom Italia, Marcella Logli. Il progetto ha come obiettivo «generare valore e progresso per tutto il sistema scolastico nazionale».