L’Europa inizia a Lampedusa

“L’Europa inizia a Lampedusa”, al via oggi i lavori dei 200 studenti sull’isola dall’Italia e dall’Europa con il Sottosegretario Giuseppe De Cristofaro

Sono al lavoro dall’1 ottobre i 200 studenti approdati a Lampedusa da tutta Italia e da altri Paesi Europei. Per due giorni si confronteranno, rifletteranno, approfondiranno i temi dell’immigrazione, dell’integrazione, dei diritti dei rifugiati e dei richiedenti asilo. Lo faranno con esperti e addetti ai lavori. Ma anche ascoltando le testimonianze dei superstiti.

Torna anche quest’anno “L’Europa inizia a Lampedusa”, un’iniziativa promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) in collaborazione con il Comitato Tre Ottobre. I ragazzi arrivati a Lampedusa, isola simbolo dell’accoglienza, hanno tra i 16 e i 18 anni. Sono stati selezionati per i loro progetti presentati nell’ambito del concorso indetto dal MIUR sui temi dell’integrazione, approfondendone i diversi aspetti in percorsi laboratoriali e formativi. Ciascuna scuola italiana ha collaborato con una scuola europea nel corso dell’anno scolastico. L’occasione ora è di confrontarsi con gli studenti lampedusani in sessioni di studio. Sull’isola ci saranno anche diverse delegazioni scolastiche di istituti non vincitori ma che hanno preferito essere presenti qui anziché scegliere mete più tradizionali per la visita d’istruzione.

Workshop, dibattiti, laboratori e approfondimenti proseguiranno nell’istituto omnicomprensivo ‘Luigi Pirandello’ fino a domani, quando gli studenti incontreranno i sopravvissuti al naufragio del 3 ottobre 2013, la tragedia del mare scelta per l’istituzione della “Giornata della Memoria e dell’Accoglienza” (riconosciuta dalla Legge n. 45 del 21 marzo 2016). Nella stessa giornata, il Sottosegretario di Stato del MIUR, Giuseppe De Cristofaroannuncerà il bando del concorso per l’anno scolastico 2019/2020destinato agli studenti delle scuole secondarie italiane in partenariato con le scuole europee.

Giovedì, la conclusione dei lavori con la marcia verso la Porta d’Europa, sempre con la presenza del Sottosegretario De Cristofaro, e la deposizione di una corona di fiori in mare. La Cerimonia si concluderà con la visita del Museo della Fiducia e del Dialogo, nato dal Protocollo di Intesa siglato a Lampedusa il 3 ottobre 2017 tra il MIUR, il Comune di Lampedusa e Linosa e il Comitato Tre Ottobre che accoglie in una sezione i lavori degli studenti delle scuole italiane ed europee.
A far da cornice alle giornate di lavoro anche momenti di approfondimento, incontri, spettacoli e dibattiti realizzati con il contributo delle associazioni nazionali e internazionali del settore nell’ambito del progetto “P(r)onti per l’accoglienza”.

Nota 1 ottobre 2019, AOODGOSV 20401

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
Loro sedi
AI Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della provincia di Bolzano
Bolzano
AI Dirigente del Dipartimento Istruzione della provincia di Trento
Trento
AI Direttore dell’IPRASE TRENTINO
Rovereto
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua tedesca
Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua ladina
Bolzano
AI sovrintendente agli Studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Aosta
Ai docenti di discipline matematico- scientifiche di scuola secondaria di secondo grado Statali e Paritarie
Loro Sedi
E p.c.
AI Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
SEDE
Alla Prof.ssa Serena Bonito
Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
DGSP Uff. V
SEDE

Oggetto: Modalità di partecipazione di docenti e scuole al progetto Nazionale PP&S, a sostegno della didattica nella disciplina di Matematica, per l’a.s. 2019/2020.

Nota 1 ottobre 2019, AOODGSIP 4262

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione
Ufficio II
“Welfare dello Studente, partecipazione scolastica, dispersione e orientamento”

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento
Trento
All’ Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca
Bolzano
All’ Intendente Scolastico per la Scuola Località Ladine
Bolzano
Al Sovrintendente degli studi per la Regione Valle D’Aosta
Aosta
Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali
LORO SEDI
Ai Docenti referenti per le Consulte Provinciali degli Studenti
presso gli UU.SS.RR. e gli ATP
LORO SEDI
Ai Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti
LORO SEDI

OGGETTO: Piano di attuazione l.107/2015: elezioni dei rappresentanti degli studenti delle Consulte Provinciali – biennio 2019 – 2021.

Nota 1 ottobre 2019, AOODGOSV 20404

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
Loro sedi
AI Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della provincia di Bolzano
Bolzano
AI Dirigente del Dipartimento Istruzione della provincia di Trento
Trento
AI Direttore dell’IPRASE TRENTINO
Rovereto
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua tedesca
Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua ladina
Bolzano
AI sovrintendente agli Studi della RegioneAutonoma della Valle d’Aosta
Aosta
Ai docenti di discipline matematico- scientifiche di scuola secondaria di secondo grado Statali e Paritarie
Loro Sedi
E p.c,
AI Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
SEDE
Alla Prof.ssa Serena Bonito
Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
DGSP Uff. V
SEDE

Oggetto: Modalità di partecipazione di docenti e scuole al progetto Nazionale LS-OSAlab a sostegno della didattica nelle discipline di Fisica e Scienze e di Matematica, per l’a.s. 2019/2020.

VALUTARE LA COMPETENZA INTERCULTURALE

Iscrizione gratuita sulla piattaforma SOFIA del MIUR

VALUTARE LA COMPETENZA INTERCULTURALE

Ad ottobre la Fondazione Intercultura organizza in tutta Italia 12 seminari per dirigenti scolastici e insegnanti sulla valutazione della competenza interculturale.

In tutto il mese di ottobre la Fondazione Intercultura organizza 12 seminari rivolti a dirigenti scolastici e docenti sul tema della valutazione della competenza interculturale

La mobilità studentesca internazionale pone alcune sfide ai Consigli di classe, tra cui la valutazione formale delle competenze acquisite dagli studenti nel corso dell’esperienza all’estero. La Nota ministeriale n. 843 del 10 aprile 2013 Linee di indirizzo sulla mobilità studentesca internazionale individuale incoraggia gli Istituti a svolgere una valutazione globale, considerando sia le competenze disciplinari fondamentali che le competenze trasversali, tra cui quella interculturale. In realtà, durante il processo valutativo degli studenti rientrati da un anno di studio all’estero, i Consigli di classe spesso non dispongono degli strumenti per porre  attenzione alla competenza interculturale.

Per questo motivo la Fondazione Intercultura in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine ha condotto una ricerca per individuare strumenti che permettano di valutare e valorizzare la competenza interculturale degli studenti che hanno partecipato a un programma annuale all’estero.

Un modello di valutazione denominato Protocollo di valutazione Intercultura è stato sviluppato e sperimentato insieme a 113 docenti di quasi ogni parte d’Italia, che avevano uno studente all’estero con un programma Intercultura. Per la rubrica valutativa è stato consultato un gruppo internazionale di 29 esperti. Questo Protocollo, elaborato per e con la scuola, offre agli insegnanti uno strumento facile da utilizzare ma scientificamente attendibile per valutare la competenza interculturale dei loro alunni rientrati da un’esperienza all’estero.

Il Protocollo di valutazione Intercultura si fonda sul modello della competenza interculturale elaborato da Darla Deardorff (2006), sugli indicatori connessi alla mobilità studentesca di Mattia Baiutti (2017) e sul modello di valutazione di competenza elaborato da Mario Castoldi (2009).

Nel mese di ottobre 2019 la Fondazione Intercultura in collaborazione con l’associazione Intercultura promuove sul territorio nazionale dodici corsi regionali di formazione per dirigenti scolastici e docenti connessi al Protocollo di valutazione Intercultura, della durata di un giorno. L’iscrizione alle giornate di formazione è gratuita e si effettua tramite il sito www.fondazioneintercultura.org oppure la piattaforma SOFIA del Ministero dell’Istruzione (iniziativa n. 31322).

I corsi avranno luogo:

  • Lunedì 7 ottobre 2019 – Lecce (Liceo Banzi Bazoli) (ed. 45428)
  • Martedì 8 ottobre 2019 – Caltanissetta (Liceo Ruggero VII) (ed. 45432)
  • Mercoledì 9 ottobre 2019 – Reggio Calabria (Liceo Statale Tommaso Gulli) (ed. 45616)
  • Venerdì 11 ottobre 2019 – Benevento (Istituto Galilei Vetrone) (ed. 49107)
  • Lunedì 14 ottobre 2019 – Macomer (Liceo Galileo Galilei) (ed. 45433)
  • Mercoledì 16 ottobre 2019 – Como (Liceo Alessandro Volta) (ed. 45764)
  • Giovedì 17 ottobre 2019 – Torino (IIS C.I. Giulio) (ed. 46333)
  • Venerdì 18 ottobre 2019 – Verona (Liceo N. Copernico) (ed. 45434)
  • Lunedì 21 ottobre 2019 – Pescara (Liceo Galileo Galilei) (ed. 45880)
  • Mercoledì 23 ottobre 2019 – Ancona (IIS Volterra Elia) (ed. 45763)
  • Venerdì 25 ottobre 2019 – Arezzo (Liceo Francesco Redi) (ed. 45499)

Inoltre  il 24 ottobre si terrà a Bologna la prima giornata di formazione dell’unità formativa “Competenza interculturale e mobilità studentesca all’interno del processo di internazionalizzazione della scuola”. Si tratta di un corso di formazione di due giornate (la prima si terrà il 24 ottobre e la seconda nella primavera 2020) che si svolge nell’ambito del progetto FormazionEuropa, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna (http://www.fondazioneintercultura.it/it/Corsi-di-formazione/COMPETENZA-INTERCULTURALE/). 

Per ulteriori informazioni sul progetto e per scaricare il programma del corso:

Sono aperte le iscrizioni per i programmi all’estero 2020/2021 di Intercultura. Il nuovo bando di concorso di Intercultura mette a disposizione più di 2.000 posti, di cui 1.500 accessibili attraverso borse di studio totali e parziali. I programmi sono rivolti prioritariamente a studenti delle scuole superiori nati tra il 1 luglio 2002 e il 31 agosto 2005 (ovvero, indicativamente di età compresa al momento della partenza tra i 15 e i 18 anni). Per informazioni: www.intercultura.it

La Fondazione Intercultura è ente accreditato per la formazione del personale della scuola con Decreto MIUR del 22 luglio 2010 e adeguato alla Direttiva n.170/2016 in data 1 dicembre 2016 e fornirà pertanto adeguata certificazione.

La Fondazione Intercultura Onlus (www.fondazioneintercultura.org)

La Fondazione Intercultura è stata costituita nel 2007 dall’Associazione Intercultura per mettere a frutto il patrimonio unico di esperienze educative internazionali accumulato nel corso di oltre 60 anni di storia. La Fondazione intende favorire la cultura del dialogo e dello scambio interculturale tra i giovani promuovendo ricerche, programmi e progetti che aiutino le nuove generazioni ad aprirsi al mondo e a vivere da cittadini consapevoli e preparati in una società multiculturale. Vi hanno aderito il Ministero degli Affari esteri e il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Del Consiglio direttivo e del comitato scientifico fanno parte eminenti rappresentanti del mondo della cultura, dell’economia e dell’università. La Fondazione è presieduta dall’Ambasciatore Roberto Toscano; Segretario Generale è Roberto Ruffino; del consiglio e del comitato scientifico fanno parte eminenti rappresentanti del mondo della cultura, dell’economia e dell’università. Nel corso della sua attività la Fondazione ha promosso:

  • i convegni internazionali “Tabula Rasa? Neuroscienze e culture” (2019), “Il Silenzio del Sacro” (2017), “Saper vivere insieme. Umanitarismo, riconciliazione, educazione alla convivenza” (2015); “Il corpo e la rete: strumenti di educazione interculturale” (2013); “Ricomporre Babele: educare al cosmopolitismo” (2011); “Identità italiana tra Europa e società multiculturale” (2008)
  • l’“Osservatorio nazionale sull’internazionalizzazione delle scuole e la mobilità studentesca”, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca: www.scuoleinternazionali.org
  • un vasto programma di borse di studio per studenti delle scuole superiori, che consente ogni anno a migliaia di ragazzi di vivere un’esperienza di vita e di studio in oltre 65 Paesi diversi.