Tutti gli articoli di Edscuola

Nota 10 novembre 2010, MIUROODGOS prot. n. 8142 /R.U./U

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Ufficio II

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

Oggetto: EUROMATH 2011 – Terza Conferenza dello Studente Europeo di Matematica. Atene 30 marzo – 3 aprile 2011.

La Società Cipriota della Matematica e la Fondazione Talete, in collaborazione con la Società Europea della Matematica, la Società Ellenica della Matematica ed il Dipartimento di Matematica dell’Università di Atene, organizzano la Terza Conferenza dello Studente Europeo di Matematica per alunni/studenti di età compresa tra i 12 e i 18 anni.

Nel corso della Conferenza che si svolgerà ad Atene (Grecia) dal 30 Marzo al 3 aprile 2011 sarà possibile visitare i numerosi workshop e partecipare a simposi e sessioni riguardanti molteplici aree di studio.

Potranno partecipare all’evento gli studenti provenienti da qualsiasi Scuola Europea o Internazionale, i quali, in occasione della Conferenza potranno presentare progetti relativi a tematiche afferenti la matematica.

Per ulteriori e più dettagliate informazioni si invita a consultare il sito: www.euromath.org

Il Dirigente

Antonio Lo Bello

Nota 10 novembre 2010, MIUROODGOS prot. n. 8143/R.U./U

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Ufficio II

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

Oggetto: Maratona Nazionale di Matematica 2011 – XIV Edizione.

L’Istituto Comprensivo ” Fanelli – Marini ” di Ostia Antica organizza la quattordicesima edizione della Maratona Nazionale di Matematica rivolta agli alunni delle classi terze delle Scuole Medie d’Italia.

L’iniziativa è nata con l’intento di valorizzare gli studi scientifici e di abituare i ragazzi ad avere un approccio motivato e giocoso con la matematica, pregevole veicolo di sviluppo intellettivo.

Le scuole che intendono partecipare alla competizione dovranno selezionare con prove oggettive predisposte all’interno del proprio Istituto il concorrente che dovrà rappresentarla, scelto fra gli alunni di 3^ media. I nominativi del concorrente e dell’accompagnatore dovranno essere comunicati entro il 30 Aprile 2011 utilizzando l’allegata scheda da inviare agli indirizzi di posta elettronica RMIC834003@istruzione.it oppure tramite fax al n° 0656359070.

La prova si svolgerà il 20 Maggio 2011 presso l’Istituto Comprensivo “Fanelli-Marini” di Ostia Antica e nello stesso giorno, presso la Sala Riario di Ostia Antica, si terrà un Convegno di studi matematici quale momento propulsivo della cultura scientifica.

Si confida nella diffusione della presente circolare alle scuole interessate.

Il Dirigente

F.to Antonio Lo Bello

————–

MINISTERO DELL’ ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

ISTITUTO COMPRENSIVO “FANELLI – MARINI”

Via Pericle Ducati,12 -Ostia Antica 00119 RM 06/5652066 fax 06/56359070 Pres 06/5650388

RMIC834003@istruzione.it C.F.97197230580

MARATONA NAZIONALE DI MATEMATICA

XIV EDIZIONE

Regolamento

Art.1- L’Istituto Comprensivo “Fanelli – Marini” di Ostia Antica organizza la quattordicesima

edizione della Maratona Nazionale di Matematica rivolta agli alunni delle classi terze delle

Scuole Medie d’Italia.

Art.2- La prova consiste in problemi e quesiti matematici elaborati e proposti dal Comitato

Scientifico, costituito dal Prof. M.Barra (Dipartimento di Matematica dell’Università La

Sapienza di Roma), dall’ ispettore in quiescenza del MIUR Prof.ssa L.Ciarrapico e dalla

Prof.ssa N.Benedetti (ordinaria di matematica nella scuola superiore).

Art.3- La prova si svolgerà il 20 Maggio 2011 presso l’Istituto Comprensivo “Fanelli-Marini” di

Ostia Antica. La durata della prova è di 3 ore ed è consentito l’uso di riga, squadra,

compasso, calcolatrice tascabile e/o tavole numeriche.

Art.4- Le scuole che intendono partecipare al premio dovranno selezionare con prove oggettive

predisposte all’interno del proprio Istituto il concorrente che dovrà rappresentarla, scelto fra

gli alunni di 3^ media. I nominativi del concorrente e dell’accompagnatore dovranno essere

comunicati entro il 30 Aprile 2011 utilizzando l’allegata scheda da inviare agli indirizzi di

posta elettronica RMIC834003@istruzione.it oppure tramite fax al n° 0656359070.

Art.5- Le Scuole che sono costituite da più plessi potranno far partecipare più di un candidato per

ogni Istituto.

Art.6- Ciascun partecipante sarà accompagnato da un docente o da un genitore.

Art.7- A nessun titolo potranno far parte della commissione giudicatrice professori che insegnano

negli Istituti frequentati dagli alunni che parteciperanno alla gara. La commissione

giudicatrice, presieduta dal Comitato Scientifico, a suo insindacabile giudizio, attribuirà i

premi messi in palio.

Art.8- A tutti i partecipanti saranno consegnate medaglie ricordo e attestati di partecipazione in

pergamena.

Art.9- I primi tre classificati saranno premiati con un computer portatile, una videocamera, una

fotocamera digitale. Riceveranno premi i partecipanti classificatisi fino alla 20a posizione.

INFORMAZIONI – Per informazioni ci si può rivolgere alla referente del progetto Prof.ssa

Cristina Brajon ( cristinabrajon@ hotmail.it , cell. 3406419716).

MARATONA NAZIONALE DI MATEMATICA

XIV EDIZIONE

Scheda di adesione

Da inviare entro il 30 04 2011

Compilare ed inviare la seguente scheda per adesione

Scuola __________________________________

Indirizzo __________________________________

Città __________________________________

Provincia __________________________________

Telefono __________________________________

Fax __________________________________

Email __________________________________

Sito __________________________________

Parteciperà, come deliberato dal Consiglio di Classe nella riunione del…………… ( gg / mm /

aaaa)

e dal Consiglio di Istituto nella riunione del………………………… ( gg / mm / aaaa )

alla Maratona di Matematica che si svolgerà il 20 Maggio 2011 presso l’Istituto Comprensivo “

Fanelli – Marini “ di Ostia Antica – Roma

Alunno/a partecipante ___________________________________

Accompagnatore ( genitore e/o docente ) ___________________________________

MARATONA NAZIONALE DI MATEMATICA

XIV EDIZIONE

Programma 20 maggio 2011

h. 8.30 Accoglienza presso la Scuola Media “ A. Fanelli” dei maratoneti

e consegna delle pergamene.

h. 9.00 Apertura plico sigillato, distribuzione prove.

h. 09.30 – 12.30 Svolgimento della gara con assistenza di personale universitario.

h. 10.00 – 12.00 Convegno di matematica presso la Sala Riario di Ostia Antica.

h. 13.00 – 14.30 Colazione offerta dalla Scuola.

h. 14.30 – 16.30 Correzione elaborati.

h. 14.30 Partenza dei maratoneti e dei loro accompagnatori per la visita

agli Scavi archeologici di Ostia Antica curata dalle “miniguide”

dell’Istituto.

h. 16.30 – 18.00 Sistemazione degli ospiti al Teatro Romano di Ostia Antica.

Concerto musicale della banda del Corpo di Polizia Municipale.

Cerimonia di premiazione.

Nota 10 novembre 2010, MIUROODGOS prot. n. 8141 /R.U./U

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Ufficio II

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di Bolzano

Oggetto: Competizione “Matematica senza Frontiere”

Si comunica l’avvio delle fasi organizzative della competizione “Matematica Senza Frontiere”, edizione italiana di “Mathématiques Sans Frontières”, organizzata nel 1990 nell’Alsazia del Nord da IREM (Inspection Pédagogique Régionale), sotto l’alta autorità del Recteur de l’Académie de Strasbourg che ha visto, nel corso degli anni, la partecipazione sempre più interessata delle istituzioni scolastiche di numerosi paesi europei ed extraeuropei.

In Italia l’iniziativa è promossa dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ed è inserita nell’albo delle Eccellenze del MIUR.

La gara, inizialmente riservata alle classi seconde e terze delle scuole secondarie di secondo grado, ha esteso la partecipazione a tutti i gradi scolastici. Infatti, la partecipazione è stata ampliata alla classe quinta della scuola primaria, alle classi prima e terza della scuola secondaria di primo grado. È stata anche attivata l’interessante sperimentazione del gruppo misto: classe quinta della scuola primaria e classe prima della secondaria di primo grado.

L’iscrizione deve essere effettuata entro il 15 gennaio 2011 on line all’indirizzo: http://old.istruzione.lombardia.it/msf/2011/index.php; Le prove d’accoglienza sono già scaricabili accedendo a: http://www.istruzione.lombardia.it/msf. La Gara Ufficiale è prevista il 22 marzo 2011 (unica per tutte le Nazioni).

Il Dirigente

Antonio Lo Bello

Nota 9 novembre 2010, Prot.AOODGOS n.8077

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

– Uff.I –

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali

Ai Sovrintendenti Scolastici delle Province Autonome di Bolzano e Trento

Al Sovrintendente agli studi della Regione Autonoma Valle d’Aosta

Oggetto: Secondo Certamen nazionale di Probabilità e Statistica “FELICE FUSATO” – Anno scolastico 2010/2011

Il Liceo Scientifico Statale “G.B.Grassi “ di Lecco (Lc), con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, del Polo regionale di Lecco, del Politecnico di Milano, della casa editrice Zanichelli e della Confcommercio di Lecco organizza il secondo Certamen nazionale di Probabilità e Statistica “FELICE FUSATO”.

L’iniziativa, aperta agli studenti frequentanti il quarto e il quinto anno dei corsi di studio secondari di secondo grado che abbiano sviluppato, nei loro piani di studi, contenuti di probabilità e statistica, è compresa nel programma di promozione delle eccellenze per l’anno scolastico 2010/2011, definito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con D.M 27 luglio 2010 (tabella A).

Le modalità di partecipazione sono indicate nel bando che si trasmette in allegato. Eventuali ulteriori informazioni possono essere richieste contattando il numero telefonico 0341/362726, o il seguente indirizzo di posta elettronica: liceo@grassilecco.it .

Si pregano le SS.LL. di dare diffusione della presente nota presso le istituzioni scolastiche interessate del territorio di competenza, tenendo comunque conto che la stessa sarà inserita negli spazi web istituzionali.

Si ringrazia per la collaborazione.

Per IL DIRETTORE GENERALE

Mario Petrini

———————————

BANDO DI CONCORSO

SECONDO CERTAMEN NAZIONALE DI PROBABILITA’ E STATISTICA

“FELICE FUSATO”

1.

Il Liceo Scientifico Statale “G.B.Grassi “ di Lecco (Lc), con la collaborazione dell’ Ufficio Scolastico

Regionale per la Lombardia, del Polo regionale di Lecco del Politecnico di Milano, della Casa Editrice

Zanichelli e della Confcommercio di Lecco organizza il

SECONDO CERTAMEN NAZIONALE DI PROBABILITA’ E STATISTICA “FELICE FUSATO”.

L’iniziativa figura già dalla prima edizione nel programma di promozione delle eccellenze per l’anno

scolastico 2009/2010 definito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con D.M 22

ottobre 2009, Tabella A.

2.

Il concorso è intitolato alla memoria del Prof. Felice Fusato, docente di Matematica del nostro Istituto,

scomparso nel 2007, convinto sostenitore e promotore dell’introduzione di questi temi nel percorso di

studi secondari.

L’iniziativa si prefigge di contribuire a promuovere e valorizzare lo studio e le applicazioni delle scienze

statistiche e di sottolinearne l’importanza negli studi tecnologici, nelle applicazioni scientifiche, nella

ricerca e, conseguentemente, nel curriculum scolastico poiché tali strumenti culturali e quantitativi

risultano essenziali per la comprensione dei fenomeni scientifici e della realtà sociale.

3.

Il concorso è finanziato dalla SISAL SPA, sponsor ufficiale della manifestazione, dalla Camera di

Commercio di Lecco, dalla Provincia di Lecco, dalla ConfCommercio di Lecco e dal Rotaract Club Lecco.

4.

Il concorso è aperto a tutti gli studenti frequentanti il quarto e il quinto anno di un corso di studi

secondari di secondo grado che abbiano sviluppato, nei loro piani di studi, i contenuti di probabilità e

statistica previsti dai vigenti programmi ministeriali.

Il progetto si articola in due fasi: la prima a livello dei singoli istituti aderenti nel mese di febbraio 2011 e

la seconda a carattere Nazionale presso il Liceo G.B.Grassi entro la fine di aprile 2011.

5.

Le prove sono a carattere individuale sugli argomenti indicati al punto 4.

Nella fase di istituto si prevede la risoluzione di questionari, problemi o quesiti.

La prova finale consiste nello svolgimento di cinque problemi e avrà la durata di 4 ore.

Entrambi i testi sono formulati dalla Commissione tecnico-scientifica, appositamente costituita, composta

da docenti di scuola secondaria e universitari.

6.

Nella prova nazionale gli elaborati dovranno essere sviluppati in forma anonima e consegnati in busta

chiusa unitamente ad altra busta anch’essa chiusa, contenente un cartoncino con l’indicazione delle

generalità del candidato.

7.

Gli elaborati della prova finale saranno valutati dalla stessa Commissione tecnico-scientifica, composta da

quattro docenti di scuola secondaria e/o universitari ed integrata dal Dirigente Scolastico del

“G.B.Grassi”, con funzione di Presidente.

Non potranno far parte della Commissione giudicatrice docenti che insegnino negli istituti frequentati da

studenti partecipanti al concorso.

8.

Le domande di partecipazione saranno inviate agli istituti secondari superiori entro il mese di ottobre

2010.

Al termine della prima fase, gli istituti comunicheranno i nominativi dei primi tre studenti classificati che

parteciperanno alla finale nazionale.

Le spese di soggiorno della fase nazionale per gli studenti e i docenti accompagnatori sono a carico

dell’organizzazione.

L’elenco completo degli ammessi sarà comunque pubblicato sul sito web del “G.B.Grassi”

www.grassilecco.it unitamente al programma dettagliato della manifestazione.

9.

La cerimonia di premiazione avrà luogo presso il liceo G.B.Grassi il giorno successivo allo svolgimento e

alla correzione della prova.

Sono previsti premi in denaro e/o libri ai primi 10 studenti classificati e riconoscimenti speciali per le

migliori soluzioni ai singoli problemi.

A tutti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

10.

Eventuali ulteriori informazioni possono essere richieste al numero telefonico 0341/362726 o al

seguente indirizzo di posta elettronica: liceo@grassilecco.it .

Lecco, 29 marzo 2010

Eugenio Ripamonti

Dirigente scolastico

Nota 9 novembre 2010, Prot. n.AOODPIT3320

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Ai Direttori Generali degli Uffici

Scolastici Regionali

LORO SEDI

e, p.c.,

Ai Sovrintendenti scolastici per le Province di

BOLZANO e di TRENTO

All’Intendente scolastico per la scuola in lingua tedesca

BOLZANO

All’Intendente scolastico per la scuola delle località ladine

BOLZANO

Al Sovrintendente agli studi per la Valle d’Aosta

AOSTA

Oggetto: Valutazione. Indicazioni operative per l’a.s. 2010-2011

Pervengono al Ministero numerosi quesiti concernenti la valutazione degli apprendimenti in occasione degli scrutini periodici e finali.

Premesso che, in relazione alla ridefinizione degli assetti ordinamentali, organizzativi e didattici del sistema di istruzione derivanti dalla completa attuazione dell’articolo 64 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, saranno adottate le modifiche e integrazioni al d.P.R. 22 giugno 2009, n. 122 previste nell’art. 14, comma 8 del medesimo d.P.R. n. 122/2009, al fine di assicurare l’ordinato e sereno svolgimento degli scrutini periodici e finali nel corrente anno scolastico, si formulano le seguenti indicazioni operative.

In primo luogo, si ribadisce che gli scrutini relativi alle classi terminali si svolgeranno secondo le consuete modalità nel rispetto nelle norme vigenti in materia di valutazione degli alunni. Analogamente, si svolgeranno con le consuete modalità gli scrutini relativi alle classi seconda, terza e quarta dei percorsi liceali di ordinamento o sperimentali. Per quanto riguarda le classi seconda, terza e quarta degli istituti tecnici, coinvolte nell’attuazione delle note disposizioni sulla ridefinizione dell’orario complessivo delle lezioni, si richiama l’attenzione sulla circostanza che l’intervento riduttivo si intende limitato alle sole ore di lezione e, pertanto, non si estende agli ordinamenti, che rimangono invariati. Ciò considerato, si ritiene che, in generale, non sussistano ragioni che possano giustificare la modificazione degli attuali ordinamenti in materia di valutazione. Le istituzioni scolastiche che abbiano ritenuto di discostarsi da essi sono pertanto invitate a riconsiderare il loro orientamento. Le istituzioni scolastiche che motivatamente ritengano di non poter modificare, per l’anno scolastico in corso, le decisioni già assunte in sede di programmazione dell’attività didattica garantiranno comunque l’effettuazione di verifiche coerenti con le prove previste dagli ordinamenti o dai decreti di autorizzazione delle sperimentazioni.

Per quanto riguarda la valutazione degli alunni frequentanti le prime classi dei percorsi del nuovo ordinamento, nelle more della già citata revisione e integrazione del decreto del Presidente della Repubblica n. 122/2009, si fa presente che, ove sia possibile ricondurre, sotto il profilo sostanziale, gli insegnamenti ivi previsti agli insegnamenti impartiti nei corrispondenti previgenti curricoli delle istituzioni scolastiche (ordinamentali o, se del caso, sperimentali), le istituzioni scolastiche si atterranno, per la individuazione delle prove relative agli insegnamenti da valutare, negli scrutini periodici, alle indicazioni riportate nei decreti istitutivi dei percorsi ordinamentali o, se del caso, sperimentali del previgente ordinamento. Per esempio, nella prima classe del liceo classico di nuovo ordinamento, sono insegnamenti a più prove, quindi con voto distinto per lo scritto e per l’orale, Lingua e letteratura italiana, Lingua e cultura latina, Lingua e cultura greca, Lingua e cultura straniera. In effetti, tali insegnamenti sono riconducibili ai corrispondenti insegnamenti ginnasiali di Lingua e lettere italiane, Lingua e lettere latine, Lingua e lettere greche e Lingua e letteratura straniera, i quali prevedono, quali prove di esami interni, prove scritte e orali. Sono insegnamenti a una sola prova i seguenti: Storia e Geografia, Scienze naturali e Scienze motorie e sportive (perché tali insegnamenti o le discipline in essi comprese sono a una sola prova nelle classi ginnasiali o liceali del previgente ordinamento del ginnasio-liceo classico). Gli insegnamenti a una sola prova sono valutati con un solo voto anche negli scrutini periodici. Laddove nel vecchio ordinamento i percorsi ordinamentali siano affiancati da percorsi sperimentali, ai fini della individuazione degli insegnamenti a una o più prove si farà riferimento ai percorsi ordinamentali. In caso di mancanza di percorsi ordinamentali cui fare riferimento, le istituzioni scolastiche si atterranno alle indicazioni contenute nei decreti relativi ai progetti di più ampia diffusione nazionale assisti dal Ministero (per esempio, agli indirizzi “Brocca”).

Ove gli insegnamenti previsti nei percorsi del nuovo ordinamento non appaiano immediatamente riconducili a quelli attivati nei percorsi del previgente ordinamento, le istituzioni scolastiche assumeranno le opportune decisioni in materia di individuazione degli insegnamenti a una o più prove, ovviamente sulla base di una conoscenza approfondita delle Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento dei percorsi liceali, delle Linee guida a norma dell’articolo 8, comma 3, del d.P.R. 15 marzo 2010, n. 88 (Direttiva n. 57 del 15 luglio 2010 – Istituti tecnici) e delle Linee guida a norma dell’articolo 8, comma 6 del d.P.R. 15 marzo 2010, n. 87 (Direttiva n. 65 del 28 luglio 2010 – Istituti professionali) nonché dei risultati di apprendimento relativi ai singoli percorsi liceali, tecnici e professionali. In effetti, i sopra citati documenti appaiono sufficientemente articolati in rapporto all’esigenza di stabilire se specifici insegnamenti richiedano o meno, negli scrutini pe-riodici, l’assegnazione di uno o più voti correlati ad una o più prove (scritte, orali, pratiche, grafiche o altro). A tale proposito, è comunque opportuno che, in apposite conferenze di servizio convocate dai competenti direttori degli Uffici scolastici regionali, i dirigenti scolastici esaminino le problemati-che emergenti e formulino convergenti proposte di soluzione da sottoporre ai collegi dei docenti.

Peraltro, le esperienze realizzate dalle scuole in materia di valutazione, anche per effetto delle norme introdotte dalla legge 10 dicembre 1997, n. 425 e successive modifiche ed integrazioni, hanno permesso di affinare la cultura della valutazione e di arricchire il patrimonio delle tipologie di verifica degli apprendimenti. Nella terza prova scritta possono essere coinvolte discipline che non prevedono la valutazione dello scritto. Nelle classi sperimentali la seconda prova scritta può vertere anche su disciplina o discipline per le quali il relativo piano degli studi non preveda la prova scritta. Le citate Indicazioni nazionali e Linee guida prescrivono il raggiungimento di risultati di apprendimento variamente articolati. Le istituzioni scolastiche sono pertanto tenute a verificare, con idonee ed adeguate procedure, i risultati conseguiti dagli studenti su più versanti all’interno del medesimo insegnamento. Si ritiene perciò che, relativamente agli insegnamenti a una sola prova, in rapporto alla specificità e alla varietà dei risultati di apprendimento attesi, le istituzioni scolastiche siano tenute ad individuare le tipologie di verifica degli apprendimenti finalizzate alla valutazione periodica e finale. Le citate tipologie possono prevedere, per esempio, forme scritte anche nel caso di insegnamento a sola prova orale.

Nei piani degli studi di percorsi del nuovo ordinamento sono rappresentati insegnamenti comprendenti più discipline (per esempio, nei licei: Storia e Geografia, Matematica con Informatica, Scienze naturali, Scienze umane; negli istituti tecnici e professionali: Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia)). Avuto riguardo alle Indicazioni nazionali e alle Linee guida, si ritiene che, anche in sede di scrutinio periodico, il voto debba essere attribuito per l’insegnamento e non per ogni singola disciplina compresa nell’insegnamento. A titolo di esempio, si precisa che, nel liceo scientifico, Matematica con Informatica è, ovviamente, insegnamento a più prove (con voto distinto per lo scritto e per l’orale). Negli scrutini periodici deve quindi essere attribuito un voto per lo scritto di Matematica con Informatica e un voto per l’orale di Matematica con Informatica.

Eventuali quesiti potranno essere rivolti alla Direzione generale per gli ordinamenti e per l’autonomia scolastica.

Si ringrazia per la collaborazione.

IL CAPO DIPARTIMENTO

F.to Giuseppe Cosentino

Nota 8 novembre 2010, Prot. AOODPIT/0003310

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’istruzione

Ufficio IV

Ai Direttori generali

degli Uffici Scolastici regionali

LORO SEDI

E, p.c.

Al Sovrintendente dell’Intendenza scolastica

italiana per la Provincia di Bolzano

BOLZANO

Al Responsabile del Dipartimento istruzione

della Provincia di Trento

TRENTO

All’Intendente scolastico

per la scuola di lingua tedesca

BOLZANO

All’Intendente scolastico

per la cultura e la scuola ladina

BOLZANO

Al Sovrintendente degli studi

per la Regione Valle D’Aosta

AOSTA

Al Capo di Gabinetto

SEDE

Al Capo dell’Ufficio legislativo

SEDE

Al Consiglio Nazionale

della Pubblica Istruzione

Al Capo dipartimento

per la programmazione

Ai Direttori generali

dell’Amministrazione centrale

SEDE

Oggetto: Indicazioni e istruzioni per l’applicazione al personale della scuola delle nuove norme in materia disciplinare introdotte dal decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, “Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni”. Trasmissione circolare.

Si trasmette, in allegato, la circolare n. 88, prot. n. 3308 dell’8 novembre 2010, contenente le “Indicazioni e istruzioni per l’applicazione al personale della scuola delle nuove norme in materia disciplinare introdotte dal decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150”.

Com’è noto alle SS.LL. il predetto decreto legislativo (pubblicato nella Gazz. Uff. 31 ottobre 2009, n. 254, S.O.), recante le norme di attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, “Delega al Governo finalizzata all’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e alla efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni nonché disposizioni integrative delle funzioni attribuite al Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro e alla Corte dei conti” (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 53 del 5 marzo 2009), è in vigore dal 15 novembre 2009.

Fra le molteplici innovazioni introdotte dall’intervento riformatore, assume rilevante importanza per questo Ministero la normativa sulla responsabilità disciplinare che, diversamente dal passato, si applica ora a tutte le categorie di pubblici dipendenti, comprese quelle con qualifica dirigenziale, senza distinzioni o eccezioni riferite a singoli comparti di appartenenza.

Tale normativa configura, pertanto, un sistema sanzionatorio uniforme ed omogeneo, nel quale non assumono più rilevanza i profili di specialità che prima valevano con riguardo a singole tipologie di lavoro pubblico, come si dirà più diffusamente nel documento allegato illustrando i riflessi della nuova disciplina in particolare sul personale docente.

Tenuto conto della complessità e delicatezza della materia, si è pertanto ritenuto opportuno tracciare, innanzitutto, un quadro di sintesi delle novità legislative di maggiore impatto per il settore della scuola e poi, in relazione agli aspetti che più rilevano, fornire a codesti Uffici specifiche indicazioni volte ad assicurare, nella fase applicativa, sia l’uniformità di azione, sia un più agevole svolgimento dei connessi adempimenti.

A tale riguardo, per il supporto giuridico agli organi disciplinari competenti (direttori generali degli USR, dirigenti scolastici e Uffici per i procedimenti disciplinari), si è ritenuto opportuno costituire presso questo Dipartimento un apposito nucleo di assistenza coordinato dal dott. Fabrizio Manca, dirigente dell’Ufficio IV -“Affari giuridici”.

Il suddetto nucleo, che si avvale della collaborazione delle competenti strutture della Direzione generale per il personale scolastico, svolgerà attività di consulenza, rilevazione e analisi dei dati inerenti la gestione del procedimento disciplinare e del relativo contenzioso.

La formulazione di quesiti, richieste di chiarimenti o dubbi interpretativi in merito alle indicazioni applicative delle nuove norme disciplinari dovrà pervenire al predetto nucleo esclusivamente tramite e-mail, utilizzando il seguente indirizzo di posta elettronica: procedimentidisciplinari.scuola@istruzione.it.

Le SS.LL. provvederanno a dare massima diffusione alla circolare in questione negli ambiti territoriali di rispettiva competenza assicurando una puntuale informativa agli organi disciplinari competenti (dirigenti scolastici e Uffici per i procedimenti disciplinari), nonché a tutto il personale scolastico e dell’Amministrazione interessato.

Riguardo, in particolare, all’informativa da rivolgere ai docenti e al personale ATA, le SS.LL. richiameranno l’attenzione dei dirigenti scolastici affinché in ciascuna sede di servizio siano organizzati momenti di comune riflessione sui contenuti della circolare di cui trattasi.

Le SS.LL. medesime avranno altresì cura di controllare che la gestione dei procedimenti disciplinari avvenga nel rispetto delle indicazioni applicative fornite, segnalando al predetto nucleo di assistenza eventuali disfunzioni od anomalie.

Data la rilevanza generale che riveste la circolare di cui trattasi, la medesima è pubblicata anche sul sito Internet di questo Ministero (www.istruzione.it).

IL CAPO DIPARTIMENTO

F.to Giuseppe COSENTINO

Circolare Ministeriale 8 novembre 2010, n. 88

Nota 8 novembre 2010, Prot. n. AOODGPER 9839

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per il personale scolastico

Uff. III

Oggetto: Supplenze temporanee del personale docente.

Si fa riferimento alle continue segnalazioni riguardanti la difficoltà delle istituzioni scolastiche nell’assicurare la piena funzionalità delle attività didattiche in caso di assenza temporanea del

personale docente.

Al riguardo, nel confermare le indicazioni già fornite con la nota n. 14991 del 6 ottobre 2009, si ribadisce l’obbligo di provvedere alla sostituzione di detto personale assente temporaneamente, prioritariamente con personale della scuola in soprannumero o con ore a disposizione o di contemporaneità non programmata in applicazione di quanto previsto dall’art. 28, commi 5 e 6, del CCNL/07 ed, in subordine, mediante l’attribuzione di ore eccedenti a personale in servizio e disponibile nella scuola fino ad un massimo di 6 ore settimanali oltre l’orario d’obbligo.

Ciò premesso, si ricorda che l’istituto delle ore eccedenti, considerato l’ammontare limitato delle risorse disponibili, annualmente definito e di celere esaurimento, ha natura emergenziale ed ha come finalità lo specifico obiettivo di consentire la sostituzione immediata e limitata nel tempo del docente assente, in attesa della nomina del supplente temporaneo avente diritto.

Pertanto, nel rispetto della normativa e delle procedure richiamate nella stessa nota, nel caso in cui le soluzioni indicate (sostituzione con personale in esubero, con ore a disposizione, con attribuzione di ore eccedenti nel limite delle risorse assegnate) non risultino praticabili o sufficienti, i dirigenti scolastici, al fine di garantire ed assicurare il prioritario obiettivo del diritto allo studio e della piena funzionalità delle attività didattiche, possono provvedere alla nomina di personale supplente in ogni ordine e grado di scuola anche nel caso di assenza del titolare per periodi inferiori a 5 giorni nella scuola primaria, come previsto dall’art. 28, c. 5 del CCNL e a 15 giorni nella scuola secondaria, fermo restando quanto previsto in merito alla procedura semplificata per la nomina del supplente nella scuola dell’infanzia e primaria per assenze fino a 10 giorni dall’art. 5, c. 6 e art. 7, c. 7 del vigente Regolamento delle supplenze.

Appare opportuno richiamare l’attenzione sull’opportunità di non ricorrere alla sostituzione dei docenti assenti con personale in servizio su posti di sostegno, salvo casi eccezionali non altrimenti risolvibili.

Si segnala infine che la spesa per la sostituzione del personale assente non può essere coperta con le risorse del FIS, visti i vincoli specifici di destinazione previsti dal contratto stesso nell’utilizzo di tali risorse.

IL DIRETTORE GENERALE

f.to Luciano Chiappetta

Avviso 8 novembre 2010, MIURAOODGOS prot. n. 8027 /R.U./U

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e per l’autonomia scolastica

Uff. V

Oggetto: Esami abilitazione esercizio professioni Perito agrario, Perito industriale, Geometra, Agrotecnico – sessione 2010 – accesso alle funzioni ‘Gestione sostituzioni’, ‘Rettifica commissioni’ e ‘Rilevazioni statistiche’ del SIDI.

Si comunica che dal 24 novembre 2010 saranno disponibili le funzioni SIDI per la registrazione delle sostituzioni e delle rettifiche delle commissioni e per le rilevazioni dei dati statistici riguardanti gli esami in oggetto.

Le suddette funzioni, disponibili fino al 26 febbraio 2011, sono raggiungibili dalla Home Page del portale SIDI attraverso i seguenti percorsi:

I tuoi Servizi_ Gestione anno scolastico_ Esami di Stato _ Esami di Stato e di abilitazione alla libera professione _ Esami di abilitazione alla libera professione _ Gestione Domande _ Gestione Sostituzioni;

I tuoi Servizi_ Gestione anno scolastico _Esami di Stato _ Esami di Stato e di abilitazione alla libera professione _ Esami di abilitazione alla libera professione _ Gestione Commissioni _ Rettifica Commissioni;

I tuoi Servizi_ Gestione anno scolastico _Esami di Stato _ Esami di Stato e di abilitazione alla libera professione _ Esami di abilitazione alla libera professione _ Rilevazioni Statistiche;

La guida operativa è raggiungibile dalla Home Page del portale SIDI, attraverso il link Esami di Abilitazione, presente nella sezione Procedimenti Amministrativi posta in basso alla pagina.

IL DIRIGENTE

– Edvige Mastantuono –

Nota 8 novembre 2010, MIUROODGOS prot. n. 8023 /R.U./U

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Ufficio II

Ai Direttori Generali

degli Uffici Scolastici Regionali

LORO SEDI

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione Autonoma della Valle d’Aosta

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di Bolzano

Al Sovrintendente Scolastico

per la Provincia Autonoma di Trento

All’Intendente Scolastico per le scuole

delle località ladine di Bolzano

All’Intendente Scolastico

per la scuola in lingua tedesca

di Bolzano

Oggetto: Competizione Nazionale – Premio Letterario “C’era una svolta” – Edizione 2010/2011.

Il Liceo statale “Giordano Bruno” di Albenga, in collaborazione con il Comune di Albenga e con la Provincia di Savona, comunicano l’avvio della XIV Edizione del Premio Letterario Nazionale “C’era una svolta”.

La competizione è riservata agli studenti delle Scuole Medie Superiori italiane e quelle europee equivalenti.

Le iscrizioni al concorso dovranno essere effettuate entro e non oltre il 15 novembre 2010.

La prova del Concorso si svolgerà in contemporanea presso tutte le scuole partecipanti il 24 novembre 2010 dalle 14.30 alle 18,30 e consisterà nel terminare l’inizio di un racconto, appositamente composto per loro da un autore italiano, per questa Edizione 2010/2011 è stato scelto l’Autore UMBERTO ECO.

Gli elaborati dovranno essere spediti a cura dei Docenti referenti al Liceo statale “Giordano Bruno” di Albenga con posta prioritaria tassativamente entro il 25 novembre 2010 (giorno successivo alla prova).

I vincitori saranno premiati alla presenza delle loro famiglie e delle Autorità Locali in un incontro con l’Autore UMBERTO ECO che si terrà ad Albenga, presumibilmente nel mese di marzo 2011.

Per le modalità di partecipazione e qualsiasi altra informazione relativa al Concorso “C’era una svolta” si potrà consultare il sito: www.liceogbruno.it oppure telefonare alla Segreteria del Liceo 0182 555601.

Il Dirigente

Antonio Lo Bello

———————–

Liceo Statale “Giordano Bruno”

Comune di Albenga

Provincia di Savona

PREMIO LETTERARIO NAZIONALE “C’ERA UNA SVOLTA”

XIV EDIZIONE –ANNO 2010/2011

Il Liceo statale “Giordano Bruno” di Albenga, in collaborazione con il Comune di Albenga e con la Provincia di Savona, bandisce la XIV edizione del Premio Letterario Nazionale “C’era una svolta” riservato agli studenti delle Scuole Medie Superiori italiane e di quelle europee equivalenti .

L’iniziativa ha visto, negli anni, la partecipazione di illustri scrittori, quali, tra gli altri, Lorenzo Mondo, Andrea De Carlo, Margherita Oggero, Ernico Remmert, Giuseppe Conte, Sebastiano Vassalli, Gianrico Carofiglio, Andrea Bajani, Simonetta Agnello Hornby…e vuole offrire ai ragazzi un’occasione di scrittura originale e creativa. La conoscenza diretta di un autore invoglierà, altresì, i giovani a riscoprire la letteratura, in particolare i romanzi italiani contemporanei.

il premio letterrario C’era una svolta ha ottenuto dall’anno 1008-2009 il riconoscimento ministeriale per l’individuazione delle eccellenze.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER OGNI ALUNNO:

3 EURO

REGOLAMENTO:

• L’Autore – per l’a.s. 2010/2011 sarà UMBERTO ECO – scriverà l’incipit del racconto

• La prova si svolgerà il 24 novembre 2010 dalle 14.30 alle 18,30 – in contemporanea – presso tutte le scuole partecipanti.

Gli elaborati dovranno essere spediti a cura dei Docenti referenti al Liceo G.Bruno con posta prioritaria TASSATIVAMENTE entro il giorno successivo alla prova ( 25 novembre 2010).

• Durata della prova: 4 ore.

Gli alunni non scriveranno il loro nome sul foglio, il cui contenuto dovrà risultare anonimo. Il racconto sarà inserito in una busta grande, contenente anche una busta più piccola al cui interno dovranno essere inseriti i dati del concorrente: nome, cognome, classe, sezione, scuola di appartenenza e pseudonimo usato dall’alunno.

Una giuria interna, composta da docenti del Liceo Bruno e dai docenti delle altre scuole che vorranno partecipare opererà una prima selezione, dopo aver contato e numerato le buste contenenti i diversi racconti, distinti così da un numero d’ordine.

• Una giuria esterna, composta da ex alunni ed ex docenti delle Scuole cittadine coinvolte sceglierà i 5 racconti finalisti.

• I 5 racconti finalisti verranno inviati all’Autore che sceglierà il vincitore e formulerà la classifica

PREMI :

1°PREMIO: 500 euro

2°PREMIO: 400 euro

3°PREMIO: 300 euro

4°PREMIO: 200 euro

5°PREMIO: 100 euro

Quest’anno è previsto un premio speciale offerto dalla Fondazione COLOR YOUR LIFE (www.coloryourlife.it) consistente in un soggiorno presso la Dreamerschool di Loano. Potranno, inoltre,essere distribuiti altri premi in denaro o in prodotti offerti dagli sponsor a tutti i finalisti.

• I vincitori saranno premiati alla presenza delle loro famiglie e delle Autorità Locali in un incontro con l’Autore che si terrà ad Albenga, presumibilmente nel mese di marzo 2011 del quale sarà data ampia pubblicità

Direttiva 8 novembre 2010, n. 87

Direttiva 8 novembre 2010, n. 87

Registrata alla Corte dei Conti in data 29 novembre 2010, reg. 18 foglio 69

“Individuazione degli interventi prioritari e criteri generali per la ripartizione delle somme, per le indicazioni sul monitoraggio, il supporto e la valutazione degli interventi stessi” ai sensi dell’articolo 2 della legge 18 dicembre 1997, n. 440

5 novembre DL Sicurezza In CdM

Il Consiglio dei ministri, nel corso della seduta del 5 novembre 2010, approva un decreto legge in materia di sicurezza pubblica.
Il decreto legge disciplina, tra l’altro,
  • la carta d’identità elettronica che diventa, coerentemente con gli standard internazionali, documento di identificazione e di sicurezza di tutti i cittadini sin dalla nascita;
  • l’accesso alla rete Wi.Fi, superando le restrizioni al libero accesso alla rete contenute nel cosiddetto “decreto Pisanu”.

Avviso 4 novembre 2010, MIURAOODGOS prot. n. 7917

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione generale Ordinamenti scolastici e Autonomia scolastica

Ufficio II

Il 27 ottobre, nel corso di un seminario di studio organizzato dalla Struttura Tecnica per gli Esami di Stato, sono stati presentati i risultati dell’indagine nazionale sulla prova scritta di matematica agli esami di Stato 2010 del liceo scientifico. L’indagine è stata effettuata dalla Facoltà d’Ingegneria della Seconda Università di Napoli con la collaborazione della Società Italiana di Scienze Matematiche e Fisiche, Mathesis. I dati della rilevazione sono disponibili su www.matmedia.it.

IL Dirigente

F.to A. Lo Bello

Nota 4 novembre 2010, Prot. AOODGOS 7930

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

Dipartimento per l’Istruzione

Direzione Generale per gli Ordinamenti scolastici e per l’Autonomia Scolastica

Ai Direttori Generali

Uffici Scolastici Regionali

e, p.c. Al Capo Dipartimento per l’istruzione

Al Capo Dipartimento per la programmazione

Al Capo dell’Ufficio di Gabinetto del Ministro

Al Capo dell’Ufficio legislativo

SEDE

Oggetto: Contributi statali per sezioni primavera – e.f. 2010.

Al fine di consentire il perfezionamento delle intese regionali per il servizio educativo delle sezioni primavera per il 2010-11, come previsto dall’art. 2 dell’Accordo definito in Conferenza Unificata il 7 ottobre scorso, si forniscono informazioni circa i contributi statali.

L’articolo 6 dell’Accordo, relativo alle risorse statali da assegnare agli Uffici scolastici regionali per l’esercizio finanziario 2010 quale contributo per il funzionamento di tale servizio educativo, individua una quantificazione precisa di tali risorse e rinvia ad un’ulteriore quota da definire.

Più esattamente l’articolo suddetto determina puntualmente il contributo statale in €. 23.500.000, rispettivamente a carico del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca per la quota di €. 18.500.000 e del Dipartimento delle politiche per la famiglia per la quota di €. 5.000.000.

La quota di risorse finanziarie a carico del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che lo stesso Dicastero, come dispone l’Accordo, si è riservato di definire successivamente, è stata ora quantificata nella misura di €. 1.400.000, così come comunicato con nota prot. 19/III/3323 del 3 novembre 2010.

Pertanto, la disponibilità complessiva di risorse finanziarie per l’esercizio 2010 a favore del servizio educativo delle sezioni primavera è pari a €. 24.900.000.

p. Il Direttore Generale

f.to Il dirigente Mario Petrini