Concorso docenti, quello che c’è da sapere sulla domanda da presentare on line

da La Tecnica della Scuola

Concorso docenti, quello che c’è da sapere sulla domanda da presentare on line

Il Miur, contestualmente all’uscita dei tre bandi di concorso per selezionare 63.712 docenti, ha fornito diverse indicazioni su come produrre la domanda di partecipazione.

Ve le riproponiamo, con alcuni commenti, all’interno di questo documento.

Gli aspiranti docenti, per partecipare a ciascuna delle tre procedure concorsuali (scuola dell’infanzia e primaria, sostegno, scuola secondaria), devono presentare obbligatoriamente domanda online.

La domanda sarà disponibile su Istanze Online del sito MIUR dalle ore 8:00 del 29 febbraio alle ore 14:00 del 30 marzo (ricordiamo che è necessario registrarsi, sempre attraverso l’interazione dell’interessato con una segreteria scolastica).

Per questa attività è previsto, nello stesso periodo, un servizio di assistenza telefonica: dal 29 febbraio al 30 marzo, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 18.00, i candidati potranno chiamare lo 080.9267603.

Mentre, per informazioni di natura amministrativa, si rivolgeranno al competente Ufficio Scolastico Regionale.

TUTTE LE NOTIZIE SUL CONCORSO ANCHE SU TELEGRAM

Il Miur ha anche indicato che le domande presentate con modalità diversa da quella indicata non saranno prese in considerazione: pertanto, il sistema telematico Istanze On Line negherà, automaticamente, la possibilità di inviare la domanda di partecipazione a tutti i docenti già di ruolo e ai non abilitati.

Nella domanda online, sottolinea sempre il dicastero di viale Trastevere, l’aspirante dovrà compilare le informazioni richieste in merito a:

–          regione e insegnamenti richiesti;

–          titoli di accesso (abilitazione e/o abilitazione e specializzazione in caso di sostegno);

–          altri titoli valutabili in aggiunta al titolo di accesso;

–          titoli di preferenza (art. 5, commi 4 e 5, del decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487);

–          titoli di riserva;

–          altre dichiarazioni.

Lascia un commento