Archivi tag: Europa

PON sulla transizione green


Nuove risorse a disposizione delle scuole secondarie di II grado per favorire la formazione alla transizione ecologica, per un totale di 100 milioni di euro di fondi PON-REACT EU. È disponibile da oggi sul sito del Ministero dell’Istruzione l’Avviso pubblico “Laboratori green, sostenibili e innovativi per le scuole del secondo ciclo” per la realizzazione e il potenziamento di ambienti didattici utili nell’ambito dell’educazione alla sostenibilità. Il bando si rivolge agli istituti delle Regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto. Con le risorse aggiuntive della tranche 2022 del REACT EU sarà possibile finanziare sia le scuole secondarie del Centro-Nord sia ulteriori scuole delle Regioni del Mezzogiorno.

Fino alle ore 15 del 6 maggio 2022, gli istituti interessati potranno presentare le proprie candidature. Ogni istituzione scolastica potrà candidare un solo progetto. Le scuole che saranno ammesse al finanziamento riceveranno 130.000 euro e grazie a queste risorse potranno realizzare laboratori didattici, ciascuno a seconda delle specificità di indirizzo, ad esempio su “Agricoltura 4.0”, alimentazione sostenibile, energie rinnovabili, produzione dei rifiuti, qualità dell’aria. Nella selezione sarà data priorità alle scuole a indirizzo agrario che necessitano di laboratori all’avanguardia per le annesse aziende agrarie.

“Il cambiamento è già in atto – dichiara il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi – e dobbiamo dotare tutti i nostri istituti di strumenti e ambienti di apprendimento per facilitare l’educazione su temi e questioni, come la sostenibilità ambientale, l’efficientamento energetico, la transizione ecologica, fondamentali per il pieno sviluppo di ogni ragazza e ragazzo. Questo nuovo Avviso amplia la platea dei beneficiari rispetto al primo bando rivolto alle sole scuole del Mezzogiorno e costituisce una straordinaria opportunità per costruire passo dopo passo la nuova scuola di cui il Paese ha bisogno. Con il Piano ‘RiGenerazione Scuola’ abbiamo indicato la strada, il percorso che le nuove generazioni devono seguire per acquisire conoscenze e competenze per essere protagonisti di questo tempo e del futuro”. 

Inoltre si riaprono, con un ulteriore Avviso, anche i termini per la realizzazione dei laboratori green per le scuole delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia non finanziate a seguito del precedente Avviso, scaduto lo scorso 31 gennaio, che potranno candidare i propri progetti entro le ore 15 del 6 maggio 2022.


Giardini e orti didattici all’interno delle scuole del primo ciclo. Laboratori sulla transizione ecologica per quelle del secondo ciclo. Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato oggi le graduatorie dei 3.500 progetti finanziati con oltre 155 milioni di fondi PON-REACT EU che renderanno gli istituti italiani più innovativi e sostenibili.  

Sono stati autorizzati tutti i progetti presentati dagli istituti scolastici che hanno aderito ai bandi. Nello specifico, vengono finanziati 2.855 progetti, per un totale di oltre 71 milioni di euro, di scuole statali del primo ciclo e di istituti omnicomprensivi che hanno partecipato all’Avviso “Edugreen: laboratori di sostenibilità per il primo ciclo”. Il Bando era rivolto alle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto. Ogni scuola riceverà 25.000 euro e grazie a queste risorse alunne e alunni potranno apprendere elementi di scienze, di educazione alimentare e alla sostenibilità, sperimentando direttamente in ambienti naturali di esplorazione.  

Per quanto riguarda il secondo ciclo, sono 645 i progetti ammessi al finanziamento per l’Avviso “Laboratori green, sostenibili e innovativi per le scuole del secondo ciclo”, che si rivolgeva alle istituzioni scolastiche statali del secondo ciclo di istruzione e agli istituti omnicomprensivi delle sole Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia). Le risorse stanziate complessivamente sono oltre 83 milioni di euro. Ciascun progetto otterrà 130.000 euro. Potranno essere realizzati laboratori sulla transizione ecologica e sulla sostenibilità, declinati in base alle specificità dell’istituto e con l’utilizzo di tecnologie innovative. Nei prossimi giorni, sarà pubblicato un ulteriore Avviso che amplia la platea dei beneficiari anche per le Regioni non comprese in questo bando.  

“Passo dopo passo stiamo costruendo la nuova scuola oltre l’emergenza – dichiara il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi –. Una scuola inclusiva, innovativa, sostenibile. Se vogliamo vedere il cambiamento, dobbiamo realizzarlo con l’educazione. Questi Avvisi dimostrano che ci sono diversi modi di fare ed essere scuola. La grande partecipazione delle comunità scolastiche testimonia l’esigenza di trovarli e sperimentarli, per essere al passo con le sfide che questi tempi ci pongono”. 


Ambienti e laboratori per l’educazione e la formazione alla transizione ecologicaAvviso pubblico 50636 del 27 dicembre 2021

Un totale di 102 mln di euro per promuovere il tema della transizione ecologica e lo studio dell’educazione ambientale nelle scuole statali del primo e del secondo ciclo d’istruzione, con particolare riguardo alle regioni del Mezzogiorno. È lo stanziamento previsto dall’Avviso pubblicato sul sito del Ministero, in attuazione delle misure del React EU/PON “Per la Scuola” 2014-2020 sulla transizione green nelle istituzioni scolastiche, obiettivo fortemente sostenuto dalla Commissione europea e che si pone in sinergia con il piano #RiGenerazioneScuola del Ministero dell’Istruzione.

“La sostenibilità deve essere la spina dorsale dei percorsi di studio della nuova scuola che stiamo costruendo per le studentesse e gli studenti – dichiara il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi -. Questo ulteriore investimento in laboratori e strutture per l’educazione ambientale conferma il nostro impegno, che ho avuto modo di esporre anche alla COP26 di Glasgow, e ci consente di fare un altro passo concreto nella realizzazione degli obiettivi del Piano ‘RiGenerazione Scuola’, perché la formazione sui temi della sostenibilità diventi sistemica e trasversale”.

Due le Azioni previste dal bando. Nell’ambito dell’Azione 1, alle scuole del primo ciclo vengono assegnati 45 mln di euro per l’educazione ambientale di alunne e alunni, tramite la realizzazione o la riqualificazione di orti e giardini a fini didattici, innovativi e sostenibili, come luoghi di apprendimento delle discipline curricolari, delle scienze, delle arti, dell’alimentazione, degli stili di vita salutari, della sostenibilità. Ogni progetto potrà ricevere un finanziamento pari a 25 mila euro.

Nell’ambito dell’Azione 2, per gli istituti del secondo ciclo delle regioni del Mezzogiorno(Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia), con priorità per le scuole a indirizzo agrario, vengono stanziati 57 mln di euro per la realizzazione di laboratori didattici di “agricoltura 4.0”, anche con l’utilizzo di tecnologie idroponiche, di sistemi digitali per il monitoraggio delle colture basati sull’IoT (Internet of Things), di strumenti digitali per la qualità, la sicurezza alimentare, la tracciabilità dei prodotti, di laboratori per l’alimentazione sostenibile, per l’utilizzo delle energie rinnovabili e l’efficientamento energetico. Potranno essere finanziati anche laboratori per lo studio e la sperimentazione degli impatti delle attività economiche sull’ambiente, sulla produzione dei rifiuti, sulla qualità dell’aria, sui consumi di acqua, energia, suolo e altre risorse naturali e per il riciclaggio dei rifiuti. Ogni progetto potrà ricevere un finanziamento pari a 130 mila euro.

Le candidature potranno essere presentate esclusivamente online, sul portale del sito dedicato al PON “Per la Scuola” 2014-2020, (http://www.istruzione.it/pon/dalle ore 12.00 del’11 gennaio 2022 alle ore 12.00 del 31 gennaio 2022.

Ogni scuola potrà presentare una sola candidatura, a eccezione degli istituti omnicomprensivi delle regioni del Mezzogiorno che potranno candidarsi per entrambe le Azioni.

L’Europa è nelle tue mani

La Commissione esaminatrice prevista dal bando del concorso nazionale “L’Europa è nelle tue mani”, promosso dal Dipartimento per le Politiche Europee e dal Ministero dell’Istruzione, visionati gli elaborati pervenuti, al termine delle operazioni di valutazione, ha decretato le classi vincitrici per ciascuna categoria prevista.

Il concorso ha registrato un’ampia partecipazione con 350 lavori presentati. La Commissione ha selezionato 21 elaborati: 13 video, 4 power point, 4 contenuti per i social.

Gli istituti di seguito elencati riceveranno un premio di 7.000 euro da utilizzare secondo le finalità indicate nel bando.

Categoria video

ITET Vittorio Emanuele III – Lucera (FG) – classe IV A
Titolo dell’elaborato: “Vuoi ancora buttarla per terra quella carta?”
Guarda il video

IPC IPSIA Pellico – Saluzzo (CN) – Laboratorio sostegno
Titolo dell’elaborato: “Noi l’Unione”
Guarda il video

I.S.I.S. Da Vinci–Pascoli – Gallarate (VA) – classe III A LSA
Titolo dell’elaborato: “Conoscere per partecipare, la democrazia europea inizia dalla scuola”
Guarda il video

IIS Leonardo da Vinci – Lanusei (NU) – classe II DB
Titolo dell’elaborato: “Il futuro dell’Europa è giovane”
Guarda il video

IP Santarella–De Lilla – Bari – classe V AUS
Titolo dell’elaborato: “Apriamo gli occhi”
Guarda il video

IPSEOA Manlio Rossi-Doria – Avellino – classe III B
Titolo dell’elaborato: “Occupiamo l’Europa”
Guarda il video

ITC F. A. Bonelli – Cuneo – classe III A-SIA
Titolo dell’elaborato: “Hey tu”
Guarda il video

Liceo classico statale Quinto Orazio Flacco – Potenza – classe I A
Titolo dell’elaborato: “Bridges not walls. L’Europa che sogniamo”
Guarda il video

Istituto Maria Ausiliatrice, Liceo Scienze Umane – Milano – classe II A
Titolo dell’elaborato: “Accorgersi”
Guarda il video

IIS R. Casimiri – Gualdo Tadino (PG) – classe IV A
Titolo dell’elaborato: “Un’utopia concreta: l’Europa è nata per abbattere muri, non per erigerli”
Guarda il video

IS Pietro Branchina – Adrano (CT) – classe III B
Titolo dell’elaborato: “La nostra voce in Europa”
Guarda il video

Liceo scientifico statale Aristotele – Roma – classe II B
Titolo dell’elaborato: “Volere è potere, non una questione di genere!”
Guarda il video

Liceo di Cisternino “Don Q. Punzi” – Cisternino (BR) – classi V C, III C, I B
Titolo dell’elaborato: “#LookUpToYourFuture”
Guarda il video

Categoria power point

Liceo Scientifico Sportivo “Gianelli Campus” – Chiavari (GE) – classe IV
Titolo dell’elaborato: “La nostra Europa sarà…”
Guarda l’elaborato

I.I.S. Giuseppe e Quintino Sella – Biella – classe V B
Titolo dell’elaborato: “Corporate Next EU”
Guarda l’elaborato

ISIS Paschini–Linussio – Tolmezzo (UD) – classe V RIM
Titolo dell’elaborato: “Un nuovo futuro per i giovani”
Guarda l’elaborato

Istituto Salesiano Don Bosco – Brescia – classe I A
Titolo dell’elaborato: “Be part of the change”
Guarda l’elaborato

Categoria contenuto per social media

Liceo scientifico G. Pellecchia – Cassino (FR) – classe IV G
Titolo dell’elaborato: “Naturazioniamoci”
Guarda l’elaborato (video)

IIS Vittorio Emanuele – Genova – classe III BT
Titolo dell’elaborato: “Europe Motion”
Guarda l’elaborato (video) e il documento di accompagnamento

Liceo Classico N. Spedalieri – Catania – classe V D
Titolo dell’elaborato: “Unione solo di nome?”
Guarda l’elaborato

IIS Italo Calvino – Città della Pieve (PG) – classe IIB
Titolo dell’elaborato: “L’Europa che sogno per Te”
Guarda l’elaborato

Il concorso, rivolto agli studenti delle scuole secondarie, pubbliche e paritarie, di secondo grado del territorio nazionale, è stato promosso nel quadro delle iniziative della Conferenza sul futuro per l’Europa.

Premio europeo eTwinning 2022

Scuola: tre progetti didattici con scuole italiane vincono il premio europeo eTwinning 2022

Firenze, 24 marzo 2022 – La Commissione europea e l’Unità centrale eTwinning hanno annunciato i progetti vincitori dei Premi europei eTwinning 2022. eTwinning è parte del Programma Erasmus+ e comprende la più grande community europea di scuole con oltre 1 milione insegnanti attivi in progetti didattici di collaborazione a distanza, tramite piattaforma elettronica.

Dopo una selezione dei 1824 progetti candidati nelle 4 categorie per fascia d’età e nella categoria speciale per Initial Vocational Education and Training (IVET), sono 3 i progetti vincitori con 5 docenti italiani coinvolti (inclusi i secondi posti), che, con le loro classi e i rispettivi partner internazionali, hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento europeo per il lavoro svolto in eTwinning.

Tra le categorie per fascia d’età sponsorizzate dalla Commissione europea, sono due i progetti che hanno visto la partecipazione di docenti italiani:“DISCONNECT – Dive Into Social Communities Or Networks Navigating Everyday Completely Truthfully” per la categoria 12-15 anni, di Giacinta Fogli, del Liceo Statale “Ludovico Ariosto” di Ferrara e “eTw-T-R-A-I-N, nella categoria 16-19 anni, che vede tra i partner la docente Stefania Pesce dell’ IIS “8 Marzo-K. Lorenz” di Mirano (VE).

In quest’ultima categoria di età, sono 3 i docenti italiani premiati come “runner up” ossia secondi classificati con il progetto “A Speech Which Can Reach”: Christine Zingerle e Claudia Pellegrini del Sozialwissenschaftlichen, Klassischen, Sprachen- und Kunstgymnasiums di Merano (BZ) e Rita Giovanna Ogliari, dell’IISS “G. Galilei” di Crema.

La cerimonia ufficiale di premiazione avverrà nel corso della prossima Conferenza europea eTwinning, in programma a novembre, alla presenza dei rappresentanti della Commissione europea.


In Allegato: elenco di tutti i progetti premiati, i docenti italiani in evidenza e le sintesi dei progetti con i link all’area di lavoro Twin Space

Il sito italiano eTwinning: https://etwinning.indire.it/

Info sui premi e i riconoscimenti eTwinning: https://etwinning.indire.it/riconoscimenti-e-premi/

Nota 7 marzo 2022, AOOGABMI 12870

Ministero dell’Istruzione
Unità di missione del Piano nazionale di ripresa e resilienza
Programma operativo nazionale “Per la Scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020

Alle Istituzioni scolastiche
c.a. Dirigente scolastico

OGGETTO: Sondaggio della Corte dei Conti europea sulla digitalizzazione delle scuole.

La Corte dei Conti europea, nell’ambito delle sue attività di monitoraggio annuali, sta effettuando un performance audit sui contributi finanziari della Commissione europea a sostegno degli Stati membri per la digitalizzazione delle scuole.

A tal fine, la Corte dei Conti sta effettuando, a partire dal 7 marzo 2022, un sondaggio sul livello di digitalizzazione delle scuole italiane, tramite la piattaforma EU-Survey. All’indirizzo istituzionale della scuola è stato recapitato un link al questionario contenente alcune domande di semplice compilazione.

Si confida nella partecipazione al sondaggio e si ringrazia per la consueta collaborazione.

IL DIRETTORE GENERALE
Simona Montesarchio

L’Europa è nelle tue mani!

È stato prorogato all’8 marzo 2022 il termine di partecipazione al Concorso Nazionale “L’Europa è nelle tue mani!”, rivolto alle studentesse e agli studenti delle scuole secondarie, pubbliche e paritarie, di secondo grado del territorio nazionale. Il concorso, promosso nel quadro delle iniziative della Conferenza sul futuro dell’Europa, invita studentesse e studenti a realizzare un elaborato che rappresenti la loro visione dell’UE nell’ottica di chi è ‘nato europeo’, e che abbia come oggetto uno dei temi della Conferenza: cambiamento climatico, salute, economia, giustizia sociale e occupazione, l’UE nel mondo, valori e diritti, Stato di diritto, sicurezza, trasformazione digitale, democrazia europea, migrazione, istruzione, cultura, gioventù e sport.

I lavori sono ammessi in formato power point, video o contenuto adatto per essere veicolato tramite i social media. Alle scuole di appartenenza delle 21 classi vincitrici verrà assegnato un premio di importo pari a 7.000 euro da utilizzare per l’acquisto di materiale didattico e/o per la realizzazione di iniziative formative relative alle tematiche europee.

I materiali:
La scheda di presentazione
Il bando
La nota
Liberatorie

Nota 1 febbraio 2022, AOODGSIP 261

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione Generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento scolastico
Ufficio 2

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento
All’Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca
All’Intendente Scolastico per la Scuola località Ladine
Al Sovrintendente degli Studi per la Regione Valle D’Aosta
e p.c. Ai Dirigenti scolastici degli istituti di istruzione Secondaria di II grado

OGGETTO: Consultazione dei giovani sul Futuro dell’Europa.

Avviso 18 gennaio 2022, AOODPIT 136

FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE 2014 – 2020
Obiettivo specifico 2 Integrazione/Migrazione legale – Obiettivo Nazionale 3 Capacity building
PROG-3484 “Porte d’Europa 2020/2021””
Progetto co-finanziato dall’Unione Europea

Individuazione di istituzioni scolastiche per la realizzazione di attività educative volte a dare continuità al percorso svolto in occasione delle celebrazioni della giornata del 3 ottobre 2021 a Lampedusa. Progetto FAMI n.3484/2020 “Porte d’Europa 2020/2021” – Obiettivo specifico 2 “Integrazione e migrazione legale” – obiettivo nazionale 3 “Capacity building” – lettera m) “Scambio buone pratiche”

Erasmus+: evento di lancio del nuovo Programma

Erasmus+: evento di lancio del nuovo Programma con studenti, ministri e sottosegretari

Sala della Protomoteca, Campidoglio, Roma

Lunedì 20 dicembre 2021

10,45 – 17,00

Presentato il prossimo 20 dicembre, a Roma, il nuovo Programma Erasmus+. L’occasione è l’evento “Uniti nella diversità con il nuovo Programma Erasmus+ 2021-2027”, organizzato dalle Autorità Nazionali e dalle Agenzie nazionali Erasmus+ INDIRE (Istituto Nazionale Documentazione Innovazione e Ricerca Innovativa), INAPP (Istituto Nazionale per le Politiche Pubbliche) e ANG (Agenzia Nazionale per i Giovani). 

Nel corso della giornata, i cui lavori saranno disponibili anche in streaming sul canale dedicato, verranno presentati i successi del Programma e le novità per i prossimi anni su mobilità, partecipazione e i progetti di cooperazione.

L’evento, che sarà aperto dai saluti del Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, prevede l’incontro fra le giovani e i giovani che hanno partecipato al Programma Erasmus+ con i Ministri dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, per le Politiche Giovanili, Fabiana Dadone, del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, e il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, con delega allo sport, Valentina Vezzali.

A seguire, è previsto l’intervento dei Direttori delle Agenzie nazionali INDIRE, INAPP e ANG, responsabili in Italia per la gestione del Programma Erasmus+ per i settori Educazione, Formazione e Gioventù.

Nel pomeriggio, saranno consegnati i riconoscimenti ai vincitori del Label europeo delle Lingue, del Premio europeo per l’insegnamento Innovativo – EITA 2021, del premio EPALE EduHack per l’educazione degli adulti e del riconoscimento della Rete EuroPeers Italia, gli ambasciatori e ambasciatrici della mobilità europea. 

Diretta streaming dell’evento: https://www.youtube.com/c/ErasmusPlusIndire

Nota 15 novembre 2021, AOODGOSV 28226

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori generali e ai Dirigenti preposti agli Uffici Scolastici Regionali
All’Ufficio speciale di lingua slovena presso l’Ufficio scolastico regionale per il Friuli-Venezia Giulia
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
All’Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca di Bolzano
All’Intendente Scolastico per la Scuola delle località ladine di Bolzano
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione e Cultura della Provincia di Trento
Al Sovrintendente agli studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine e grado per il tramite dei rispettivi UU.SS.RR.

Oggetto: Concorso nazionale “Accoglienza, inclusione e riconoscimento dei diritti. Dal Manifesto di Ventotene all’Europa del futuro” a.s. 2021-2022

Nota 7 ottobre 2021, AOODGSIP 2238

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento Scolastico Ufficio terzo

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento Trento
All’Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca Bolzano
All’Intendente Scolastico per la Scuola località Ladine Bolzano
Al Sovrintendente degli Studi per la Regione Valle D’Aosta Aosta

Oggetto: Bando di concorso “Porte d’Europa”.

Nota 30 settembre 2021, AOODGSIP 2150

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l’Inclusione e l’Orientamento Scolastico Ufficio Terzo

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento Trento
All’Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca Bolzano
All’Intendente Scolastico per la Scuola località Ladine Bolzano
Al Sovrintendente degli Studi per la Regione Valle D’Aosta Aosta

OGGETTO: Concorso Nazionale “Il Semestre della Presidenza italiana del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa” – Anno scolastico 2021/2022

Festa dell’Europa

Un’occasione per riflettere, per rafforzare la consapevolezza delle studentesse e degli studenti sul tema della cittadinanza europea, intesa come appartenenza a una cultura, a valori, a una storia, a un percorso comuni. È questo il 9 maggio, Festa dell’Europa, secondo il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, che ha inviato alle scuole una circolare in vista della ricorrenza che si celebra questa domenica.

“L’Europa è nata da un sogno nei momenti più difficili, quando era terreno di scontro, di violenza, della guerra. In quegli anni è nata l’idea di un’Europa unita. È stata una costruzione faticosa, che a volte viene data per scontata. È una costruzione che si fortifica solo se le nostre ragazze e i nostri ragazzi hanno la capacità di lavorare insieme”, afferma il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi.

Il Ministero dell’Istruzione dedicherà alla Giornata alcune iniziative. In particolare, domenica 9 maggio, il video ‘Ode alla Gioia’, realizzato da Europa InCanto, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e il Servizio Europeo per l’Azione esterna dell’Unione Europea – SEAE, farà da apertura alle celebrazioni e ai collegamenti delle delegazioni europee trasmessi in diretta in tutto il mondo. L’inno, cantato da bambine e bambini delle scuole italiane ed europee, sarà pubblicato sui canali social del Ministero.

Lunedì 10 maggio è poi previsto un evento online, a partire dalle ore 10.30, in diretta sul canale YouTube del Ministero. Aprirà i lavori il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

Nel corso della mattinata verranno presentati i progetti PON sulla conoscenza dell’Europa e sugli ambienti di apprendimento e i progetti Erasmus delle scuole sulla mobilità. Saranno coinvolti studentesse e studenti delle scuole di tutta Italia, le Bande scolastiche giovanili e la banda “J. Lennon” che suonerà l’Inno alla Gioia.

Nota 16 marzo 2021, AOODGEFID 7401

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione generale per i fondi strutturali per l’istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale Ufficio IV – Autorità di Gestione

Alle Istituzioni Scolastiche beneficiarie Loro sedi
p.c. Agli Uffici Scolastici Regionali

Oggetto: Programma Operativo Nazionale “Per la scuola – Competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014/2020. Avvio verifiche in itinere progetti FSE a costi standard.

Riunione dei Ministri Istruzione UE

La Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha partecipato il 22 gennaio, in videoconferenza, alla riunione informale dei Ministri dell’Istruzione dell’Unione Europea, organizzata dalla Presidenza Portoghese del Consiglio dell’Unione Europea. Presenti, tra gli altri, anche la Commissaria per l’Istruzione, la Ricerca, l’Innovazione, la Cultura e la Gioventù, Mariya Gabriel e il Commissario per il Lavoro e i Diritti sociali, Nicolas Schmit. L’incontro, dal titolo “Verso il Vertice Sociale di Porto – Il contributo dell’istruzione e della formazione”, si è svolto con l’intento di favorire una riflessione congiunta sul contributo dell’istruzione e della formazione al Pilastro europeo dei diritti sociali, in vista del Vertice Sociale dei Capi di Stato e di Governo dell’Ue, in programma il 7 e l’8 maggio prossimi a Porto.

“Credo fermamente che la lezione principale appresa durante la pandemia Covid-19 risieda nella crescente consapevolezza del ruolo fondamentale svolto dall’istruzione e dalla formazione per accrescere la resilienza e promuovere lo sviluppo e il benessere delle popolazioni e dei Paesi europei” ha detto la Ministra Azzolina durante il suo intervento. “Tra i risultati più rilevanti del Pilastro europeo dei diritti sociali, che sancisce una serie di principi e diritti fondamentali in ambito sociale – ha spiegato – vi è il rinnovato impegno ad offrire ai nostri bambini, giovani e adulti un’istruzione, una formazione e un apprendimento permanente di alta qualità e inclusivo, insieme a misure specifiche per rafforzare le pari opportunità dei gruppi più vulnerabili”.

“Permangono – ha aggiunto la Ministra – sfide persistenti nel combattere gli scarsi risultati scolastici e nel contrastare ulteriormente il fenomeno dell’abbandono scolastico e le diseguaglianze nell’istruzione. Sfide che sono state esacerbate dalla pandemia”. Infine, ha concluso Azzolina: “Ora più che mai, l’istruzione e la formazione svolgono un ruolo fondamentale per preservare e migliorare la nostra società a rischio e rafforzare il nostro modello sociale europeo”.