Archivi tag: Progetti

Avviso 16 ottobre 2020, AOODGOSV 18764

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori generali e ai Dirigenti preposti agli Uffici scolastici regionali LORO SEDI
All’Intendente Scolastico della provincia di BOLZANO
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca BOLZANO
All’ Intendente Scolastico per la scuola in lingua località ladine BOLZANO
AI Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia di TRENTO
AI Sovrintendente agli studi della Valle D’Aosta AOSTA
Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole secondarie di secondo grado Statali e Paritarie LORO SEDI
E p.c. Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione SEDE
Al Capo Ufficio Stampa SEDE

Oggetto: Progetto di educazione digitale “A tutta Vita!” 2020

Nota 30 settembre 2020, AOODGEFID 28830

Ministero dell’Istruzione
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Direzione Generale per i fondi strutturali per l’istruzione, l’edilizia scolastica e la scuola digitale

Direzione Generale per lo studente, l’integrazione e la partecipazione

Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali Provinciali LORO SEDI
Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado LORO SEDI
e p.c. Ai Direttori Generali Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento
All’Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di Bolzano
All’ Intendente Scolastico per le scuole delle località ladine di Bolzano
Al Sovrintendente degli studi per la Regione Valle d’Aosta

Oggetto: Avviso di proroga della data di presentazione della domanda di partecipazione al progetto “A Scuola di OpenCoesione” rivolto alle scuole secondarie di secondo grado – anno scolastico 2020-2021

Nota 14 ottobre 2019, AOODGOSV 21283

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali Loro sedi

AI Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della provincia di Bolzano Bolzano

AI Dirigente del Dipartimento Istruzione della provincia di Trento Trento

AI Direttore dell’lPRASE TRENTINO Rovereto

All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua tedesca Bolzano

All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua ladina Bolzano

AI sovrintendente agli Studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta Aosta

Ai docenti di discipline matematico-scientifiche di scuola secondaria di secondo grado Statali e Paritarie Loro Sedi

Ep.c.
AI Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione SEDE
Alla Prof.ssa Serena Bonito
Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale DGSPUff. V SEDE

Oggetto: Modalità di partecipazione di docenti e scuole al Progetto Nazionale “Rinnovamento del curricolo del Liceo Classico” e accesso al Portale della Rete Nazionale dei Licei Classici per l’a.s. 2019/2020.

Leggimi ancora

Leggere in classe ad alta voce aiuta a crescere: dal 1 ottobre via alla II edizione del progetto “Leggimi ancora”.

13.000 docenti della scuola primaria hanno aderito il primo anno, a Didacta i risultati di una ricerca condotta sul tema.

Leggere in classe ad alta voce, ogni giorno, cambiando stili, generi e temi, produce effetti positivi in tutti i settori dell’apprendimento. Ne sono convinti i 13.000 docenti di scuola primaria che hanno aderito alla prima edizione del progetto nazionale “Leggimi ancora. Lettura ad alta voce e life skills”, organizzato e promosso da Giunti Scuola e Giunti Editore. Hanno letto in classe, ai loro bambini, fino a un’ora al giorno di racconti e storie coinvolgendoli poi nella rielaborazione delle emozioni suscitate, del lessico acquisito, delle difficoltà incontrate.

Tutto è pronto adesso per il secondo anno, dal 1 ottobre 2019 sul sito www.leggimiancora.it sarà possibile aderire alla nuova edizione: il docente che iscrive la propria classe riceverà un “kit per la lettura” con titoli messi a disposizione da Giunti Editore, istruzioni su come leggere al meglio ai bambini, formazione online e tutoraggio costante. La sfida è rivolta a tutti i docenti delle scuole primarie che vogliono ripetere l’esperienza o iscriversi per la prima volta.

La lettura è uno strumento potente per aiutare i bambini nel loro percorso di crescita, per sviluppare le cosiddette “life skills”, ovvero le competenze cognitive, emotive e sociali utili per il successo scolastico e per la vita. Leggere ad alta voce è una vera e propria palestra che allena e sviluppa specifiche abilità legate alla comprensione, all’apprendimento, alla costruzione della propria identità, allo sviluppo del pensiero critico, al riconoscimento delle emozioni, alla gestione delle difficoltà. Ed è un gran divertimento! I bambini coinvolti nella prima edizione, più di 200.000 da nord a sud del Paese, hanno personalizzato questa esperienza assieme ai loro docenti, con disegni, presentazioni, “angoli della lettura”, riflessioni e diari di bordo del progetto.

“Leggimi ancora” nasce dall’incontro tra Giunti Scuola – le cui attività sono orientate a valorizzare e aumentare il benessere degli studenti nelle aule – e Federico Batini, professore di pedagogia sperimentale, metodologia della ricerca educativa e metodi e tecniche della valutazione scolastica dell’Università di Perugia, la cui attività di ricerca sviluppa da anni un filone dedicato alla lettura e ai suoi effetti, che firma la direzione scientifica dell’intero progetto. “Leggimi ancora” è uno strumento di promozione della lettura presso i più giovani, e in particolare della lettura ad alta voce, come risposta a percentuali rilevanti di dispersione scolastica, al crescente analfabetismo “funzionale”, al calo dei lettori, costante negli ultimi anni, e alle difficoltà di relazione con le differenze. La lettura è una vera e propria ginnastica per il cervello, le cui ricadute positive si apprezzano in ambito scolastico e nell’ordinarietà della vita.

“Leggimi ancora” nasce dall’incontro tra Giunti Scuola – le cui attività sono orientate a valorizzare e aumentare il benessere degli studenti nelle aule – e Federico Batini, professore di pedagogia sperimentale, metodologia della ricerca educativa e metodi e tecniche della valutazione scolastica dell’Università di Perugia, la cui attività di ricerca sviluppa da anni un filone dedicato alla lettura e ai suoi effetti, che firma la direzione scientifica dell’intero progetto. “Leggimi ancora” è uno strumento di promozione della lettura presso i più giovani, e in particolare della lettura ad alta voce, come risposta a percentuali rilevanti di dispersione scolastica, al crescente analfabetismo “funzionale”, al calo dei lettori, costante negli ultimi anni, e alle difficoltà di relazione con le differenze. La lettura è una vera e propria ginnastica per il cervello, le cui ricadute positive si apprezzano in ambito scolastico e nell’ordinarietà della vita.

Approfondimenti e materiali del progetto sono online su www.leggimiancora.it.

Nota 16 maggio 2019, AOODGSIP 2253

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento
Trento
All’Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca
Bolzano
All’Intendente Scolastico per la Scuola località Ladine
Bolzano

Oggetto: Progetto Scuola ENPAB a.s. 2019-20 “Insegnamento della cultura e della consapevolezza alimentare nel rispetto coerente dell’ambiente e delle tradizioni” – Classi terze della Scuola primaria.

Nota 24 ottobre 2018, AOODGSIP 4437

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione
Ufficio II
“Welfare dello Studente, partecipazione scolastica, dispersione e orientamento”

Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali
LORO SEDI
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano
Bolzano
Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Trento
Trento
All’ Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca
Bolzano
All’ Intendente Scolastico per la Scuola Località Ladine
Bolzano
Al Sovrintendente degli studi per la Regione Valle D’Aosta
Aosta
Ai Docenti referenti per le Consulte Provinciali degli Studenti
presso gli UU.SS.RR.
Ai Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti
Ai Dirigenti scolastici
LORO SEDI

Nota 24 ottobre 2018, AOODGSIP 4437

Oggetto: Progetto “Una Scuola Amica delle bambine dei bambini e degli adolescenti” MIURUNICEF – Anno Scolastico 2018-2019


Nota 19 ottobre 2018, AOODGSIP 4361

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione
Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione

Nota 19 ottobre 2018, AOODGSIP 4361

Alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado

Oggetto: Progetto “Giro dell’Italia – Centro mobile di sostegno e supporto per le vittime di bullismo e cyberbullismo” del MOIGE a.s. 2018/2019

Nota 2 ottobre 2018, AOODGOSV 17003

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
Loro sedi
Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della provincia di Bolzano
Bolzano
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione della provincia di Trento
Trento
Al Direttore dell’IPRASE TRENTINO
Rovereto
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua tedesca Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua ladina Bolzano
Al sovrintendente agli Studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Aosta
Ai docenti di discipline matematico- scientifiche di scuola secondaria di secondo grado Statali e Paritarie
Loro Sedi
E p.c.
Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
SEDE
Alla Prof.ssa Serena Bonito Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
DGSP Uff. V
SEDE

Nota 2 ottobre 2018, AOODGOSV 17003

Oggetto : Modalità di partecipazione di docenti e scuole al progetto Nazionale LS-OSAlab e al progetto Nazionale PP&S, a sostegno della didattica nelle discipline di Fisica e Scienze e di Matematica, per l’a.s. 2018/2019.

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 settembre 2018

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 settembre 2018

Progetto «Bellezz@ – Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati». (18A07255)

(GU n.265 del 14-11-2018 )

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni;
Visto l’art. 7, commi 26 e 27, del decreto-legge 31 maggio 2010, n.
78, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 30 luglio
2010, n. 122, che attribuisce al Presidente del Consiglio dei
ministri la gestione del Fondo per le aree sottoutilizzate e la
facolta’ di avvalersi per tale gestione del Dipartimento per lo
sviluppo e la coesione economica del Ministero dello sviluppo
economico;
Visto il decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 88, e in
particolare l’art. 4, con il quale si dispone che il Fondo per le
aree sottoutilizzate sia denominato Fondo per lo sviluppo e la
coesione e sia destinato a dare unita’ programmatica e finanziaria
all’insieme degli interventi aggiuntivi a finanziamento nazionale
rivolti al riequilibrio economico e sociale tra le diverse aree del
Paese;
Vista la legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilita’ 2014)
e, in particolare, l’art. 1, comma 6, che determina la dotazione
aggiuntiva del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo di
programmazione 2014-2020, stabilendo che il complesso delle risorse
sia destinato a sostenere esclusivamente interventi per lo sviluppo,
anche di natura ambientale;
Vista la legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilita’ 2015)
e in particolare l’art. 1, comma 703, che, ferme restando le vigenti
disposizioni sull’utilizzo del Fondo per lo sviluppo e la coesione,
detta ulteriori disposizioni per l’utilizzo delle risorse assegnate
per il periodo di programmazione 2014-2020;
Visto l’art. 15 della legge 7 agosto 1990, n. 241, concernente la
stipula di accordi tra pubbliche amministrazioni per lo svolgimento
in collaborazione di attivita’ di interesse comune;
Visto il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, recante
«Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’art. 10
della legge 6 luglio 2002, n. 137»;
Vista la delibera del 1° maggio 2016 del Comitato interministeriale
per la programmazione economica (di seguito, CIPE), con la quale,
sulla proposta del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del
Consiglio dei ministri pro-tempore, in qualita’ di Autorita’ politica
per la coesione, e’ stato approvato il piano stralcio «Cultura e
turismo» presentato dal Ministero dei beni e delle attivita’
culturali e del turismo ed e’ stata disposta l’assegnazione al
medesimo Ministero di un importo complessivo di 1.000 milioni di
euro, a valere sulle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione,
da destinare al sistema museale italiano, ai sistemi territoriali
turistico – culturali (cammini, percorsi, aree vaste) nonche’ ad
interventi di completamento particolarmente significativi e a nuovi
interventi da individuarsi con decreto del Presidente del Consiglio
dei ministri;
Visto, in particolare, il paragrafo 1.2, lettera c), della citata
delibera CIPE, con il quale si e’ disposta la destinazione
all’insieme di interventi di completamento particolarmente
significativi e di nuovi interventi di una riserva di importo pari a
170 milioni di euro, nell’ambito della quale 150 milioni di euro sono
assegnati a favore di interventi, ciascuno dei quali non superiore a
10 milioni di euro, afferenti al progetto di recupero di luoghi
culturali dimenticati, denominato «Bellezz@-Recuperiamo i luoghi
culturali dimenticati»;
Visto, altresi’, il paragrafo 2.2., della citata delibera CIPE,
concernente le modalita’ di attuazione degli interventi di cui al
progetto «Bellezz@-Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati», per
il quale gli interventi sono individuati sulla base delle
segnalazioni pervenute dal territorio e, nell’eventualita’ in cui
queste comportassero finanziamenti in misura superiore a 150 milioni
di euro, sono selezionati da una apposita Commissione, all’uopo
costituita;
Visto l’avviso pubblicato sul sito internet della Presidenza del
Consiglio dei ministri il 9 maggio 2016, con il quale e’ data
facolta’ a tutti i cittadini di segnalare, entro il 31 maggio 2016,
all’indirizzo di posta elettronica bellezz@governo.it un luogo
pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della
collettivita’ o un progetto culturale da finanziare;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 19
giugno 2017, con il quale, essendo pervenuto un numero di
segnalazioni tale da richiedere una disponibilita’ superiore alle
risorse assegnate, pari a 150 milioni di euro, e’ stata istituita, in
attuazione del citato paragrafo 2.2. della delibera CIPE del 1°
maggio 2016, una Commissione per la selezione degli interventi;
Visto il decreto del Segretario generale della Presidenza del
Consiglio dei ministri del 3 luglio 2017, con il quale e’ stata
istituita la segreteria tecnico-amministrativa a supporto della
Commissione per la selezione degli interventi, ai sensi dell’art. 4
del citato decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 19
giugno 2017;
Considerato che, come risulta dai verbali dei lavori, la
Commissione per la selezione degli interventi ha dato mandato alla
segreteria tecnico-amministrativa di selezionare, sulla base dei
criteri stabiliti dalla delibera del 1° maggio 2016 del CIPE e dal
decreto istitutivo della Commissione per la selezione degli
interventi, le 139.689 e-mail recanti segnalazioni e di predisporre
l’elenco, secondo l’ordine crescente degli importi indicati, delle
segnalazioni selezionate, escludendo gli interventi ricadenti nello
stesso comune riportanti importo maggiore e le segnalazioni che non
hanno indicato alcun importo;
Vista la nota prot. n. USG 7598 del 19 dicembre 2017, con la quale
il Presidente della Commissione ha comunicato all’Ufficio del
segretario generale la conclusione dei lavori da parte della
Commissione per la selezione degli interventi nella seduta del 15
dicembre 2017 e ha trasmesso la relativa documentazione;
Visti in particolare, il verbale n. 3 del 15 dicembre 2017 della
Commissione per la selezione degli interventi, la nota prot. n. USG
1153 del 22 febbraio 2018 e la nota-mail prot. 3719 del 27 febbraio
2018, dai quali si evince che la Commissione per la selezione degli
interventi all’esito della selezione degli interventi sulla base dei
criteri sopra indicati, e’ pervenuta ad un elenco di 310 interventi
conformi alla delibera CIPE del 1° maggio 2016 e al decreto del
Presidente del Consiglio dei ministri del 19 giugno 2017 e ad un
elenco di 271 interventi selezionati fino a concorrenza delle risorse
disponibili;
Considerato che con apposita convenzione, da adottarsi ai sensi del
citato art. 15 della legge n. 241 del 1990, tra gli enti attuatori e
il Ministero dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo,
assegnatario delle risorse in base alla citata delibera CIPE del 1°
maggio 2016, saranno regolate le modalita’ di erogazione del
finanziamento e di verifica dell’esecuzione degli interventi
afferenti al progetto «Bellezz@-Recuperiamo i luoghi culturali
dimenticati»;
Viste le note di febbraio 2018 a firma della Sottosegretaria di
Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri pro-tempore, con le
quali, comunicando ai comuni dell’avvenuta conclusione della fase di
selezione degli interventi, si forniva assicurazione agli stessi che
sarebbe seguita formale richiesta da parte della Commissione per la
selezione degli interventi al fine di acquisire tutta la
documentazione necessaria alla stipula della suddetta convenzione;
Visto il decreto del Segretario generale 8 marzo 2018 con il quale
sono state stabilite le modalita’ di accesso alla fase di stipula
della convenzione sopra citata con il Ministero dei beni e delle
attivita’ culturali;
Vista la nota prot. n. USG 5221 del 3 agosto 2018 con la quale il
Presidente della Commissione per la selezione degli interventi
trasmette la documentazione prodotta nel corso dell’espletamento
delle attivita’ svolte in adempimento dell’incarico conferito con
decreto del Segretario generale 8 marzo 2018;
Rilevato che risulta che non tutti i comuni sono stati messi nelle
condizioni di fornire tutta la documentazione indicata dal suddetto
decreto del Segretario generale e necessaria alla stipula della
predetta convenzione;
Ritenuto necessario provvedere al completamento dell’istruttoria
con l’acquisizione di tutti gli elementi utili per una compiuta
valutazione ai fini dell’accesso al finanziamento e, in coerenza con
quanto previsto dal punto 2.3., lettera ii) della delibera CIPE del
1° maggio 2016, individuare i progetti suscettibili di un immediato
avvio dei lavori e consentire conseguentemente un rapido
perfezionamento della stipula delle convenzioni;
Ritenuto pertanto necessario provvedere all’istituzione di una
Commissione per l’attuazione del progetto «Bellezz@-Recuperiamo i
luoghi culturali dimenticati»;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 6 giugno
2018, con il quale al Sottosegretario di Stato alla Presidenza del
Consiglio dei ministri, onorevole dott. Giancarlo Giorgetti, e’ stata
delegata la firma dei decreti, degli atti e dei provvedimenti di
competenza del Presidente del Consiglio dei ministri, ad esclusione
di quelli che richiedono una preventiva deliberazione del Consiglio
dei ministri e di quelli relativi alle attribuzioni di cui all’art. 5
della legge 23 agosto 1988, n. 400;

Decreta:

Art. 1

Commissione per l’attuazione del progetto
«Bellezz@-Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati»

  1. E’ istituita la Commissione per l’attuazione del progetto
    «Bellezz@-Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati» (di seguito
    Commissione), al fine di completare, nell’ambito dell’attuazione di
    cui al punto 2 della delibera CIPE indicata in premessa,
    l’individuazione degli enti attuatori che accedono alla fase
    successiva di stipula delle convenzioni con il Ministero dei beni e
    delle attivita’ culturali, concernenti le modalita’ di erogazione del
    finanziamento e di verifica degli interventi afferenti al progetto
    «Bellezz@-Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati».
  2. La Commissione e’ cosi’ composta:
    due rappresentanti della Presidenza del Consiglio dei ministri,
    di cui uno con funzioni di Presidente;
    un rappresentante del Ministero dei beni e delle attivita’
    culturali;
    un rappresentante del Ministero dell’economia e finanze;
    un rappresentante del Ministero delle infrastrutture e dei
    trasporti.
  3. Con successivo decreto del Presidente del Consiglio dei ministri
    sono individuati i componenti della Commissione.
  4. La Commissione si avvale di una Segreteria
    tecnico-amministrativa, istituita con decreto del Segretario generale
    della Presidenza del Consiglio dei ministri, operante presso il
    Segretariato generale della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Art. 2

Documentazione necessaria
per l’accesso al finanziamento

  1. Possono accedere alla fase successiva di stipula delle
    convenzioni con il Ministero dei beni e delle attivita’ culturali, di
    cui all’art. 1, comma 1, gli enti attuatori degli interventi, dal
    numero 1 al numero 271, di cui all’elenco allegato. Tali enti
    presentano, entro sei mesi dalla data di pubblicazione nella Gazzetta
    Ufficiale del presente decreto, una dichiarazione recante:
    a) l’indicazione precisa del bene/luogo da recuperare ovvero del
    progetto di interesse culturale e sua ubicazione;
    b) l’indicazione del proprietario del bene/luogo da recuperare e
    dell’eventuale titolare di diritti concessori sul bene ovvero del
    gestore del progetto di interesse culturale;
    c) l’indicazione del soggetto proponente l’intervento;
    d) l’indicazione dell’ente pubblico attuatore e del suo
    rappresentante per l’intervento;
    e) la dichiarazione da parte dell’ente pubblico attuatore della
    persistente attualita’ e necessita’ dell’intervento/progetto
    segnalato;
    f) l’indicazione degli eventuali provvedimenti di approvazione o
    autorizzazione gia’ acquisiti.
  2. Alla dichiarazione di cui al comma 1 sono allegati:
    a) il quadro economico di spesa dettagliato e aggiornato che,
    fermo il limite di importo di finanziamento richiesto nella
    segnalazione inviata, e’ articolato, ove possibile, secondo lo schema
    di cui all’art. 16 del decreto del Presidente della Repubblica 5
    ottobre 2010, n. 207 e reca, altresi’, indicazione di eventuali altri
    finanziamenti;
    b) il Programma operativo di dettaglio, recante indicazione delle
    attivita’ e delle procedure da espletare per pervenire all’attuazione
    dell’intervento segnalato;
    c) il progetto esecutivo;
    d) la documentazione che accerti la sussistenza della
    disponibilita’ giuridica e fattuale dei beni ai fini della
    realizzazione dell’intervento;
    e) la documentazione che dimostri che l’intervento riguarda la
    tutela e/o la valorizzazione di beni del patrimonio culturale, ai
    sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.
  3. Gli enti attuatori che, ai sensi dell’art. 3 del decreto del
    Segretario generale 8 marzo 2018, hanno gia’ presentato la
    documentazione richiesta di cui alle lettere a), b), c), d) , e) e f)
    del comma 1 del presente articolo, nonche’ alle lettere a) e b) del
    comma 2, sono comunque tenuti a presentare, nel termine di cui
    all’art. 2, comma 1, gli allegati di cui alle lettere c), d), ed e),
    del comma 2, del presente articolo, e a richiamare la dichiarazione e
    la documentazione gia’ trasmesse.
  4. Gli enti attuatori di cui al comma 3, possono proporre modifiche
    e/o integrazioni alla documentazione gia’ presentata ai sensi del
    decreto del Segretario generale 8 marzo 2018, entro il termine di cui
    al comma 1, del presente decreto. Le modifiche e/o integrazioni non
    devono comunque inficiare la coerenza con l’intervento/progetto
    originariamente segnalato e selezionato.
  5. La documentazione e’ trasmessa alla Presidenza del Consiglio dei
    ministri, Segretariato generale, esclusivamente mediante posta
    elettronica certificata all’indirizzo,
    progettobellezza@pec.governo.it, conformemente alle norme del Codice
    dell’amministrazione digitale, entro il termine di cui al comma 1,
    del presente decreto. Gli enti attuatori che hanno trasmesso la
    documentazione successivamente alla scadenza del termine di cui al
    comma 1 non possono accedere alla fase successiva di stipula delle
    convenzioni con il Ministero dei beni e delle attivita’ culturali.
  6. L’istruttoria ai fini della individuazione degli interventi
    destinatari del finanziamento e’ svolta dalla Commissione che
    provvede alla verifica della sussistenza e della conformita’ della
    documentazione trasmessa, nonche’ la coerenza della stessa con
    l’intervento/progetto originariamente segnalato e selezionato.
  7. La documentazione viene esaminata dalla Commissione seguendo
    l’ordine di presentazione da parte degli enti attuatori. L’esame
    della Commissione ha ad oggetto la verifica della completezza della
    documentazione trasmessa, della coerenza con il progetto
    «Bellezz@-Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati», secondo quanto
    previsto dalla delibera CIPE del 1° maggio 2016, e della conformita’
    alle disposizioni del presente decreto.
  8. In caso di esito positivo della verifica di cui al comma 7, il
    Presidente della Commissione ne da’ comunicazione alla Presidenza del
    Consiglio dei ministri – Ufficio del Segretario generale, ai fini
    dell’adozione di apposito decreto del Presidente del Consiglio dei
    ministri di accesso alla successiva fase di stipula delle convenzioni
    con il Ministero dei beni e delle attivita’ culturali.
  9. La Commissione, qualora, all’esito della verifica di cui al
    comma 7, riscontri che la documentazione e’ incompleta, incoerente o
    non conforme determina l’esclusione dell’ente attuatore dall’accesso
    alla fase successiva della stipula delle convenzioni con il Ministero
    dei beni e della attivita’ culturali. Le eventuali somme residue non
    erogate, rese disponibili da una o piu’ esclusioni dall’accesso alla
    fase successiva di stipula delle convenzioni con il Ministero dei
    beni e delle attivita’ culturali, sono destinate, nei limiti della
    capienza finanziaria, agli ulteriori interventi di cui all’elenco
    allegato, nell’ordine ivi indicato.
  10. La Commissione provvede all’esame della documentazione relativa
    agli ulteriori interventi di cui al comma 9, al fine del loro accesso
    alla fase successiva della stipula delle convenzioni con il Ministero
    dei beni e delle attivita’ culturali. A tal fine invita gli enti
    attuatori a trasmettere la documentazione di cui ai commi 1 e 2 del
    presente articolo, entro il termine di sei mesi dalla richiesta. In
    tale ipotesi si applicano i commi 5, 6, 7, 8 e 9 del presente
    articolo.
    Il presente decreto e’ trasmesso agli organi di controllo per gli
    adempimenti di competenza e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.

Roma, 27 settembre 2018

p. Il Presidente del Consiglio dei ministri: Giorgetti

Registrato alla Corte dei conti il 29 ottobre 2018
Ufficio controllo atti P.C.M. Ministeri giustizia e affari esteri,
reg.ne prev. n. 1973


Allegato

Progetto: “Bellezz@-Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”
COMMISSIONE PER LA SELEZIONE DEGLI INTERVENTI
istituita con DPCM 19 giugno 2017

Nota 30 novembre 2017, AOODGOSV 16078

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali Loro sedi
Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della provincia di Bolzano Bolzano
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione della provincia di Trento Trento
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua tedesca Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua ladina Bolzano
Al sovrintendente agli Studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta Aosta
Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti Secondari di II grado Statali e Paritari
E p.c.
Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione SEDE
Alla Prof.ssa Serena Bonito Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale DGSP Uff. V SEDE

Oggetto: Azioni promosse nel progetto Nazionale LSOSAlab a sostegno della didattica nelle discipline Fisica e Scienze per l’a.s. 2017/2018.

Con la presente Nota si comunicano alle scuole interessate le più rilevanti iniziative che avranno luogo nel corrente anno scolastico nell’ambito del progetto LS-OSAlab, promosso da questa Direzione Generale a sostegno dell’acquisizione delle competenze relative al metodo sperimentale nell’insegnamento delle Scienze e della Fisica:
– A far data dal 1 novembre 2017, la partecipazione al progetto e l’accesso alla piattaforma informatica “Fare laboratorio” sono aperti a tutte le istituzioni scolastiche del secondo ciclo; le modalità di accesso e partecipazione sono pubblicate nella pagina iniziale della piattaforma di cui sopra, all’indirizzo http://ls-osa.uniroma3.it.
– Il giorno 23 febbraio 2017 si terrà, presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Università Roma Tre, in via Ostiense, 159 – Roma; il Convegno nazionale dal titolo “Permeabilità epistemologica tra Matematica, Scienze e Filosofia”, aperto alla partecipazione dei docenti di Fisica, Scienze, Matematica e Filosofia, la giornata di lavoro costituirà un’utile occasione di confronto e riflessione sulle profonde connessioni esistenti tra questi ambiti disciplinari e sulle conseguenti implicazioni didattiche. Successivamente verranno fornite da questa Direzione generale, tramite i consueti canali, le informazioni organizzative necessarie per la partecipazione dei docenti interessati.
– A partire dal giorno 12 dicembre 2017 avrà luogo, presso il Liceo scientifico OSA “G. Ferraris” di Molfetta (BA) un corso di formazione laboratoriale rivolto ai docenti di Fisica della provincia di Bari, su un percorso di spettroscopia ottica della durata di 22 ore, articolato su cinque incontri; le iscrizioni al corso, che è presente sulla piattaforma “Sofia” con il codice identificativo 7837, saranno possibili dal 1 novembre al 10 dicembre p.v.. La partecipazione al corso è gratuita.
Tale corso di formazione verrà successivamente replicato in altre 5 sedi, che verranno comunicate con una successiva Nota di questa Direzione generale.
Si invitano gli Uffici Scolastici Regionali in elenco a dare la massima diffusione alla presente nota a tutti gli istituti secondari di secondo grado della regione di propria competenza.
Confidando nella consueta collaborazione, si coglie l’occasione per porgere cordiali saluti.

Il Direttore generale
Maria Assunta Palermo

Nota 22 settembre 2017, AOODPIT 1764

Ministero dell Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

Ai Direttori degli Uffici scolastici regionali
e, per il loro tramite, ai Dirigenti delle istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine e grado

All’Ufficio speciale di lingua slovena

Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

All’Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca di Bolzano

All’lntendente Scolastico per la Scuola delle località ladine di
Bolzano

Al Dirigente del Dipartimento Istruzione della Provincia di Trento

Al Sovrintendente agli studi della Regione Autonoma della Valle
d’Aosta

Nota 22 settembre 2017, AOODPIT 1764

Oggetto: Progetto per la Scuola dell’Infanzia – Anno Scolastico 2017/2018 “Bimbinsegnantincampo…competenti si diventa!”

Nota 4 aprile 2017, AOODPIT 634

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione

All’att.ne Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali
Ufficio speciale di lingua slovena
Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana di BOLZANO
Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO
Intendente Scolastico per la scuola delle località ladine di BOLZANO
Dirigente del Dipartimento Istruzione per la Provincia di TRENTO
Sovrintendente Scolastico per la Regione Valle D’Aosta
e p.c. Docenti referenti delle Consulte Provinciali degli Studenti

Presidenti delle Consulte Provinciali degli Studenti
Dirigenti Scolastici
LORO SEDI

Oggetto: Progetto Internazionale “The Ship of Tolerance”

The Ship of Tolerance, il progetto internazionale di Ilya & Emilia Kabakov, è dedicato al tema della tolleranza e rispetto verso le altre culture e idee. Attraverso il linguaggio dell’arte, Ilya e Emilia Kabakov invitano il pubblico a riflettere sui temi del rispetto e della tolleranza, coinvolgendo attivamente bambini, giovani e adulti di diversi continenti, culture e identità nella costruzione

della Nave della Tolleranza, una forte metafora simbolica, accessibile a tutti a prescindere dal background formativo o culturale.
Sin dal 2005 il progetto è stato realizzato in differenti località, da Siwa in Egitto a Venezia, da San Moritz a Sharjah negli Emirati Arabi Uniti.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca intende promuovere il progetto della Fondazione Kabakov nelle scuole di ogni ordine e grado al fine di consentire alle istituzioni scolastiche interessate di contribuire alla costruzione della Nave della Tolleranza.
Tutte le scuole nell’ambito della propria autonomia sono, dunque, invitate a realizzare disegni ed elaborati testuali sui temi del rispetto verso l’altro e sulla tolleranza. Un’apposita Commissione internazionale, composta dai membri della Fondazione Kabakov e del MIUR, selezionerà i disegni che andranno a comporre la vela della Nave della Tolleranza. Tutti i disegni e gli elaborati testuali realizzati verranno comunque utilizzati per l’allestimento delle mostre previste durante gli eventi collaterali.
Per maggiori informazione è possibile consultare il sito [www.noisiamopari.it].
Per iscrizioni e prenotazioni è possibile scrivere a info@noisiamopari.it o contattare i numeri 06.58493612-13.

IL CAPO DIPARTMENTO
Rosa DE PASQUALE

Nota 13 febbraio 2017, AOODGOSV 1502

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Agli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI

all’Intendenza Scolastica per la Lingua Italiana di
BOLZANO

all’Intendenza Scolastica per la Lingua Tedesca di
BOLZANO

all’Intendenza Scolastica per la Lingua Ladina di
BOLZANO

alla Provincia di Trento Servizio Istruzione
TRENTO

alla Sovrintendenza Agli Studi per la Regione Autonoma della Valle D’Aosta
AOSTA

ai Dirigenti scolastici dei Licei artistici – indirizzo Arti figurative
LORO SEDI

 

Oggetto: Progetto Nazionale “Dando la parola”: realizzazione di giornate di studio sul curricolo dei vari indirizzi dei Licei Artistici

 

Nell’ambito del Progetto Nazionale “Dando la parola”, finanziato dalla Direzione generale per gli ordinamenti e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, verranno realizzate 9 giornate di studio sui diversi indirizzi del Liceo Artistico, che saranno l’occasione per un momento di confronto, dibattito e riflessione tra insegnanti delle discipline artistiche sui curricula del secondo biennio e del quinto anno.

Questo è il calendario degli incontri:

Data Scuola ospitante Indirizzo / Curvatura cui l’incontro è dedicato
03 Marzo 2017 VERONA L.A. Nani – Boccioni LID9 – Design Industria
10 Marzo 2017

 

AREZZO L.A. Piero Della Francesca LIA9 – Design Oreficeria

LIH9 – Design Vetro

LIE9 – Design Libro

31 Marzo 2017 SALERNO L.A. Sabatini Menna LI10 – Grafica
07 Aprile 2017   BUSTO ARSIZIO L.A. Candiani LI05 – Architettura e Ambiente
20 Aprile 2017 UDINE L.A. Sello LIB9 – Design Arredamento e Legno
28 Aprile 2017 BARI L.A. De Nittis – Pascali LIA6, LIB6, LIC6 – Arti Figurative sud
05 Maggio 2017 TORINO L. A. Primo LIA6, LIB6, LIC6 – Arti Figurative nord
12 Maggio 2017

 

ROMA L.A.   E. Rossi LIC9 – Design Ceramica

LIF9 – Design Moda

LIG9 – Design Tessuto

19 Maggio 2017

 

PARMA L.A. Toschi LI08 – Scenografia

LI07 – Audiovisivo Multimediale

L’obiettivo di queste giornate di studio è quello di definire una proposta di curricolo e di quadro di riferimento delle discipline di indirizzo con

  1. Declinazione degli obiettivi specifici di apprendimento in conoscenze, nuclei tematici irrinunciabili, relative abilità e individuazione delle competenze specifiche;
  2. Proposte di UdA incentrate sulle competenze di indirizzo e trasversali.

A tale proposito si chiede ai dirigenti scolastici dei licei artistici di individuare un docente esperto per ciascun indirizzo attivo nel proprio istituto, che parteciperà ai lavori seminariali.

Per qualsiasi ulteriore informazione e chiarimento sulle modalità di iscrizione e partecipazione è possibile far riferimento al Liceo “Primo” di Torino, capofila della rete di scuole responsabile dell’organizzazione del Progetto, ai seguenti recapiti:

tel.011 285931-285895

dirigente@primoart.it; luciana.migliarino@alice.it; retelicei@primoart.it.

Data l’importanza dell’iniziativa si pregano le SS.LL. di promuovere la massima partecipazione alle giornate seminariali.

Confidando nella consueta e fattiva collaborazione si porgono distinti saluti.

 

IL DIRETTORE GENERALE
Carmela Palumbo

Decreto Direttoriale 9 febbraio 2017, AOODGRUF 170

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali
Direzione Generale per le risorse umane e finanziarie

 

Premessa e quadro di riferimento

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Dipartimento per la Programmazione, la Gestione delle Risorse Umane e Finanziarie e Strumentali, Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie, intende dare seguito al progetto di aggiornamento professionale “Io conto”,  già realizzato negli anni 2013-15, con l’obiettivo di consolidare ed aggiornare, tramite l’erogazione di formazione in aula, le competenze dei Dirigenti Scolastici (DS) e dei Direttori dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA) delle istituzioni scolastiche ed educative statali di ogni ordine e grado d’istruzione, su tematiche amministrativo contabili, anche in funzione delle ultime novità normative e procedurali intervenute (i.e. D.Lgs. 50/2016[1], modifiche previste al D.I. 44/2001[2]).

Il progetto è finalizzato inoltre all’ottimizzazione ed al miglioramento dei processi e dei sistemi informativi a supporto della gestione amministrativo contabile delle istituzioni scolastiche, valorizzando il ruolo attivo delle scuole per la rilevazione di specifici fabbisogni, la condivisione di esperienze operative e lo sviluppo di soluzioni organizzative, di processo e tecnologiche coerenti con le esigenze rilevate.

In continuità con la precedente edizione, è previsto un modello di erogazione della formazione “a cascata”, strutturato su due livelli. In particolare, il primo livello formativo, erogato centralmente, è finalizzato ad implementare il bagaglio di conoscenze di un gruppo ristretto di partecipanti, selezionati sulla base dei curricula presentati, con l’obiettivo di prepararli al ruolo di “esperti”. Nel successivo livello formativo, tali “esperti” provvederanno a formare i DS ed i DSGA su tutto il territorio nazionale.

Tutto ciò premesso, il presente bando è finalizzato a selezionare una rete di scuole, costituita o costituenda, che supporti la Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie nelle attività di progettazione, coordinamento, realizzazione e monitoraggio del percorso formativo.

La suddetta rete deve essere caratterizzata dalla presenza di almeno una scuola per ogni regione (c.d. “scuole polo”). Tali “scuole polo”, coordinate dalla scuola capofila della rete, avranno la responsabilità di pianificare, organizzare e monitorare la realizzazione della formazione nei territori di competenza.

Si precisa che a supporto di tutte le fasi del percorso formativo, sarà realizzata una piattaforma web a cura di un’istituzione scolastica selezionata con apposito bando.

 

IL DIRETTORE GENERALE

VISTA la Legge 31 dicembre 2009, n. 196, concernente “Legge di contabilità e finanza pubblica”;

VISTO il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 febbraio 2014, n. 98, con il quale è stato emanato il “Regolamento di organizzazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca”;

VISTO il Decreto Ministeriale 26 settembre 2014, n. 753, recante “Individuazione degli uffici di livello dirigenziale non generale dell’Amministrazione centrale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca”;

VISTO l’articolo 21 della Legge 15 marzo 1997, n. 59 e, in particolare, i commi 1, 5 e 14;

VISTO l’articolo 67, comma 2, del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Comparto Scuola siglato il 29 novembre 2007, che include le istituzioni scolastiche tra i soggetti qualificati per la formazione del personale scolastico;

VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275, recante “Norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche”;

VISTO il Decreto del Ministro della Pubblica Istruzione di concerto con il Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica 1 febbraio 2001, n. 44, avente per oggetto “Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche”;

VISTA la Legge 13 luglio 2015, n. 107, recante “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”;

VISTO il Decreto Ministeriale 1 settembre 2016, n. 663, recante “Criteri e parametri per l’assegnazione diretta alle istituzioni scolastiche nonché per la determinazione delle misure nazionali relative la missione Istruzione Scolastica, a valere sul Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche”, ed in particolare l’articolo 36, comma 1, che destina la somma di euro 800.000,00 ad interventi formativi destinati ai dirigenti scolastici e ai direttori dei servizi generali e amministrativi in materia amministrativo-contabile;

VISTO altresì il comma 2 del già citato articolo 36 del D.M. 663/2016, ove si dispone che la Direzione generale per le risorse umane e finanziarie acquisisca le candidature di istituzioni scolastiche ed educative statali o loro reti, rivolte all’erogazione di corsi di formazione ai dirigenti scolastici ed ai dirigenti dei servizi generali ed amministrativi in materia amministrativo‐contabile;

VISTI anche i commi 3 e 4 del già citato articolo 36 del D.M. 663/2016, che disciplinano la nomina e la composizione della commissione, nonché le modalità di valutazione delle candidature;

RITENUTO di dover adottare un proprio decreto per l’acquisizione delle candidature di reti di istituzioni scolastiche ed educative statali interessate a progettare e realizzare gli interventi formativi sopracitati.

 

DECRETA

Art 1

(Finalità)

Il presente bando, ai sensi dell’art. 36, del Decreto Ministeriale 1 settembre 2016, n. 663, recante “Criteri e parametri per l’assegnazione diretta alle istituzioni scolastiche nonché per la determinazione delle misure nazionali relative la missione Istruzione Scolastica, a valere sul Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche”, è finalizzato a selezionare una rete di istituzioni scolastiche ed educative statali che si impegni a progettare e porre in essere azioni formative su tematiche amministrativo contabili rivolte ai Dirigenti Scolastici (DS) e dei Direttori Servizi Generali e Amministrativi (DSGA), così come descritto agli artt. 4-5 del presente bando.

Art 2

(Destinatari del bando)

Il bando è rivolto alle istituzioni scolastiche ed educative statali di ogni ordine e grado d’istruzione, organizzate in una rete di scuole, costituita o costituenda, e coordinate da una scuola capofila individuata all’interno della rete stessa. Tale rete deve essere caratterizzata dalla presenza di almeno una istituzione scolastica per ogni regione.

Si precisa che la scuola capofila, in sede di presentazione della proposta progettuale, dovrà indicare i codici meccanografici delle scuole aderenti o che aderiranno alla rete.

 

Art 3

(Temi delle attività formative)

Il percorso di aggiornamento professionale riguarda le principali novità che saranno introdotte dalla revisione del regolamento di contabilità delle istituzioni scolastiche nelle sue articolazioni, come previsto dall’art. 1, comma 143, della legge 13 luglio 2015, n. 107.

La Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie, in collaborazione con la rete, svilupperà nel dettaglio i contenuti ed i relativi moduli formativi.

 

Art 4

(Specifiche del progetto formativo)

La rete di scuole selezionata supporterà la Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie nella progettazione, coordinamento, realizzazione e monitoraggio delle attività formative previste nel presente articolo.

In particolare, il modello individuato per l’erogazione della formazione è strutturato su due livelli:

  • un primo livello formativo, erogato centralmente, finalizzato ad implementare il bagaglio di conoscenze di un gruppo ristretto di circa 300 partecipanti, selezionati sulla base dei curricula presentati, con l’obiettivo di prepararli al ruolo di “esperti”. Sarà responsabilità dell’istituzione capofila della rete, progettare, coordinare, realizzare e monitorare l’erogazione della formazione di tale livello;
  • un secondo livello formativo, erogato su base territoriale dai suddetti “esperti”, finalizzato a formare circa 16.800 DS e DSGA. Sarà responsabilità delle “scuole polo”, coordinate dalla scuole capofila della rete, pianificare, organizzare e monitorare la realizzazione della formazione nei territori di competenza.

Ciò posto, la rete di scuole dovrà realizzare le seguenti attività:

  1. supporto alla progettazione formativa ed all’elaborazione del materiale didattico;
  2. realizzazione della formazione agli “esperti”;
  3. realizzazione della formazione sul territorio;
  4. rilevazione del grado di soddisfazione dei discenti.
  5. a) Supporto alla progettazione formativa ed all’elaborazione del materiale didattico

La fase di progettazione è finalizzata alla predisposizione di tutte le attività propedeutiche alla realizzazione degli interventi, dalla progettazione formativa alla preparazione dei contenuti didattici da fruire in aula, nonché alla predisposizione del materiale.

In particolare, la rete di scuole, con riferimento ad entrambi i livelli formativi, supporterà la Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie nelle seguenti attività:

  • definire i contenuti formativi, progettare i moduli didattici e redigere il relativo materiale;
  • predisporre il piano formativo.

Il piano dovrà riportare la descrizione di tutte le attività previste nel percorso formativo e le relative modalità di svolgimento, corredate dalle tempistiche di attuazione.

Il piano presentato sarà oggetto di condivisione e di validazione da parte della suddetta Direzione e costituirà il punto di riferimento per la realizzazione ed il monitoraggio dei singoli interventi e del progetto nel suo complesso.

Il materiale da utilizzare in aula sarà progettato e realizzato secondo le modalità più idonee a garantire la chiarezza dei contenuti ed il raggiungimento dei risultati prefissati, coerentemente con i fabbisogni di diffusione richiesti.

Il materiale sarà reso disponibile ai discenti in formato digitale; si specifica che tutto il materiale prodotto nel corso dell’erogazione del servizio è di proprietà del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

  1. b) Realizzazione della formazione agli “esperti”

La rete di scuole si occuperà di progettare ed erogare la formazione a circa 300 “esperti”, selezionati dalla Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie; in particolare, dovrà:

  • definire l’articolazione e la durata del percorso formativo dedicato agli “esperti”;
  • pianificare e realizzare gli interventi formativi curando l’organizzazione della docenza, la logistica e la segreteria organizzativa dei corsi.

La rete di scuole si impegna a garantire, per ogni giornata di formazione, la presenza in aula di un docente individuato in coordinamento con la suddetta Direzione, sulla base di una riconosciuta, comprovata e pluriennale esperienza nelle materie oggetto del percorso formativo e nel settore della Pubblica Amministrazione e dell’Istruzione.

Con riferimento alla logistica, la rete di scuole dovrà prevedere la disponibilità di aule idonee ad ospitare il numero di discenti definito; tali aule dovranno essere dotate di videoproiettore e schermo a parete idonea alla proiezione ovvero di lavagna interattiva multimediale.

Per quanto riguarda la segreteria organizzativa, questa consiste nella seguenti attività:

  • convocazione dei partecipanti, con particolare riferimento alla preparazione degli elenchi dei discenti ed al monitoraggio dell’avvenuta convocazione degli stessi;
  • predisposizione dei registri/fogli per la raccolta firme-presenza;
  • rilevazione delle presenze in aula tramite la raccolta delle firme dei partecipanti sulla modulistica appositamente predisposta;
  • accoglienza in aula, con particolare riferimento alla fornitura ai partecipanti del programma giornaliero e degli eventuali questionari di valutazione;
  • preparazione e consegna degli attestati di partecipazione.

Si specifica che i costi logistici per la messa a disposizione delle aule per la formazione nonché i costi connessi a viaggi, vitto e alloggio dei docenti, dei DS e dei DSGA facenti parte del gruppo degli “esperti”, sono a carico della rete di scuole.

  1. c) Realizzazione della formazione sul territorio

La rete di scuole dovrà, attraverso le “scuole polo”, progettare, coordinare e realizzare la formazione sul territorio, erogata dagli “esperti”, dedicata ai circa 16.800 DS e DSGA delle istituzioni scolastiche ed educative statali di ogni ordine e grado d’istruzione (l’allegato A riporta il numero di DS e DSGA suddiviso per regione e provincia). In particolare, la rete dovrà:

  • pianificare, sulla base dei discenti iscritti, il numero delle edizioni da realizzare e la distribuzione delle stesse nei diversi territori;
  • organizzare e realizzare gli interventi formativi curando l’organizzazione della docenza, la logistica e la segreteria organizzativa dei corsi.

Con riferimento alla pianificazione degli interventi, questa sarà organizzata con l’obiettivo di minimizzare gli spostamenti interprovinciali dei discenti in funzione della composizione d’aula definita (massimo 50 discenti), del numero di DS e DSGA iscritti, della distribuzione dei DS e DSGA iscritti nell’ambito territoriale assegnato a ciascuna “scuola polo”.

Rispetto all’organizzazione e realizzazione dei corsi, ciascuna “scuola polo” dovrà individuare gli “esperti”, predisporre i calendari delle edizioni del corso riferite all’ambito territoriale assegnato, creare le classi ripartendo i DS e DSGA iscritti al percorso formativo tra le edizioni previste secondo un criterio di prossimità geografica tenendo in considerazione la sede di lavoro dei discenti, pubblicare i calendari dei corsi.

Tutte le attività di cui sopra saranno supportate da apposita piattaforma web di cui alle premesse del presente bando.

La rete, inoltre, provvederà all’organizzazione dei corsi, garantendo:

  • la disponibilità delle aule, che dovranno essere dotate di videoproiettore e schermo a parete idonea alla proiezione ovvero di lavagna interattiva multimediale;
  • la gestione della segreteria organizzativa.

Per quanto riguarda la segreteria organizzativa, questa consiste nella seguenti attività:

  • convocazione dei partecipanti, con particolare riferimento alla preparazione degli elenchi dei discenti ed al monitoraggio dell’avvenuta convocazione degli stessi;
  • predisposizione dei registri/fogli per la raccolta firme-presenza;
  • rilevazione delle presenze in aula tramite la raccolta delle firme dei partecipanti sulla modulistica appositamente predisposta;
  • accoglienza in aula, con particolare riferimento alla fornitura ai partecipanti del programma giornaliero e degli eventuali questionari di valutazione;
  • preparazione e consegna degli attestati di partecipazione.
  1. d) Rilevazione del grado di soddisfazione dei discenti

La rete di scuole, per entrambi i livelli formativi, predisporrà il questionario per la rilevazione del grado di soddisfazione dei discenti nonché elaborerà ed analizzerà i relativi risultati al fine di valutare la partecipazione dei corsisti, la coerenza del percorso rispetto alle aspettative ed il buon andamento dell’iniziativa formativa. Il suddetto questionario sarà somministrato ai discenti per il tramite della piattaforma web di cui alle premesse del presente bando.

 

Art 5

(Obblighi di collaborazione)

La rete di scuole che risulterà aggiudicatrice del presente bando, si impegna a svolgere tutte le attività progettuali previste in coordinamento con la Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie.

Inoltre, la suddetta rete dovrà collaborare con l’istituzione scolastica che si aggiudicherà il bando avente ad oggetto la progettazione, l’implementazione e la gestione di una piattaforma web atta a supportare il percorso formativo in tutte le sue fasi.

 

Art 6

(Requisiti di ammissibilità e modalità di presentazione delle candidature)

Sono ammesse le candidature di reti di istituzioni scolastiche ed educative statali di ogni ordine e grado, costituite o costituende, che presentino almeno una scuola per ogni regione. Ciascuna istituzione scolastica capofila di rete, può proporre la candidatura di un solo progetto indicando i codici meccanografici (uno per regione) delle istituzioni scolastiche aderenti o che aderiranno alla rete.

Tutte le istituzioni scolastiche facenti parte della rete devono presentare bilanci consuntivi relativi agli ultimi tre anni (2015-2014-2013) approvati dai revisori dei conti senza alcun rilievo ricevuto.

Le candidature dovranno essere tramesse al Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca entro e non oltre le ore 12.00 del 28 febbraio 2017, esclusivamente mediante posta elettronica certificata all’indirizzo risorsefinanziarie@postacert.istruzione.it e dovranno riportare nell’oggetto la seguente dicitura: “Proposta progettuale per attività formative in favore di DS e DSGA”.

Le reti di scuole che intendono candidarsi dovranno trasmettere una proposta progettuale che non superi complessivamente le 20 pagine e che contenga:

  1. la presentazione dalla rete di scuole;
  2. la descrizione delle specifiche esperienze della rete di scuole e/o delle istituzioni scolastiche ad essa aderenti, nella realizzazione di progetti formativi a favore del personale scolastico precedentemente portati a valido compimento;
  3. la descrizione dell’organizzazione complessiva del progetto e del piano di lavoro proposto;
  4. la descrizione delle modalità di realizzazione degli interventi formativi, comprensiva dell’articolazione di massima dei percorsi e dei contenuti per la formazione in aula con riferimento ai due livelli formativi;
  5. le eventuali proposte migliorative.

Si richiede inoltre di allegare per ogni istituzione scolastica aderente alla rete, una dichiarazione di assenza di rilievi da parte dei revisori dei conti nell’approvazione dei bilanci consuntivi degli ultimi tre anni (2015-2014-2013).

 

Art 7

(Modalità di valutazione delle candidature)

Le candidature, ai sensi dell’articolo 36, comma 3, del Decreto Ministeriale 1 settembre 2016, n. 663, saranno valutate da un’apposita commissione nominata dal Direttore Generale per le Risorse Umane e Finanziarie e composta da personale dipendente in servizio presso il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, dotato di specifica professionalità.

La commissione formerà una graduatoria, in ragione dei criteri di valutazione di seguito stabiliti, attribuendo un punteggio nel limite massimo di 100 punti.

Criterio di valutazione Sub-criterio Punteggio massimo parziale Punteggio massimo totale
Adeguatezza della proposta alle specifiche del progetto formativo   40
  Completezza dell’articolazione del percorso formativo in aula e coerenza rispetto alle specifiche del progetto formativo 20  
  Adeguatezza dei contenuti proposti rispetto agli obiettivi definiti nelle specifiche del progetto formativo 20  
Progetti formativi in favore del personale scolastico precedentemente portati a valido compimento   25
  Esperienza della rete di scuole in tema di realizzazione di progetti formativi a favore del personale scolastico sulle tematiche definite nell’articolo 3 (indicare al massimo 5 esperienze: per ogni esperienza sarà attribuito un punteggio massimo pari a 4 punti) 20  
  Esperienze della rete di scuole in tema di realizzazione di progetti formativi a favore del personale scolastico su tematiche diverse da quelle definite all’art. 3 (indicare al massimo 5 esperienze: per ogni esperienza sarà attribuito un punteggio massimo pari a 1 punto) 5  
Organizzazione e coordinamento del servizio   25
  Piano di lavoro di massima per l’espletamento di tutte le attività previste nel bando 15  
  Valutazione dell’adeguatezza e completezza della soluzione organizzativa proposta per l’erogazione del servizio e degli strumenti utilizzati per il coordinamento del progetto 10  
Proposte migliorative e/o integrative volte ad accrescere la qualità del progetto formativo   10
Totale punteggio massimo attribuibile 100

 

 

Art 8

(Risorse finanziarie programmate)

L’entità delle risorse destinate al presente bando, a valere su quelle previste ai sensi dell’art. 36, comma 1, del Decreto Ministeriale 1 settembre 2016, n. 663, è pari a € 650.000,00.

 

Art 9

(Modalità di finanziamento e di rendicontazione)

Il finanziamento e la rendicontazione del progetto saranno gestiti come di seguito riportato:

  • La Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie assegna l’intero importo previsto all’art. 8 del presente bando alla scuola capofila della rete ed eroga, a titolo di acconto, il 50% dell’importo ai sensi dell’articolo 37, del Decreto Ministeriale 1 settembre 2016, n. 663.
  • Le “scuole polo” predispongono ed inviano un rendiconto alla scuola capofila relativo ai titoli di spesa liquidati ed agli impegni assunti, opportunamente vistato dal/i Revisore/i dei Conti e contenente la seguente dicitura: “Si attesta la regolarità amministrativo-contabile relativamente ai titoli di spesa e alle procedure adottate con riferimento a quanto oggetto di rendiconto del presente documento. Le attività liquidate devono essere ricomprese tra quelle previste dal progetto commissionato”.

La scuola capofila provvede a consolidare le rendicontazioni ricevute dalle “scuole polo” ed a trasmetterle alla Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie.

  • La Direzione Generale per le Risorse Umane e Finanziarie provvede alla verifica della suddetta rendicontazione ed eroga il saldo dovuto.

 

Art 10

(Costi ammissibili)

Sono ritenuti ammissibili i costi riconducibili alla progettazione specifica e relativi a spese per:

  • progettazione, coordinamento e monitoraggio (spese di funzionamento progettuale, coordinamento e progettazione; spese per attrezzature, materiali, forniture, beni di consumo, servizi specialistici specifici per il progetto);
  • segreteria e gestione amministrativa;
  • realizzazione formazione a livello centrale (viaggi, vitto, alloggio, costo formatori e predisposizione materiali, segreteria organizzativa);
  • realizzazione formazione a livello regionale/territoriale (costo orario dei formatori “esperti”, costi di gestione scuole ospitanti a livello provinciale, costi di progettazione e coordinamento della “scuola polo” regionale).

Si evidenzia infine che la rete aggiudicataria del presente bando potrà avvalersi della facoltà di aderire a contratti attualmente in essere, stipulati dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, aventi ad oggetto, inter alia, servizi di sviluppo e gestione del sistema informativo, nonché di supporto alla governance e ai procedimenti amministrativi.

 

Art 11

(Pubblicazione)

Il presente bando è pubblicato sul sito internet del Ministero, www.istruzione.it.

 

 

 

 

Il Direttore generale

Jacopo Greco


 

Allegato A

Tabella con DS e DSGA divisi su base provinciale

Regione Provincia Numero di DS e DSGA
Abruzzo Chieti 118
Abruzzo L’Aquila 98
Abruzzo Pescara 94
Abruzzo Teramo 86
Totale Abruzzo 396
Basilicata Matera 80
Basilicata Potenza 170
Totale Basilicata 250
Calabria Catanzaro 138
Calabria Cosenza 280
Calabria Crotone 74
Calabria Reggio Calabria 196
Calabria Vibo Valentia 66
Totale Calabria 754
Campania Avellino 154
Campania Benevento 104
Campania Caserta 310
Campania Napoli 1.034
Campania Salerno 414
Totale Campania 2.016
Emilia Romagna Bologna 222
Emilia Romagna Ferrara 82
Emilia Romagna Forlì-Cesena 112
Emilia Romagna Modena 178
Emilia Romagna Parma 110
Emilia Romagna Piacenza 68
Emilia Romagna Ravenna 88
Emilia Romagna Reggio Emilia 134
Emilia Romagna Rimini 78
Totale Emilia Romagna 1.072
Friuli Gorizia 50
Friuli Pordenone 84
Friuli Trieste 70
Friuli Udine 138
Totale Friuli Venezia Giulia 342
Lazio Frosinone 160
Lazio Latina 164
Lazio Rieti 60
Lazio Roma 1.000
Lazio Viterbo 88
Totale Lazio 1.472
Liguria Genova 196
Liguria Imperia 60
Liguria La Spezia 62
Liguria Savona 72
Totale Liguria 390
Lombardia Bergamo 282
Lombardia Brescia 290
Lombardia Como 134
Lombardia Cremona 88
Lombardia Lecco 86
Lombardia Lodi 58
Lombardia Mantova 104
Lombardia Milano 864
Lombardia Pavia 110
Lombardia Sondrio 72
Lombardia Varese 210
Totale Lombardia 2.298
Marche Ancona 148
Marche Ascoli Piceno 110
Marche Macerata 112
Marche Pesaro e Urbino 112
Totale Marche 482
Molise Campobasso 82
Molise Isernia 28
Totale Molise 110
Piemonte Alessandria 104
Piemonte Asti 54
Piemonte Biella 46
Piemonte Cuneo 182
Piemonte Novara 90
Piemonte Torino 552
Piemonte Verbano Cusio Ossola 56
Piemonte Vercelli 52
Totale Piemonte 1.136
Puglia Bari 516
Puglia Brindisi 122
Puglia Foggia 250
Puglia Lecce 262
Puglia Taranto 186
Totale Puglia 1.336
Sardegna Cagliari 254
Sardegna Nuoro 98
Sardegna Oristano 50
Sardegna Sassari 162
Totale Sardegna 564
Sicilia Agrigento 158
Sicilia Caltanissetta 104
Sicilia Catania 368
Sicilia Enna 74
Sicilia Messina 200
Sicilia Palermo 414
Sicilia Ragusa 112
Sicilia Siracusa 142
Sicilia Trapani 150
Totale Sicilia 1.722
Toscana Arezzo 102
Toscana Firenze 224
Toscana Grosseto 66
Toscana Livorno 86
Toscana Lucca 110
Toscana Massa-Carrara 66
Toscana Pisa 108
Toscana Pistoia 78
Toscana Prato 58
Toscana Siena 80
Totale Toscana 978
Umbria Perugia 214
Umbria Terni 68
Totale Umbria 282
Veneto Belluno 78
Veneto Padova 216
Veneto Rovigo 66
Veneto Treviso 210
Veneto Venezia 196
Veneto Verona 216
Veneto Vicenza 234
Totale Veneto 1.216
Totale nazionale 16.816

 

[1] Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, recante “Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture”.

[2] Modifiche previste al Decreto Interministeriale 1 febbraio 2001, n. 44, recante “Istruzioni generali sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche”, ai sensi dall’art. 1, comma 143, della legge 13 luglio 2015, n. 107.

Nota 7 febbraio 2017, AOODGOSV 1257

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
Loro sedi
Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in lingua italiana della provincia di Bolzano
Bolzano
Al Dirigente del Dipartimento Istruzione della provincia di Trento
Trento
Al Direttore dell’IPRASE TRENTINO
Rovereto
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua tedesca Bolzano
All’Intendente Scolastico per la scuola italiana in lingua ladina Bolzano
Al sovrintendente agli Studi della Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Aosta
Ai docenti di discipline matematico- scientifiche di scuola secondaria di secondo grado Statali e Paritarie
Loro Sedi
E p.c.
Al Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
SEDE
Alla Prof.ssa Serena Bonito Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
DGSP Uff. V
SEDE

Nota 7 febbraio 2017, AOODGOSV 1257

Oggetto: Promozione e diffusione di MOOC (Massive Open On Line Courses) – Progetto SMART (Science and Mathematics Advanced Research for good Teaching) – Programma Erasmus+ Azione chiave 2 (Partenariati strategici)